Una tastiera lavabile

La periferica è un ricettacolo di microbi? Ecco come risolvere il problema

Non c'è tastiera al mondo che tra un pulsante e l'altro non presenti granellini di polvere, bricioline di cibo e altro, facendo impazzire e talvolta anche vergognare gli utilizzatori. E il peggio non sta qui. Infatti, secondo il microbiologo britannico James Francis, le tastiere dei PC sono spesso più pericolose delle toilette maschili, per la presenza di una elevatissima carica batterica di E. coli e stafilococco. Certo non ci suò può esimere dall'utilizzarle, soprattutto sul posto di lavoro, così come non si può evitare che gli amanti delle pause davanti al PC sgranocchino snack e sorseggino bevande durante la visualizzazione di pagine Web. Per risolvere quindi il problema e avere tastiere più pulite e sicure, Logitech ha creato la nuova Washable Keyboard K310.

Logitech Washable Keyboard K310


Questa è la prima tastiera lavabile che può essere immersa in un bagno d'acqua fino a 30 cm e può essere quindi lavata in acqua calda fino a 50 gradi centigradi con il normale detergente per piatti. Qualora accidentalmente dovesse rovesciarsi del caffè o piccole briciole di cracker dovessero quindi incastrarsi negli incavi dei pulsanti, basterà semplicemente lavare la tastiera sotto l'acqua corrente, asciugarla e ritornare a lavorare come se nulla fosse successo. Infatti, per poter resistere all'acqua e ai liquidi in generale, la periferica presenta un foro di drenaggio nella parte posteriore, che consente la fuoriuscita dei liquidi in eccesso, l'asciugatura dei componenti interni grazie all'aria ed evita così il ristagno dei liquidi, dannoso per l'elettronica della tastiera. inoltre, i tasti sono stati incisi con il laser e hanno uno speciale rivestimento UV per evitare che con il tempo l'acqua dissolva i caratteri. La speciale copertura siliconica, infine, consente una rapida asciugatura, per tornare al lavorare immediatamente dopo il lavaggio della tastiera.
Esteticamente la tastiera non differisce da tutte le altre. Presenta ampi spazi tra i tasti, un tastierino numerico e sul lato superiore sono posti dodici tasti di scelta rapida tradizionali, per l'accesso rapido al Web, alle email e al riproduttore multimediale. Il design è piuttosto semplice ma allo stesso tempo elegante, con un interessante contrasto tra il sottile case nero e i tasti bianchi: una scelta che rende questi ultimi molto luminosi.

Lungi dal poter essere inserita in lavastoviglie (in quanto il cavo USB non lo consente), la Washable Keyboard sarà disponibile a fine mese negli Stati Uniti, mentre in Europa il lancio è programmato per ottobre, anche se il prodotto può già essere acquistato in prevendita sul portale del produttore, al costo di 39,99 euro.



(via TheAustralian IT)
TAG: gadget
13 Commenti alla Notizia Una tastiera lavabile
Ordina
  • COrrrrrro suubitooo a colllllauddaaarlla..

    Addioo tasssti appiiiicccicosii,,,, REEDdtube nunnn tte temo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marino Sumo
    > COrrrrrro suubitooo a colllllauddaaarlla..
    >
    > Addioo tasssti appiiiicccicosii,,,, REEDdtube
    > nunnn tte
    > temo.


    Invece questa tastiera è utilissima negli uffici dove ad esempio una tastiera la usano più persone.

    (Per la redazione: la numerazione degli utenti non funziona sulla pagina principale).
    non+autenticato
  • Ottima notizia!
    non+autenticato
  • Ci sono già i copritastiera e si possono usare gratuiti ed opportuni sacchetti di plastica trasparenti (come faccio io). Lo regoli con del nastro adesivo e lasci fuori solo il cavo. Per pulirlo basta un batuffolo di cotone ed alcool e se non è troppo tirato dura mesi di uso medio
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > Ci sono già i copritastiera e si possono usare
    > gratuiti ed opportuni sacchetti di plastica
    > trasparenti (come faccio io). Lo regoli con del
    > nastro adesivo e lasci fuori solo il cavo. Per
    > pulirlo basta un batuffolo di cotone ed alcool e
    > se non è troppo tirato dura mesi di uso
    > medio

    Se permetti preferisco una tastiera lavabile a copritastiera che non la terranno mai pulita in ogni caso, visto che le schifezze si accumulano soprattutto mentre la usi e con un batuffolo non riuscirai mai a pulire bene tra tutti gli interstizi dei tasti.

