Alfonso Maruccia

A scuola meglio un tablet o un notebook?

C'è chi vorrebbe colmare il digital divide con i gadget touch, chi con i mini-notebook e chi con i terminali web-centrici. Per Bill Gates, invece, a scuola serve un PC

Roma - L'obiettivo è sempre quello: sconfiggere il digital divide e fornire dispositivi informatici alle classi scolastiche dei paesi più o meno sviluppati. Ma le ricette sono diverse: c'è chi vuol vendere tablet agli studenti, chi terminali web e chi invece elogia le superiori capacità interattive di un PC propriamente detto.

Per i tablet low-cost, in verità, la situazione appare problematica: XO-3, il gadget (ARM) da 100 dollari progettato da OLPC (One Laptop Per Child) come continuazione del suo progetto di informatizzazione degli studenti meno fortunati, è al momento in ritardo sula tabella di marcia.

Nicholas Negroponte (che OLPC ha fortissimamente voluto qualche anno fa) dice che il progetto va avanti e che il tablet è in fase di finalizzazione, tanto più che ora l'organizzazione ha imparato dai suoi errori passati e appalterà la fase di produzione vera e propria ad aziende esterne.
In difficoltà anche il progetto Aakash, il tablet indiano da pochi dollari che nella sua seconda, più performante incarnazione (la CPU ARM passa da 366 Mhz a 800 Mhz) verrà gestito direttamente dall'Indian Institute of Technology-Bombay (IIT-B) e presto (entro luglio) verrà spedito a 100mila studenti e insegnanti della popolosa nazione asiatica.

E mentre Lenovo annuncia la disponibilità (anche in Italia) del portatile ThinkPad X131e "studiato appositamente per gli studenti" (CPU Intel o AMD, grafica HD, USB 3.0, audio Dolby Surround, WiFi e via elencando), Google tiene a far sapere che il suo discusso terminale Chromebook riscuote un certo successo nel settore educativo e viene adottato da 500 distretti scolastici negli USA e in Europa.

Ma se la scelta è tra un dispositivo di "fruizione" come può essere un tablet (iPad) o un terminale web-centrico (Chromebook) e un PC con tanto di tastiera e piene funzionalità interattive di uno strumento informatico evoluto, Bill Gates non ha dubbi: non si possono semplicemente fornire gadget a studenti e professori e attendersi magie, suggerisce il fondatore di Microsoft. A scuola è previsto che si scriva e si comunichi oltre a visionare clippini video e output di "app" su schermi mignon, suggerisce il filantropo Gates, quindi ci vuole un PC con tutti i crismi del caso. Fosse anche "low-cost", ma serve un PC.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàIndia, il tablet meno costoso del mondoSi chiama Aakash, per gli studenti costerà appena 26 euro e punta a combattere il digital divide e diffondere l'istruzione nel paese. Avrà anche delle lacune, ma si poteva chiedere di più?
  • TecnologiaXO-3, 100 dollari di tabletIl laptop economico di Nicholas Negroponte si trasforma in un gadget con schermo touch e, dalla vetrina del CES, si prepara ad approdare nei paesi in via di sviluppo. Ma la concorrenza è ampia e agguerrita
  • TecnologiaChrome OS, secondo tentativoSamsung presenta un nuovo Chromebook e Chromebox per il desktop. Google insomma ci riprova con la sua idea di thin client. Che fino a questo punto non ha cambiato la storia
162 Commenti alla Notizia A scuola meglio un tablet o un notebook?
Ordina
  • A scuola sicuramente con un tablet o un pc a patto che i libri di testo (in formato digitale) vengano offerti gratuitamente agli studenti che li scaricheranno da un database statale col proprio nome utente e password. Paghiamo gia abbastanza tasse/iscrizioni e si pretende un ritorno economico, tutti sanno quanto possa pesare la spesa scolastica su ogni famiglia (libri, penne, quaderni e arnesi vari), ai miei tempi si aggirava sul milione di lire ogni settembre, il grosso della spesa erano libri di testo che cambiavano ogni anno.
    non+autenticato
  • Beh se avessimo studiato con i PC:
    1) La burocrazia italiana sarebbe stata più veloce e affidabile
    2) Meno spreco di carta
    3) Più lavoro per aziende e programmatori per creare software educativi adatti alle scuole
    4) Percorsi formativi finalizzati all'inserimento lavorativo. Chissà perche le scuole professionali danno più lavoro delle università. Forse perchè ti insegnao veramente qualcosa?
    5) Minore discriminazione sociale: oggi fortunatamente anche un non vedente o un sordo può usare il computer. Certo la tecnologia andrebbe affinata ma i presupposti ci sono.
    6) Uguaglianza sostanziale: se non posso prendermi un PC lo posso usare a scuola. Ecco la filantropia di Bill (ve lo ricordate il computer con la manovella? Il progetto per l'Africa? Certo è business ma almeno inteliggente.
    7) La scelta è il PC: un tablet non durerebbe neanche una settimana perchè è delicato, tende facilmente a rompersi ed è poco pratico da un punto di vista didattico. Quanto costerebbe per la scuola comprare app decenti che a stento riescono a coprire la complessitàò di un software da PC?
    8) L'unico aspetto negativo? Il sistema che si sceglierà. Windows, Linux e Mac. Quale di questi? Io spero tutti senza distinzione tra chi è meglio e peggio ma lasciando allo studente e non al professore di decidere. Ognuno può essere usato per scopi diversi.

