Claudio Tamburrino

TomTom: tutti gli sbagli di OpenStreetMap

Il produttore di dispositivi per la navigazione satellitare cerca il difetto nelle mappe open source. La community risponde: FUD

Roma - TomTom ha fatto le pulci a OpenStreetMap (OSM). E non ci è andata leggera. Secondo il produttore di sistemi di navigazione satellitare, per quanto stimolante, il concetto di "mappatura open source" ha ancora numerosi difetti che diventano lampanti nel momento in cui si paragonano i dati a disposizione di OSM a quelli - nemmeno a dirlo - di una realtà professionale come TomTom.

OSM ha visto le sue mappe recentemente adottate da Apple per iPhone, da Wikimedia per la sua app per Android e iOS, ma anche da Foursquare e Bing: insomma, ai punti, sembra avere le credenziali per essere un concorrente diretto anche per TomTom che basa il suo business sulla precisione sulle sue mappe.

Questi punti derivanti dall'affidarsi ad una community internazionale sono legati principalmente ai bassi costi di produzione (conseguentemente accompagnati da licenze gratuite) e a dettagli altrimenti non ottenibili, come potrebbero essere quelli legali a percorsi pedonali o scorciatoie nei centri delle città.
Secondo TomTom, tuttavia, le risorse di OSM arriverebbero a coprire un terzo di strade residenziali in meno e avrebbero il 16 per cento in meno di dati e dettagli, come i nomi di alcune strade. Inoltre, le mappe di OMS considererebbero come strade tutta una serie di percorsi pedonali o disseminati in campi e foreste.

Infine l'affidarsi ad una community aperta presterebbe anche il fianco a vandalismo e attacchi vari legati alla manipolazione delle informazioni divulgate.

TomTom, d'altra parte, è rimasta sul vago, non specificando nel dettaglio tali informazioni e tali difetti: su questa base OSM ha risposto accusandola di aver diffuso FUD per il timore dell'avvento di un nuovo, agguerrito concorrente.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
54 Commenti alla Notizia TomTom: tutti gli sbagli di OpenStreetMap
Ordina
  • Facciamo un confronto a parità di prezzo: Un navigatore per aggiornarsi richiede un pagamento, open street map no. Quindi con l'andare del tempo il primo peggiora e il secondo migliora. Quindi conviene comunque il secondo a meno di non voler spendere soldi in aggiornamenti.
    Proprio come gli antivirus Free e il loro equivalente a pagamento. mi pare che sia normale così
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Facciamo un confronto a parità di prezzo: Un
    > navigatore per aggiornarsi richiede un pagamento,
    > open street map no. Quindi con l'andare del tempo
    > il primo peggiora e il secondo migliora. Quindi
    > conviene comunque il secondo a meno di non voler
    > spendere soldi in aggiornamenti.

    Veramente a me non chiedono soldi per aggiornare la mappa...
    Te ne chiedono per le cazvolate tipo voci, iconine alternative ecc...

    > Proprio come gli antivirus Free e il loro
    > equivalente a pagamento. mi pare che sia
    > normale così
    krane
    22544
  • Scusate ... un tempo si usavano cartine magari vecchie di qualche anno, ci si basava sulle indicazioni (piu' o meno precise) dei passanti cui si chiedeva informazioni. Vi ricordate poi, di notte, quanto poteva essere faticoso leggere i nomi delle strade (sempre che ci fossero)?

    Pensando a cio', io mi tengo stretto il mio navigatore, con tutti i suoi difettucci: ti porta a destinazione, magari con qualche giro assurdo. Ma lo fa.

