Alfonso Maruccia

Marte, c'č vita in quel rover

NASA continua a testare il suo robot marziano. Che si muove perfettamente. Ma ha riportato qualche danno durante l'atterraggio

Marte, c'č vita in quel roverRoma - Gli ingegneri NASA hanno eseguito un nuovo test su Curiosity, il rover atterrato su Marte più di due settimane or sono: questa volta a essere messa alla prova è stata la mobilità del dispositivo, a cui è stato ordinato di compiere vari movimenti entro un raggio di sei metri dal punto di atterraggio.

Curiosity si è mosso in avanti, si è girato, è tornato indietro in retromarcia, il tutto senza battere ciglio e nel pieno rispetto delle aspettative dei suoi "controllori" che agiscono dal pianeta Terra. Un test importante, quello della mobilità, perché nelle parole del manager di progetto Pete Theisinger "Curiosity è un veicolo molto più complesso dei primi rover marziani".

Il prossimo "passo" per Curiosity - che nel frattempo continua a inviare immagini e dati - sarà muoversi di 400 metri a sud-est dal punto di atterraggio per cominciare l'esplorazione del pianeta rosso. E per quanto riguarda il succitato atterraggio, NASA ha comunicato l'intenzione di voler intitolare il punto sulla mappa allo scrittore di fantascienza Ray Bradbury, scomparso di recente.
L'agenzia spaziale statunitense conferma di avere a disposizione "un sistema mobile pienamente funzionale" per continuare a raccogliere informazioni scientifiche su Marte, ma in realtà il rover non è (e probabilmente non tornerà più) al 100 per cento delle sue capacità: NASA conferma che la fase di atterraggio ha danneggiato uno degli strumenti per la rilevazione della velocità del vento, un problema in teoria "aggirabile" sul lungo periodo anche in virtù della presenza di un secondo sottosistema complementare a bordo.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaCuriosity sfodera il laserIl rover marziano comincia a testare i suoi apparati contro il suolo e le rocce del pianeta rosso. Successo. Merito anche dei due anni di debug del software svolto da NASA
29 Commenti alla Notizia Marte, c'č vita in quel rover
Ordina
  • Lenardo da Vinci , il primo a studiare il volo degli ucceli è ora su Marte: visita il sito www.leonardo-to-mars.com, troverete tutte le pagine del codice del volo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 agosto 2012 09.44
    -----------------------------------------------------------
  • ..non è stato mandato anche un robottino volante o almeno gonfiabile in forma di sfera (poi il vento li porta a giro)?
    Hanno mandato un "SUV", aggiungerci pochi grammi di un sistema che potesse coprire grandi distanze, non avrebbe fatto molta differenza, purchè fosse piccolo o leggero. Magari con la sola funzione di riprendere l'ambiente attorno ed illuminarlo qualora fosse buio (per esempio in una grotta o cunicolo)
    non+autenticato
  • Ok, un qualcosa di piccolo e leggero, magari trasportabile dal vento, ma dotato di una fonte di energia, un sistema di telecomunicazioni, un sistema di guida e qualche sensore e videocamera.

    Mmmhh, è diventato un po' pesantuccio per essere portato dal vento, facciamolo volante. Quindi serve più alimentazione, sistema di volo, sistema di guida avanzato e indipendente... ma teniamoci su qualcosa di semplice semplice però!

    Fermi un attimo... si può sapere che ce ne facciamo?:P
    non+autenticato
  • - Scritto da: NASA Eng.
    > Ok, un qualcosa di piccolo e leggero, magari
    > trasportabile dal vento, ma dotato di una fonte
    > di energia, un sistema di telecomunicazioni, un
    > sistema di guida e qualche sensore e
    > videocamera.

    Su Marte c'è atmosfera, tenue ma c'è.
    Se lo fai gonfiabile a sufficienza, anche il leggero vento marziano sposta Kg, se poi lo fai con sistemi miniaturizzati come si può fare, allora si tratta di etti.

    > Mmmhh, è diventato un po' pesantuccio per essere
    > portato dal vento, facciamolo volante. Quindi
    > serve più alimentazione, sistema di volo, sistema
    > di guida avanzato e indipendente... ma teniamoci
    > su qualcosa di semplice semplice
    > però!

