Alfonso Maruccia

Mozilla abbandona lo sviluppo di Thunderbird

La fondazione di Firefox dice di voler consegnare alla community la realizzazione di nuove funzionalità per il client email. Perché Thunderbird non farebbe tendenza come i web client

Mozilla abbandona lo sviluppo di ThunderbirdRoma - Thunderbird? Un retaggio del passato su cui non vale più la pena spendere risorse per aggiungere nuove funzionalità e, più in generale, continuare lo sviluppo del codice. A suggerire lo status di prodotto non al passo coi tempi per il popolare client di posta elettronica open source è il capo di Mozilla Foundation Mitchell Baker, che in un post a tema comunica la decisione di lasciare sostanzialmente Thunderbird al proprio destino.

Nell'opinione di Baker Thunderbird non è più veicolo di "innovazione", la parola che la Foundation considera come il vero faro che guida le sue ambizioni web-centriche e Firefox-dipendenti. Baker ritiene che oramai i mail client "locali" come Thunderbird siano utili per molti, ma superati perché la stragrande maggioranza dei netizen fruisce della posta elettronica tramite web client - magari su un cellulare, un tablet o altro MID/thin client a scelta.

Ecco così spuntare l'idea dell'amministrazione controllata del progetto: Mozilla continuerà ad aggiornare il mail client apportando le dovute pezze a eventuali falle di sicurezza, ma per quanto riguarda le eventuali, nuove funzionalità la Foundation si rivolgerà alla "community". Dopotutto gli utenti sarebbero soddisfatti con le funzionalità già integrati nel software, dice Baker.
Prevedibilmente, la riorganizzazione dello sviluppo di Thunderbird comporta anche il passaggio di una parte (sostanziosa?) di programmatori a progetti più vicini agli interessi attualmente predominanti in seno alla fondazione (Firefox, web-servizi e mobile).

È la fine del mail client open source per come lo conosciamo oggi? A spargere un po' di ottimismo sull'ultima mossa di Mozilla è Mike Conley, sviluppatore a tempo pieno su Thunderbird che non considera la decisione della società come la "fine del mondo" e del mail client e promette novità sostanziali - nuovo tema di default "Australis" in primis - per le prossime versioni.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
276 Commenti alla Notizia Mozilla abbandona lo sviluppo di Thunderbird
Ordina
  • Non mi stupirei se fossero stati pagati una vagonata di milioni di dollari da google per abbandonare il progetto. Daltronde ormai è google che detta legge in casa mozilla, i miliardi da perdere sono troppi. La mediocrità di mozilla è troppo evidente negli ultimi tempi, c'è qualcosa sotto.
    non+autenticato
  • Qualcuno che ha capito come stanno le cose.
    non+autenticato
  • - Scritto da: sia
    > Non mi stupirei se fossero stati pagati una
    > vagonata di milioni di dollari da google per
    > abbandonare il progetto. Daltronde ormai è google
    > che detta legge in casa mozilla, i miliardi da
    > perdere sono troppi. La mediocrità di mozilla è
    > troppo evidente negli ultimi tempi, c'è qualcosa
    > sotto.

    - Scritto da: cognome
    > Qualcuno che ha capito come stanno le cose.

    Qualcuno che spara la sua teoria sul complotto e l'altro che gli corre dietro prendendola come certezza.A bocca aperta Naturalmente tutto senza uno straccio di fatto reale e prova a sostegno di queste congetture, che provengono solo dalla vostra testa. Delusional minds at work.Perplesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Debunker
    > - Scritto da: cognome
    > > Qualcuno che ha capito come stanno le cose.
    >
    > Qualcuno che spara la sua teoria sul complotto e
    > l'altro che gli corre dietro prendendola come
    > certezza.A bocca aperta Naturalmente tutto senza uno
    > straccio di fatto reale e prova a sostegno di
    > queste congetture, che provengono solo dalla
    > vostra testa. Delusional minds at work.

    ti rispondo con una citazione e un proverbio:

