Gaia Bottà

Corea, ritorno all'anonimato

La schedatura di massa dei cittadini della Rete imposta ai principali operatori online è stata giudicata incostituzionale. Schedare significa autocensura. O fuga verso servizi meno invadenti

Roma - I cittadini della Rete della Corea del Sud potranno tornare ad esprimere la propria opinione senza denunciare la propria identità: l'obbligo a registrarsi ai servizi online con le proprie generalità è stato ritenuto incostituzionale.

La discussa legge coreana era stata approvata nel 2007: alle piattaforme che potessero vantare più di 100mila visite al giorno era stato imposto di sottoporre i propri utenti ad una schedatura accurata che assicurasse la possibilità di rintracciare gli utenti associandoli a un nome reale e al corrispettivo locale del codice fiscale. L'obiettivo era quello di contenere la diffusione di indiscrezioni non verificabili e di messaggi offensivi o sobillatori, disponendo di riferimenti diretti che consentissero di individuare immediatamente gli autori delle sortite che risultassero sgradite in caso di reati, denunce o azioni legali. Con l'effetto, non trascurabile, di responsabilizzare i cittadini, costretti ad esporsi senza maschere o a rassegnarsi al silenzio.

Le critiche rispetto alla legge non erano mancate: Google aveva preso posizione riducendo la versione coreana di YouTube a una TV. Poiché la schedatura imposta dalle autorità locali non sarebbe stata compatibile con i principi dell'azienda, Google aveva preferito indirizzare su altre localizzazioni della piattaforma gli utenti coreani votati alla partecipazione: su diverse versioni del portale avrebbero potuto manifestare ogni aspetto del proprio pensiero e della propria personalità senza necessariamente etichettarli con i propri dati anagrafici.
Nel 2010, a tre anni dall'entrata in vigore della disposizione, l'editore Internet Media Today insieme ad altri soggetti avevano chiesto una verifica rispetto alla costituzionalità della legge. Gli otto giudici della Corte Costituzionale hanno ora formulato il loro parere, all'unanimità: "Il meccanismo non sembra avere garantito dei benefici per i cittadini". La corte spiega che, nonostante il provvedimento sia stato applicato da tutti gli operatori, non si è potuta apprezzare una diminuzione dei contenuti controversi.

Il tutto sarebbe da ricondurre all'inefficacia della legge, capace solo di penalizzare gli operatori locali dei servizi di condivisione. Proprio come aveva suggerito YouTube, coloro che hanno voluto dare sfogo a manifestazioni del pensiero che avrebbero potuto innescare denunce o mobilitare le forze dell'ordine si sono riversati su siti esteri, presso cui l'identificazione non è obbligatoria. A ciò sono stati costretti anche coloro che, non essendo dotati del codice identificativo assegnato a ciascun cittadino coreano, avrebbero voluto manifestare il proprio pensiero presso i siti localizzati in Corea.

Le procedure di schedatura, inoltre, secondo i giudici rappresentano una minaccia per la riservatezza degli utenti: come già osservato dalle autorità locali nel 2011, a seguito di una massiccia operazione di cracking, grandi quantità di dati personali costituiscono una preda ambita, e una responsabilità onerosa in termini di tutela della sicurezza.

"La manifestazione del pensiero protetta dall'anonimato o da pseudonimi permette di esprimere critiche rispetto all'opinione della maggioranza senza farsi schiacciare da pressioni esterne" ha spiegato la Corte Costituzionale coreana. "Anche se l'anonimato online presenta effetti collaterali - si può leggere nella decisione - deve essere protetto per il suo valore costituzionale". Tanto più che la norma coreana prevede una grave compressione dei diritti del cittadino senza nemmeno essere risolutiva.

La legge è stata dunque giudicata incostituzionale: in Corea del Sud non sarà più necessario identificarsi prima di manifestare il proprio pensiero online. Esistono altri strumenti utili a rintracciare i cittadini della Rete, strumenti a disposizione delle sole forze dell'ordine, da imbracciare solo in caso di necessità.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàL'anonimato è muto su YouTubeLa Corea del Sud chiede a Mountain View di schedare i propri utenti. Per rintracciare coloro che violano la legge. YouTube si sottrae: si riduce ad una tv ma invita i cittadini della rete a partecipare sulle altre localizzazioni
  • AttualitàSeul, arginare le malelingue con il controllo onlineLa denuncia della autorità: la rete veicola contenuti come quelli ospitati dalla parete di un bagno pubblico. Premono per regolamentarla partendo dal gossip
  • AttualitàCina, microblogging identificatoTutti gli utenti del social network Weibo dovranno favorire i documenti agli amministratori del sito stesso. Pena il blocco delle pubblicazioni in stile Twitter. Ribellione da parte degli iscritti: meditano la migrazione di massa
  • AttualitàSeul, ghigliottine per tuttiLa legge antipirateria entrata in vigore da aprile deve ancora delinearsi. Gli operatori della Rete, puniti anch'essi con l'isolamento, scoraggiano fra gli utenti qualsiasi tipo di condivisione
15 Commenti alla Notizia Corea, ritorno all'anonimato
Ordina
  • Una rara dimostrazione di civiltà.
    A tutti coloro che pretendono che si viva in case di vetro, MA VAFFANCINA!!
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > Una rara dimostrazione di civiltà.
    > A tutti coloro che pretendono che si viva in case
    > di vetro, MA
    > VAFFANCINA!!

