Mauro Vecchio

Facebook dentro le chat, contro il crimine

Le conversazioni monitorate in cerca di parole chiave e comportamenti sospetti. Se scatta l'allarme parte la segnalazione dei profili alla polizia. La precrimine del social network?

Facebook dentro le chat, contro il crimineRoma - Una vasta operazione di monitoraggio delle conversazioni, messa in piedi da Facebook e altre piattaforme social per segnalare agli ufficiali di polizia le più disparate attività criminose. L'esclusiva ha fatto rapidamente il giro del web specializzato, a partire da un'inchiesta pubblicata dall'agenzia di stampa Reuters.

I tecnici del social network di Menlo Park avrebbero implementato uno specifico strumento software per il monitoraggio della chat interna, a caccia di un gruppo di parole chiave sospette. Il programma di sorveglianza è emerso dopo l'arresto di un cittadino statunitense che aveva programmato un appuntamento con una ragazza di appena 13 anni.

I predatori sessuali risultano infatti tra le vittime preferite dal vasto sistema di sorveglianza implementato da Facebook e altre reti sociali. Il tool procede con l'analisi del linguaggio tra i messaggi in tempo reale del sito in blu, andando ad esempio a scovare la differenza d'età tra i protagonisti della conversazione.
In caso di comunicazioni sospette, il programma procede con l'immediata segnalazione dei vari profili ai responsabili di Facebook, che possono poi contattare la polizia per denunciare il caso. Non è dato sapere se il sistema preveda l'archiviazione degli stralci di chat all'interno dei server, una problematica che farebbe insorgere gli attivisti della privacy.

Da parte degli stessi vertici del sito pare non vi sia nessuna intenzione di spiare in massa le attività degli utenti. Solo utilizzare una tecnologia capace di prevenire crimini come ad esempio l'abuso sessuale sui minori. Facebook è in grado di consegnare alle autorità le informazioni personali degli utenti, in presenza di una specifica richiesta - subpoena - da parte di un giudice.

Qui si tratta però di una consegna automatica in base all'analisi delle parole chiave all'interno di una conversazione in chat. Facebook ha sottolineato come la condivisione dei dati con la polizia si basi su "sospetti effettivi". Ovvero per prevenire un crimine arrestando un predatore sessuale prima che incontri la sua vittima. Resta da chiarire se, nonostante le buone intenzioni, la faccenda non superi una certa linea: non è che Facebook ha inventato la pre-crimine?

Mauro Vecchio

Notizie collegate
72 Commenti alla Notizia Facebook dentro le chat, contro il crimine
Ordina
  • Almeno che Facebook serva a qualcosa di utile per la collettività, oltre che a perdere tempo...

    Io non ho nulla da nascondere visto che non sono un pedofilo o uno stupratore, non evado neanche il fisco controllatemi pure il conto corrente...

    Chi commette reati è giusto che paghi, solo in Italia c'è ancora la mentalità mafiosa che pensa che abbiamo diritto a tenere nascosto quello che facciamo... se non è contro la legge non c'è niente da avere paura
    non+autenticato
  • - Scritto da: pallino pinco
    > Almeno che Facebook serva a qualcosa di utile per
    > la collettività, oltre che a perdere tempo...

    > Io non ho nulla da nascondere visto che non sono
    > un pedofilo o uno stupratore, non evado neanche
    > il fisco controllatemi pure il conto corrente...

    > Chi commette reati è giusto che paghi, solo in
    > Italia c'è ancora la mentalità mafiosa che pensa
    > che abbiamo diritto a tenere nascosto quello che
    > facciamo... se non è contro la legge non c'è
    > niente da avere paura

    La privacy del cittadino e' un mezzo con cui i cittadini tengono sotto controllo lo stato, nel contempo dei cittadini reazionari sono lo stimolo con il quale lo stato avanza.

    Senza contare che tu parli di uno stato che non e' "il nostro stato", ma di uno stato che e' in concorrenza con gli altri, quindi potrebbe utilizzare quelle informazioni per agire contro il nostro stato.
    krane
    22544
  • - Scritto da: pallino pinco

    > Chi commette reati è giusto che paghi, solo in
    > Italia c'è ancora la mentalità mafiosa che pensa
    > che abbiamo diritto a tenere nascosto quello che
    > facciamo... se non è contro la legge non c'è
    > niente da avere
    > paura

    veramente è proprio in uno stato come l'Italia che c'è da tenere nascoste anche cose perfettamente legali.
  • Il titolo è a dir poco fuorviante. Quella della lotta al crimine è solo una scusa. In realtà quello di spiare le chat è solo uno dei tanti metodi di controllo per reprimere il dissenso. Viviamo in tempi bui ed il potere ha bisogno di violenza, controllo e repressione per poter continuare ad incassare e mantere lo status quo, altrimenti come potrebbero costruire la TAV, il ponte sullo stretto, il mose, comprare i caccia bombardieri, mentre noi veniamo dissanguati dalle tasse e dall'imu? Ma poi di quale lotta al crimine parliamo, con il parlamento di inquisiti/pregiudicati/mafiosi che ci troviamo?? Con quale faccia si parla di lotta al crimine? A tutti voi sarà capitato di subire un aggressione, un furto, un torto grave, quando mai le "forze dell'ordine" sono riuscite a perseguire il colpevole se non in una esigua minoranza dei casi? Guardatevi una sola puntata della trasmissione "Chi l'ha visto?" per capire come lavorano le nostre forze dell'ordine/magistratura.
    non+autenticato
  • lol mi spieghi cosa c'entrano i politici italiani con una decisione di facebook?

