Mauro Vecchio

Indymedia, il buio dopo la diffamazione

Le sezioni Piemonte e Toscana del network d'informazione indipendente sono state sequestrate dal gip di Milano. Nel mirino, quattro articoli denunciati come diffamatori da una misteriosa multinazionale

Roma - L'ordine di sequestro preventivo è stato trasmesso ai principali provider italiani dal gip di Milano, per chiudere tutti gli accessi ad alcune sezioni locali del network d'informazione indipendente Indymedia. Le pagine online dedicate alle regioni Piemonte e Toscana sono all'improvviso sparite dal web tricolore, anche se la prima risulta attualmente accessibile dalle postazioni della redazione di Punto Informatico.

Stando ad un intervento firmato dall'avvocato Fulvio Sarzana sul sito de Il Fatto Quotidiano, la ragione dell'ordine d'inibizione risiede nella pubblicazione di quattro articoli ritenuti diffamatori da una non meglio specificata multinazionale. La stessa società aveva deciso per la querela contro i responsabili di Indymedia, appunto dopo la pubblicazione da parte di un utente anonimo.

Stando al contenuto dei pezzi pubblicati da Indymedia Toscana e Piemonte, i vertici della suddetta multinazionale avrebbero intrecciato discutibili relazioni con "soggetti di diretta o indiretta caratura mafiosa", da cui il titolo mafioso è bello.
Nel testo dell'ordine di sequestro per diffamazione a mezzo stampa si apprende che "la querelante viene descritta, in estrema sintesi, come una società la cui politica aziendale è stabilmente caratterizzata dall'abituale ricorso a scorrette pratiche commerciali, spesso sconfinanti nei reati di corruzione, turbativa d'asta e illegale intercettazione di comunicazioni e conversazioni".

Come ricordato dallo stesso Sarzana, quello contro Indymedia è il secondo ordine d'inibizione ordinato per diffamazione online. Il portale Vajont.info era stato reso inaccessibile per una metafora alpina sgradita all'On. Maurizio Paniz. Il gestore della piattaforma Tiziano Dal Farra era stato condannato al pagamento di una multa pari a 900 euro - più 10mila euro di danni - e costretto a rimuovere il post per poter tornare online.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàVajont.info, ritorno al webAccolto il ricorso. Il portale di Tiziano Del Farra potrà tornare online. Ma senza la metafora alpina sugli On. Scilipoti e Paniz. L'admin condannato per diffamazione
  • AttualitàVajont.info, la resistenza dei providerDepositato presso il Tribunale del Riesame di Belluno il ricorso contro l'ordine di inibizione di tutti gli accessi al portale dedicato al disastro del Vajont. Gli ISP di Assoprovider-Confcommercio sperano in un nuovo caso Moncler
37 Commenti alla Notizia Indymedia, il buio dopo la diffamazione
Ordina
  • Mi oppongo, Vostro Onore (M. Vecchio)
    Mai viste/lette tante cazzate (voce del verbo *cazzeggiare*).
    Eppure, sarebbe bastato interpellare Dal Farra Tiziano (o semplicemente navigare due (2 !!) pagine del sito in questione, www.vajont.info e www.vajont.info/tolta.html) per potersi fare un'idea della faccenda, e soprattutto cominciare a rendersi conto della MELMA che c'è dietro a tutto l'affare (oggi denominato "vajont.info").
    Veniamo all'oggi/all'articolo.

    Leggo (vox Vecchio, vox Dei): "Il gestore della piattaforma Tiziano Dal Farra era stato condannato al pagamento di una multa pari a 900 euro - più 10mila euro di danni - e costretto a rimuovere il post per poter tornare online."

    Traduzione: "Il gestore del 'portale della Memoria' perseguito da una mafia, Tiziano Dal Farra era stato condannato IN PRIMO GRADO (in altro processo, e APPELLO IMMEDIATO, quindi, 'calma e gesso') al pagamento di una multa pari a 900 euro - più 10mila euro di danni (e RIPETO, è ALTRA COSA, tempo al tempo) - e (ri-attenzione!!) costretto a rimuovere il post per poter tornare online."

