Mauro Vecchio

Facebook e la ricevuta di lettura

Gli utenti del sito potranno sapere chi ha letto i post all'interno dei gruppi. Segnali di spunta accompagneranno gli interventi social. E la gestione degli eventi ha un nuovo look da agenda

Roma - Novità annunciate dal gigante Facebook per migliorare l'esperienza di condivisione tra milioni di utenti in blu. Il social network di Mark Zuckerberg ha introdotto delle ricevute di lettura all'interno dei gruppi creati dai vari profili. Piccoli segnali di spunta che innanzitutto indicheranno il numero esatto delle visualizzazioni per un certo post.

In aggiunta, i membri di un gruppo - ad esempio, un nucleo familiare - potranno conoscere l'esatta identità di chi abbia visualizzato un determinato aggiornamento - ad esempio, una cena per le festività - in bacheca. Cliccando sul segnale di spunta si potranno identificare gli utenti che hanno letto il post.

"A partire da oggi, gli utenti di un gruppo potranno capire chi ha visualizzato un post - si legge nel comunicato diramato dal sito in blu - In questo modo potranno rimanere aggiornati sulle attività del gruppo. Ad esempio, in un gruppo sul calcio si potrà pubblicare il nuovo orario per l'allenamento e dunque vedere chi ha recepito il messaggio".
Quando tutti gli utenti di un gruppo leggono il post, Facebook provvede ad inserire la dicitura "visto da tutti", in modo da far capire che il messaggio è arrivato pienamente a destinazione.

Oltre alle ricevute di lettura, la piattaforma di Menlo Park ha deciso di dare una decisa spolveratina alla sua feature per la gestione degli eventi. Events è stato infatti trasformato in Calendar, ovvero un agenda dal migliore impatto grafico con la possibilità di consultare gli appuntamenti giorno per giorno. Come appunto in un'agenda, ma dal sapore social.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook, email fuori controlloUn bug avrebbe causato la sostituzione massiva degli indirizzi email con quelli @facebook.com. Migliaia di utenti in rivolta: i messaggi non arrivano nemmeno nella casella inbox. Il sito in blu corre ai ripari
  • AttualitàFacebook vuole questo elemento?Il pulsante "want" č stato rinvenuto nell'SDK del sito in blu. Gli utenti potranno desiderare, per la gioia dei pubblicitari sulla piattaforma social. Che non conferma le indiscrezioni