Mauro Vecchio

YouTube, giornalismo condiviso

La piattaforma di BigG emerge come fonte primaria d'informazione, dalla primavera araba al terribile tsunami giapponese. Un terzo dei video più visti viene caricato dagli utenti col vizio del citizen journalism

Roma - Le principali piattaforme di video sharing come nuova frontiera dell'informazione nell'era digitale. È l'area di studio selezionata dal centro statunitense Pew Research nella sua divisione Project for Excellence in Journalism, a dimostrare come il portalone YouTube sia ormai diventato una fonte primaria per la ricerca di notizie in tempo reale.

Un'analisi partita dal tremendo tsunami che nel marzo 2011 aveva sconvolto la costa a nordest del Giappone. Nei sette giorni successivi al disastro - 18mila morti e danni per 180 miliardi di dollari - i 20 video più visti tra i vasti meandri del Tubo erano tutti relativi alla terribile vicenda di cronaca. Collezionando un totale di 96 milioni di visualizzazioni in tutto il Pianeta.

"C'è una nuova forma di giornalismo video su questa piattaforma", hanno spiegato gli autori dello studio, per 15 mesi alle prese col flusso continuo di filmati caricati dagli utenti del sito di Google. Dettaglio interessante: il 30 per cento dei video dedicati alle news con più visualizzazioni proviene dai comuni utenti, semplici cittadini con la passione del giornalismo. Il cosiddetto citizen journalism ha davvero trovato il suo paradiso nel video sharing?
L'imponente seguito ottenuto dai video sul terremoto giapponese ha portato gli autori del report ad una decisa risposta affermativa. Dalle elezioni in Russia alla primavera araba, i maggiori eventi di cronaca internazionale hanno trovato nel Tubo una sorta di habitat naturale. Tanto da portare grandi broadcaster e quotidiani a tenere in considerazione la vasta platea della piattaforma di BigG.

"È una forma più dinamica di relazione tra le grandi organizzazioni dell'informazione e i semplici utenti", spiegano ancora gli autori dello studio. In sostanza, i video caricati dagli account YouTube sono ora presi in considerazione all'interno di filmati trasmessi in TV piuttosto che sulle edizioni digitali dei quotidiani più prestigiosi.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetGermania, YouTube al filtraggio preventivoUna corte di Amburgo considera il portalone responsabile delle violazioni del copyright a mezzo clip. Il Tubo dovrà filtrare i contenuti per evitare il caricamento illecito. E potrebbe pagare una multa salata alla collecting society GEMA
  • AttualitàEuropa, diritti umani contro la censura in ReteIl Consiglio d'Europa avverte: gli attentati alla libertà di espressione in Rete sono una violazione dei diritti umani. L'autocensura da parte degli intermediari è un rischio da evitare
  • AttualitàYahoo!, informazione fai-da-teInaugurata una nuova piattaforma per lo smistamento di contenuti generati dagli utenti. I vari canali dell'azienda di Sunnyvale potranno così contare su articoli, foto e video prodotti dai cittadini della rete
1 Commenti alla Notizia YouTube, giornalismo condiviso
Ordina
  • "rindondanza" della propaganda?
    Oltre a prendersi la briga di conteggiare le visualizzazioni si sono anche presi la briga di verificare la qualità e la veridicità dell'informazione?
    Chiaramente suddividendole per "temi".
    I filmati di un'alluvione sono al 99% filmati che non hanno motivo di essere falsificati (se non per mania di protagonismo) ma i filmati "dal fronte" oppure sul nucleare si prestano molto di più ad essere di parte, o proprio falsi o esagerazioni strumentali.
    Neanche il fattoc he siano ripresi dagli organi d'inofrmazione tradizionali significa molto dato che nella stragrande maggioranza dei casi a loro volta scelgono i filmati a seconda della propria linea su un certo argomento e in altri casi semplicemente non sanno interpretare la notizia (per scarsa dotazione mentale o ignoranza del tema)
    non+autenticato