    Altro aspetto negativo: l'inquinamento. La crescita esponenziale di PC aumenta il consumo elettrico e il loro riciclo. Spero che anche qui si trovi un modo non cinese di risolvere il problema.
    non+autenticato
  • ...io mi limiterei a usare quaderni, penna e libri. Tutto il resto, in teoria, dovrebbe essere fatto dal cervello.
    non+autenticato
  • Il problema è che ormai da decenni la tendenza è di disattivare il cervello degli studenti già da piccoli, così poi non scassano la m... ai potenti una volta cresciuti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro Lamberti
    > ...io mi limiterei a usare quaderni, penna e
    > libri. Tutto il resto, in teoria, dovrebbe essere
    > fatto dal
    > cervello.

    Non insegnamo le futre generazioni ad usare i nuovi strumenti ?
    Sgabbio
    26177
  • > Non insegnamo le futre generazioni ad usare i
    > nuovi strumenti
    > ?

    Ma per carità, vi sono allievi delle elementari ed addirittura delle medie che si trovano in difficoltà a fare una somma senza la calcolatrice!
    E se faranno un test per ragionieri anche con la calcolatrice non supereranno l'esame poichè con la calcolatrice certi calcoli diventano lenti.
    In parole povere avranno gravi carenze nelle superiori.
    E poi questo è solo businness per le aziende come M$ e compagnia.
    Imparino ad usare penna e matita ed il cervello, poi sarà molto più facile anche usare le macchine.
    Oppure devono imparare ad usare un'auto prima ancora di saper camminare con le proprie gambe?
  • - Scritto da: ninjaverde
    > > Non insegnamo le futre generazioni ad usare i
    > > nuovi strumenti
    > > ?
    >
    > Ma per carità, vi sono allievi delle elementari
    > ed addirittura delle medie che si trovano in
    > difficoltà a fare una somma senza la
    > calcolatrice!

    elasticità mentale, è questo che dovrebbero insegnare nelle scuole, non a sommare numeri a mano, non serve ad un tubo!


    > E se faranno un test per ragionieri anche con la
    > calcolatrice non supereranno l'esame poichè con
    > la calcolatrice certi calcoli diventano
    > lenti.

    tipo?


    > In parole povere avranno gravi carenze nelle
    > superiori.

    le carenze si hanno perchè non ci sono insegnanti all'altezza! È apitato anche a me, parecchi anni fa, i primi due anni delle superiori avevo la media del 5, mentre poi la media del 7. Nel frattempo era cambiata la prof, io continuavo a studiare come sempre!

    > E poi questo è solo businness per le aziende come
    > M$ e
    > compagnia.

    Il business è business, ma è giusto insegnare ad utilizzare gli strumenti disponibili, altrimenti ti trovi delle generazioni informaticamente analfabete, e questo è un MALE, credimi!


    > Imparino ad usare penna e matita ed il cervello,
    > poi sarà molto più facile anche usare le
    > macchine.
    > Oppure devono imparare ad usare un'auto prima
    > ancora di saper camminare con le proprie
    > gambe?

    no, devono imparare ad usare prima le gambe, com'è giusto che sia, ma anche un'auto, visto che solo con le gambe si va lontano pochi km...
  • > elasticità mentale, è questo che dovrebbero
    > insegnare nelle scuole, non a sommare numeri a
    > mano, non serve ad un
    > tubo!
    >

    Ma l'elasticità mentale non si ottiene pigiando pulsanti sull'Ipod o tablet che sia.
    Occorre prima di tutto imparare ad usare i numeri senza macchinette, poi i seguito c'è il tempo anche per imparare ad usare le macchine, e semmai a conoscere e capire come funzionano.
    L'uso passivo della macchine è antitetica alla elasticità mentale che citi.

