Mauro Vecchio

Di predatori sessuali, libertà e fame social

Negli Stati Uniti, numerosi sex offender ricorrono ai tribunali per rientrare in possesso dei propri account social dopo aver scontato le rispettive condanne. Restare fuori da Facebook sarebbe una violazione dei diritti costituzionali

Roma - Banditi a vita dalle principali piattaforme social, ma anche dalle chat room e dai vari client di messaggistica istantanea. Decine di migliaia di sex offender, responsabili di abusi a sfondo sessuale, erano stati cacciati da Facebook e MySpace in base agli attuali dettami legislativi in terra statunitense.

Numerosi cittadini a stelle e strisce sono ora coinvolti in una nuova saga legale avviata in diverse aule degli States, dallo stato dell'Indiana a quelli del Nebraska e della Louisiana. I cosiddetti predatori sessuali vorrebbero ritornare in possesso dei propri account social, considerati di vitale importanza nelle attuali esistenze digitali.

Tutto ruota intorno all'effettivo grado d'importanza di un profilo in blu nelle possibilità di comunicazione dei netizen statunitensi. In altre parole, un account social potrebbe essere visto come fondamentale per la tutela della libertà d'espressione dei cittadini. Dunque inserito nelle previsioni costituzionali a stelle e strisce.
Supportati dagli attivisti di American Civil Liberties Union (ACLU), i sex offender pretendono la riabilitazione digitale perché non più in carcere o comunque soggetti ad ordinanze restrittive per il bando dalle piattaforme social. Restare fuori da Facebook o MySpace significherebbe essere privi delle fondamentali tutele costituzionali.

Ovviamente diverso il parere delle varie organizzazioni a difesa dei minori, ad esempio il National Center for Missing & Exploited Children che ha sottolineato come l'estromissione dei predatori sessuali dai social network non possa trasformarsi in una violazione dei diritti costituzionali. Il principale timore è che, come nella più proverbiale delle frasi fatte, il lupo perda il pelo ma non il vizio.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
24 Commenti alla Notizia Di predatori sessuali, libertà e fame social
Ordina
  • ritornare in possesso dei propri account social, considerati di vitale importanza nelle attuali esistenze digitali

    Insomma se non scrivono su Face Libro muoiono?
    Si ammalano? Gli viene l'asbestosi? Prendono il vaiolo?
    Oppure ricoglioniscono del tutto?
    Va beh, certo, se lo sono già allora si capisce il perchè di questa preoccupazione allarmante.
    Sicuramente sarà per loro un vero problema non avere il solito nik per poter adescare qualcuno.Perplesso
    Se i giudici li mandassero al diavolo,Indiavolato sarebbe anticostituzionale? Newbie, inesperto
  • ma stai trollando o cosa ? Su facebook non si usano i nickname...
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: ninjaverde
    > ritornare in possesso dei propri account social,
    > considerati di vitale importanza nelle attuali
    > esistenze
    > digitali
    >
    > Insomma se non scrivono su Face Libro muoiono?

    Fallacia.
    Se qualcosa non è necessario non dev'essere automaticamente vietato.
    Si può anche vivere senza patente, ma questo non implica sia lecito vietare automaticamente la patente.
    Il problema è che, scontata una pena, l'individuo deve tornare ad avere gli stessi diritti di tutti gli altri cittadini.
    Tu dirai che a chi ammazza alla guida si toglie la patente, quindi in questo caso sarebbe lecito toglire l'accesso a certi siti ai sex offenders.
    Su questo però, vedi qui sotto.

    > Sicuramente sarà per loro un vero problema non
    > avere il solito nik per poter adescare qualcuno.
    >Perplesso

    Ecco, sull'adescamento, riprendo quanto scritto sopra:

    Informati su cosa basta, negli USA, per essere considerato un sex offender.
    Comportamenti che qui in Europa varrebbero una meritata multa (pisciare per strada, fare invasione di campo nudi), un semplice consulto psicologico (ragazzini di 11-12 anni alle loro prime reciproche esplorazioni sessuali), una discussione in famiglia (adolescenti di 16 anni che hanno rapporti con altri adolescenti di 18), o dell'aiuto (ragazze che si prostituiscono), negli USA bastano per farti bollare come sex offender, farti passare anni in galera e quando ne esci non avere più alcuna possibilità di rifarti una vita (i sex offenders non possono vivere in certe zone delle città, non possono più ottenere certi lavori, quando cambiano residenza lo sceriffo deve avvisare tutto il vicinato, la loro foto e i loro indirizzi appaiono su una lista pubblica consultabile on-line).
    non+autenticato
  • > Fallacia.
    > Se qualcosa non è necessario non dev'essere
    > automaticamente
    > vietato.
    > Si può anche vivere senza patente, ma questo non
    > implica sia lecito vietare automaticamente la
    > patente.
    > Il problema è che, scontata una pena, l'individuo
    > deve tornare ad avere gli stessi diritti di tutti
    > gli altri
    > cittadini.