    Non e' un pilota automatico, basta tenere gli occhi aperti, come ha saggiamente detto qualcuno. Sorride
    non+autenticato
  • Quelli esposti dalla TomTom sono problemi che si riscontrano utilizzando le mappe, non proprio comuni (per fortuna) ma a volte si vedono. comunque questi sono problemi che scompariranno con il tempo e grazie al lavoro della comunità.
  • come dicono altri, sia TomTom, sia Google, sia credo tutti gli altri sbagliano. Del resto l'unico modo per sapere davvero se una strada e sterrata, se eiste o no, se e privata o meno e di andare sul posto e controllare e magari conoscere la zona. Certo c'e la fotografia aerea, ma credo che alcuni dettagli sfuggano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: trollolo
    > come dicono altri, sia TomTom, sia Google, sia
    > credo tutti gli altri sbagliano. Del resto
    > l'unico modo per sapere davvero se una strada e
    > sterrata, se eiste o no, se e privata o meno e di
    > andare sul posto e controllare e magari conoscere
    > la zona.

    No. C'e' un altro modo: chiedere a chi e' gia' sul posto.
  • - Scritto da: panda rossa
    > No. C'e' un altro modo: chiedere a chi e' gia'
    > sul
    > posto.

    Sei in Russia alle 3 di notte, cosa fai? Usi tom tom o ti fermi finché non trovi un passante che ti indichi la strada, ovviamente non in russo...vabbe' che ti rispondo anche.
    non+autenticato
  • Scusa la domanda, volutamente impertinente, ma cosa ci fai per strada in Russia, da solo, alle 3 di notte, senza sapere una parola di russo, con la tua auto, senza aver pianificato il percorso?

    Se sai di andarti ad infilare in una situazione simile, forse oltre al TomTom conviene portarsi dietro anche in Frasario ed un Vocabolario. Van bene anche digitali. Perché se alle 3.01 ti si rompe l'auto, in qualche modo un meccanico lo devi trovare. Ah, ok, è un POI sul TomTom è ci puoi andare a piedi... Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > Scusa la domanda, volutamente impertinente, ma
    > cosa ci fai per strada in Russia, da solo, alle 3
    > di notte, senza sapere una parola di russo, con
    > la tua auto, senza aver pianificato il
    > percorso?
    >

    Anni fa, quando apparecchi come il tom tom erano ancora una novità, sono dovuto andare in giro per l'Europa in macchina attraversando anche la Russia. Al ritorno il mio autista si è un attimo distratto e ha girato per la strada sbagliata e se non avessimo avuto il navigatore satellitare non so che fine avremmo fatto.

    > Se sai di andarti ad infilare in una situazione
    > simile, forse oltre al TomTom conviene portarsi
    > dietro anche in Frasario ed un Vocabolario. Van
    > bene anche digitali. Perché se alle 3.01 ti si
    > rompe l'auto, in qualche modo un meccanico lo
    > devi trovare. Ah, ok, è un POI sul TomTom è ci
    > puoi andare a piedi...
    >Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > Scusa la domanda, volutamente impertinente, ma
    > cosa ci fai per strada in Russia, da solo, alle 3
    > di notte, senza sapere una parola di russo, con
    > la tua auto, senza aver pianificato il
    > percorso?
    >

    Spia fai da te? No MI-6? Ahi ahi ahi ahi...
    non+autenticato
  • > Spia fai da te? No MI-6? Ahi ahi ahi ahi...

    :D
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: trollolo
    > > come dicono altri, sia TomTom, sia Google,
    > sia
    > > credo tutti gli altri sbagliano. Del resto
    > > l'unico modo per sapere davvero se una
    > strada
    > e
    > > sterrata, se eiste o no, se e privata o meno
    > e
    > di
    > > andare sul posto e controllare e magari
    > conoscere
    > > la zona.
    >
    > No. C'e' un altro modo: chiedere a chi e' gia'
    > sul
    > posto.

    Certo che tu sei la persona con la mentalità più ristretta del mondo. Guardi le cose solo attraverso il punto di vista della tua vita appiccicata al computer.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > No. C'e' un altro modo: chiedere a chi e' gia'
    > sul
    > posto.

