Mauro Vecchio

Radio Vaticana, fine delle trasmissioni

Le antenne in provincia di Roma cesseranno di trasmettere verso alcune regioni. L'impianto abbasserà il livello d'emissione elettromagnetica per le onde corte e medie. I cittadini pronti al nuovo assalto legale

Radio Vaticana, fine delle trasmissioniRoma - È la nuova strategia annunciata dal direttore di Radio Vaticana Padre Federico Lombardi, per una copertura basata sulla ritrasmissione da parte di altre radio regionali e locali. Ma anche tramite le più moderne modalità d'accesso al Web, che permetteranno agli impianti di Santa Maria di Galeria (provincia di Roma e una lunga storia di querelle legali con l'emittente della Santa Sede) di interrompere tutte le trasmissioni in onde medie e corte verso numerosi paesi dell'Europa e delle Americhe.

Dal prossimo luglio, Radio Vaticana abbasserà il livello d'emissione di onde elettromagnetiche dal suo centro di trasmissione alla periferia della Capitale, nell'area di 430 ettari che gode del diritto di extraterritorialità come stabilito dai Patti Lateranensi. Il presunto inquinamento elettromagnetico causato dalle svariate antenne di Santa Maria di Galeria ha portato negli ultimi anni a proteste, battaglie legali e tragici decessi.

L'associazione Bambini senza onde - con base a Cesano, altra zona molto vicina all'insediamento della radio ufficiale della Santa Sede - ha infatti riportato altri 3 casi di leucemia infantile, pronta a consegnare le relative cartelle cliniche al PM Stefano Pesci della Procura di Roma. "Porteremo tutto questo nuovo aggiornamento sanitario alla Procura - hanno annunciato i responsabili dell'associazione - nella convinzione che possa avviare il processo e a rinviare a giudizio i vertici della Radio non più solo per getto di cose pericolose ma anche per reati ben più gravi".
Nel febbraio 2011, il reato di "getto pericoloso di cose" contestato ai responsabili di Radio Vaticana era andato in prescrizione, come stabilito dalla quarta sessione penale della Corte di Cassazione. Dopo una prima condanna, gli imputati erano stati assolti in appello: il fatto contestato non era infatti previsto come reato dalla legge italiana. Un vero e proprio buco - almeno secondo i cittadini - in materia di elettrosmog ed extraterritorialità delle stesse antenne pontificie.

L'attuale direttore di Radio Vaticana Padre Lombardi ha tuttavia sottolineato come la decisione di interrompere le trasmissioni verso Europa e Americhe non risulti collegata al problema elettrosmog. "Perché già dal 31 agosto 2001, con la firma del protocollo d'intesa con l'Italia, si rispettano le norme più restrittive" ha spiegato Lombardi. "Noi abbiamo sempre affrontato responsabilmente il problema dell'elettrosmog, cioè di questo presunto inquinamento. E dal 2001 al 2006 abbiamo utilizzato antenne affittate a Montecarlo. A chi proponeva una delocalizzazione permanente, avevamo detto che la soluzione sarebbe arrivata dalle nuove tecnologie che stanno gradualmente sostituendo le emissioni nell'etere".

Cosa prevedono allora le nuove strategie della Santa Sede? Le trasmissioni in onde corte e medie resteranno per paesi come l'Africa e l'Asia, perché Radio Vaticana ha "il dovere di servire con particolare attenzione quelle aree e popolazioni più povere o in situazioni di difficoltà, che non hanno altre vie alternative per ricevere capillarmente la voce del Papa e della Chiesa".

C'è chi ha sottolineato come le casse del Vaticano fossero particolarmente provate da tutte le spese in bollette. Con l'interruzione delle trasmissioni in onde corte e medie, oltre che con la conseguente adozione delle piattaforme digitali, Radio Vaticana potrà risparmiare centinaia di migliaia di euro in costi energetici. "Le risorse verranno trasferite in nuove direzioni", hanno spiegato i responsabili della radio.