    Dico solo, se non erro, che i condannati per certi reati in Italia sono automaticamente esclusi dai pubblici servizi.
    Se uno ha alle spalle dei reati penali non può fare il carabiniere o il poliziotto.
    Ora il fatto che si diventa "sex offender", negli USA, basti fare la pipì lungo una strada, magari di campagna per essere beccati ed avere conseguenze penali, è una questione di legge degli USA che per noi magari non ha senso.
    Ma questa è una legge che per loro andrà bene, ed è una cosa loro.
    Ovvio che potrebbe essere un reato minimale, e forse non sarebbe da considerare reato, come mettersi nudi in spiaggia, ma questo è legato alla morale comune di quel paese. Se lo si fa in Svezia non c'è neanche uno che se ne accorge.
    Per la questione "proibizionista" è logica quando vi è un reato grave; anche se forse scontata la pena ci si dovrebbe attendere di essere come gli altri, ma la logica ci dice anche è probabile che il tizio possa usare questo mezzo per perpetuare il reato.
    Insomma la stessa logica che ci dice che un fumatore incallito, uscito dal suo "vizio" cerchi di evitare i tabaccai. Ovviamente visto che il fumo non è reato, non si pensa di proibire uno che entri in un negozio di tabacchi, ma il reato di pedofilia legato all'adescamento di minore è un reato piuttosto "pernicioso" e grave, ed è tutta un'altra storia.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 giugno 2012 11.08
    -----------------------------------------------------------
  • Quindi giustifichi azioni inumane per combattere una piaga ?
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Quindi giustifichi azioni inumane per combattere
    > una piaga
    > ?
    Ebbene sì, una cosa inumana come non poter scrivere cazzate su FB Rotola dal ridere
    Domanda: ma allora la prigione, per non citare la condanna a morte di alcuni paesi non sono cose inumane?
    O forse pensi che le condanne non andrebbero eseguite ma basta una ramanzina da parte di un giudice per sostituire una condanna?
    Magari bastasse.
    Il fatto è che vi sono 2 tipi principali di persone:
    quelle che scelgono la logica e le cose giuste, se sbagliano cercano di pagare i danni di loro spontanea volontà, e comunque accettano la logica delle regole.
    L'altra parte di umanità accetta solo le regole della forza.
    Ossia si sottomettono solo a chi è più forte di loro (forza intesa in senso alto e non solo come forza fisica, non per niente le polizie vengono chiamate "forze dell'ordine").
    Ovviamente l'esercizio della "forza" deve avere regole e punizioni in relazione alla gravità dei reati.
    Quindi visto che l'umanità nel suo insieme non è composta solo dalla prima "specie" di individui, non è sufficiente la "ramanzina" di un giudice, poichè la seconda "specie umana" dopo aver voltato le spalle al giudice si farebbe una grandiosa risata e continuerebbe ad usare la sua "forza" per continuare a delinquere.
  • - Scritto da: ninjaverde

    > Ebbene sì, una cosa inumana come non poter
    > scrivere cazzate su FB
    > Rotola dal ridere

    Non è quello il punto in se, ovvero scrivere o meno su facebook, non fare il trollone, perfavore.

    > Domanda: ma allora la prigione, per non citare la
    > condanna a morte di alcuni paesi non sono cose
    > inumane?
    > O forse pensi che le condanne non andrebbero
    > eseguite ma basta una ramanzina da parte di un
    > giudice per sostituire una
    > condanna?

    Ti si indica la luna è tu guardi il dito :/
    Ma tu hai capito l'esatto opposto di quello che ti è stato detto.

    > Magari bastasse.
    > Il fatto è che vi sono 2 tipi principali di
    > persone:
    > quelle che scelgono la logica e le cose giuste,
    > se sbagliano cercano di pagare i danni di loro
    > spontanea volontà, e comunque accettano la logica
    > delle
    > regole.
    > L'altra parte di umanità accetta solo le regole
    > della
    > forza.
    > Ossia si sottomettono solo a chi è più forte di
    > loro (forza intesa in senso alto e non solo come
    > forza fisica, non per niente le polizie vengono
    > chiamate "forze
    > dell'ordine").
    > Ovviamente l'esercizio della "forza" deve avere
    > regole e punizioni in relazione alla gravità dei
    > reati.
    > Quindi visto che l'umanità nel suo insieme non è
    > composta solo dalla prima "specie" di individui,
    > non è sufficiente la "ramanzina" di un giudice,
    > poichè la seconda "specie umana" dopo aver
    > voltato le spalle al giudice si farebbe una
    > grandiosa risata e continuerebbe ad usare la sua
    > "forza" per continuare a
    > delinquere.