    Per esempio un mini dirigibile?
    Sensori del vento, possibilità di sollevarsi o atterrare, e con un po' di fortuna poi portare i suoi sensori in uan zona distante km da dove inizialmente avevi programmato

    > Fermi un attimo... si può sapere che ce ne
    > facciamo?:P

    Gli fai fare ispezioni a grande raggio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > Per esempio un mini dirigibile?

    Mini mica tanto, con un'atmosfera che è 1/150 di quella terrestre, a meno che tu non voglia un payload di un paio di francobolli. Vuoi metterci pure motore e eliche? E che eliche ci vogliono con un'atmosfera del genere? Dai...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Incubo Notturno
    > - Scritto da: Surak 2.0
    > > Per esempio un mini dirigibile?
    >
    > Mini mica tanto, con un'atmosfera che è 1/150 di
    > quella terrestre, a meno che tu non voglia un
    > payload di un paio di francobolli.

    Ok, "mini" magari no.
    Ad un'atmosfera l'idrogeno fornisce una spinta da 1 kg poco più per metro cubo.
    Io sapevo che la densità era pari a circa 1/100, ma facciamo pure 1/150, vuol dire che 1 m3 solleverebbe 6 grammi, ma data pure la minore gravità che è 4/10 circa, sarebbe un oggetto che sulla Terra pesa 15 grammi (se non ho sbagliato le proporzioni). Metti che la metà sia "rubata" dal materiale, rimangono 7 grammi per m3

    > Vuoi metterci
    > pure motore e eliche? E che eliche ci vogliono
    > con un'atmosfera del genere?

    Direi che la soluzione più semplice sarebbe applicare una qualche soluzione da animale marino, la cui più semplice versione sarebbe una camera d'aria, con condotti che ne scaldino il contenuto con il sole, e poi come un palloncino si muova per reazione.

    > Dai...

    Ok, in effetti è molto più semplice e sicuro mandare un SUV, anche se poi resta lì
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > - Scritto da: Incubo Notturno
    > > - Scritto da: Surak 2.0
    > > > Per esempio un mini dirigibile?
    > >
    > > Mini mica tanto, con un'atmosfera che è 1/150 di
    > > quella terrestre, a meno che tu non voglia un
    > > payload di un paio di francobolli.
    >
    > Ok, "mini" magari no.
    > Ad un'atmosfera l'idrogeno fornisce una spinta da
    > 1 kg poco più per metro
    > cubo.
    > Io sapevo che la densità era pari a circa 1/100,
    > ma facciamo pure 1/150,

    La pressione dovrebbe essere 1/100 di quella terrestre; quello che conta è la densità, ma più o meno dovremmo essere attorno a quel rapporto lì...

    > vuol dire che 1 m3
    > solleverebbe 6 grammi, ma data pure la minore
    > gravità che è 4/10 circa, sarebbe un oggetto che
    > sulla Terra pesa 15 grammi (se non ho sbagliato
    > le proporzioni). Metti che la metà sia "rubata"
    > dal materiale, rimangono 7 grammi per
    > m3

    Piccolo errore: se la gravità marziana è minore, anche la spinta del fluido spostato sarà minore (metti che sia esattamente la metà, allora sia il fluido spostato che l'oggetto peseranno la metà ma senza cambiare, a parità di densità, la proporzione tot. volume = tot. massa trasportabile).
    Quindi con un metro cubo sposti sempre solo 6 grammi e basta..

    > > Vuoi metterci
    > > pure motore e eliche? E che eliche ci vogliono
    > > con un'atmosfera del genere?
    >
    > Direi che la soluzione più semplice sarebbe
    > applicare una qualche soluzione da animale
    > marino, la cui più semplice versione sarebbe una
    > camera d'aria, con condotti che ne scaldino il
    > contenuto con il sole, e poi come un palloncino
    > si muova per
    > reazione.
    >

    Cmq l'idea non mi sembra poi così male, magari limitandosi a trasportare qualche sensore (temperatura, pressione, etc) e non telecamere o altro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: pignolo

    > > vuol dire che 1 m3
    > > solleverebbe 6 grammi, ma data pure la minore
    > > gravità che è 4/10 circa, sarebbe un oggetto
    > che
    > > sulla Terra pesa 15 grammi (se non ho
    > sbagliato
    > > le proporzioni). Metti che la metà sia
    > "rubata"
    > > dal materiale, rimangono 7 grammi per
    > > m3
    >
    > Piccolo errore: se la gravità marziana è minore,
    > anche la spinta del fluido spostato sarà minore

    Quello dovrebbe già essere compreso nel determinare la pressione atmosferica marziana (frutto del peso delel molecole alla gravità marziana).
    Quando hai stabilito la spinta aerostatica dei due volumi (m3 atmosfera, m3 idrogeno) ottieni la spinta per kg, ma se rapporti tutto a quella terrestre devi rapportare pure il peso del carico.