    Commento: sarebbe molto bello - per me, Dal Farra Tiziano - poter leggere qualcosa di veritiero o che solo si avvicini alla realtà delle cose, in questa battaglia civile.
    A ) Col piffero, che "sono stato *costretto*, a rimuovere il 'post'.
    Tant'è vero che se solo lo voglio, in meno di un batter d'occhio, lo rimetto e lo trasformo in 700 pagine audiovideo.
    Basterebbe prendersi la briga di spostarsi di un clic da questa pagina e - chessò - leggere queste righe
    =======
    Per LEGITTIMA DIFESA..., (nota sperabilmente risolutiva, definitiva E EVIDENZIATA in GIALLO e ad uso di media, bloggers, Corriere.it, Repubblica et cetera, et simili, che ipotizzano da SETTIMANE su decine e decine di pagine in web e su carta le fesserie più strampalate - tipo lisergici 'interventi della GdF(?) su GoDaddy in USA' - e pregiudizi/supposizioni su cose e persone di cui non hanno alcuna idea ma affidandosi ai comunicati-stampa/spot dello Studio Paniz.
    Geniale, no? e giù coi copia/incolla dei medesimi, e di agenzie, e di "sapete? ho sentito 'X' che ha letto su "Y" che ...").
    Credo/credevo di scrivere in italiano.
    Ma se non fosse ancora sufficiente, il mio numero di cell è sempre il 339 6503360 e sta(va, è) scritto in web fin dal 2002: svegliatevi, magari.
    Qualche volta, se qualcuno tornasse e capisse d'aver scritto fesserie, se ne vergogni anche. Sempre che lo possa, OVVIO; che ne abbia ancora la facoltà.
    Grazie, molte, a tutti. Anticipate. E postdatate, e retroattive...

    Teseo: «Mi chiedo se anche il leone avrà qualche sua battuta da dire»
    Demetrio: «Non c'è da meravigliarsene, signore.
    Può ben dire la sua il leone, quando ci son così tanti asini in giro a dire la loro»
    (William Shakespeare) Come si nota era tutto scritto. Da secoli

    N.B.: e speriamo sia FINITA ... -->> inizio dei *FATTI*:

    Dal luglio del 2003 raccolgo, riordino e pubblico "documentazione Vajont"; e dal 2004 anche reati di sindaci e ex-sindaci (longaronesi e non) e quelli del loro avvocato + socio + testimonial paniz - e ove ritengo occorrano le mie relative opinioni/nozioni - per un preciso obbligo MORALE; e quindi delle ovvie, previste, puntuali, immancabili querele di questi ZEBEDEI me ne impipo altamente (rapporto costi/benefìci) da ...
    3119 Days, 05 Hours, 49 Minutes, 40 Seconds.
    *(SITO «DE-PANIz Z I Z zATO»)*
    - Art. 1 = i paniz hanno ragione.
    - Art. 2 = i paniz hanno *SEMPRE* ragione.
    - Art. 3 = nella remotissima *ipotesi (lo dice il NOME! e pure l'aggettivo, cazzo!) contraria* ... entreranno immediatamente in vigore gli Art. 1, e 2 !
    E adesso stàmpati anche questa, caro ...
    (sta' buono, te la spiego poi in aula)

    AGGIORNAMENTO 09/05/12, 14.00, Orio al Serio, BG (in piazzola emergenza A4)

    --> Dopo cortese richiesta sul mio cell a nome del magistrato De Bortoli - via la PolPost Belluno, 20 minuti fa - e per quanto mi riguarda ben volentieri, io CANCELLO solennemente e *VOLONTARIAMENTE* QUESTA --> "presunta FRASE DIFFAMANTE" http://anonymouse.org/cgi-bin/anon-www.cgi/www.vaj... sul penoso maramaldo, allevatore di cavilli© bellune$e.

    FINE, dei *FATTI*. Punto, fine: 'cortesia PER cortesia'. È abbastanza in italiano?
    (per Mauro Vecchio: "costretto" a fare cosa?? scommettiamo, io e te??)
    ===========
    E per gli scettici (ognuno è sempre libero di dubitare della *mia* versione, di prima mano) c'è poi questo: http://anonymouse.org/cgi-bin/anon-www.cgi/http://...