Soddisfatto l'attuale sindaco di Roma Gianni Alemanno: "L'annuncio segna per gli abitanti della zona la fine delle preoccupazioni per eventuali conseguenze nocive alla salute dovute al presunto inquinamento elettromagnetico e testimonia, da parte della Santa Sede, grande attenzione per il popolo romano e per l'ambiente". Continuerà intanto l'inchiesta per omicidio colposo invocata dai cittadini per i gravi casi di leucemia manifestatisi nelle zone presidiate dalle antenne.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
76 Commenti alla Notizia Radio Vaticana, fine delle trasmissioni
Ordina
  • ci stiamo preoccupando delle emissioni della Radio Vaticana ma non ci lamentiamo delle emissioni delle altre emittenti che chiamiamo radio libere quante sono? con che criterio trasmettono le loro emissioni sono controllate e poi i cellulari li usano tutti e nessuno si lamenta dei vari ponti che ormai sono ovunque pero ora giriamo con il telefonino attaccato all'orecchio sembra che non si puo fare senza e nessuno vi rinuncia il solo difetto di Radio Vaticana è che èuna radio eclesiastica fosse politica andrebbe bene o se trasmetesse canzonette il problema nostro è che siamo abituati a pensare solo a noi e non a chi ci sta ingiro siamo solo capaci di bestemmiare e non vediamo oltre il nostro naso
    non+autenticato
  • - Scritto da: maurizio coroli
    > ci stiamo preoccupando delle emissioni della
    > Radio Vaticana ma non ci lamentiamo delle
    > emissioni delle altre emittenti che chiamiamo
    > radio libere quante sono?
    > con che criterio
    > trasmettono le loro emissioni sono controllate e
    > poi i cellulari li usano tutti e nessuno si
    > lamenta dei vari ponti che ormai sono ovunque
    > pero ora giriamo con il telefonino attaccato
    > all'orecchio sembra che non si puo fare senza e
    > nessuno vi rinuncia

    Infatti di questo nessuno si lamenta. Radio Vaticana da fastidio perchè è una radio cristiana.


    > il solo difetto di Radio
    > Vaticana è che èuna radio eclesiastica fosse
    > politica andrebbe bene


    Infatti nessuno si lamenta di radio radicale o delle varie radio di sinistra.


    > o se trasmetesse
    > canzonette il problema nostro è che siamo
    > abituati a pensare solo a noi e non a chi ci sta
    > ingiro siamo solo capaci di bestemmiare e non
    > vediamo oltre il nostro
    > naso

    Sono d'accordo con te.
    Loro non VOGLIONO vedere oltre il proprio naso. E questo perchè il cristianesimo (e quindi il Vaticano) dà fastidio ai libertini e agli atei comunisti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.
    > - Scritto da: maurizio coroli

    > > il solo difetto di Radio
    > > Vaticana è che èuna radio eclesiastica fosse
    > > politica andrebbe bene

    > Infatti nessuno si lamenta di radio radicale o
    > delle varie radio di sinistra.

    Perche' ci sono antenne che superano i livelli ? Quali ?
    krane
    22448
  • ecco un altro "amico" di radio vaticana... A bocca storta
    non+autenticato
  • Un libro molto interessante da leggere...

    Bomba Atomica
    Inchiesta su radio vaticana
    http://www.editoririuniti.net/bomba-atomica

    "Come una bomba atomica". Con queste parole sono stati descritti gli effetti delle antenne di Radio Vaticana sulla popolazione residente a ridosso di esse...
    non+autenticato
  • libro di una scientificità sopraffina:
    rischio superiore del 500% (dice il perito) == rischio di 500 volte superiore (scrivono Ramaccioni e Fragale)
    non+autenticato
  • http://www.altrogiornale.org/news.php?item.7807.11