    A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.
    - Giulio Andreotti

    Chi vive sperando [nell'ottimismo, nella "bontà" di cose come il "mercato, nell'assenza di complotti, ecc. ecc. - NdA] muore cagando.
    non+autenticato
  • - Scritto da: revo lution
    > - Scritto da: Debunker
    > > - Scritto da: cognome
    > > > Qualcuno che ha capito come stanno le
    > cose.
    > >
    > > Qualcuno che spara la sua teoria sul
    > complotto
    > e
    > > l'altro che gli corre dietro prendendola come
    > > certezza.A bocca aperta Naturalmente tutto senza uno
    > > straccio di fatto reale e prova a sostegno di
    > > queste congetture, che provengono solo dalla
    > > vostra testa. Delusional minds at work.
    >
    > ti rispondo con una citazione e un proverbio:
    >
    > A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si
    > azzecca.
    > - Giulio Andreotti
    >
    > Chi vive sperando [nell'ottimismo, nella "bontà"
    > di cose come il "mercato, nell'assenza di
    > complotti, ecc. ecc. - NdA] muore
    > cagando.

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Guarda, a te si può rispondere che sei il solito che gli mostrano la Luna e guarda il dito Rotola dal ridere

    Ma secondo te, se ti dicono che una cosa ipotizzata andrebbe verificata e bisognerebbe vedere le prove di quel che si dice, prima di darla per certa, vuol dire che si sta sostenendo che i complotti non esistono?Deluso
    Ma cosa c'entra? Come ragionate?

    Un conto se uno dice: "può darsi che...", un altro è dire "le cose stanno così", solo avendole supposte.

    Un conto è parlare di un'ipotesi o una supposizione, che è al massimo una possibilità, che può essere più o meno probabile o verosimile, bisogna vedere.
    Un conto è che ad uno gli frulli un'idea per la testa e quella per lui diventi una cosa sicura, sicuramente le cose stanno come se l'è immaginate. Certo... poi salta fuori che non era fondata o che gli è sfuggito qualcosa... o anche quando è la solita cavolata campata in aria, sparata a caso senza logica, che non sta proprio in piedi. Ma per lui è così che stanno le cose.

    Come stanno le cose? Stanno come stanno, o stanno come uno se le immagina?
    Vedi la realtà per quella che, coi tuoi occhi, o confondi le tue supposizioni e tua immaginazione con la realtà fattuale?

    Mamma mia, queste cose non ci dovrebbe essere bisogno neanche di spiegarle.Sorpresa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Incubo Notturno

    > Un conto è parlare di un'ipotesi o una
    > supposizione, che è al massimo una possibilità,
    > che può essere più o meno probabile o verosimile,
    > bisogna
    > vedere.
    > Un conto è che ad uno gli frulli un'idea per la
    > testa e quella per lui diventi una cosa sicura,
    > sicuramente le cose stanno come se l'è
    > immaginate. Certo... poi salta fuori che non era
    > fondata o che gli è sfuggito qualcosa... o anche
    > quando è la solita cavolata campata in aria,
    > sparata a caso senza logica, che non sta proprio
    > in piedi. Ma per lui è così che stanno le
    > cose.
    >
    > Come stanno le cose? Stanno come stanno, o stanno
    > come uno se le
    > immagina?
    > Vedi la realtà per quella che, coi tuoi occhi, o
    > confondi le tue supposizioni e tua immaginazione
    > con la realtà
    > fattuale?
    >
    > Mamma mia, queste cose non ci dovrebbe essere
    > bisogno neanche di spiegarle.
    >Sorpresa

    QUOTO! Deluso
    non+autenticato
  • > Qualcuno che spara la sua teoria sul complotto e
    > l'altro che gli corre dietro prendendola come

