Luca Annunziata

Linux 3.5 in onda

Torvalds lancia la nuova versione del kernel. Miglioramenti soprattutto nel comparto grafico. Ma non solo

Roma - Con la consueta dose di ironia, Linus Torvalds ha rilasciato ufficialmente la release 3.5 del kernel Linux. Tra le novità più interessanti di questa versione c'è senz'altro un miglioramento delle capacità grafiche dei sistemi che verranno equipaggiati con questo kernel, senza trascurare altri miglioramenti per quanto attiene la gestione dei privilegi degli utenti, aggiornamento di alcuni moduli per la gestione di storage e filesystem, networking e audio.

Il cambiamento principale riguarda, come detto, il comparto grafico. Dai tempi dell'introduzione dell'architettura Optimus di Nvidia, ovvero quell'opzione hardware che consente di utilizzare in simbiosi scheda grafica discreta e grafica integrata con un passaggio a caldo tra le due elaborazioni in funzione dell'utilizzo del sistema (eg: per l'utilizzo di un foglio di calcolo si procede con la grafica integrata, se si avvia un gioco entra in gioco la grafica discreta), Linux aveva bisogno di un ritocco in quest'area: non appena sarà rilasciata la versione 1.13 di X Server l'adozione del framework Prime sarà completata, e sarà possibile per il Pinguino sfruttare al meglio questa capacità dell'hardware.

Miglioramenti grafici riguardano anche i chip R600 e R900 di AMD, così come sono stati rivisti i driver per la serie Radeon 6000 che ora gestisce correttamente l'audio via HDMI. Anche Kepler ha ricevuto la sua dose di attenzioni: ora il kernel è in grado di sfruttarne le doti di accelerazione hardware, anche se resta necessario prelevare un componente dai driver proprietari (come da istruzioni) per farlo funzionare.
Come detto, la lista complessiva dei miglioramenti è lunga: si va dal miglioramento del meccanismo di monitor delle performance (uprobes, ancora non completo nelle sue funzionalità), al miglioramento della gestione dello storage (sia RAID10 che Firewire), dei privilegi utente, dei filesystem (BTRFS e EXT4), networking e audio (il kernel gestisce direttamente la scheda Xonar DGX di Asus, ed è stata migliorata la compatibilità con alcuni tipi di hardware di recenti laptop Vaio per risolvere alcuni problemi di conflitti).

Completato questo upgrade, Torvalds ha già lanciato lo sviluppo della versione 3.6. Scanso equivoci, e con il suo solito umorismo, ha pregato tutti di non farsi distrarre troppo dall'estate: chi volesse andare in vacanza è libero di farlo, purché non ritardi il rilascio della prossima versione sparendo dopo aver proposto delle modifiche. Il kernel 3.6 dovrebbe essere rilasciato a settembre, pertanto chi preferirà andare al mare o in montagna potrà sempre rifarsi col 3.7.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • TecnologiaLinux a quota 3.4Il nuovo kernel pronto. Ci sono dentro i driver per AMD Trinity e schede video Kepler, insieme a nuovi strumenti con cui migliorare le prestazioni
  • AttualitàLinus Torvalds contro NvidiaSebbene la community abbia finalmente l'alternativa free e open ai driver proprietari dell'azienda di Taiwan, Linus ha il dente avvelenato. E si fa scappare pi di qualche parolaccia
  • TecnologiaNVIDIA a Linus: Linux è importanteLa produttrice di GPU risponde ufficialmente alle accuse di scarsa collaborazione rivoltele dal creatore di Linux: per noi il supporto degli OS FOSS importante, dice NVIDIA
102 Commenti alla Notizia Linux 3.5 in onda
Ordina
  • Novità in Lynux, il sistema operativo della setta Open World (distribuito a prezzi stracciati per fare concorrenza a Windows 7).

    Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo che i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i software antivirus installabili sul singolo pc il primo strato della cipolla: ebbene, tutto il resto e' vulnerabile. Come difendersi allora dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono servizi su richiesta anche alle organizzazioni no global, o addirittura al terrorismo islamico)? Il primo sistema serio di difesa di una rete e' il Firewall (muro di fuoco) e consiste in un sistema di monitoraggio costante dei profili predefiniti di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi utente non registrato o non rispondente ai requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato", in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene bloccato e controllato in una camera asettica di compensazione, che elimina qualsiasi virus o tentativo di sabotaggio della rete. I profili degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche e continuamente aggiornati dall'interno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luco Penerai
    > Novità in Lynux, il sistema operativo della setta
    > Open World (distribuito a prezzi stracciati per
    > fare concorrenza a Windows
    > 7).
    Nvidia ???A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta ... prezzi stracciati ???? cos'è un mercatino che svende tutto ora ??A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta ..... Linux è gratuito ...
    > Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per
    > proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo che
    > i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i
    > software antivirus installabili sul singolo pc il
    > primo strato della cipolla: ebbene, tutto il
    > resto e' vulnerabile. Come difendersi allora
    > dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono
    > servizi su richiesta anche alle organizzazioni no
    > global, o addirittura al terrorismo islamico)? Il
    > primo sistema serio di difesa di una rete e' il
    > Firewall (muro di fuoco) e consiste in un sistema
    > di monitoraggio costante dei profili predefiniti
    > di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi
    > utente non registrato o non rispondente ai
    > requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato",
    > in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori
    > dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene
    > bloccato e controllato in una camera asettica di
    > compensazione, che elimina qualsiasi virus o
    > tentativo di sabotaggio della rete. I profili
    > degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche e
    > continuamente aggiornati
    > dall'interno.
    Cavolo almeno andare a leggere cos'è un firewall e cosa fa ...che diamine.
    non+autenticato
  • Scritto da: EType
    > - Scritto da: Luco Penerai
    > > Novità in Lynux, il sistema operativo della
    > setta
    > > Open World (distribuito a prezzi stracciati per
    > > fare concorrenza a Windows
    > > 7).
    > Nvidia ???A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta ... prezzi stracciati ????
    > cos'è un mercatino che svende tutto ora ??A bocca apertaA bocca aperta
    >A bocca aperta ..... Linux è gratuito
    > ...
    > > Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per
    > > proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo
    > che
    > > i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i
    > > software antivirus installabili sul singolo pc
    > il
    > > primo strato della cipolla: ebbene, tutto il
    > > resto e' vulnerabile. Come difendersi allora
    > > dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono
    > > servizi su richiesta anche alle organizzazioni
    > no
    > > global, o addirittura al terrorismo islamico)?
    > Il
    > > primo sistema serio di difesa di una rete e' il
    > > Firewall (muro di fuoco) e consiste in un
    > sistema
    > > di monitoraggio costante dei profili predefiniti
    > > di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi
    > > utente non registrato o non rispondente ai
    > > requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato",
    > > in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori
    > > dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene
    > > bloccato e controllato in una camera asettica di
    > > compensazione, che elimina qualsiasi virus o
    > > tentativo di sabotaggio della rete. I profili
    > > degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche
    > e
    > > continuamente aggiornati
    > > dall'interno.
    > Cavolo almeno andare a leggere cos'è un firewall
    > e cosa fa ...che
    > diamine.
    avrà copiato e incollato da qulache giornaleA bocca aperta
    non+autenticato
  • > avrà copiato e incollato da qulache giornaleA bocca aperta
    Mi sa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luco Penerai
    > Novità in Lynux, il sistema operativo della setta
    > Open World (distribuito a prezzi stracciati per
    > fare concorrenza a Windows
    > 7).
    >
    > Hanno messo un firewall (muro di fuoco) per
    > proteggere dagli attacchi hacker: immaginiamo che
    > i nostri dati siano il cuore di una cipolla e i
    > software antivirus installabili sul singolo pc il
    > primo strato della cipolla: ebbene, tutto il
    > resto e' vulnerabile. Come difendersi allora
    > dall'aggressivita' degli hacker (alcuni offrono
    > servizi su richiesta anche alle organizzazioni no
    > global, o addirittura al terrorismo islamico)? Il
    > primo sistema serio di difesa di una rete e' il
    > Firewall (muro di fuoco) e consiste in un sistema
    > di monitoraggio costante dei profili predefiniti
    > di chi entra e chi esce dalla rete. Qualsiasi
    > utente non registrato o non rispondente ai
    > requisiti stabiliti dalla rete viene "bruciato",
    > in termine tecnico, e lasciato incenerito fuori
    > dalla rete. Qualsiasi file sospetto viene
    > bloccato e controllato in una camera asettica di
    > compensazione, che elimina qualsiasi virus o
    > tentativo di sabotaggio della rete. I profili
    > degli utenti sono soggetti a verifiche cicliche e
    > continuamente aggiornati
    > dall'interno.


