La Cina blocca i server sparaspam

I cybercop cinesi tagliano fuori dal traffico internet cinese tutto ciò che proviene da 127 server internazionali, usati dagli spammer per inondare la rete di spazzatura

Roma - Uno squadrone di cybercop pechinesi si è messo al lavoro per impedire ad alcuni dei maggiori spammer di fare il bello e il cattivo tempo nelle caselle di posta elettronica degli utenti cinesi. Anche in Cina, infatti, il fenomeno spam è da tempo divenuta una vera e propria emergenza.

Stando a quanto riferito dall'agenzia di stampa di stato, Xinhua, sarebbero 127 i server che nel corso dell'ultimo mese la divisione locale di Società Internet ha individuato come fonte di spam. Molti di questi si trovano a Taiwan, alcuni all'interno del territorio cinese e alcune decine sparsi in diversi altri paesi.

Con i dati raccolti da ISA, spiega Xinhua, i cybercop si sono messi in moto per realizzare una black list ufficiale, ovvero una lista nera che elenca i server fonte di spam.
Poiché in Cina il traffico in entrata e uscita è filtrato da proxy governativi, per Pechino è sufficiente attivare la black list sulle proprie infrastrutture per mettere alla porta lo spam proveniente da molti di quei server. In pratica, dunque, le email spammatorie in arrivo saranno automaticamente rifiutate dai server cinesi.
TAG: mondo
6 Commenti alla Notizia La Cina blocca i server sparaspam
Ordina
  • Ricevo piu` spam dalla Cina che da tutto il resto del mondo.
    Prima il regime comunista permette una schifezza del genere, ora si decidono a utilizzare i loro filtri governativi (che anch'essi sono un grave abuso) per bloccare una parte dello spam... finche` non se ne andranno i comunisti subiamoci questo e altro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Ricevo piu` spam dalla Cina che da tutto il
    > resto del mondo.

    E che siti pubblicizzano? Cinesi? Non credo.
    Comunque la maggior parte dello spam arriva
    dalla Corea del Sud. E anche in questo caso
    i siti pubblicizzati sono ... Americani!

    > Prima il regime comunista permette una
    > schifezza del genere...

    Non è una questione di regime ma di gestione degli
    abusi (o megli di abusi non gestiti). Da questo punto
    di vista in Italia, con Telecomitalia, non siamo messi
    meglio.

    > ...che filtrassero in uscita i LORO server
    > spammatori....

    A-hem.
    I "server spammatori" non spediscono *MAI* a te direttamente. Gli spammer professionisti americani
    usano open proxy e open relay (macchine "bucate"
    o mal configurate") per spedire messaggi senza
    essere rintracciati.
    Tant'è che uno dei sistemi migliori per bloccare lo
    spam è di fare uso delle cosiddette DNS-BL.

    In Cina come in Corea del Sud, per la crescita
    esplosiva che Internet sta avendo in questi paesi
    (in special modo in Corea del Sud dove stanno
    dando banda larga a tutti) esistono tantissime
    macchine malconfigurate o "bucate" e per il
    loro numero e per il caos amministrativo risulta
    complicato rimediare da parte dei provider.
    Ecco perchè la maggior parte dello spam
    viene da questi paesi. La cosa triste è che
    sta aumentando tantissimo la quota di macchine
    italiane in queste condizioni. E da non non è
    una questione di crescita esplosiva ma di
    inettitudine dei gestori.

    Aggiungi a questo che per procurarsi nuove
    macchine da sfruttare per spedire robaccia
    gli spammer stanno cominciando ad utilizzare
    i virus. La famiglia di worm Sobig.* viene
    attivamente sfruttata per installare proxy
    aperti sulle macchine degli infettati.

    Come vedi i "comunisti" c'entrano ben poco.


    non+autenticato
  • Mi congratulo, non avrei saputo rispondere
    in maniera più corretta ed esaustiva a chi parla e scrive per sentito dire..

    non+autenticato
  • ..anche io vorrei poter filtrare in partenza piu' spam possibile,
    dove posso trovare queste "black list" di server spara spam?
    non+autenticato
  • ...che filtrassero in uscita i LORO server spammatori.... a me arrivano tonnellate di messaggi spam provenienti da server cinesi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > ...che filtrassero in uscita i LORO server
    > spammatori.... a me arrivano tonnellate di
    > messaggi spam provenienti da server
    > cinesi...

    Gli spammer sono praticamente tutti americani. Usano
    open proxy e open relay (macchine "bucate" o mal
    configurate") per spedire messaggi sensa essere
    rintracciati. Credo che nell'articolo si intenda che
    i cinesi bloccheranno questi server, che utilizzano
    computer compromessi in cina per spedire spam.
    Le "spam farm" sono relativamente poche e ben
    localizzate.

    non+autenticato