    Ma quale "teoria del complotto", qui non si presume nulla
    di illecito o di particolarmente nascosto, si considera
    semplicemente che l'attivita' di una fondazione si
    orienti nella direzione delle preferenze dei grossi
    finanziatori e mi sembra un pensiero ovvio.
    non+autenticato
  • Li chiamavate complottisti 10 anni fa quando si parlava di governo mondiale, dittatura delle banche ed oggi ci ritroviamo con Mario Monti ed un governo di banchieri non eletto al soldo della finanza internazionale. Ieri il Fiscal compact domani l'Argentina e ti danno del disfattista pessimista o al limite del complottista. Tra altri 20 anni, quando è plausibile che si formerà un governo mondiale o più probabilmente gli Stati Uniiti d'Europa + USA + UK ed alleati, vorrei rileggere sto commento insieme agli scettici di professione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cognome
    > Qualcuno che ha capito come stanno le cose.

    Un po' meno esplicito, ma veramente c'ero anche io... In lacrimeA bocca aperta
    non+autenticato
  • L'unica cosa che mi manca tanto è l'interfacciabilità con Exchange server, in particolare agenda e rubrica.
    Per il resto è semplicemente il migliore, come semplicità, potenza e usabilità.

    Comunque è chiaro che non sparisce, è semplicemente che oltre questo punto non hanno interesse a portarlo.

    Pecato, perchè spero sempre in una versione Android completa come quella Windows.
    non+autenticato
  • Non l'ho ancora provato, ma ho letto che attraverso DavMail Gateway si può utilizzare Thunderbird come interfaccia cliente di Exchange Server. Se cerchi in giro su web dovresti trovare qualcosa
  • Continuero' con thunderbird ma vi segnalo anche questo:

    http://sylpheed.sraoss.jp/en/

    Ne ho sentito parlare bene anche se non l'ho mai usato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: sxs
    > Continuero' con thunderbird ma ...

    Anch'io continuerò con thunderbird.
  • Che semplicemente il client di posta non porta poi tanti contributi alla fondazione, e forse preferiscono pure promuovere le webmail (leggi gmail) e cosi' tagliano su thunderbird.
    Avrebbero fatto piu' bella figura a dire qualcosa di diverso da "i client di posta sono fuori moda" o ca..cose del genere. Francamente, anche i cucchiai e le forchette ci sono da centinaia di anni e continuano ad essere utilissime.
    non+autenticato
  • - Scritto da: sxs
    > Francamente, anche i
    > cucchiai e le forchette ci sono da centinaia di
    > anni e continuano ad essere
    > utilissime.

    Appunto, i cucchiai e le forchette non hanno bisogno di innovazioni ma solo di bugfix ovvero di essere messe a posto e funzionanti. Thunderbird sarà come i cucchiai e le forchette: utile per il suo scopo e pienamente funzionante nel tempo.

    Chi cerca le posate speciali con l'impugnatura in oro si cerca un altro client. A me vanno bene le posate in acciaio.
  • > Chi cerca le posate speciali con l'impugnatura in
    > oro si cerca un altro client. A me vanno bene le
    > posate in acciaio.

    Speriamo sia come dici, ma come si e' fatto questo
    annuncio se ne possono fare altri, poi bug fix
    potrebbe non voler includere aggiornamenti di compatibilita'
    con verisoni di os future ecc ecc, non saprei,
    le posate vanno bene anche quelle di 200 anni fa,
    ma in informatica un software di 200 anni fa Sorride
    anche bugfree non gira piu'...
    non+autenticato
  • - Scritto da: sxs

    > Speriamo sia come dici, ma come si e' fatto questo
    > annuncio se ne possono fare altri, poi bug fix
    > potrebbe non voler includere aggiornamenti di
    > compatibilita'
    > con verisoni di os future ecc ecc, non saprei,
    > le posate vanno bene anche quelle di 200 anni fa,
    > ma in informatica un software di 200 anni fa Sorride
    > anche bugfree non gira piu'...

    Concordo con il tuo pensiero ma non credo che sia giusto fasciarsi la testa prima di essersela rotta. Intanto TB sarà perfettamente funzionante e aggiornato per i sistemi operativi attuali, per quelli futuri starò attento a cosa viene deciso dalla Foundation, terrò le antenne dritte.