    Serve un disegnino??
    Per qualsiasi notizia/aggiornamento/curiosità (il processo per "paniz guida-alpina" della montagna di merda *NON è ANCORA stato FISSATO*, per cui l'articolo di Vecchio è assolutamente FUORVIANTE, dato che mostra di non sapere di cosa scrive) inviterei a contattarmi e/o a seguirmi su - chessò - FaceBook.
    I miei recapiti (tiziano@vajont.info o 339 6503360) sono da oltre 10 anni in web, faccia e tutto, e indirizzo ... ma tranne pochissimi (Corriere.it, ad esempio) nessuno ha sentito il bisogno/necessità/curiosità di *conoscere* davvero i fatti dall'interessato.
    Fatti, e atti, che in realtà, riguardano - piaccia o meno - ognuno di Voi, Vecchio Mauro incluso. Interessa??
    Datevi da fare, allora. Quello che riscontro io da parecchi anni, è un'ignoranza senza fine. Ed è un peccato, davvero: uno finisce che si chiede, come Saviano, chi glie l'ha fatto fare, visti certi articoli, o commenti.

    Studiare il (caso) Vajont, *conviene*. E' la metafora d'Italia.
    http://www.youtube.com/watch?v=mSBmhiuePwE&list=UU...
    Saluti, pace.

    Sempre a disposizione
    Cordiali saluti,

    Tiziano Dal Farra
    via Monte Grappa, 201 - 32100 Belluno
    cell 339 6503360 - abit. 0437 926585
    N 46°07.701 E 012°12.777

    web: http://www.vajont.info/libri.html (se non lo vedeste, usate un proxy)

    Aut viam inveniam aut faciam.
    Legum servi sumus ut liberi esse possimus.
    Dulce bellum inexpertis.
    Omnia causa fiunt.
  • - Scritto da: tizianodf
    > Mi oppongo, Vostro Onore (M. Vecchio)
    >
    > --> Dopo cortese richiesta sul mio cell a nome
    > del magistrato De Bortoli - via la PolPost
    > Belluno, 20 minuti fa - e per quanto mi riguarda
    > ben volentieri, io CANCELLO solennemente e
    > *VOLONTARIAMENTE* QUESTA --> "presunta FRASE
    > DIFFAMANTE"
    > http://anonymouse.org/cgi-bin/anon-www.cgi/http://... (mancava il link/proxy)
    >
    > FINE, dei *FATTI*. Punto, fine: 'cortesia PER
    > cortesia'. È abbastanza in
    > italiano?
    > (per Mauro Vecchio: "costretto" a fare cosa??
    > scommettiamo, io e
    > te??)
    > ===========
    > E per gli scettici (ognuno è sempre libero di
    > dubitare della *mia* versione, di prima mano) c'è
    > poi questo:
    > http://anonymouse.org/cgi-bin/anon-www.cgi/http://...
    (proxy o non proxy, a voi interessa QUESTO: http://www.vajont.info/2012img/tenin9Mar2012.jpg )
    ECCETERA
    >
    > Serve un disegnino??

    > Sempre a disposizione
    > Cordiali saluti,
    >
    > Tiziano Dal Farra
    > via Monte Grappa, 201 - 32100 Belluno
    > cell 339 6503360 - abit. 0437 926585
    > N 46°07.701 E 012°12.777
    >
    > web: http://www.vajont.info/libri.html (se non lo
    > vedeste, usate un
    > proxy)
    >
    > Aut viam inveniam aut faciam.
    > Legum servi sumus ut liberi esse possimus.
    > Dulce bellum inexpertis.
    > Omnia causa fiunt.
  • - Scritto da: tizianodf

