Mauro Vecchio

FBI, Sentinel è realtà

Avviato dopo oltre 10 anni il sistema ideato dal direttore Robert Mueller in seguito agli attacchi alle Torri Gemelle. Tutti gli agenti federali potranno condividere documenti in tempo reale, scovando i cattivi con la biometria

Roma - Con oltre sette anni di ritardo e una spesa complessiva di 600 milioni di dollari, il supersistema informatico Sentinel è stato avviato per tutti dipendenti al Federal Bureau of Investigation (FBI). Dopo la prova dei più svariati bug, l'ambizioso sistema statunitense permetterà agli agenti federali di analizzare e gestire in digitale crimini e inchieste.

Il Bureau dice così addio ai pesantissimi faldoni con i dossier in stile cinematografico, velocizzando le operazioni di gestione dei casi con il database biometrico. Gli agenti federali potranno condividere documenti in formato elettronico, seguendo eventuali modifiche apportate da altri in tempo reale.

Il sistema Sentinel utilizzerà tecnologie basilari come ad esempio i feed RSS, comunemente usati per l'aggregazione di notizie. Ci sarà uno specifico box per la ricerca di dati - come un numero di telefono - e un lettore di badge per contrassegnare i documenti caricati.
In cantiere dagli attacchi terroristici delle Twin Towers, Sentinel è diventato realtà dopo 11 anni, su pressione del direttore del Bureau Robert Mueller. L'addio alle carte e ai faldoni avrebbe portato ad una organizzazione più armoniosa del lavoro, dunque capace di reagire più tempestivamente alle minacce come quelle del terrorismo.

Un'opera monumentale per i federali a stelle e strisce, partita dalla costruzione di una rete ad altissima velocità per connettere tutti i dipartimenti di polizia sull'intero territorio statunitense. Migliaia di computer di ultima generazione sono stati acquistati e connessi in una vasta infrastruttura informatica.

Compito piuttosto delicato, dato che il sistema Sentinel consentirà la comparazione elettronica delle prove, l'identificazione biometrica dei sospetti, permettendo ai vari reparti operativi di comunicare tra loro e organizzarsi per eventuali piani d'azione sul territorio nazionale.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàL'FBI ci riprova: arriva SentinelUn supersistema informatico con database biometrico. Dopo gli ultimi fallimenti, la polizia federale americana ci riprova. Ed è pronta a spendere cifre astronomiche
  • AttualitàUSA, scontro sul riconoscimento faccialeIl senatore Al Franken chiama a testimoniare i vertici di Facebook e quelli dell'FBI. L'adozione massiva di tecnologie per il riconoscimento automatico dei volti avrebbe bisogno di regole chiare e rispettose dei diritti civili
7 Commenti alla Notizia FBI, Sentinel è realtà
Ordina
  • che covo di sinistroidi antiamericani da due lire...sono i governi che fanno i danni non i cittadini comuni.
    non+autenticato
  • È solo l'ennesimo metodo di controllo della popolazione e del dissenso al servizio di potentati, interessi internazionali e delle lobby. Sappiamo bene come ha lavorato l'FBI nel caso di kim dotcom, con metodi al di fuori della legge. Sappiamo bene che quando hanno bisogno di prove, questi guerrafondai sono capaci di inventarsi di tutto, vedi le famose armi di distruzione di massa in Iraq.
    non+autenticato
  • - Scritto da: calunnioso o diffamante

    > inventarsi di tutto, vedi le famose armi di
    > distruzione di massa in
    > Iraq.

    quello era il passato, adesso hanno nuovissimi metodi d'invenzione di prove tipo i massacri di bambini in Siria

    bellissimo oggi il tg che sbandierava la notizia circa i processi sommari di civili dell'esercito di Assad ( ovviamente Assad è un imbecille visto che uccide i suoi stessi cittadini, i quali sono gli unici amici che ha )

    questo era il tg5

    il tg2 che è un pò meno lecca-sai-cosa ha anche parlato di processi sommari compiuti dalla guerriglia antigovernativa ( giusto per par condicio )

    è interessante come si riempiano la bocca di parole come democrazia e libertà di pensiero e poi violino la diffusione del pensiero libero a favore delle menzogne di Stato

    poi parlano di "unica ragion di Stato è la verità" relativamente alla strage di Bologna di 30 anni fa, tanto sono solo chiacchiere, ma in sordina continueranno a proteggere i burattinai di quelle stragi

    ormai è chiaro che la violenza è l'unico modo per distruggere questa ragnatela di menzogne ed iprocrisia
    non+autenticato
  • - Scritto da: calunnioso o diffamante
    > È solo l'ennesimo metodo di controllo della
    > popolazione e del dissenso al servizio di
    > potentati, interessi internazionali e delle
    > lobby.

    avevi dubbi?
    pensavi forse che servisse davvero per contrastare il pedo-porno-satan-comunist-islamic-terrorism?
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: calunnioso o diffamante
    > È solo l'ennesimo metodo di controllo della
    > popolazione e del dissenso al servizio di
    > potentati, interessi internazionali e delle
    > lobby. Sappiamo bene come ha lavorato l'FBI nel
    > caso di kim dotcom, con metodi al di fuori della
    > legge. Sappiamo bene che quando hanno bisogno di
    > prove, questi guerrafondai sono capaci di
    > inventarsi di tutto, vedi le famose armi di
    > distruzione di massa in
    > Iraq.

    Rimetto qui un link a Youtube segato dalla moderazione

  • "Avviato dopo oltre 10 anni il sistema ideato dal direttore Robert Mueller in seguito agli attacchi alle Torri Gemelle. Tutti gli agenti federali potranno condividere documenti in tempo reale, scovando i cattivi con la biometria"

    ma chi ve lo scrive? vostro figlio di 5 anni? scovare i cattivi? immagino che vi aspettiate che poco dopo si cambino i vestiti e riprenda la partita a "guardie e ladri".
    non+autenticato
  • Certo che facendo un paragone tra l'amministrazione pubblica americana e la nostra, per esempio con le procure che in molte citta' del sud vanno ancora avanti a carta e calamaio, c'e' proprio da vergognarsi!
    non+autenticato