Alfonso Maruccia

Il WiFi vede attraverso i muri

Ricercatori britannici sfruttano il segnale delle comuni reti domestiche senza fili per riconoscere oggetti, persone e movimenti al di l dei muri. Il ricevitore irrintracciabile, le rilevazioni garantite e l'interesse militare alto

Roma - Usare le onde elettromagnetiche generate da un comune router WiFi domestico per tenere sotto controllo la situazione e letteralmente "vedere" attraverso i muri di appartamenti ed edifici: lavorano alla tecnologia due ricercatori dello University College London, in uno studio finanziato (neanche a dirlo) dal Ministro della Difesa britannico per ovvie ragioni "militaristiche".

La tecnologia ideata da Karl Woodbridge e Kevin Chetty funziona sfruttando l'effetto Doppler delle onde elettromagnetiche, le quali variano di frequenza ogni volta che colpiscono e vengono riflesse da un oggetto o una persona presenti nell'ambiente.

Il rilevatore ideato dai due scienziati è dotato di due diverse antenne oltre al chip per il processing digitale del segnale: la prima rileva e traccia la trasmissione WiFi del router, la seconda riconosce le onde radio riflesse da oggetti in movimento.
Incrociando i due flussi radio, il ricevitore è in grado di identificare gli oggetti e/o le persone presenti nella stanza e la loro velocità nel caso siano in movimento. I ricercatori dicono che il sistema è in grado di identificare e tracciare gli oggetti anche dietro un muro di mattoni largo 30 cm, e con i dovuti miglioramenti potrebbe addirittura arrivare a riconoscere i movimenti della gabbia toracica di un essere umano durante la respirazione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Il WiFi vede attraverso i muri
Ordina