    - Scusi, devo andare alla stazione...
    - E vada, vada...
    non+autenticato
  • mai sentito parlare di catasto, mappe militari, mappe degli istituti geologici?
    non+autenticato
  • Mai sentito parlare di licenze d'uso?Sorride
  • per quelli che si lamentano del tomtom e simili: siete patetici! "mi ha mandato nel fiume", "mi ha fatto passare in mezzo ai prati", "ghegheghe mamma aiutami". ma accendete il cervello una volta tanto, tenete in auto una cartina da 10Euro e smettete di predere per oro olato quello che vi dice un programmino del cavolo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: iome
    > per quelli che si lamentano del tomtom e simili:
    > siete patetici! "mi ha mandato nel fiume", "mi ha
    > fatto passare in mezzo ai prati", "ghegheghe
    > mamma aiutami". ma accendete il cervello una
    > volta tanto, tenete in auto una cartina da 10Euro
    > e smettete di predere per oro olato quello che vi
    > dice un programmino del
    > cavolo!

    Ma accendilo tu il cervello. C'è gente che per lavoro si sposta in continuazione e ovviamente è molto più comodo usare il tom tom rispetto alle cartine.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: iome
    > > per quelli che si lamentano del tomtom e
    > simili:
    > > siete patetici! "mi ha mandato nel fiume",
    > "mi
    > ha
    > > fatto passare in mezzo ai prati", "ghegheghe
    > > mamma aiutami". ma accendete il cervello una
    > > volta tanto, tenete in auto una cartina da
    > 10Euro
    > > e smettete di predere per oro olato quello
    > che
    > vi
    > > dice un programmino del
    > > cavolo!
    >
    > Ma accendilo tu il cervello. C'è gente che per
    > lavoro si sposta in continuazione e ovviamente è
    > molto più comodo usare il tom tom rispetto alle
    > cartine.

    Si ma bisogna anche settarlo con la testa !
    se gli chiedi "percorso piu breve" (= in km) non ti puoi lamentare se ti fa fare la stradina sterrata di campagna (in km e' la piu breve!), prova a mettere "piu veloce" (= in tempo).
    a parte che si puo' sempre fare una anteprima del percorso !
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubu
    > - Scritto da: Dottor Stranamore
    > > - Scritto da: iome
    > > > per quelli che si lamentano del tomtom e
    > > simili:
    > > > siete patetici! "mi ha mandato nel
    > fiume",
    > > "mi
    > > ha
    > > > fatto passare in mezzo ai prati",
    > "ghegheghe
    > > > mamma aiutami". ma accendete il
    > cervello
    > una
    > > > volta tanto, tenete in auto una cartina
    > da
    > > 10Euro
    > > > e smettete di predere per oro olato
    > quello
    > > che
    > > vi
    > > > dice un programmino del
    > > > cavolo!
    > >
    > > Ma accendilo tu il cervello. C'è gente che
    > per
    > > lavoro si sposta in continuazione e
    > ovviamente
    > è
    > > molto più comodo usare il tom tom rispetto
    > alle
    > > cartine.
    >
    > Si ma bisogna anche settarlo con la testa !
    > se gli chiedi "percorso piu breve" (= in km) non
    > ti puoi lamentare se ti fa fare la stradina
    > sterrata di campagna (in km e' la piu breve!),
    > prova a mettere "piu veloce" (= in
    > tempo).
    > a parte che si puo' sempre fare una anteprima del
    > percorso
    > !

    Si ma io mi riferivo all'idea di portarsi una cartina. Quando al massimo basta tenere aperti gli occhi.
    non+autenticato
  • I percorsi dei navigatori sono da prendere tre volte con le molle, ed il Tom Tom fornisce la solita quantità di mazzate che fornisce Google maps.

    Proprio per questo uno che guida per lavoro deve verificare dove andare PRIMA di partire e non dopo. Dopo è tardi!

    Solo nella zona dove abito e dove ho i principlai interessi di lavoro posso elencare decine di errori, anche pericolosi.