    Credo che oltre alla valutazione di costiuzionalità, abbia inciso molto quello che accade l'anno scroso, con quel mega rastrellamento di dati personali fatto dai cracker, che aveva fatto dubitare lo stesso governo sulla utilità di tale obbligo.

    Faccio comunque notare che la corea del sud non ha solo quella contradizione contro la libertà d'espressione. Parliamo di quella legge assurda "contro l'elogiare il nemico" (se non ricordo male) che ha portato una persona agli arresti per dei twitt?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > > Una rara dimostrazione di civiltà.
    > > A tutti coloro che pretendono che si viva in
    > case
    > > di vetro, MA
    > > VAFFANCINA!!
    >
    > Credo che oltre alla valutazione di
    > costiuzionalità, abbia inciso molto quello che
    > accade l'anno scroso, con quel mega
    > rastrellamento di dati personali fatto dai
    > cracker, che aveva fatto dubitare lo stesso
    > governo sulla utilità di tale
    > obbligo.
    >
    > Faccio comunque notare che la corea del sud non
    > ha solo quella contradizione contro la libertà
    > d'espressione. Parliamo di quella legge assurda
    > "contro l'elogiare il nemico" (se non ricordo
    > male) che ha portato una persona agli arresti per
    > dei
    > twitt?

    Non a caso ho detto "una RARA dimostrazione".
    Rara non solo rispetto all'occidente ma anche rispetto alla stessa Corea del sud.
  • Ma alla fine la corea del sud manco è una dittatura se non erro, ma e uno stato che fa le sue capellate...io non oso immaginare se una certa mostruosità fosse passata in italia.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Ma alla fine la corea del sud manco è una
    > dittatura se non erro, ma e uno stato che fa le
    > sue capellate...io non oso immaginare se una
    > certa mostruosità fosse passata in
    > italia.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Pisanu#Il_de...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 agosto 2012 02.14
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Ma alla fine la corea del sud manco è una
    > > dittatura se non erro, ma e uno stato che fa
    > le
    > > sue capellate...io non oso immaginare se una
    > > certa mostruosità fosse passata in
    > > italia.
    >
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Pisanu#Il_de
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 25 agosto 2012 02.14
    > --------------------------------------------------

    Non è la stessacosa. Li troncava in maniera draconiana l'espandersi del wifi pubblico. In corea del sud chiedevano ai siti che vantavano TOT visite al giorno, di obbligare l'uso dei veri dati anagrafici.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Ma alla fine la corea del sud manco è una
    > dittatura se non erro, ma e uno stato che fa le
    > sue capellate...io non oso immaginare se una
    > certa mostruosità fosse passata in
    > italia.

    La Corea del Sud è uno stato fascista mascherato da democrazia...
  • Tra Corea del Nord e Corea del Sud non ci vedo molta differenza: da una parte una dittatura militare comunista illiberale dall'altra una dittatura americaneggiante asservita alle major delc copyright novencentennale ..

    In confronto i nostri di politici sono quasi decenti .. eheheheheh
    non+autenticato
  • alto un passo, vuoi dirmi che essere fucilato e la tua famiglia gettata nei campi di concentramento è meglio che essere multato per scaricare un filmetto del cazzo?
    vivi un pò in corean del nord (o in altri regimi totalitari)e poi dimmi se è la stessa cosa.Sorride

    - Scritto da: Petecchione
    > Tra Corea del Nord e Corea del Sud non ci vedo
    > molta differenza: da una parte una dittatura
    > militare comunista illiberale dall'altra una
    > dittatura americaneggiante asservita alle major
    > delc copyright novencentennale
    > ..
    >
    > In confronto i nostri di politici sono quasi
    > decenti ..
    > eheheheheh
    non+autenticato
  • Ben detto Mipo! Occhiolino
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Queste sono le notizie che vorrei leggere ogni giorno.
  • Prego Sandrino. Sorride
    non+autenticato