Mauro Vecchio

Yahoo!, la quiete dopo l'attacco

Il gigante in viola ha risolto la vulnerabilità alla base del rilascio di 450mila credenziali d'accesso al suo Contributor Network. Problemi pure per Nvidia

Roma - Il chiarimento è arrivato in un comunicato diramato dai vertici di Yahoo!, che hanno infine risolto la specifica vulnerabilità responsabile della massiva fuga di password dalla piattaforma Voices. "Le informazioni compromesse sono state fornite dagli autori legatisi ad Associated Content prima del maggio 2010, al momento dell'acquisizione da parte di Yahoo!", si legge nel comunicato del colosso in viola.

Si tratterebbe dunque di un "file isolato", ovvero non sfruttato per garantire l'accesso ai vari servizi forniti da Yahoo!. Tutti gli utenti del Contributor Network - nuovo nome scelto dall'azienda di Sunnyvale per il vecchio Associated Content - che si sono registrati prima del maggio 2010 dovranno seguire delle procedure di sicurezza per modificare le proprie credenziali d'accesso alla piattaforma.

Nel frattempo, Nvidia ha avviato un'inchiesta interna dopo il rilascio su Pastebin di circa 800 pacchetti contenenti svariate informazioni personali appartenenti agli utenti del suo forum. Username, password e indirizzi di posta elettronica. All'inizio del mese, gli stessi responsabili di Nvidia avevano chiuso il forum a causa di "attività sospette". I dati sono stati caricati online dal Team Apollo. (M.V.)
Notizie collegate
  • Digital LifePassword, uguali e banaliLe chiavi d'accesso hanno un basso livello di sicurezza, sopratutto in Italia. I più attenti sono gli over 55, i tedeschi e i sudcoreani. Uno studio condotto su 70 milioni di account Yahoo!
  • SicurezzaPassword Yahoo!, la faccenda si allargaNella fuga di dati sono coinvolti anche gli utenti dei servizi di posta elettronica forniti da Google, Microsoft e AOL. E i casi di siti bucati per trafugare credenziali si moltiplicano
3 Commenti alla Notizia Yahoo!, la quiete dopo l'attacco
Ordina