    Per tacere di chi segue ad occhi chiusi il Tom Tom e fa 2000-3000 EUR di danni all'auto perché si infila in una certa stradina dove all'inizio c'è un cartello di strada senza sfondo ed un'altro di divieto di transito escluso i frontisti, ma come è possibile... il Tom Tom... oh bravo... questo è il telefono del meccanico, di che venga a riprenderti a "casa Pa...." che sei il terzo da domenica. Ed è solo martedì.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iome
    > per quelli che si lamentano del tomtom e simili:
    > siete patetici! "mi ha mandato nel fiume", "mi ha
    > fatto passare in mezzo ai prati", "ghegheghe
    > mamma aiutami". ma accendete il cervello una
    > volta tanto, tenete in auto una cartina da 10Euro
    > e smettete di predere per oro olato quello che vi
    > dice un programmino del
    > cavolo!

    Se ci fai caso sono tutti quelli che hanno una mela con un gadget appiccicato sotto.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • Questo e uno dei flame piu brutti che abbia mai visto su PICon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: iome
    > per quelli che si lamentano del tomtom e simili:
    > siete patetici! [...] "mi ha
    > fatto passare in mezzo ai prati" [...] ma accendete il cervello una
    > volta tanto, tenete in auto una cartina da 10Euro
    > e smettete di predere per oro olato quello che vi
    > dice un programmino del
    > cavolo!
    Rispondo per la parte che mi compete, quella del "passare in mezzo ai prati".

    Direi che il cervello era ampiamente acceso visto che TomTom affermava che io fossi in mezzo ad un prato, ma i miei occhi chiaramente testimoniavano che le ruote della mia auto fossero saldamente sull'asfalto. E che malgrado i ripetuti suggerimenti di "voltare a destra" o "a sinistra" in mezzo ai campi, ho proseguito dritto seguendo l'asfalto.

    Premesso questo, non è che con una cartina cartacea da 10 Euro sia diverso: se la cartina suggerisce di proseguire per una strata e questa si rivela essere una carrareccia agricola, la situazione è la stessa che con il TomTom. Anzi, visto che è cartacea è molto probabile che abbia parti obsolete e che per guardarla io ripetutamente distolga lo sguardo dalla strada.

    Inoltre con 10 Euro forse compri una cartina della rete autostradale italiana, ma se vuoi un atlante stradale con il dettaglio di ogni singola strada di ogni singolo comune di tutta l'Europa, dubito che bastino 10 Euro. E dubito che basti un'auto per portarsele sempre appresso. L'Atlante Ortelio della sola Milano e comuni dell'Hinterland costa 30 Euro e pesa discretamente. Moltiplicalo per il numero di aree equivalenti su tutta Europa, ed è chiaro che hai bisogno di un furgone.
    Una cartina autostradale da 10 Euro c'è sempre in auto, ma serve più che altro a capire dpve sei all'incirca, visto che non è facile avere una visione di insieme su uno schermo da 5 pollici: molto più semplice con uno "schermo cartaceo" di 1,20x1,20 metri.

    Quanto a finire impantanati, non è che uno è fesso e, malgrado davanti a se abbia un muro di fango, con incrollabile fede nel TomTom ci si butta dentro. Molto più semplicemente inizi a percorrere una stradina sterrata in leggera pendenza e discreta aderenza che ad un certo punto diventa più ripida e quando tenti di fermarti e tornare indietro, il fango la rende troppo viscida per permetterti di risalire. Potresti andare in giù, ma visto che già sei letteralmente nella melma, usando il buon senso, eviti di rischiare di immergerti ancora di più: blocchi l'auto e risali a piedi cercando aiuto. Che nel caso di una azienda agricola in mezzo ai monti è quasi sempre il trattore dell'azienda più vicina.

    Se sulla cartina da 10 Euro fosse stata segnata la strada, ti ci saresti infilato tanto quanto fai con il TomTom. Non è che prima del TomTom mio zio non avesse avuto mai nessuno da recuperare con il trattore. Solo che mentre non è pensabile correggere tutte le cartine da 10 Euro in tutte le auto, è relativamente facile correggere la base dati di un navigatore. E permettere a mio zio di limitarsi a recuperare solo quelli che si impantanano con le cartine cartacee obsolete, ormai rimasti in pochi.