    > > Mi oppongo, Vostro Onore (Mauro Vecchio)
    > >
    > > --> Dopo cortese richiesta sul mio cell a nome
    > > del magistrato De Bortoli - via la PolPost
    > > Belluno, 20 minuti fa - e per quanto mi riguarda
    > > ben volentieri, io CANCELLO solennemente e
    > > *VOLONTARIAMENTE* QUESTA --> "presunta FRASE
    > > DIFFAMANTE"
    > >
    > http://anonymouse.org/cgi-bin/anon-www.cgi/http://
    > >
    > > FINE, dei *FATTI*. Punto, fine: 'cortesia PER
    > > cortesia'. È abbastanza in
    > > italiano? (per Mauro Vecchio: io "costretto", a fare cosa??
    > > scommettiamo, io e te?? che rimetto online in tre secondi la frase/gag sulla montagna di Paniz??)
    > > ===========
    > > E per gli scettici (ognuno è sempre libero di
    > > dubitare della *mia* versione, di prima mano)
    > c'è poi questo: http://www.vajont.info/2012img/tenin9Mar2012.jpg
    > >
    http://www.vajont.info/paciclica.jpg <--- Questo, a mio parere, è il più bell'articolo finora comparso, in rete, su QUELL'OSCURAMENTO. Forse perché di tutti quelli che dissero la loro, Paciclica è l'unico che mi abbia conosciuto SUL CAMPO ???
    > proxy o non proxy, a voi interessa QUESTO:
    > http://www.vajont.info/2012img/tenin9Mar2012.jpg
    >
    > ECCETERA
    > >
    > > Serve un disegnino??
    > meglio questo: http://www.vajont.info/tolta/Schermata%202012-03-1...

    > > Sempre a disposizione DI CHIUNQUE
    > > Cordiali saluti,
    > >
    > > Tiziano Dal Farra
    > > via Monte Grappa, 201 - 32100 Belluno
    > > cell 339 6503360 - abit. 0437 926585
    > > N 46°07.701 E 012°12.777
    > >
    > > web: http://www.vajont.info
    (se non le vedeste, ad esempio gli utenti di Fastweb e di Infostrada, usate un proxy)
    > > > > web: http://www.vajont.info/tolta.html

    > > Aut viam inveniam aut faciam.
    > > Legum servi sumus ut liberi esse possimus.
    > > Dulce bellum inexpertis.
    > > Omnia causa fiunt <----
    GRAZIE
  • La misteriosa multinazionale che intreccia affari con società legate alla mafia russa non è affatto misteriosa. Si chiama Coeclerici Spa, azienda di shipping (fornisce il carbone alle centrali Enel) e qualche anno fa è stata oggetto di una condanna per tangenti elargite a dirigenti dell'ENEL.

    Oscurato un sito di informazione? Può essere che qualcosa desse fastidio? Indymedia al buio ... è la riprova che siamo in uno stato democratico dove si pratica la sana censura.
    non+autenticato
  • Beh intanto la misteriosa multinazionale non è affatto misteriosa. Si chiama Coeclerici Spa, azienda di shipping (fornisce il carbone alle centrali Enel) e qualche anno fa è stata oggetto di una condanna per tangenti elargite a dirigenti dell'ENEL.

    Questa è la riprova che siamo in uno stato democratico dove si pratica la sana censura.
    non+autenticato
  • che peracottari, toscana non è stata censurata, è stata chiusa anni fa, piemonte è viva e vegeta, guardate il newswire (e il sito in italiano), e come da bravi servi continuate a pigliare ogni notizia sfalsata come dogma inscindibile.
    Comunque ora si vedrà cosa faranno in termini di blocco, perché di questo si parla (livello di dns o ip dato che URL non è possibile sperando che non ci siam svegliati di botto in Cina) e non di sequestro.
    non+autenticato
  • > che peracottari, toscana non è stata censurata, è
    > stata chiusa anni fa, piemonte è viva e vegeta,
    > guardate il newswire (e il sito in italiano), e
    > come da bravi servi continuate a pigliare ogni
    > notizia sfalsata come dogma
    > inscindibile.