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    L’inchiesta sui telefoni cellulari. Le Ricerche scientifiche che hanno indicato il potenziale cancerogeno delle onde elettromagnetiche. Le contraddizioni dei produttori. I ripetitori in Italia. Consigli per un uso più sano del cellulare.
    non+autenticato
  • Grazie tante ma e' la solita minestra riscaldata.A bocca storta
    non+autenticato
  • Perchè allora non interrompiamo anche le trasmissioni di radio radicale che oltretutto prende 10 milioni di euro all'anno di finanziamento dello Stato con la bella scusa che si tratta di un servizio pubblico? A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tino
    > Perchè allora non interrompiamo anche le
    > trasmissioni di radio radicale che oltretutto
    > prende 10 milioni di euro all'anno di
    > finanziamento dello Stato con la bella scusa che
    > si tratta di un servizio pubblico?
    >A bocca aperta
    almeno loro, una scusa l'hanno...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tino
    > Perchè allora non interrompiamo anche le
    > trasmissioni di radio radicale che oltretutto
    > prende 10 milioni di euro all'anno di
    > finanziamento dello Stato con la bella scusa che
    > si tratta di un servizio pubblico?
    >A bocca aperta

    Quoto! Non e' un servizio pubblico!Perplesso
    non+autenticato
  • Il vaticano prende un miliardo l'anno dalle casse dello stato

    E ha dei privilegi che gli sono stati dati ingliustamente
    harvey
    1481
  • - Scritto da: Tino
    > Perchè allora non interrompiamo anche le
    > trasmissioni di radio radicale che oltretutto
    > prende 10 milioni di euro all'anno di
    > finanziamento dello Stato con la bella scusa che
    > si tratta di un servizio pubblico?
    >A bocca aperta

    Ma loro non inquinano elettromagneticamente... magari solo mentalmente!
    non+autenticato
  • Pero' c'e' la questione aperta del finanziamento dello Stato ad una radio di partito, non un servizio pubblico! Sorpresa
    non+autenticato
  • guardate che stiamo parlando di megawatt, e non di potenze paragonabili a quelle delle bts dei cellulari
    non+autenticato
  • - Scritto da: onda anomala
    > guardate che stiamo parlando di megawatt, e non
    > di potenze paragonabili a quelle delle bts dei
    > cellulari

    Mi sembra di ricordare, ma magari mi sbaglio, che oltre alla potenza del segnale si debba tenere conto anche della sua frequenza per avere un' idea degli effetti sui sistemi biologici (e non): il microonde di casa cucina una bistecca con meno di 1 KW mentre anche con emissioni da 1MW ma di onde radio non mi risulta che si possa cucinare alcunchè...
    Se ci fossero dubbi si prega di portare una bistecca sotto le antenne incriminate e provare a vedere se si cuoce...
    non+autenticato
  • Giusto per amore della precisione:
    Potenza max. trasmettitori di S.Maria di Galeria
    500 kW in SW
    300 kW in MW

    Ora, dato che l'attenuazione di spazio libero è proporzionale a 1/(r^2), calcola quanta di quella potenza rimane a 320 metri di distanza.
    Ora ricalcola la stessa cosa, ma con una potenza iniziale di 2W e la distanza di 1 metro, e con una potenza iniziale di 25W e la distanza di 20 metri. Poi cerca cosa ha una potenza massima di 2W e di 25W. E trai le conclusioni da solo.

    Poi cerca Allouis, France Inter, 2000kW. E trai le conclusioni da solo.

    Poi cerca DPCM 199/2003 e Directive 2004/40/EC. E trai le conclusioni da solo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: onda anomala
    > guardate che stiamo parlando di megawatt, e non
    > di potenze paragonabili a quelle delle bts dei
    > cellulari

    Megawatt??? IGNORANTE! Cos'è il radiotelescopio di Arecibo che trasmette segnali agli extraterrestri?? Sono Kilowatt, IGNORANTE, Kilowatt!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)