    > (metti che sia esattamente la metà, allora sia il
    > fluido spostato che l'oggetto peseranno la metà

    Ma il fluido spostato (m3 aria marziana) già sconta la differenza di peso delle molecole su Marte per effetto della gravità.
    L'unico peso che non sarebbe stato "ripesato" è il carico pesato sulla Terra

    > ma senza cambiare, a parità di densità, la
    > proporzione tot. volume = tot. massa
    > trasportabile).
    >
    > Quindi con un metro cubo sposti sempre solo 6
    > grammi e
    > basta..

    Boh, a meno che non sati dicendo che su Marte sarebbe sempre 6 grammi, non mi torna, ma facciamo pure che sia errato.
    Ovviamente torna se intendi dire che suall bilancia di Marte il carico per m3 è sempre di 6 grammi (ma io mi riferivo ai pesi terrestri per valutare cosa si può fargli portare stando alla nostra percezione)

    > > > Vuoi metterci
    > > > pure motore e eliche? E che eliche ci
    > vogliono
    > > > con un'atmosfera del genere?
    > >
    > > Direi che la soluzione più semplice sarebbe
    > > applicare una qualche soluzione da animale
    > > marino, la cui più semplice versione sarebbe
    > una
    > > camera d'aria, con condotti che ne scaldino
    > il
    > > contenuto con il sole, e poi come un
    > palloncino
    > > si muova per
    > > reazione.
    > >
    >
    > Cmq l'idea non mi sembra poi così male, magari
    > limitandosi a trasportare qualche sensore
    > (temperatura, pressione, etc) e non telecamere o
    > altro...

    Dicono che le nanotecnologie stanno facendo grandi passi, magari in pochi grammi si può farci stare puiù di quanto non si possa credere, poi è chiaro che uno ci mette quel che si può e conviene
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > - Scritto da: pignolo
    >
    > > > vuol dire che 1 m3
    > > > solleverebbe 6 grammi, ma data pure la
    > minore
    > > > gravità che è 4/10 circa, sarebbe un
    > oggetto
    > > che
    > > > sulla Terra pesa 15 grammi (se non ho
    > > sbagliato
    > > > le proporzioni). Metti che la metà sia
    > > "rubata"
    > > > dal materiale, rimangono 7 grammi per
    > > > m3
    > >
    > > Piccolo errore: se la gravità marziana è minore,
    > > anche la spinta del fluido spostato sarà minore
    >
    > Quello dovrebbe già essere compreso nel
    > determinare la pressione atmosferica marziana
    > (frutto del peso delel molecole alla gravità
    > marziana).
    > Quando hai stabilito la spinta aerostatica dei
    > due volumi (m3 atmosfera, m3 idrogeno) ottieni la
    > spinta per kg, ma se rapporti tutto a quella
    > terrestre devi rapportare pure il peso del
    > carico.
    >
    > > (metti che sia esattamente la metà, allora sia
    > il
    > > fluido spostato che l'oggetto peseranno la metà
    >
    > Ma il fluido spostato (m3 aria marziana) già
    > sconta la differenza di peso delle molecole su
    > Marte per effetto della
    > gravità.
    > L'unico peso che non sarebbe stato "ripesato" è
    > il carico pesato sulla
    > Terra
    >
    > > ma senza cambiare, a parità di densità, la
    > > proporzione tot. volume = tot. massa
    > > trasportabile).
    > >
    > > Quindi con un metro cubo sposti sempre solo 6
    > > grammi e
    > > basta..
    >
    > Boh, a meno che non sati dicendo che su Marte
    > sarebbe sempre 6 grammi, non mi torna, ma
    > facciamo pure che sia
    > errato.
    > Ovviamente torna se intendi dire che suall
    > bilancia di Marte il carico per m3 è sempre di 6
    > grammi (ma io mi riferivo ai pesi terrestri per
    > valutare cosa si può fargli portare stando alla
    > nostra
    > percezione)
    >

    Senza scrivere formule, la faccio molto semplice:
    mettiamo che un metro cubo di atmosfera marziana contenga n grammi di gas (N.B. non peso, ma massa); un ipotetico pallone sonda o dirigibile che occupa un metro cubo, per restare in equilibrio deve avere una massa esattamente di n grammi...
    (e questo vale sempre, indipendentemente che si tratti di aria o acqua o che si sia sulla Terra o su Marte).