    Inoltre tutta la discussione nasceva dall'affermazione di TomTom: "le mappe di OMS considererebbero come strade tutta una serie di percorsi pedonali o disseminati in campi e foreste".

    Il post voleva ribadire che TomTom non fa meglio, ed in almeno un posto considera come strade tutta una serie di percorsi agricoli disseminati in campi e foreste.

    Chiarito questo, penso che il cervello andrebbe accesso non solo prima del TomTom, ma anche prima di premere il pulsante "Invia"...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > - Scritto da: iome
    > > per quelli che si lamentano del tomtom e
    > simili:
    > > siete patetici! [...] "mi ha
    > > fatto passare in mezzo ai prati" [...] ma
    > accendete il cervello
    > una
    > > volta tanto, tenete in auto una cartina da
    > 10Euro
    > > e smettete di predere per oro olato quello
    > che
    > vi
    > > dice un programmino del
    > > cavolo!
    > Rispondo per la parte che mi compete, quella del
    > "passare in mezzo ai
    > prati".
    >
    > Direi che il cervello era ampiamente acceso visto
    > che TomTom affermava che io fossi in mezzo ad un
    > prato, ma i miei occhi chiaramente testimoniavano
    > che le ruote della mia auto fossero saldamente
    > sull'asfalto. E che malgrado i ripetuti
    > suggerimenti di "voltare a destra" o "a sinistra"
    > in mezzo ai campi, ho proseguito dritto seguendo
    > l'asfalto.
    >
    > Premesso questo, non è che con una cartina
    > cartacea da 10 Euro sia diverso: se la cartina
    > suggerisce di proseguire per una strata e questa

    la cartina non suggerisce un bel nulla. il disegno e le scritte vanno lette e capite.


    > si rivela essere una carrareccia agricola, la
    > situazione è la stessa che con il TomTom. Anzi,

    altri piu sopra dicevano giustamente che il percorso andrebbe pianificato prima e non durante il viaggio. io concordo con loro.


    > visto che è cartacea è molto probabile che abbia
    > parti obsolete e che per guardarla io
    > ripetutamente distolga lo sguardo dalla
    > strada.

    io invece mi fermo agli incroci e guardo i cartelli, non tiro dritto con naso per aria.


    >
    > Inoltre con 10 Euro forse compri una cartina
    > della rete autostradale italiana, ma se vuoi un
    > atlante stradale con il dettaglio di ogni singola
    > strada di ogni singolo comune di tutta l'Europa,
    > dubito che bastino 10 Euro. E dubito che basti
    > un'auto per portarsele sempre appresso. L'Atlante
    > Ortelio della sola Milano e comuni
    > dell'Hinterland costa 30 Euro e pesa
    > discretamente. Moltiplicalo per il numero di aree
    > equivalenti su tutta Europa, ed è chiaro che hai
    > bisogno di un furgone.

    tu giri tutta europa una volta al mese, strada per strada, villaggio per villaggio, quartiere per quartiere? ma sei veramente ricco, ti invidio, guarda!

    Io per andare sul mar nero in auto mi sono comprato la cartina generale dell'europa e quella dettagliata della romania (sul retro aveva pure la bulgaria). Viaggio ok, strade sbagliate: nessuna, volte in cui mi sono perso: zero. Saro stato fortunato...

    > Una cartina autostradale da 10 Euro c'è sempre in
    > auto, ma serve più che altro a capire dpve sei
    > all'incirca, visto che non è facile avere una
    > visione di insieme su uno schermo da 5 pollici:
    > molto più semplice con uno "schermo cartaceo" di
    > 1,20x1,20
    > metri.
    >
    > Quanto a finire impantanati, non è che uno è
    > fesso e, malgrado davanti a se abbia un muro di
    > fango, con incrollabile fede nel TomTom ci si
    > butta dentro.

    e allora e' fesso se ha una fede incrollabile nel tom tom, dici e ti contraddici nella stessa frase, bel colpo.