    Ecco, non hai capito. Qui si parla di persone che dopo aver scontato la loro pena, subiscono una spescie di marchiatura a vita, che gli rovina il resto dell'esistenza, dopo aver già pagato il proprio debito della giustizia è parliamo di un marchio che viene impresso con una leggerezza impressionate in terra statunitense.

    Dove si è detto che non ci deve stare la prigione, non lo so, ma molti hanno inteso QUESTO, il resto e una tua travisazione.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio

    > Ecco, non hai capito. Qui si parla di persone che
    > dopo aver scontato la loro pena, subiscono una
    > spescie di marchiatura a vita,

    Pure in Italia esiste una cosa chiamata "interdizione dai pubblici uffici" che impedisce, vita natural durante, di ottenere incarichi nella PA, e generalmente viene comminata a chi ha compiuto reati contro la PA.

    Poi ci sono i casi in cui non si puo' essere arruolati nelle forze armate se in passato si e' stati condannati.

    Non mi pare tanto una marchiatura.

    > che gli rovina il
    > resto dell'esistenza, dopo aver già pagato il
    > proprio debito della giustizia è parliamo di un
    > marchio che viene impresso con una leggerezza
    > impressionate in terra
    > statunitense.

    Gli stati uniti sono gli stati uniti.
    Ad oggi e' proibito girare per strada con un contenitore di bevande alcoliche in vista, e quindi gli ubriaconi tengono la bottiglia in un sacchetto di carta e continuano ad ubriacarsi in strada.
  • Senti ninja, renditi conto che su questo forum, pur di sostenere la libertà in rete, sono disposti a tollerare anche i porci pedofili. Tu sei superiore a questa marmaglia, lasciali perdere!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Scusa ma tu sei in grado di esprimere un parere razionale a parte il solito roftl??? Deluso
    non+autenticato
  • di utilizzare i vari social network?

    spiegatemelo
    non+autenticato
  • Semplice: non glielo impedisci, almeno non di fatto.

    Ma puoi sempre vietarglielo a parole o per iscritto, e poi incrociare le dita e sperare che il malcapitato di turno obbedisca ciecamente e sommessamente a tale ordine.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rizzo Master
    > di utilizzare i vari social network?
    >
    > spiegatemelo

    tecnicamente non glielo puoi impedire, c'è da dire però se viene ribeccato con le mani nella marmellata scattano aggravanti non da poco. E in america con aggravanti e recidive varie non hanno la mano leggera.
  • - Scritto da: shevathas
    > - Scritto da: Rizzo Master
    > > di utilizzare i vari social network?
    > >
    > > spiegatemelo
    >
    > tecnicamente non glielo puoi impedire, c'è da
    > dire però se viene ribeccato con le mani nella
    > marmellata scattano aggravanti non da poco. E in
    > america con aggravanti e recidive varie non hanno
    > la mano
    > leggera.

    E in questi casi fanno bene!A bocca aperta
    non+autenticato
  • mio dio.... ma non ce la fa piu' al gente
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > mio dio.... ma non ce la fa piu' al gente

    C'e' anche da dire che il concetto di sex offender in USA e' particolarmente annoso... Puritani del c...
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane

    > C'e' anche da dire che il concetto di sex
    > offender in USA e' particolarmente annoso...
    > Puritani del
    > c...

    Mentre tu a questi sex offender daresti un premio.Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: ANTIPEDO

    > Mentre tu a questi sex offender daresti un
    > premio.Occhiolino

    il punto è: che una volta che uno ha scontato la propria pena, dev'essere libero di ritornare a fare la vita che faceva prima, con tutte le ovvie libertà e i diritti che ne conseguono.

    Marchiare una persona a vita, specialmente se per un crimine di cui ha già pagato il prezzo, non serve a nulla; se non a fomentare ulteriore odio e diffidenza tra le persone. (come se non ce ne fosse già abbastanza)
    non+autenticato
  • - Scritto da: anon
    > - Scritto da: ANTIPEDO
    >
    > > Mentre tu a questi sex offender daresti un
    > > premio.Occhiolino
    >
    > il punto è: che una volta che uno ha scontato la
    > propria pena, dev'essere libero di ritornare a
    > fare la vita che faceva prima, con tutte le ovvie
    > libertà e i diritti che ne
    > conseguono.

    Dove hai letto che ha scontato la propria pena?
    La pena prevede un tot di anni di galera, e il resto della vita a distanza di sicurezza dalle potenziali vittime.
    Oppure avresti preferito dargli l'ergastolo?