    Se invece vuoi le formule:

    Spinta Archimede = densità_atmosfera_marziana * g_MARTE * Volume

    Massa pallone sonda = Spinta Archimede/g_MARTE =
    = densità_atmosfera_marziana * Volume =
    = massa del fluido spostato


    Tra l'altro, visto che l'atmosfera di Marte è composta principalmente di anidride carbonica (massa molare 44 grammi), usando la legge dei gas perfetti (approssimo di brutto):

    densità = densità molare * massa di una mole =
    = Pressione * massa di una mole/(costante dei gas * temperatura)

    viene che la densità a - 20°C e a 700 Pa (valori tipici per Marte presi da wikipedia) è di circa 15 grammi per metro cubo, quindi meglio del previsto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > Io sapevo che la densità era pari a circa 1/100,
    > ma facciamo pure 1/150, vuol dire che 1 m3
    > solleverebbe 6 grammi, ma data pure la minore
    > gravità che è 4/10 circa, sarebbe un oggetto che
    > sulla Terra pesa 15 grammi (se non ho sbagliato
    > le proporzioni). Metti che la metà sia "rubata"
    > dal materiale, rimangono 7 grammi per m3

    E quanto credi dovrebbe pesare la strumentazione, più fonte di energia e sistemi di comunicazione?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Klut
    > - Scritto da: Surak 2.0
    > > Io sapevo che la densità era pari a circa 1/100,
    > > ma facciamo pure 1/150, vuol dire che 1 m3
    > > solleverebbe 6 grammi, ma data pure la minore
    > > gravità che è 4/10 circa, sarebbe un oggetto che
    > > sulla Terra pesa 15 grammi (se non ho sbagliato
    > > le proporzioni). Metti che la metà sia "rubata"
    > > dal materiale, rimangono 7 grammi per m3
    >
    > E quanto credi dovrebbe pesare la strumentazione,
    > più fonte di energia e sistemi di
    > comunicazione?

    Grammi
    non+autenticato
  • Scusate, eh... perché fare un oggetto più leggero della sottile aria (marziana)?
    Meglio un aereo, e ci hanno già pensato a farlo:
    http://marsairplane.larc.nasa.gov/platform.html
  • Quello che mi ha sempre affascinato è il software che li governa; a parte i computer ridondanti a bordo, immagino ci siano capacità di autodiagnosi, riconfigurazione... ho letto che il codice supera i 2 milioni di righe, mi piacerebbe sapere in che linguaggio è scritto (so altri robottini erano programmati in java) e che tecniche si usano per poter scrivere software che governano questi robot
  • È scritto in C (puro) ma si impongono molte limitazioni per far sì che il software sia sempre affidabile in ogni condizione. Ci sono check per qualsiasi valore passato ad una routine e addirittura i loop sono sempre finiti (un do... while è proibito) per non rischiare loop infiniti.

    Altri tricks sono spiegati sul tread "Ask us anything" su Reddit.
    http://www.reddit.com/r/IAmA/comments/ybmmh/we_are.../
  • - Scritto da: MacGeek
    > addirittura i loop sono sempre finiti (un do...
    > while è proibito) per non rischiare loop
    > infiniti.
    >

    Non è che il do while è proibito, ma è limitato. Per esempio puoi metterci un contatore: se dopo tot interazioni la condizione non si è verificata, esci lo stesso.
    non+autenticato
  • Già, l'autodiagnosi è impressionante. In alcuni casi può anche auto-ripararsi, mi piacerebbe sapere come.
  • Ora non so se ho sentito male ma sui tg dicono che curiosity abbia rilevato dei puntini luminosi nel cielo in pieno giorno,gia si parla di UFO,cmq si spera che marte sia abitabile anche perche le risorse della terra si stanno esaurendo.
    non+autenticato
  • Bah, trollata un po' lame, impegnatevi di più...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hallo Guya
    > Ora non so se ho sentito male ma sui tg dicono
    > che curiosity abbia rilevato dei puntini luminosi
    > nel cielo in pieno giorno,gia si parla di UFO,cmq
    > si spera che marte sia abitabile anche perche le
    > risorse della terra si stanno
    > esaurendo.