    >
    > > E se faranno un test per ragionieri anche con la
    > > calcolatrice non supereranno l'esame poichè con
    > > la calcolatrice certi calcoli diventano
    > > lenti.
    >
    > tipo?
    1/4+1/5-1/7 è più o meno grande di: 1/3-3/16-5/8 ?
    16/8+3/5+8/36 è più o meno grande di 36/16+1/5+17/65 ?
    oppure le più semplici:
    34+3+87+6-45 è un numero piò o meno grande di 55-21+41-7 ?
    5x32+28 è più o meno di 4x45-29+43
    Ed altre simili al test per ragioneria dello stato per controllori
    impiegati uffici tasse.
    I test hanno circa un centinaio di questi calcoli più o meno simili agli esempi. L'uso della calcolatrice è consentito, ma chi usa la calcolatrice non riuscirà a finire tutti i test nel tempo previsto.


    >
    >
    > > In parole povere avranno gravi carenze nelle
    > > superiori.
    >
    > le carenze si hanno perchè non ci sono insegnanti
    > all'altezza! È apitato anche a me, parecchi anni
    > fa, i primi due anni delle superiori avevo la
    > media del 5, mentre poi la media del 7. Nel
    > frattempo era cambiata la prof, io continuavo a
    > studiare come
    > sempre!

    Questa è un'altra questione grave.
    La figlia di u7n mio amico non sapeva chi era Che Guevara, ho cercato di spiegare qualcosa del personaggio e subito mi ha chiesto:
    Gli ho detto che la sua storia più conosciuta si è svolta a Cuba e poi in America latina. Lei mi ha chiesto se Cuba era in Spagna.
    Allora gli ho detto che non conosceva la geografia oltre che la storia contemporanea. E lei mi ha detto che il suo professore (delle medie) di italiani-storia e geografia dormiva in classe!
    Ora al liceo ha già perso 2 anni, ed i professori dicono che ha carenze.



    > Il business è business, ma è giusto insegnare ad
    > utilizzare gli strumenti disponibili, altrimenti
    > ti trovi delle generazioni informaticamente
    > analfabete, e questo è un MALE,
    > credimi!

    Difendi il businness anche quando è dannoso?
    Per le conoscenze informatiche possiamo aggiungere una materia, nelle medie tanto per dare una base. Ma la Base non è saper usare Microsof office, poichè per quello basta leggersi un manuale e fare un pò di pratica, e semmai per chi vorrà potrà fare un pò di dattilografia al computer. Occorre invece conoscere le basi del funzionamento del Pc, sapere4 le basi del linguaggio binario, conoscere le basi di come funziona una rete come internet. E mi sembra che per un programma delle scuole medie ce nè già abbastanza. Per questo non occorre neanche uno strumento, se non per alcune prove pratiche, il resto si fa alla lavagna, o con qualche testo. Volendo con alcuni esercizi semplici di programmazione. Poi chi vorrà fare l'informatico sceglierà le scuole superiori che lo preparano sull'argomento.
    Se si continua ad usare i Pc o similari nelle scuole per imparare solamente a pigiare pulsanti, muovere un mouse o mettere ditate su di uno schermo, non si fa certo un'istruzione utile, tantomeno si stimola la parte inventiva degli allievi.

    > no, devono imparare ad usare prima le gambe,
    > com'è giusto che sia, ma anche un'auto, visto che
    > solo con le gambe si va lontano pochi
    > km...
    Ma l'auto è optional.
    Metti che si blocchi il commercio della benzina, o che le tasse siano troppo alte come stà già succedendo.
    Allora che fai?
    Vai a piedi o usi la bicicletta.
    Se non sai stare sulla bicicletta puoi solo camminare.
    Se dopo un pò di passi ti fanno male le gambe è perchè non hai la muscolatura allenata.
    Ecco dei limiti che possono arrivare all'improvviso.
    Tanto per dire: una tempesta magnetica che blocca i Pc non è poi così improbabile. Ed allora? Non sapremo neanche fare una addizione per la spesa al mercato! Che bello!
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: ninjaverde
    > > > Non insegnamo le futre generazioni ad usare i
    > > > nuovi strumenti
    > > > ?
    > >
    > > Ma per carità, vi sono allievi delle elementari
    > > ed addirittura delle medie che si trovano in
    > > difficoltà a fare una somma senza la
    > > calcolatrice!
    >
    > elasticità mentale, è questo che dovrebbero
    > insegnare nelle scuole, non a sommare numeri a
    > mano, non serve ad un
    > tubo!
    >
    >

