Claudio Tamburrino

iPad, un nome da 60 milioni

Apple ha sborsato 60 milioni di dollari per chiudere il caso cinese sul marchio di iPad. Tutti contenti, da Proview a Pechino

Roma - Dopo la telenovela brevettuale legata al produttore di cloni Psystar, Apple è finalmente riuscita ad archiviare un'altra infinita questione che vedeva al centro la sua proprietà intellettuale: quella in cui era contrapposta alla cinese Proview, azienda che rivendicava per sé il marchio e il nome iPad.

Proview riteneva di detenere ancora i diritti legati al marchio iPad/Ipad per quanto riguarda la Cina: afferma di averlo rivendicato per primo e che il marchio è arrivato in possesso di Apple solo per quanto riguarda l'utilizzo fuori dalla Cina e solo per quei diritti detenuti da una sua sussidiaria. A tal proposito aveva incassato in Cina alcune sentenze favorevoli.

Come riferisce un comunicato della Corte superiore di Guangdong, per chiudere il caso Cupertino ha raggiunto un accordo con l'azienda locale per cui le due stavano discutendo da mesi. Apple ha deciso di pagare 60 milioni di dollari.
Tale somma rappresenta un bel malloppo per la cinese che si trovava vicina al fallimento, senza prodotti in grado di competere sul mercato e con i conti in rosso: proprio la pressione dei debitori sembra aver convinto Proview ad accettare una somma di molto inferiore alla sua richiesta di 400 milioni di dollari.

Apple, da parte sua, risolve gli ultimi ostacoli che avrebbe potuto incontrare il suo nuovo iPad in Cina, paese che rappresenta il secondo più grande mercato per Cupertino dopo gli Stati Uniti.

Il terzo soggetto soddisfatto della soluzione stragiudiziale che ha permesso l'archiviazione del caso è Pechino: la situazione era difficile da sbrogliare perché da un lato c'era la volontà di dimostrare l'indipendenza dei propri tribunali, dall'altro la paura di spaventare gli investitori stranieri nel paese.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
57 Commenti alla Notizia iPad, un nome da 60 milioni
Ordina
  • 60.000.000 x un nome di 4 lettere? è proprio vero, con 60 M non ci compri più quello che ci compravi una volta...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 luglio 2012 12.15
    -----------------------------------------------------------
  • Ecco cosa succede a scegliere un nome di m**da, cinese fin nel midollo. La tavoletta di Apple è magnifica, ma danneggiata da due particolari pensati per ragazzini lobotomizzati alla nascita: lo scherma a specchio, e un nome ridicolo corto abbastanza da poter essere ricordato anche dai protagonisti di Idiocracy.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.
    > Ecco cosa succede a scegliere un nome di m**da,
    > cinese fin nel midollo. La tavoletta di Apple è
    > magnifica, ma danneggiata da due particolari
    > pensati per ragazzini lobotomizzati alla nascita:
    > lo scherma a specchio, e un nome ridicolo corto
    > abbastanza da poter essere ricordato anche dai
    > protagonisti di Idiocracy.

    Hai appena elencato due dei suoi punti di forza: nome corto e schermo a specchio. Tieni sempre conto del target di lobotomizzati (parole tue) a cui si rivolge. Se avesse avuto un nome piu' lungo di sei caratteri, non ne avrebbero venduti nellemo uno. Pensa se si fosse chiamato (invento) "bicidi". Immagnati la scena: l'utente-medio-apple va al negozio.

    impiegato: buon, giorno, desidera?

    UMA: vorrei un... un..

    impiegato: si?

    UMA: un coso, li'...

    impiegato: scusi?

    UMA: un coso, come si chiama... il coso per fare le cose...

    impiegato: eh?

    UMA: si, che lo tocchi e lui fa..

    impiegato: tutto quello che abbiamo "lo tocchi e lui fa", sia piu
    specifico.

    UMA: come si chiama...

    impiegato: dovrebbe dirmelo lei.

    UMA: eh, ma ha un nome lungo longo, difficile...

    impiegato: almeno me lo descriva.

    UMA: ma si, rettangolare, con gli spigoli smussati, bello bello..

    impiegato: e' ancora troppo generico.

