Luca Annunziata

Kodak dice basta alle pellicole

Per evitare la chiusura i prodotti per i consumatori saranno ceduti. Alla storica azienda statunitense resteranno i servizi professionali

Roma - Basta pellicole, un business comunque in declino, e basta anche a chioschi per la stampa di foto e immagini: un'uscita di scena che sarà più che storica, visto che proprio con la fotografia l'azienda aveva cominciato agni inizi del '900. A febbraio c'era già stato l'addio alle macchine fotografiche. Ma Kodak ha bisogno di milioni di dollari nelle proprie casse per pagare i creditori: le procedure per la bancarotta procedono spedite, e la cessione di interi rami d'azienda diventa una necessità. L'obiettivo del management ora è quello di ridefinire il perimetro aziendale: le attività si concentreranno su prodotti destinati a aziende medio-grandi nel campo soprattutto della stampa.

Servono circa 700 milioni di dollari per tenere testa alla procedura nota come "chapter 11" (fallimento "controllato") in corso: denaro che Kodak si augurava di ottenere dalla cessione dei suoi brevetti, ma l'incertezza generata dal tutt'altro che lineare processo di messa in vendita degli stessi obbliga a trovare strade alternative per trovare i soldi che occorrono. Verrano ceduti anche rami relativi agli scanner dedicati ai lavori su scala industriale (per esempio utilizzati per la digitalizzazione di grosse moli di documenti da aziende e uffici pubblici) e persino la tecnologia utilizzata nei parchi di divertimento per scattare foto ai turisti a spasso nelle attrazioni.

Il Wall Street Journal evidenzia come nelle cessioni di oggi non figurino le stampanti a getto di inchiostro: il motivo, spiega il quotidiano, è che per entrare nel mercato Kodak ha dovuto sottoscrivere degli accordi brevettuali non trasferibili. Pertanto la divisione, che sarebbe comunque in perdita, non potrà essere ceduta per fare cassa. La situazione di Kodak è davvero complessa: venir fuori dalla bancarotta richiederà molti sacrifici, ma il management si dichiara ottimista. (L.A.)
Notizie collegate
  • BusinessKodak e l'ostacolo della MelaApple e, trasversalmente, FlashPoint Technology ostacolerebbero la sua asta fallimentare sfruttando le proprie maggiori risorse per rinviare il pių possibile il pagamento di royalty
  • BusinessKodak, il brevetto non è validoUno dei suoi brevetti finora pių remunerativi č stato invalidato nell'ambito di una causa condotta dall'azienda contro Apple e RIM. Grave il rischio rispetto all'asta fallimentare
  • BusinessApple e Google vogliono il portafogli di KodakApple fa gruppo con Microsoft come per i brevetti Nortel. Google si unisce ai produttori Android. In palio ci sono migliaia di titoli. Valore stimato: 2,5 miliardi di dollari
4 Commenti alla Notizia Kodak dice basta alle pellicole
Ordina
  • Si son resi conto tardi che il busisness delle digitali li avrebbe ingoiati, hanno creato alcune macchinette digitali veramente ottime ma ormai i nomi canon nikon e sony avevano già inondato il mercato con ogni tipo possibile di ottica... Risultato le macchinette kodac non vengono trattate dai negozi e nei pochi dove le hanno te le tirano dietro.
    Io ho preso una compatta da 16mpx con (inutile) easyshare a 43 euro, dove l'ho presa c'erano 3 scaffali uno canon uno nikon uno sony e uno di cinesate ed è accanto a la macchina di hellokitty che ho preso la mia...

    Se la kodac fosse stata italiana l'avremo sovvenzionata e tenuta in coma farmaceutico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: sdads
    > Si son resi conto tardi che il busisness delle
    > digitali li avrebbe ingoiati, hanno creato alcune
    > macchinette digitali veramente ottime ma ormai i
    > nomi canon nikon e sony avevano già inondato il
    > mercato con ogni tipo possibile di ottica...
    > Risultato le macchinette kodac non vengono
    > trattate dai negozi e nei pochi dove le hanno te
    > le tirano
    > dietro.

    Mah, guarda, ho avuto due Kodak ed erano di pessima qualità entrambe, tant'è che, imparata la lezione, la seconda l'ho riportata indietro al volo, scambiandola con una Panasonic di pari (basso) costo che produce risultati decisamente migliori. In entrambi i casi non faccio paragoni con macchine di fascia diversa, le Kodak non valevano quello che costavano.
    Evidentemente hai avuto a che fare con modelli diversi da quelli che ho provato io, ma questo vuol dire anche che Kodak ha fatto dei grossi sbagli strada facendo nel mercato digitale.
    Izio01
    4061
  • La cosa "buffa" è che la fotografia digitale l'ha inventata proprio la Kodak ed è sicuramente stata una pioniera in merito (chi si ricorda i PhotoCD? http://en.wikipedia.org/wiki/Photo_CD).

    Solo che quando cambia drasticamente una tecnologia cambiano anche le forze in gioco. Kodak è stata il top al tempo dei rullini, al tempo del digitale la barra di comando è passata ai giapponesi (Nikon, Canon, Sony, ecc).
  • - Scritto da: MacGeek
    > La cosa "buffa" è che la fotografia digitale l'ha
    > inventata proprio la Kodak ed è sicuramente stata
    > una pioniera in merito (chi si ricorda i PhotoCD?
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Photo_CD).

    e http://tinyurl.com/6865cgb e i dorsi digitali per canon/nikon ?