    l'elasticità mentale la ottieni anche sapendo fare le somme a mano e a mente, non si tratta di schiavizzare gli allievi per 10 ore al giorno a sfornare numeri. Esempio concreto realmente accaduto (uno dei tanti). Ho beccatto gente di più di 20 anni che non sapeva calcolare una percentuale. Corso di Excel, esercizi per calcolare sconti, IVA e simili... se non sai già di tuo cos'è una percentuale Excel non ti serve a nulla. Allieva apprendista in difficoltà su come calcolare l'aliquota IVA e sommarla all'imponibile che sbotta "Ma che ne so io?". Io: "scusa ma che lavoro fai?". "Lavoro in cassa". Giuro! Altro che art. 18, a zappare i campi tu, i genitori e gli insegnanti.

    Ti ricordo che il computer è stato inventanto da gente che prima... non ce l'aveva.

    > > E se faranno un test per ragionieri anche con la
    > > calcolatrice non supereranno l'esame poichè con
    > > la calcolatrice certi calcoli diventano
    > > lenti.
    >
    > tipo?
    >
    >
    > > In parole povere avranno gravi carenze nelle
    > > superiori.
    >
    > le carenze si hanno perchè non ci sono insegnanti
    > all'altezza! È apitato anche a me, parecchi anni
    > fa, i primi due anni delle superiori avevo la
    > media del 5, mentre poi la media del 7. Nel
    > frattempo era cambiata la prof, io continuavo a
    > studiare come
    > sempre!
    >

    Sul fatto che ci siano una marea di insegnanti non preparati è vero. Fatti però un'altra domanda:

    nei primi due anni c'erano compagni che avevano una media più alta della tua con la stessa insegnante?Occhiolino Se la risposta è sì, la seconda parte del tuo esempio ha molto meno peso.


    > > E poi questo è solo businness per le aziende
    > come
    > > M$ e
    > > compagnia.
    >
    > Il business è business, ma è giusto insegnare ad
    > utilizzare gli strumenti disponibili, altrimenti
    > ti trovi delle generazioni informaticamente
    > analfabete, e questo è un MALE,
    > credimi!
    >

    Abbiamo generazioni ANALFABETE e basta, ben prima di essere analfabetiche informaticamente. Ho beccato 15enni totalmente impediti e 60 anni che gli facevano il culo agli adolescentini cresciuti a tecnologia. Secondo te per quale motivo?

    >
    > > Imparino ad usare penna e matita ed il cervello,
    > > poi sarà molto più facile anche usare le
    > > macchine.
    > > Oppure devono imparare ad usare un'auto prima
    > > ancora di saper camminare con le proprie
    > > gambe?
    >
    > no, devono imparare ad usare prima le gambe,
    > com'è giusto che sia, ma anche un'auto, visto che
    > solo con le gambe si va lontano pochi
    > km...


    Solo dopo che sai camminare per bene. Tanto oggi come oggi hanno già smartphone e PC indi... lo usano già anche se tu non glielo insegni.

    Il problema è che gli insegnanti non sono in grado di usare questi mezzi. Sono – appunto – mezzi, dietro devi sapere usare quello che realmente ti fa risolvere i problemi: IL CERVELLO. Gli algoritmi li fai con quello, non solo in informatica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: CiccioQuant aCiccia
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > - Scritto da: ninjaverde
    > > > > Non insegnamo le futre generazioni ad usare
    > i
    > > > > nuovi strumenti
    > > > > ?
    > > >
    > > > Ma per carità, vi sono allievi delle
    > elementari
    > > > ed addirittura delle medie che si trovano in
    > > > difficoltà a fare una somma senza la
    > > > calcolatrice!
    > >
    > > elasticità mentale, è questo che dovrebbero
    > > insegnare nelle scuole, non a sommare numeri a
    > > mano, non serve ad un
    > > tubo!
    > >
    > >
    >
    > l'elasticità mentale la ottieni anche sapendo
    > fare le somme a mano e a mente, non si tratta di
    > schiavizzare gli allievi per 10 ore al giorno a
    > sfornare numeri. Esempio concreto realmente
    > accaduto (uno dei tanti). Ho beccatto gente di
    > più di 20 anni che non sapeva calcolare una
    > percentuale. Corso di Excel, esercizi per
    > calcolare sconti, IVA e simili... se non sai già
    > di tuo cos'è una percentuale Excel non ti serve a
    > nulla. Allieva apprendista in difficoltà su come
    > calcolare l'aliquota IVA e sommarla
    > all'imponibile che sbotta "Ma che ne so io?". Io:
    > "scusa ma che lavoro fai?". "Lavoro in cassa".
    > Giuro! Altro che art. 18, a zappare i campi tu, i
    > genitori e gli
    > insegnanti.

