Mauro Vecchio

India, le minacce di Facebook e Google

Secondo l'accusa i due giganti attentano alla sicurezza nazionale attraverso i falsi profili del terrorismo. E venderebbero i dati dei cittadini agli Stati Uniti. La denuncia all'Alta Corte di Nuova Delhi

Roma - ╚ uno tra i più agguerriti attivisti della destra indiana, scagliatosi contro i colossi del web a stelle e strisce. K.N. Govindacharya ha così denunciato all'attenzione dell'Alta Corte di Nuova Delhi i vertici - tra gli altri - di Google e Facebook: l'accusa è quella di costituire una severa minaccia alla sicurezza nazionale.

I giudici indiani hanno dunque chiesto alle due società statunitensi di rispondere alle tesi portate in aula da Govindacharya. Stando alla visione dell'attivista asiatico, Facebook e Google non farebbero abbastanza per verificare la reale identità degli utenti, spesso nascosti dietro falso nome per operare indisturbati al servizio di organizzazioni terroristiche.

La petizione privata ha infatti tirato in ballo gli attentati di Mumbai, con alcuni (falsi) profili in blu a stretto contatto con i mujaheddin in terra indiana. Ma il problema del terrorismo non rappresenta l'unica questione sollevata da Govindacharya, che vorrebbe il blocco di tutti gli account per i minori di 18 anni in modo da estirpare il fenomeno della pedofilia.
Sempre secondo l'attivista indiano, società come Facebook e Google sfrutterebbero i dati personali dei cittadini asiatici per guadagnare in termini commerciali, violando la privacy degli utenti e soprattutto consegnandoli all'impero statunitense. La petizione ha inoltre chiesto di fare luce sulle eventuali scappatoie fiscali per le operazioni in India.

Non è la prima volta che i giganti del web vengono chiamati a rispondere dall'Alta Corte di Nuova Delhi. Si ricorda la querelle sui contenuti ritenuti blasfemi e dunque contrari ai sacri principi religiosi dell'Islam o dell'Induismo. I problemi sollevati da Govindacharya non vanno però a toccare lo status da intermediari già invocato a gran voce da Facebook e BigG.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook e Google: non pattuglieremo la rete indianaRespinte le richieste delle autoritÓ di Nuova Delhi: gli intermediari vogliono rimanere neutrali. Solo quei contenuti in violazione della legge o delle policy interne potranno essere rimossi. Il materiale sgradito dovrÓ restare online
  • AttualitàIndia, connessione al guinzaglioIl governo indiano ha emanato un regolamento contenente disposizioni restrittive per gli Internet cafÚ. La battaglia al porno Ŕ in prima linea. E il pericolo per la libertÓ di espressione Ŕ alto
  • AttualitàIndia, sorveglianza cellulare al potereAlcuni dei maggiori produttori di smartphone collaborerebbero con il governo indiano fornendo vere e proprie backdoor per facilitare le intercettazioni. Ora c'Ŕ anche il memo segreto, ma gli interessati smentiscono
2 Commenti alla Notizia India, le minacce di Facebook e Google
Ordina