    Ammetto che potrebbe essere come dici tu ma non l'hanno detto e comunque ci saranno discussioni e lo sapremo presto. Se gireranno voci che per il nuovo tale S.O. non ci sarà il mio amato client allora comincerò a preoccuparmi.

    Razionalmente hanno ragione quelli di Mozilla, sviluppare nuove feature di TB è poco utile in quanto chi lo usa non le apprezza a pieno oppure non le usa. Penso che gli utilizzatori di TB siano conservativi. Comunque è la mia opinione e mi pare pure di Mz.

    Il resto sono illazioni.
  • - Scritto da: Incubo Notturno
    > Ben detto

    Si...ben detto, e' vero, sono conservativo, ma se lo sviluppo
    si ferma, se permettete, non mi sembra una cattiva idea
    dare una occhiata alle alternative, come per esempio
    il client di posta incluso in SeaMonkey.
    non+autenticato
  • Mi sembra che tutti siano corsi a criticare od elogiare TB, ma scordandosi la vera notizia... oramai gli utonti non usano più client mail locale, ma lasciano tutto nella webmail.

    A chi non si è presentato l'amico piangente dicendo che aveva perso tutte la mail per crash, fault, virus o cos'altro e non aveva copie?

    Del resto come mail personale uso una webmail... a parte che è quella di un server Exchange che gestitsco io, i miei messaggi non li lascio in corpo a ai vari BigG, Y. ecc ecc.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > Mi sembra che tutti siano corsi a criticare od
    > elogiare TB, ma scordandosi la vera notizia...
    > oramai gli utonti non usano più client mail
    > locale, ma lasciano tutto nella
    > webmail.
    >
    > A chi non si è presentato l'amico piangente
    > dicendo che aveva perso tutte la mail per crash,
    > fault, virus o cos'altro e non aveva
    > copie?
    >
    > Del resto come mail personale uso una webmail...
    > a parte che è quella di un server Exchange che
    > gestitsco io, i miei messaggi non li lascio in
    > corpo a ai vari BigG, Y. ecc
    > ecc.

    ma che web mail, tutti usano facebook
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro

    >
    > ma che web mail, tutti usano facebook

    Guarda che non ci siete mica solo voi pecore.
    Ci siamo anche noi tosatori.
  • WEB MAIL: vedo la mia posta ovunque e comunque, a tutte le latitudini e con qualsiasi dispositivo mi capiti tra le mani.
    Con lo spazio a disposizione oggi sui server non ha senso portarsela nel PC.
    E ti fanno il backup gratis
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rover
    > WEB MAIL: vedo la mia posta ovunque e comunque, a
    > tutte le latitudini e con qualsiasi dispositivo
    > mi capiti tra le
    > mani.
    > Con lo spazio a disposizione oggi sui server non
    > ha senso portarsela nel
    > PC.
    > E ti fanno il backup gratis

    Non ha senso per te. Qualcuno ha esigenze differenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > Mi sembra che tutti siano corsi a criticare od
    > elogiare TB, ma scordandosi la vera notizia...
    > oramai gli utonti non usano più client mail
    > locale, ma lasciano tutto nella
    > webmail.
    >
    > A chi non si è presentato l'amico piangente
    > dicendo che aveva perso tutte la mail per crash,
    > fault, virus o cos'altro e non aveva
    > copie?
    >
    > Del resto come mail personale uso una webmail...
    > a parte che è quella di un server Exchange che
    > gestitsco io, i miei messaggi non li lascio in
    > corpo a ai vari BigG, Y. ecc
    > ecc.

    Perchè se crasha exchange e/o chiude la web mail non perdi tutto??
    Thunderbird portable e backup su dvd.
    mai perso nulla.
    non+autenticato
  • Che Hotmail o Gmail chiudano ho dei dubbi molto fondati.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rover
    > Che Hotmail o Gmail chiudano ho dei dubbi molto
    > fondati.....

    Gmail non chiude.
    Hotmail, essendo roba m$, la seguira' nell'inevitabile fallimento.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)