    Be', la fonte nell'articolo era indicata chiaramente: Fulvio Sarzana di S. Ippolito, avvocato, professore a contratto di "Regolamentazione giuridica delle reti" presso l'università "La Sapienza" di Roma:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/06/13/indymed.../

    Messaggio per i redattori di PI: mai, mai, mai riprendere notizie da Il fatto quotidiano prima di aver controllato perfino le virgole. Soprattutto quando provengono dai weblog collegati come quello di Sarzana, e non dalle pagine del giornale stesso.

    > Comunque ora si vedrà cosa faranno in termini di
    > blocco, perché di questo si parla (livello di dns
    > o ip dato che URL non è possibile sperando che
    > non ci siam svegliati di botto in Cina) e non di
    > sequestro.

    Per la verità qui non si parla né di blocco né di sequestro, visto che il sito si vede; forse Sarzana ha notizie riservate?

    Ricordo per inciso che i server di indymedia sono stati sequestrati due volte, una il 7 ottobre 2004 su richiesta dell'FBI americana, l'altra il 27 giugno 2005 dalla polizia di Avon E Somerset, Gran Bretagna.
    non+autenticato
  • Ancora una volta la scempiaggine dei censori mostra il suo ridicolo volto: senza il tentato oscuramento moltissimi di questa storia non avrebbero mai sentito parlare
    non+autenticato
  • Non saprei valutare se la società COECLERICI sia mafiosa o meno ma una cosa è   sicura, la cosicenza tanto a posto non ce l’ha. Se COECLERICI si scalda tanto e vuole il silenzio di Indymedia vuol dire che in qualche modo teme quello che scrive. E se Indymedia è stata presa di mira tanto da arrivare al punto d’essere oscurata e ridotta al silenzio vuol dire che allora ha davvero pestato i piedi   a qualche potere mafioso.   
    Normali deduzioni logiche
    non+autenticato
  • > Non saprei valutare se la società COECLERICI
    > sia mafiosa o meno ma una cosa è   sicura,
    > la cosicenza tanto a posto non ce l’ha. Se
    > COECLERICI si scalda tanto e vuole il silenzio
    > di Indymedia vuol dire che in qualche modo
    > teme quello che scrive.

    Ma no, leggi gli altri commenti lasciati alcuni giorni fa: non c'è alcun blocco di Indymedia, per nesuna regione. È la classica cantonata presa da Fulvio Sarzana, avvocato e blogger del Fatto quotidiano . Più blogger che avvocato, direi....


    > E se Indymedia è
    > stata presa di mira tanto da arrivare al
    > punto d’essere oscurata e ridotta al silenzio
    > vuol dire che allora ha davvero pestato i
    > piedi   a qualche potere mafioso.

    Un potere mafioso così potente e temibile da non rendersi conto che quei documenti sono stati resi pubblici da Indymedia quattro anni fa. La data riportata, perlomeno, è 19 aprile 2008.
    Il classico caso basato sul nulla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > http://piemonte.indymedia.org/article/15270

    > no, ma dico, almeno leggere?

    E' quello che si e' fatto: http://italy.indymedia.org/f/6652/16-06-12/indagin...

    " Al momento nessuna pagina e' stata oscurata (UPDATE 17/6: sembra che alcuni provider, tra cui Telecom Italia, abbiano iniziato ad oscurare piemonte e toscana) "
    krane
    22544
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > http://piemonte.indymedia.org/article/15270
    >
    > no, ma dico, almeno leggere?

    Che al sito di Indymedia Italia la mano destra non sappia quel che fa la sinistra, è noto: basti pensare che Indymedia Toscana è stato ritirato dagli organizzatori alcuni anni fa, e non è mai stato rimesso online.


    Che dire sulla circostanza in sé, Luca Annzunziata? Io dall'estero vedo perfettamente indymedia Piemonte, gli altri utenti dall'Italia vedono perfettamente indymedia Piemonte, compreso l'articolo incriminato con la frase "mafioso è bello", altra conclusione non c'è che: è tutto fumo .
    non+autenticato
  • Telecom ha oscurato, probabilmente anche fastweb
    non+autenticato
  • - Scritto da: papallo indymedia piemonte
    > Telecom ha oscurato, probabilmente anche fastweb


    Bene, è un aggiornamento.
    E gli altri? Sorride
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)