    Intanto che marte sia abitabile saremmo già dei fossili ...
    Siamo nati sulla terra...moriremo sulla terra...Sorride per fortunaOcchiolino
    non+autenticato
  • Come fai ad esserne così sicuro? E perchè per fortuna?

    Molte cose un tempo inimmaginabili oggi sono possibili, perchè dovrebbe andare diversamente con la colonizzazione di nuovi pianeti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hallo Guya
    > Ora non so se ho sentito male ma sui tg dicono
    > che curiosity abbia rilevato dei puntini luminosi
    > nel cielo in pieno giorno,gia si parla di UFO,cmq
    > si spera che marte sia abitabile anche perche le
    > risorse della terra si stanno
    > esaurendo.


    Non lo è, è già troppo lontano dal sole, e poi non ha risorse, non come le intendiamo noi.
  • E fantastico ....poter dialogare con l'amico inviato su Marte ... Sino a ieri impensabile ..e arrivato il momento di non stupirsi più di niente da ora in poi.. Complimenti a questi grandi cervelloni della scienza messa in pratica...
    non+autenticato
  • Veramente le prime sonde su Marte, i Viking, le hanno mandate negli anni '70. Non proprio oggi.
    I robottini sono simpatici, ma non è che hanno aggiunto molto a quella prima, veramente storica, missione. http://it.wikipedia.org/wiki/Programma_Viking
  • - Scritto da: MacGeek
    > Veramente le prime sonde su Marte, i Viking, le
    > hanno mandate negli anni '70. Non proprio
    > oggi.
    > I robottini sono simpatici, ma non è che hanno
    > aggiunto molto a quella prima, veramente storica,
    > missione.
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Programma_Viking

    Andrà ad aiutare il povero Spirit persò chissà dove ?A bocca aperta
    Opportunity è ancorain attivitàSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacGeek
    > Veramente le prime sonde su Marte, i Viking, le
    > hanno mandate negli anni '70. Non proprio
    > oggi.
    > I robottini sono simpatici, ma non è che hanno
    > aggiunto molto a quella prima, veramente storica,
    > missione.
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Programma_Viking

    Ad essere precisi, erano stati preceduti da molte altre sonde. I sovietici erano riusciti ad atterrare 4 anni prima e ad ottenere una prima immagine ottenuta a livello del suolo. In quella missione avevano pure un mini rover. Peccato che il tutto abbia funzionato solo per pochi secondiA bocca aperta
    I sovietici avevano iniziato i primi tentativi di lander marziano addirittura negli anni '60, ma hanno collezionato una leggendaria collezione di fiaschi, con scarni successi.
    Alla fine coi Viking ci furono più che altro i primi lander di successo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Incubo Notturno
    > - Scritto da: MacGeek
    > > Veramente le prime sonde su Marte, i Viking, le
    > > hanno mandate negli anni '70. Non proprio
    > > oggi.
    > > I robottini sono simpatici, ma non è che hanno
    > > aggiunto molto a quella prima, veramente
    > storica,
    > > missione.
    > > http://it.wikipedia.org/wiki/Programma_Viking
    >
    > Ad essere precisi, erano stati preceduti da molte
    > altre sonde. I sovietici erano riusciti ad
    > atterrare 4 anni prima e ad ottenere una prima
    > immagine ottenuta a livello del suolo. In quella
    > missione avevano pure un mini rover. Peccato che
    > il tutto abbia funzionato solo per pochi secondi
    >A bocca aperta
    > I sovietici avevano iniziato i primi tentativi di
    > lander marziano addirittura negli anni '60, ma
    > hanno collezionato una leggendaria collezione di
    > fiaschi, con scarni
    > successi.

    Che io sappia i russi hanno sempre fallito con Marte.
    Anche con la missione che dici tu, in pratica, non sono riusciti a fare niente.
    La prima vera missione di successo è stata il Viking.
    La missione Viking è stata epocale. I robottini penso che abbiano portato ben poco in più.
  • - Scritto da: MacGeek

    > La missione Viking è stata epocale. I robottini
    > penso che abbiano portato ben poco in più.

    Dal punto di vista scientifico non credo. Dal punto di vista tecnologico, il Viking era solo un lander. Spirit e Opportunity si sono fatti parecchia strada sulla superficie.
    FDG
    10933