    se quella ragazza non ha idea di come calcolare l'iva, allora partiamo già maluccio...a parte che non è detto che tutti coloro i quali lavorano in cassa abbiano nozioni di aliquote, imponibili ed affini! Nè è detto che tutti coloro i quali lavorano i campi siano esperti agronomi, anzi...


    > Ti ricordo che il computer è stato inventanto da
    > gente che prima... non ce
    > l'aveva.

    ah, certo...e con questo?


    > > > In parole povere avranno gravi carenze nelle
    > > > superiori.
    > >
    > > le carenze si hanno perchè non ci sono
    > insegnanti
    > > all'altezza! È apitato anche a me, parecchi anni
    > > fa, i primi due anni delle superiori avevo la
    > > media del 5, mentre poi la media del 7. Nel
    > > frattempo era cambiata la prof, io continuavo a
    > > studiare come
    > > sempre!
    > >
    >
    > Sul fatto che ci siano una marea di insegnanti
    > non preparati è vero. Fatti però un'altra
    > domanda:
    >
    > nei primi due anni c'erano compagni che avevano
    > una media più alta della tua con la stessa
    > insegnante?Occhiolino Se la risposta è sì, la seconda
    > parte del tuo esempio ha molto meno
    > peso.

    la risposta è sì, ma gran parte della classe aveva voti negativi. Il problema era palesemente l'insegnante, e forse pure i libri di testo (che infatti nel triennio erano cambiati)


    > > > E poi questo è solo businness per le aziende
    > > come
    > > > M$ e
    > > > compagnia.
    > >
    > > Il business è business, ma è giusto insegnare ad
    > > utilizzare gli strumenti disponibili, altrimenti
    > > ti trovi delle generazioni informaticamente
    > > analfabete, e questo è un MALE,
    > > credimi!
    > >
    >
    > Abbiamo generazioni ANALFABETE e basta, ben prima
    > di essere analfabetiche informaticamente. Ho
    > beccato 15enni totalmente impediti e 60 anni che
    > gli facevano il culo agli adolescentini cresciuti
    > a tecnologia. Secondo te per quale
    > motivo?

    perchè le nuove generazioni di insegnanti non sono all'altezza?


    > > > Imparino ad usare penna e matita ed il
    > cervello,
    > > > poi sarà molto più facile anche usare le
    > > > macchine.
    > > > Oppure devono imparare ad usare un'auto prima
    > > > ancora di saper camminare con le proprie
    > > > gambe?
    > >
    > > no, devono imparare ad usare prima le gambe,
    > > com'è giusto che sia, ma anche un'auto, visto
    > che
    > > solo con le gambe si va lontano pochi
    > > km...
    >
    >
    > Solo dopo che sai camminare per bene. Tanto oggi
    > come oggi hanno già smartphone e PC indi... lo
    > usano già anche se tu non glielo
    > insegni.

    qua non si parla di insegnare ad utilizzare uno smartphone o un tablet, qua si parla di insegnare ad utilizzare i mezzi informatici a disposizione, partendo DALLE BASI, se necessario!


    > Il problema è che gli insegnanti non sono in
    > grado di usare questi mezzi. Sono – appunto –
    > mezzi, dietro devi sapere usare quello che
    > realmente ti fa risolvere i problemi: IL
    > CERVELLO. Gli algoritmi li fai con quello, non
    > solo in
    > informatica.

    sono d'accordo che è necessario insegnare ai giovani a sfruttare i 2 neuroni funzionanti che hanno, ma devono essere in grado di farlo anche imparando a sfruttare i mezzi informatici a disposizione! Io ancora mi meraviglio di quanti non sono in grado di fare una ricerca efficace su Google: non è che ci voglia un grosso studio, eppure molti si trovano in difficoltà, indipendentemente dall'età!
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: CiccioQuant aCiccia
    >
    >
    > se quella ragazza non ha idea di come calcolare
    > l'iva, allora partiamo già maluccio..