    Salvo per i posteriA bocca aperta
  • Ma la versione 3.5 come è da considerarsi, con la 2.X, le pari erano stabili per dispari no.

    E' rimasto uguale?
  • - Scritto da: pippo75
    > Ma la versione 3.5 come è da considerarsi, con la
    > 2.X, le pari erano stabili per dispari
    > no.
    >
    > E' rimasto uguale?

    non c'è più distinzione, sono tutte per definizione instabili e bacate.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > non c'è più distinzione, sono tutte per
    > definizione instabili e
    > bacate.
    A differenza di altri OS ...la parola instalbie non significa affatto che si blocca o che manda in crash il sistema.
    Talmente instabili che basta vedere quanti server sono continuamente giù ..Google in primis ..A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Non dare ascolto ai soliti troll. Sono tutte stabili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippo75
    > Ma la versione 3.5 come è da considerarsi, con la
    > 2.X, le pari erano stabili per dispari
    > no.
    >
    > E' rimasto uguale?

    In realtà quella distinzione non c'era più nemmeno con la serie 2.6, se non erro.
    non+autenticato
  • Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza motivo che costringerà a riscrivere dei drivers?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bancai4
    > Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza
    > motivo che costringerà a riscrivere dei
    > drivers?

    Sicuramente Triste
    mura
    1717
  • - Scritto da: Bancai4
    > Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza
    > motivo che costringerà a riscrivere dei
    > drivers?

    Yes.

    Linux = fare e disfare è un bel lavorare.

    E poi i cantinari qua sopra si lamentano se le aziende non portano i loro software pro sotto questa follia di OS.

    Se mi chiedete vi spiego anche perchè.

    Ma esigo un "per piacere".
    maxsix
    9658
  • - Scritto da: maxsix
    > - Scritto da: Bancai4
    > > Hanno fatto fuori/rinominato delle api senza
    > > motivo che costringerà a riscrivere dei
    > > drivers?
    >
    > Yes.
    >
    > Linux = fare e disfare è un bel lavorare.
    >
    > E poi i cantinari qua sopra si lamentano se le
    > aziende non portano i loro software pro sotto
    > questa follia di
    > OS.
    >
    > Se mi chiedete vi spiego anche perchè.
    >
    > Ma esigo un "per piacere".

    Mi sa che il per piacere non te lo becchi, ma ti becchi del gran pistola, visto che la compatibilità binaria con le applicazioni rimane. Ora sentiamo, perché un'applicazione professionale non dovrebbe essere portata su Linux?
    Shiba
    3922
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: maxsix
    > > - Scritto da: Bancai4
    > > > Hanno fatto fuori/rinominato delle api
    > senza
    > > > motivo che costringerà a riscrivere dei
    > > > drivers?
    > >
    > > Yes.
    > >
    > > Linux = fare e disfare è un bel lavorare.
    > >
    > > E poi i cantinari qua sopra si lamentano se
    > le
    > > aziende non portano i loro software pro sotto
    > > questa follia di
    > > OS.
    > >
    > > Se mi chiedete vi spiego anche perchè.
    > >
    > > Ma esigo un "per piacere".
    >
    > Mi sa che il per piacere non te lo becchi, ma ti
    > becchi del gran pistola, visto che la
    > compatibilità binaria con le applicazioni rimane.
    > Ora sentiamo, perché un'applicazione
    > professionale non dovrebbe essere portata su
    > Linux?

    Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.
    Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di riferimento.
    Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per il funzionamento dell'applicazione stessa, che potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre applicazioni.
    Punto 4: 1%

    Basta o continuo?
    maxsix
    9658
  • Primo: non è vero che non ci sono applicazioni professionali.
    Le prime che mi vengono in mente sono matlab,apache,maya,blender,ardour,esxi..


    - Scritto da: maxsix
    > Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.

    Spiega perchè un' applicazione professionale avrebbe bisogno di un' interfaccia grafica omogenea.
    Forse pe integrare una equazione differenziale in Matlab è importante che la decorazione della finestra sia gialla o che proietti un'ombra?
    mah...

    > Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
    > riferimento.

    Compito della distribuzione è proprio quello di impacchettare il software...
    Argomenta pure, perchè non si coglie il punto nemmeno qui.

    > Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
    > il funzionamento dell'applicazione stessa, che
    > potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
    > applicazioni.

    Non mi sembra che in windows ciò abbia mai creato problemi.
    Mai sentito parlare di Dll hell?

    > Punto 4: 1%

    Fammi capire se stiamo parlando del mercato desktop o di quello server, perchè il mercato dei supercomputer è abbondantemente dominato da sistemi basati sul kernel linux.
    E se non ci girano applicazioni professionali lì...


    > Basta o continuo?

    Continua.
    non+autenticato
  • - Scritto da: maxsix
    > Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.
    > Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
    > riferimento.
    > Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
    > il funzionamento dell'applicazione stessa, che
    > potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
    > applicazioni.
    > Punto 4: 1%
    >
    > Basta o continuo?
    Ahahaha ..che pallottolate che vedo ...
    Sai com'è su Linux si da la priorità al funzionamento del programma vero e proprio e non alle interfacine belle anche se ce ne sono di fatte per bene.
    Di distribuzioni ce ne sono parecchie,ma questo non è affatto un male.
    La maggior parte delle distribuzioni non sono altro che derivate da quelle principali come Debian,Bsd,Slackware,ecc ...quindi non vedo dov'è il problema ...
    Ci sono sistemi con crash con librerie condivise e riutilizzate ...non mi sembra che vadano meglio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: maxsix
    > - Scritto da: Shiba
    > > - Scritto da: maxsix
    > > > - Scritto da: Bancai4
    > > > > Hanno fatto fuori/rinominato delle
    > api
    > > senza
    > > > > motivo che costringerà a
    > riscrivere
    > dei
    > > > > drivers?
    > > >
    > > > Yes.
    > > >
    > > > Linux = fare e disfare è un bel
    > lavorare.
    > > >
    > > > E poi i cantinari qua sopra si
    > lamentano
    > se
    > > le
    > > > aziende non portano i loro software pro
    > sotto
    > > > questa follia di
    > > > OS.
    > > >
    > > > Se mi chiedete vi spiego anche perchè.
    > > >
    > > > Ma esigo un "per piacere".
    > >
    > > Mi sa che il per piacere non te lo becchi,
    > ma
    > ti
    > > becchi del gran pistola, visto che la
    > > compatibilità binaria con le applicazioni
    > rimane.
    > > Ora sentiamo, perché un'applicazione
    > > professionale non dovrebbe essere portata su
    > > Linux?
    >
    > Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.
    E il problema dove sta? Scegli un toolkit e usi quello.

    > Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
    > riferimento.
    Non devi per forza scegliere una distro, crei il tuo programma e lo distribuisci con le librerie richieste (cosa che su quella porcata di OSX succede con tutte le applicazioni). A questo punto funziona ovunque.
    Se no miri a Ubuntu in ambito desktop e a RHEL in ambito enterprise, come fanno tutti.

    > Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
    > il funzionamento dell'applicazione stessa, che
    > potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
    > applicazioni.
    Cosa vuole dire "blindare librerie"? O parli chiaro, o non parli. Comunque, se punti ad una distro in particolare usi le sue librerie, se rilasci generico per Linux le includi nell'archivio rilasciato.

    > Punto 4: 1%
    Che a quanto pare non sta bastando neppure a fermare il mercato videoludico che si sta espandendo pure su Linux.

    > Basta o continuo?
    Se ti va di continuare a fare figure ridicole, continua pure. Come vedi nessun problema, solo tanta, tanta ignoranza.
    Shiba
    3922
  • il 90% dei pc casalinghi monta windows perchè ci si può giocare, mentre altri fanno dualboot (io uso normalmente ubuntu e winzoz per giocare), non appena il mercato videoludico si sposterà anche su linux penso che molte persone cominceranno a spostarsi completamente!
    non+autenticato
  • - Scritto da: maxsix
    > Punto 1: Non omogeneità nelle interfacce grafiche.

    Tipo i problemi di image deployment di client MS 7 SENZA aero in un dominio AD 2008 R2?

    > Punto 2: Mancanza di una distribuzione unica di
    > riferimento.

    Tipo Ultimate, Home, Professional, Enterprise?

    > Punto 3: Obbligo di dover blindare librerie per
    > il funzionamento dell'applicazione stessa, che
    > potrebbe portare a malfunzionamenti ad altre
    > applicazioni.

    Tipo BSOD?

    > Punto 4: 1%

    Corretto. Il numero di supercomputer con MS a bordo al mondo.

    >
    > Basta o continuo?

    Non vedo cosa c'entra con il kernel Linux, ma continua pure...
    non+autenticato
  • - Scritto da: maxsix
    > Linux = fare e disfare è un bel lavorare.
    C'è gente che lo sceglie proprio per questoOcchiolino
    > E poi i cantinari qua sopra si lamentano se le
    > aziende non portano i loro software pro sotto
    > questa follia di
    > OS.
    Basta gurare su Google poer vedere alternative dei programmi su Linux.
    Follia OS ??? tutto quello che posso fare con "altri" sistemi operativi lo posso vare con Linux ...ma...NON tutto quello che posso fare con Linux lo posso fare con altri sistemi operativiOcchiolino
    > Se mi chiedete vi spiego anche perchè.
    >
    > Ma esigo un "per piacere".
    :DA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Sempre a parlare di kernel mai di applicazioni...
    Ditemi a cosa serve riscrivere continuamente da zero o quasi l'unica cosa che la maggiorparte degli utente non c-ga nemmeno di striscio: il kernel!!!
    A chi importa di sto kernel quando invece linux e' privo di tutti quegli applicativi professionali non-nerd che abbondano invece su altri OS?

    guarda..ho riscritto la funzione pincopallino del kernel usando "if" invece di "case:"...

    e intanto il mondo avanza
    non+autenticato
  • E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori di applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce ne sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore, quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non rilascia le sue suite per linux visto che le rilascia già per mac! E perchè chi sviluppa software gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di comodo così! Io dal mio lato sto usando linux, con un software gestionale per DDT e fatture che gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre office al posto di office e thunderbird per la posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce nè, ma Torvalds non ne può niente!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Flavio
    > E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori di
    > applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce ne
    > sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore,
    > quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le
    > softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non rilascia
    > le sue suite per linux visto che le rilascia già
    > per mac! E perchè chi sviluppa software
    > gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di
    > comodo così! Io dal mio lato sto usando linux,
    > con un software gestionale per DDT e fatture che
    > gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre
    > office al posto di office e thunderbird per la
    > posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce
    > nè, ma Torvalds non ne può
    > niente!!