    voi grillini siete proprio paranoici...
    non+autenticato
  • che avete di tanto importante da nascondere?
    facebook e' un passatempo.. se volete parlare con qualcuno in privato, andate a parlargli di persona, no? un po' d'aria non fa male..
    non+autenticato
  • Io veramente dico spesso che per salvarci dallo sfascio bisognerebbe spazzare via l'intera classe politica attuale... e che il miglior modo per farlo è durante un'assemblea plenaria del parlamento. Direi che basta per farmi segnalare come sovversivo (in un sistema già sovvertito dai porci che ci governano)! Poi vai a vedere che non sarei mai capace di fare il criminale, ma ciò non toglie che io sia convinto che i nostri politici meriterebbero la ghigliottina. Tuttavia scrivendolo divento un segnalato negli archivi della DIGOS. E allora ma chi se ne frega... tanto gli vado nel c**o!
    non+autenticato
  • ahahahahah si certo ti stanno già venendo a prendere...

    dai facciamo i seri, qui si sta parlando di reati come la pedofilia non per chiacchere da bar...
    non+autenticato
  • - Scritto da: io so tutto di tutti
    > che avete di tanto importante da nascondere?

    Solo i sacrosanti cazzi miei.

    > facebook e' un passatempo.. se volete parlare con
    > qualcuno in privato, andate a parlargli di
    > persona, no? un po' d'aria non fa
    > male..

    Beh, certo, se devo parlare con quel mio caro amico che da Fregene si è trasferito a Johannesburg tutto quello che devo fare è uscire e farmi una passeggiata, puntando a sud....


    Quello che mi sconvolge non sono tanto queste domande perfettamente IDIOTE (diceva l'Albertone: due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, ma non sono troppo sicuro della prima....) ma il fatto che si dia per scontato che una società privata possa tenere sotto controllo SEMPRE TUTTE le conversazioni di TUTTI i suoi utenti perchè ALCUNI (quanti e quali? non è dato sapere...) di questi utenti POTREBBERO discutere di qualcosa che POTREBBE costituire reato......

    Il risultato netto di questa operazione, statistica alla mano, è che si tengono costantemente sotto controllo persone che non hanno fatto e non faranno assolutamente nulla, il tutto senza che nessuna autorità giudiziaria si sia mai anche solo lontanamente sognata di autorizzare le intercettazioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: trollollero
    > Solo i sacrosanti cazzi miei.
    hai ragione, ma per cose veramente importanti usi altri canali (email cifrate, tor ecc.). La chat di fb la usi solo per cazzeggio.

    > Beh, certo, se devo parlare con quel mio caro
    > amico che da Fregene si è trasferito a
    > Johannesburg tutto quello che devo fare è uscire
    > e farmi una passeggiata, puntando a
    > sud....
    hai ragione, stessa cosa per un amico che vive dall'altra parte della città: mica mi faccio 2 ore di traffico per andare a parlargli? può andar bene una volta ogni tanto, ma online è decisamente più comodo, indipendentemente dalla distanza geografica.

    > Quello che mi sconvolge non sono tanto queste
    > domande perfettamente IDIOTE (diceva l'Albertone:
    > due cose sono infinite, l'universo e la stupidità
    > umana, ma non sono troppo sicuro della prima....)
    > ma il fatto che si dia per scontato che una
    > società privata possa tenere sotto controllo
    > SEMPRE TUTTE le conversazioni di TUTTI i suoi
    > utenti perchè ALCUNI (quanti e quali? non è dato
    > sapere...) di questi utenti POTREBBERO discutere
    > di qualcosa che POTREBBE costituire
    > reato......
    >
    > Il risultato netto di questa operazione,
    > statistica alla mano, è che si tengono
    > costantemente sotto controllo persone che non
    > hanno fatto e non faranno assolutamente nulla, il
    > tutto senza che nessuna autorità giudiziaria si
    > sia mai anche solo lontanamente sognata di
    > autorizzare le
    > intercettazioni.
    non+autenticato
  • satanisti terroristi attentati presidente USA bomba atomica antrace pedofili incidente nucleare stazioni ferroviarie aeroporti navi carrozze kamikaze mezzi stealth anti radar islamici afghanistan al qaeda saddam hussein iraq iran teheran palestina israele ebrei medio oriente cina russia soviet guerra fredda comunismo stalin pearl harbour punto informatico
  • >punto informatico
    Criminale! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > satanisti terroristi attentati presidente USA
    > bomba atomica antrace pedofili incidente
    > nucleare stazioni ferroviarie aeroporti navi
    > carrozze kamikaze mezzi stealth anti radar
    > islamici afghanistan al qaeda saddam hussein
    > iraq iran teheran palestina israele ebrei medio
    > oriente cina russia soviet guerra fredda
    > comunismo stalin pearl harbour

    punto informatico

    No, Punto Informatico, no. Passi il resto, ma questo è troppo...
    La Gitmo (Guantanamo Bay detention camp)ti aspetta...A bocca aperta

    Parola di CIA
    non+autenticato
  • Fa bene Facebook a collaborare con le autorità! Bisogna indagare sulle attività degli schifosi pedofili anche a costo di far insorgere i soliti politicizzati attivisti della privacy!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)