    Malissimo, non maluccio. Il problema sta a monte... i bambini non nascono e crescono a scuola ma... indovina dove? Ecco bravo... indi... hai presente quella parola che inizia per g e finisce per enitori? Razza pressoché estinta dal 1980. Se 20/30 anni fa pur avendo meno mezzi la gente era meno analfabeta, aveva un briciolo in più di rispetto per il prossimo, non si stupravano le compagne in branco, non si dava fuoco alla scuola, bimbe di 12 anni non si prostituivano per comprarsi l'agenda fighetta (equivalente di allora della ricarica per cellulare di oggi), non vedevi girare adolescenti ubriachi alle 5 di pomeriggio, non c'erano le baby ganga e se il figlio andava male a scuola prima di gridare al complotto della scuola magari pensavi di avere un figlio che non aveva voglia di studiare e agivi di conseguenza, gli strumenti disciplinare avevano ancora un minimo di valenza ecc. ecc. un motivo c'è o no???

    Oggi non è più così perché milioni di persone hanno fatto figli senza essere in grado di essere genitori. Punto. Prova tu a raddrizzare uno di 15 anni che è dalla culla che pensa che il mondo sia al suo servizio.


    a parte che
    > non è detto che tutti coloro i quali lavorano in
    > cassa abbiano nozioni di aliquote, imponibili ed
    > affini!

    Sarebbe come dire che chi fa l'idraulico non deve capirne di diametri delle tubazioni e relative chiavi, silicone e guarnizioni. Stiamo parlando di calcolare una semplice percentuale non di fare l'esame per l'agenzia delle entrate.

    Nè è detto che tutti coloro i quali
    > lavorano i campi siano esperti agronomi,
    > anzi...
    >

    Infatti sono cose diverse ma io se avessi un negozio uno che non sa fare di conto in cassa non ce lo metto nemmeno se mi paga lui.

    >
    > > Ti ricordo che il computer è stato
    > inventanto
    > da
    > > gente che prima... non ce
    > > l'aveva.
    >
    > ah, certo...e con questo?

    leggi tra le righe


    >
    > la risposta è sì, ma gran parte della classe
    > aveva voti negativi. Il problema era palesemente
    > l'insegnante, e forse pure i libri di testo (che
    > infatti nel triennio erano
    > cambiati)
    >

    Ok, tieni conto che però se già al terzo anno la tua media è salita vuol dire che nei primi 2 anni volente o nolente qualcosa hai assorbito e delle basi te le sei creati altrimenti non è possibile avere una media del 7 sul 3° anno di programma avendo lacune enormi i primi due.
    >
    > perchè le nuove generazioni di insegnanti non
    > sono
    > all'altezza?
    >

    Sì anche ma anche quelle vecchie e ti ricordo un particolare che sembra insignificante ma in realtà è fondamentale: bisogna essere in due a voler imparare. Non stiamo parlando di un comico che non fa ridere il pubblico che – in fondo – non ha alcun obbligo nei suoi confronti e non deve fare niente.


    >
    > > > > Imparino ad usare penna e matita
    > ed
    > il
    > > cervello,
    > > > > poi sarà molto più facile anche
    > usare
    > le
    > > > > macchine.
    > > > > Oppure devono imparare ad usare
    > un'auto
    > prima
    > > > > ancora di saper camminare con le
    > proprie
    > > > > gambe?
    > > >
    > > > no, devono imparare ad usare prima le
    > gambe,
    > > > com'è giusto che sia, ma anche un'auto,
    > visto
    > > che
    > > > solo con le gambe si va lontano pochi
    > > > km...
    > >
    > >
    > > Solo dopo che sai camminare per bene. Tanto
    > oggi
    > > come oggi hanno già smartphone e PC indi...
    > lo
    > > usano già anche se tu non glielo
    > > insegni.
    >
    > qua non si parla di insegnare ad utilizzare uno
    > smartphone o un tablet, qua si parla di insegnare
    > ad utilizzare i mezzi informatici a disposizione,
    > partendo DALLE BASI, se
    > necessario!
    >

    Sì, ma quello che non ti è ancora chiaro è che ci sono delle basi che vengono prima delle basi che dici tu, le vere fondamenta. Senza di quelle la casa non la tiri su proprio.