    Che poi di software "non nerd" su linux ci stannoA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Flavio
    > E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori di
    > applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce ne
    > sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore,
    > quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le
    > softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non rilascia
    > le sue suite per linux visto che le rilascia già
    > per mac! E perchè chi sviluppa software
    > gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di
    > comodo così! Io dal mio lato sto usando linux,
    > con un software gestionale per DDT e fatture che
    > gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre
    > office al posto di office e thunderbird per la
    > posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce
    > nè, ma Torvalds non ne può
    > niente!!
    Software di contabilità niente?? www.osra.it/ il bpoint gira sia su linux che su win , a lavoro lo abbiamo su win ma chi ci fa assistenza per questo software assicura che su linux è molto più performante.
  • E' la solita storia, vogliono i programmi aggratisse.
  • - Scritto da: GoG_
    > - Scritto da: Flavio
    > > E che ci deve fare Torvals se gli sviluppatori
    > di
    > > applicazioni non c--ano linux! Applicazioni ce
    > ne
    > > sono ma sono poche. Lui si concentra sul cuore,
    > > quello che ci gira intorno dovrebbero farlo le
    > > softwarehouse! Spiegami perchè Adobe non
    > rilascia
    > > le sue suite per linux visto che le rilascia già
    > > per mac! E perchè chi sviluppa software
    > > gestionale non lo fa anche per linux. Gli va di
    > > comodo così! Io dal mio lato sto usando linux,
    > > con un software gestionale per DDT e fatture che
    > > gira sia su windows, mac e linux. Uso Libre
    > > office al posto di office e thunderbird per la
    > > posta. Ma altro?? Software di contabilità non ce
    > > nè, ma Torvalds non ne può
    > > niente!!
    > Software di contabilità niente?? www.osra.it/ il
    > bpoint gira sia su linux che su win , a lavoro lo
    > abbiamo su win ma chi ci fa assistenza per questo
    > software assicura che su linux è molto più
    > performante.

    ma che strano! Rotola dal ridere
  • - Scritto da: Flavio
    > Spiegami perchè Adobe non rilascia
    > le sue suite per linux visto che le rilascia già
    > per mac!

    In breve: il fatturato di Adobe deriva per una buona metà dal Mac.
    Con Linux che non ha nemmeno l'1% del desktop, e nessuno di questi utenti grafico professionista, cosa lo fanno a fare lo sforzo?
  • - Scritto da: LaNberto
    > - Scritto da: Flavio
    > > Spiegami perchè Adobe non rilascia
    > > le sue suite per linux visto che le rilascia già
    > > per mac!
    >
    > In breve: il fatturato di Adobe deriva per una
    > buona metà dal
    > Mac.
    > Con Linux che non ha nemmeno l'1% del desktop, e
    > nessuno di questi utenti grafico professionista,
    > cosa lo fanno a fare lo
    > sforzo?

    ma certoooo

    http://www.skimbu.it/2009/09/29/blender-software-d.../

    http://linux.slashdot.org/story/05/07/27/1551250/d...

    pivellini sono , vero? Rotola dal ridere
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 luglio 2012 22.16
    -----------------------------------------------------------
  • No, sono le mosche bianche

    e Blender è un software 3D, che con la Adobe CS dell'argomento c'entra come le pere col banane, quindi sei OT
  • - Scritto da: LaNberto
    > No, sono le mosche bianche
    >
    > e Blender è un software 3D, che con la Adobe CS
    > dell'argomento c'entra come le pere col banane,
    > quindi sei
    > OT

    a nooo?

    recito...


    >Con Linux - che non ha nemmeno l'1% del desktop -
    > nessuno di questi utenti grafico professionista,
    > cosa lo fanno a fare lo
    > sforzo?
  • e secondo te la mia affermazione non è valida?

    e sempre secondo te 1 software di modeling 3D equivale a una suite di animazione, montaggio video, postproduzione, fotoritocco, illustrazione, impaginazione etc. etc. etc.?
  • finalmente il supporto per optimus

    se nvidia avesse dato una mano sarebbe stato meglio, ma vabbè tutto è bene quel che finisce bene
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > finalmente il supporto per optimus
    >
    > se nvidia avesse dato una mano sarebbe stato
    > meglio, ma vabbè tutto è bene quel che finisce
    > bene

    motivo per cui a torvalds nvidia sta abbastanza sul c*loSorride