    > Marchiare una persona a vita, specialmente se per
    > un crimine di cui ha già pagato il prezzo, non
    > serve a nulla; se non a fomentare ulteriore odio
    > e diffidenza tra le persone. (come se non ce ne
    > fosse già
    > abbastanza)

    Di cui ha gia' pagato parte del prezzo!
    Parliamo dell'america, che ha un sistema giudiziario diverso dal nostro.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: anon
    > > - Scritto da: ANTIPEDO
    > >
    > > > Mentre tu a questi sex offender daresti
    > un
    > > > premio.Occhiolino
    > >
    > > il punto è: che una volta che uno ha
    > scontato
    > la
    > > propria pena, dev'essere libero di ritornare
    > a
    > > fare la vita che faceva prima, con tutte le
    > ovvie
    > > libertà e i diritti che ne
    > > conseguono.
    >
    > Dove hai letto che ha scontato la propria pena?
    > La pena prevede un tot di anni di galera, e il
    > resto della vita a distanza di sicurezza dalle
    > potenziali
    > vittime.

    No, la presenza di buffer zones per i sex offenders negli Stati Uniti NON FA PARTE DELLA PENA.
    Molte associazioni hanno cercato di appellarsi alla Corte Suprema facendo leva sull'idea che sia una punizione.
    Persone beccate per reati non così gravi come i peggiori stupratori (vedi esempi che ho riportato in altri thread) si sono appellati alla Corte richiamandosi all'VIII emendamento alla Costituzione che vieta le punizioni "crudeli e inusuali".
    Bene, la Corte ha respinto l'appello dichiarando che le misure che escludono i sex offenders da determinate zone della città, da determinati lavori o che mettono i loro dati sui registri pubblici NON SONO MISURE PUNITIVE MA PREVENTIVE.
    Questo significa che, una volta terminata la misura detentiva e una volta terminato anche il periodo di probation (messa in prova), anche il sex offender dovrebbe riavere i suoi diritti, come tutti gli altri cittadini.

    E invece si finisce coi ragazzi di 15 o 16 anni che fanno sesso tra di loro, vengono beccati, il maschio finisce per sei mesi o un anno in galera, e poi quando ne esce si ritrova che per 15 o 25 anni o per tutta la vita non può più parlare coi minori o avere una residenza vicino a una scuola o a un parco pubblico.
    E se cerca di appellarsi alla Corte dicendo che si tratta di una punizione "inusuale o crudele", la Corte risponde che non può farci niente perché non si tratta di misura punitive ma preventive.

    > Oppure avresti preferito dargli l'ergastolo?
    >
    > > Marchiare una persona a vita, specialmente
    > se
    > per
    > > un crimine di cui ha già pagato il prezzo,
    > non
    > > serve a nulla; se non a fomentare ulteriore
    > odio
    > > e diffidenza tra le persone. (come se non ce
    > ne
    > > fosse già
    > > abbastanza)
    >
    > Di cui ha gia' pagato parte del prezzo!

    No, di cui ha pagato l'intero prezzo.
    Vedi sopra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: precisazion i

    > No, la presenza di buffer zones per i sex
    > offenders negli Stati Uniti NON FA PARTE DELLA
    > PENA.

    Link?
    Io ho sempre sentito sentenze pronunciate dai giudici dire che il tale deve scontare tot anni e poi in seguito mantenersi ad una distanza minima di tot yarde dalle potenziali vittime (vale anche per gli stalkers, ex coniugi che si sono separati male, e altri casi, non solo per i sex offenders).

    Ma se tu mi dici che non e' cosi', vorrei approfondire.
  • - Scritto da: ANTIPEDO
    > - Scritto da: krane
    >
    > > C'e' anche da dire che il concetto di sex
    > > offender in USA e' particolarmente annoso...
    > > Puritani del
    > > c...
    >
    > Mentre tu a questi sex offender daresti un
    > premio.
    >Occhiolino

    Informati su cosa basta, negli USA, per essere considerato un sex offender.
    Comportamenti che qui in Europa varrebbero una meritata multa (pisciare per strada, fare invasione di campo nudi), un semplice consulto psicologico (ragazzini di 11-12 anni alle loro prime reciproche esplorazioni sessuali), una discussione in famiglia (adolescenti di 16 anni che hanno rapporti con altri adolescenti di 18), o dell'aiuto (ragazze che si prostituiscono), negli USA bastano per farti bollare come sex offender, farti passare anni in galera e quando ne esci non avere più alcuna possibilità di rifarti una vita (i sex offenders non possono vivere in certe zone delle città, non possono più ottenere certi lavori, quando cambiano residenza lo sceriffo deve avvisare tutto il vicinato, la loro foto e i loro indirizzi appaiono su una lista pubblica consultabile on-line).
    non+autenticato