    >
    > > Il problema è che gli insegnanti non sono in
    > > grado di usare questi mezzi. Sono – appunto –
    > > mezzi, dietro devi sapere usare quello che
    > > realmente ti fa risolvere i problemi: IL
    > > CERVELLO. Gli algoritmi li fai con quello,
    > non
    > > solo in
    > > informatica.
    >
    > sono d'accordo che è necessario insegnare ai
    > giovani a sfruttare i 2 neuroni funzionanti che
    > hanno, ma devono essere in grado di farlo anche
    > imparando a sfruttare i mezzi informatici a
    > disposizione! Io ancora mi meraviglio di quanti
    > non sono in grado di fare una ricerca efficace su
    > Google: non è che ci voglia un grosso studio,
    > eppure molti si trovano in difficoltà,
    > indipendentemente
    > dall'età

    Secondo perché? NOn ci vuole un grosso studio se hai le nozioni giuste, la forma mentale giusta soprattutto. Se è per questo, c'è una marea di gente che digita il nome del sito o peggio ancora l'indirizzo del sito nella casella di ricerca anziché nella barra dell'indirizzo. È un discorso lungo e complicato. Lungi da me dire di non insegnare per bene l'informatica a scuola solo che devi fare i conti con il materiale umano (e tecnico) che hai a disposizione. Senza contare che abbiamo delle scuole che stanno in piedi per miracolo se non un pericolo fisico concreto. Quello viene prima... non è bello beccarsi il soffitto in testa mentre ti spiegano cos'è una variabile.
    non+autenticato
  • >
    > Ma per carità, vi sono allievi delle elementari
    > ed addirittura delle medie che si trovano in
    > difficoltà a fare una somma senza la
    > calcolatrice!
    > E se faranno un test per ragionieri anche con la
    > calcolatrice non supereranno l'esame poichè con
    > la calcolatrice certi calcoli diventano
    > lenti.
    > In parole povere avranno gravi carenze nelle
    > superiori.
    > E poi questo è solo businness per le aziende come
    > M$ e
    > compagnia.
    > Imparino ad usare penna e matita ed il cervello,
    > poi sarà molto più facile anche usare le
    > macchine.
    > Oppure devono imparare ad usare un'auto prima
    > ancora di saper camminare con le proprie
    > gambe?


    100% condivido al.

    metterei anche basi di latino ( dicono che con il latino si comprenda anche la grammatica senza studiarla come nozioni ).

    problema: meno le persone sono portate ad usare il brain e meglio sono assoggettate.
  • > metterei anche basi di latino ( dicono che con il
    > latino si comprenda anche la grammatica senza
    > studiarla come nozioni
    > ).
    >
    > problema: meno le persone sono portate ad usare
    > il brain e meglio sono
    > assoggettate.

    Certo il latino non è un male conoscerlo come lingua base, anche se non lo imporrei alle scuole tecniche come materia d'obbligo.
    Da notare che anche l'inglese usa un sacco di parole latine, anche se gli inglesi le pronunciano alla loro maniera. Inoltre è una lingua precisa ed evoluta, senza entrare in particolari, l'inglese è una lingua molto più "grezza", anche se per proprio per questo motivo è più facile da studiare.
  • e magari pure con un mouse, con allwinner a10 si trovano anche a 50€ e ci si può installare linux..
    non+autenticato
  • - Scritto da: banca
    > e magari pure con un mouse, con allwinner a10 si
    > trovano anche a 50€ e ci si può installare
    > linux..


    Boxchip Allwinner A13 non hanno l'hdmi e costano ancor meno...
    non+autenticato
  • ...e poi quando porti i figli a scuola ti ritrovi una HP Smartboard da 1600€ a fare da sostegno per tanti bei poster cartacei.
    Direi che ci stiamo preoccupando dei treni prima di costruire le ferrovie
    non+autenticato
  • " Tablet PC "
    o è un tablet... o è un pc.
    il tablet è nato per una cosa, il pc per un'altra. A scuola è giusto che insegnino e basta. Vogliono usare un tablet, o un pc... va bene, purchè si dia la possibilità a tutti di essere competitivi nello studio.
    Il resto sono solo futili cose.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)