Mauro Vecchio

Le Nazioni Unite e i diritti umani connessi

Adottata la prima risoluzione per la tutela delle libertà fondamentali su Internet. Che dovranno essere protette come accade nel mondo offline. Parere contrario da parte dei governi di India, Russia e Cina

Roma - "È la prima risoluzione adottata dalle Nazioni Unite per confermare che i diritti umani nell'ambito di Internet devono essere tutelati con lo stesso impegno che c'è nel mondo fisico". Parola dell'ambasciatrice statunitense Eileen Chamberlain Donahoe, recentemente intervenuta a Ginevra per illustrare alla stampa i principali dettagli della prima risoluzione sulle libertà digitali.

Una chiamata urgente per tutti gli stati membri, che dovranno proteggere i nuovi diritti legati all'ecosistema Internet, con il medesimo sforzo che viene profuso per la tutela delle libertà fondamentali dei cittadini nel mondo offline. Con il benestare di 85 organizzazioni internazionali, di cui 30 in rappresentanza dell'intero Consiglio per i Diritti Umani all'interno delle Nazioni Unite.

"Il libero flusso dell'informazione è continuamente minacciato da molti paesi del mondo - ha spiegato a caldo il Segretario di Stato statunitense Hillary Clinton - Assistiamo ad una crescita allarmante nel numero di episodi legati alla censura governativa o alla persecuzione di cittadini per quello che fanno sul web. A volte per un semplice messaggio o cinguettio su Twitter".
Soddisfatto l'ambasciatore tunisino Moncef Baati, che ha ricordato il ruolo fondamentale ricoperto dai social network nella rivolta popolare contro il leader Zine El Abidine Ben Ali. Tra gli altri paesi favorevoli alla risoluzione, Stati Uniti, Turchia e Brasile. Voto contrario da parte dei governi di Cina, Russia e India.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, pugno di ferro sulle tecnologie censorieIl Presidente Barack Obama firma un ordine esecutivo per imporre sanzioni più drastiche a tutte quelle società che forniscono armi high-tech a regimi come quelli di Iran e Siria. Nel mirino anche singoli soggetti privati
  • AttualitàAi Weiwei: la muraglia digitale crolleràTorna a parlare l'artista e dissidente cinese: il governo di Pechino non riuscirà a controllare la Rete, sovrastato dalle condivisioni online. Impossibile l'ipotesi di uno spegnimento totale del web
  • AttualitàCina, microblogging sbloccatoLa pubblicazione di commenti era stata disattivata sulle note piattaforme asiatiche Weibo e Tencent. Probabile l'intervento del governo per evitare indiscrezioni su certe figure politiche di spicco. Ora sembra tornato tutto alla normalità
18 Commenti alla Notizia Le Nazioni Unite e i diritti umani connessi
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)