    UMA: senta, torno domani col mio insegnate di sostegno

    impiegato: grazie, l'aspettiamo.
    non+autenticato
  • hahahahahahahahaha puro genio!
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > l'utente-medio-apple

    scusa, solo una precisazione... non sono utenti... al massimo (per voler loro del bene) clienti
    non+autenticato
  • Interessante e corretta affermazione! Mi piaceSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.
    > Ecco cosa succede a scegliere un nome di m**da,
    > cinese fin nel midollo. La tavoletta di Apple è
    > magnifica, ma danneggiata da due particolari
    > pensati per ragazzini lobotomizzati alla nascita:
    > lo scherma a specchio, e un nome ridicolo corto
    > abbastanza da poter essere ricordato anche dai
    > protagonisti di
    > Idiocracy.

    A differenza dei bellissimi e lunghissimi nomi M$ tipo Bing, Zune e so.cl...
    Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Sono soldi estorti, quelli pagati da Apple a Proview.
    ruppolo
    33147
  • no, è la legge, il copyright che tu difendi in altri casi a spada tratta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnammolo
    >
    > no, è la legge, il copyright che tu difendi in
    > altri casi a spada tratta.

    ma apple non aveva già pagato i diritti?
    adesso li deve ripagare..

    vabè alla fine avran preferito chiudere il caso con quei pochi spicci
  • - Scritto da: bertuccia
    > - Scritto da: gnammolo
    > >
    > > no, è la legge, il copyright che tu difendi
    > in
    > > altri casi a spada tratta.
    >
    > ma apple non aveva già pagato i diritti?
    > adesso li deve ripagare..
    >
    > vabè alla fine avran preferito chiudere il caso
    > con quei pochi
    > spicci

    Ma infatti sembra un'estorsione.
    Da quanto so, Apple aveva comprato il nome dalla Proview, ma poi loro si sono inventati il fatto che la vendita del nome non valeva in cina.
    Bah!!!!

    Giusto in Cina potevano dare ragione alla Proview.
  • - Scritto da: picicci
    >
    > Ma infatti sembra un'estorsione.
    > Da quanto so, Apple aveva comprato il nome dalla
    > Proview, ma poi loro si sono inventati il fatto
    > che la vendita del nome non valeva in
    > cina.
    > Bah!!!!
    >
    > Giusto in Cina potevano dare ragione alla Proview.

    più o meno è quello che avevo letto anch'io
  • da quello che ho capito, hanno fatto un giochetto con le societa'. creando una Proview in Cina che non risponde alla casa madre e quindi ancora deteneva i diritti del marchio iPad, anche se la casa madre aveva ceduto tali diritti.

    Insomma, una porcata che solo in Cina potevano fare.

    Il problema e' che quando ti immetti in tali mercati, devi anche sottostare alle loro regole.

    Ribadisco il mio "bah!!!!"
  • Guardate che la stessa cosa l'ha fatta una ITALIANISSIMA azienda di vestiario con i Cinesi, giusto per lucrare un po' in borsa. E questo un bel po' di anni fa.

    Non è una cosa che "si può fare solo in Cina", fidatevi.
    non+autenticato
  • non fara male a sta apple assaggiare un po della sua medicina.... aiuta a maturare....
    non+autenticato
  • Eh, ma se gli avvocati migliori li impiegano in cause assurde per difendere il rettangolo con gli angoli stondati, è evidente che quelli che si occupano di contratti sono dei brocchi che si fanno impallinare.
    Ben gli sta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: picicci
    > - Scritto da: bertuccia
    > > - Scritto da: gnammolo
    > > >
    > > > no, è la legge, il copyright che tu
    > difendi
    > > in
    > > > altri casi a spada tratta.
    > >
    > > ma apple non aveva già pagato i diritti?
    > > adesso li deve ripagare..
    > >
    > > vabè alla fine avran preferito chiudere il
    > caso
    > > con quei pochi
    > > spicci
    >
    > Ma infatti sembra un'estorsione.
    > Da quanto so, Apple aveva comprato il nome dalla
    > Proview, ma poi loro si sono inventati il fatto
    > che la vendita del nome non valeva in
    > cina.
    > Bah!!!!
    >
    > Giusto in Cina potevano dare ragione alla Proview.