    > Molto più semplicemente inizi a
    > percorrere una stradina sterrata in leggera
    > pendenza e discreta aderenza che ad un certo
    > punto diventa più ripida e quando tenti di
    > fermarti e tornare indietro, il fango la rende
    > troppo viscida per permetterti di risalire.
    > Potresti andare in giù, ma visto che già sei
    > letteralmente nella melma, usando il buon senso,
    > eviti di rischiare di immergerti ancora di più:
    > blocchi l'auto e risali a piedi cercando aiuto.
    > Che nel caso di una azienda agricola in mezzo ai
    > monti è quasi sempre il trattore dell'azienda più
    > vicina.
    >
    > Se sulla cartina da 10 Euro fosse stata segnata
    > la strada, ti ci saresti infilato tanto quanto
    > fai con il TomTom. Non è che prima del TomTom mio
    > zio non avesse avuto mai nessuno da recuperare
    > con il trattore. Solo che mentre non è pensabile
    > correggere tutte le cartine da 10 Euro in tutte
    > le auto, è relativamente facile correggere la
    > base dati di un navigatore. E permettere a mio
    > zio di limitarsi a recuperare solo quelli che si
    > impantanano con le cartine cartacee obsolete,
    > ormai rimasti in pochi.

    tuo sio farebbe bene a mettere un cartello fuori casa con srtitto "servizio recupero imbecilli: 200E", hai visto mai che tiri su qualche soldo.

    > Inoltre tutta la discussione nasceva
    > dall'affermazione di TomTom: "le mappe di OMS
    > considererebbero come strade tutta una serie di
    > percorsi pedonali o disseminati in campi e
    > foreste".
    >
    > Il post voleva ribadire che TomTom non fa meglio,
    > ed in almeno un posto considera come strade tutta
    > una serie di percorsi agricoli disseminati in
    > campi e
    > foreste.
    >
    > Chiarito questo, penso che il cervello andrebbe
    > accesso non solo prima del TomTom, ma anche prima
    > di premere il pulsante
    > "Invia"...

    se il mio post non ti avesso punto nel vivo non avresti avuto bisogno di "chiarire" e per quanto riguarda il vervello da accendere, sto ancora ridendo per il passaggio della "fede incrollabile".
    non+autenticato
  • > > Quanto a finire impantanati, non è che uno è
    > > fesso e, malgrado davanti a se abbia un muro di
    > > fango, con incrollabile fede nel TomTom ci si
    > > butta dentro.
    >
    > e allora e' fesso se ha una fede incrollabile nel
    > tom tom, dici e ti contraddici nella stessa
    > frase, bel
    > colpo.
    >
    > se il mio post non ti avesso punto nel vivo non
    > avresti avuto bisogno di "chiarire" e per quanto
    > riguarda il vervello da accendere, sto ancora
    > ridendo per il passaggio della "fede
    > incrollabile".

    Prima di commentare insulsamente le affermazioni altrui, sarebbe meglio imparare la lingua italiana, almeno per quanto riguarda la comprensione dei testi.
    Ti rielaboro la frase in maniera più semplice per venire incontro alle tue limitate capacità intellettuali:

    "Non si è così fessi da avere una fede incrollabile nel TomTom tale da buttarsi dentro a un muro di fango che appare davanti."

    Spero che questa versione ti sia più comprensibile e che ti possa far riflettere su queste ed altre scempiaggini da te scritte.

    --
    Luca
    non+autenticato
  • Il punto, mi si permetta, è un altro: ovvero il "rimanere in topic".
    Non è che, se stiamo parlando dei motivi per cui le mazze da golf si rompono, ha senso che qualcuno se ne esca con "il golf è uno sport per ricchi: datevi al nuoto". Tutto qui.
    880
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)