    no apple con l'inganno aveva comprato il nome poco prima del lancio per 60000 o spiccioli ipad nel resto del mondo ma non in cina, informatevi
    si è assurda sta cosa ma è la stessa moneta di apple
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 09 agosto 2012 02.30
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: ruppolo
    > Sono soldi estorti, quelli pagati da Apple a
    > Proview.
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • per un clone cinese!
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • lo schifo di apple coi soldi si compra tutto...ma si sapeva gia
    non+autenticato
  • - Scritto da: alvaro
    > lo schifo di apple coi soldi si compra tutto...ma
    > si sapeva
    > gia

    visto gli utili equivale a poco più di offrire un caffè
  • - Scritto da: alvaro
    > lo schifo di apple coi soldi si compra tutto...ma
    > si sapeva
    > gia

    Se non altro lo ha comprato, invece di fare come certa gente che ha preferito rivolgersi ai tribunali, tipo armani.it o mediaset.com
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: alvaro
    > > lo schifo di apple coi soldi si compra
    > tutto...ma
    > > si sapeva
    > > gia
    >
    > Se non altro lo ha comprato, invece di fare come
    > certa gente che ha preferito rivolgersi ai
    > tribunali, tipo armani.it o
    > mediaset.com
    Naaaahhh !
    Lo ha comprato solo dopo che il tribunale gli ha dato torto!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ah béh .. uno mica versa 60mio di dollari cosí ... perché lo ha detto un tizio con gli occhi a mandorla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex twin
    > Ah béh .. uno mica versa 60mio di dollari
    > cosí ... perché lo ha detto un tizio con gli
    > occhi a
    > mandorla.
    Magari però lo sai già dato che sempre da loro lo hai comprato per il resto del mondo!
    Il "tizio" lo conoscevi e lo conoscevi molto bene!
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: alvaro
    > > > lo schifo di apple coi soldi si compra
    > > tutto...ma
    > > > si sapeva
    > > > gia
    > >
    > > Se non altro lo ha comprato, invece di fare come
    > > certa gente che ha preferito rivolgersi ai
    > > tribunali, tipo armani.it o
    > > mediaset.com
    > Naaaahhh !
    > Lo ha comprato solo dopo che il tribunale
    > gli ha dato
    > torto!
    > A bocca aperta

    Ah, ecco, volevo ben dire.
    Se perfino in apple dove usano i soldi come carta igienica talmente ne hanno tanti, preferiscono prima foraggiare gli avvocati invece che mercanteggiare, allora e' proprio tutto uno schifo.
  • Guarda che il discorso é molto diverso. L'azienda cinese ha depositato il marchio un bel po di tempo prima che Apple usciva con l'iPad. Un azienda invece, come una persona fisica, ha la prelazione sul nome di dominio. Se un ipotetico Mario Armani registrava il nome di dominio armani.it nessuno poteva toglierlo, se non dietro pagamento. Questa regola fu fatta perché prima del boom di internet c'erano un bel po di furbetti che registravano i domini delle aziende e li rivendevano a prezzi stratosferici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: luca
    > Se un ipotetico
    > Mario Armani registrava il nome di dominio
    > armani.it nessuno poteva toglierlo, se non dietro
    > pagamento.

    Ma tu da quanti giorni frequenti la rete?
    Ti hanno per caso regalato l'ipad come regalo per la promozione?
  • - Scritto da: panda rossa
    >
    > Ma tu da quanti giorni frequenti la rete?
    > Ti hanno per caso regalato l'ipad come regalo per
    > la promozione?

    in effetti devo constatare che nessuno di voi due è a conoscenza del fatto che Apple avesse già acquistato i diritti per il nome iPad in cina, e ora per tagliar corto cede al ricatto e paga una seconda volta
  • Sopra ti ho scritto che questa cosa è lecita. Ed Apple ha dormito, sperando che i Cinesi non la sapessero.

    Si fa, ci sono delle clausole contrattuali ben definite.
    non+autenticato