    Più che altro la domanda è un'altra: su PI si sono accorti solo adesso che esistono le tastiere lavabili, quando sono in giro da tipo 10 anni?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Testata quotidiana sarda
    > - Scritto da: Surak 2.0
    > > Ci sono già i copritastiera e si possono usare
    > > gratuiti ed opportuni sacchetti di plastica
    > > trasparenti (come faccio io). Lo regoli con del
    > > nastro adesivo e lasci fuori solo il cavo. Per
    > > pulirlo basta un batuffolo di cotone ed alcool e
    > > se non è troppo tirato dura mesi di uso
    > > medio
    >
    > Se permetti preferisco una tastiera lavabile a
    > copritastiera che non la terranno mai pulita in
    > ogni caso, visto che le schifezze si accumulano
    > soprattutto mentre la usi

    Mi sa che stiamo parlando di due cose diverse.
    Esistono dei copritastiere digitabili (cioè poi premere i tasti mentre è dentro il sacchetto) e volendo farli artigianali puoi usare quei sacchetti di plastica trasparenti senza maniglie che capitano spesso durante le compere (sono tipiche se compri pesci rossi Occhiolino. Basta che siano di lunghezza adatta, mentre per l'eccessiva larghezza si può adattare con lo scotch adesivo sotto la tastiera. Male male, pure con della plastica non fatta a sacchetto.
    Se digiti con i polpastrelli e non le unghie e non tendi troppo la plastica, durano molto e la tastiera resta come nuova.


    > e con un batuffolo non
    > riuscirai mai a pulire bene tra tutti gli
    > interstizi dei
    > tasti.

    Infatti. Più della polvere a me dava noia l'accumulo di sebo a furia di sudore e relativa evaporazione con il residuo che rimaneva negli spigoli.
    In questa maniera tra l'altro si preservano pure le lettere (ecc) visto che se ne riduce l'abrasione


    > Più che altro la domanda è un'altra: su PI si
    > sono accorti solo adesso che esistono le tastiere
    > lavabili, quando sono in giro da tipo 10
    > anni?

    A PI di solito si riferisce notizie trovate altrove, quindi la colpa non è la loro anche se magari l'articolo originale non puntava molto sull'originalità della cosa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0

    > ... opportuni sacchetti di plastica
    > trasparenti (come faccio io)...

    Sei uno di quelli che hanno il cellofan su divano, poltrona e sedili dell'auto? Perplesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: curioso
    > - Scritto da: Surak 2.0
    >
    > > ... opportuni sacchetti di plastica
    > > trasparenti (come faccio io)...
    >
    > Sei uno di quelli che hanno il cellofan su
    > divano, poltrona e sedili dell'auto?
    >Perplesso

    e non dimentichiamo il telecomando...
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: curioso
    > > - Scritto da: Surak 2.0
    > >
    > > > ... opportuni sacchetti di plastica
    > > > trasparenti (come faccio io)...
    > >
    > > Sei uno di quelli che hanno il cellofan su
    > > divano, poltrona e sedili dell'auto?
    > >Perplesso
    >
    > e non dimentichiamo il telecomando...

    Che per quello basta un preservativo Rotola dal ridere
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > - Scritto da: curioso
    > > > - Scritto da: Surak 2.0
    > > >
    > > > > ... opportuni sacchetti di plastica
    > > > > trasparenti (come faccio io)...
    > > >
    > > > Sei uno di quelli che hanno il cellofan
    > su
    > > > divano, poltrona e sedili dell'auto?
    > > >Perplesso
    > >
    > > e non dimentichiamo il telecomando...
    >
    > Che per quello basta un preservativo Rotola dal ridere

    In realtà una busta da calzini (piegata dietro)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: curioso
    > > - Scritto da: Surak 2.0
    > >
    > > > ... opportuni sacchetti di plastica
    > > > trasparenti (come faccio io)...
    > >
    > > Sei uno di quelli che hanno il cellofan su
    > > divano, poltrona e sedili dell'auto?
    > >Perplesso
    >
    > e non dimentichiamo il telecomando...

    "Tu lo dici" (Cit.)
    non+autenticato
  • - Scritto da: curioso
    > - Scritto da: Surak 2.0
    >
    > > ... opportuni sacchetti di plastica
    > > trasparenti (come faccio io)...
    >
    > Sei uno di quelli che hanno il cellofan su
    > divano,
    > Cos'è un divano ed a che serve?

    > poltrona e sedili dell'auto?

    Sui sedili dell'auto ci saranno 10 centimetri di polvere con funzione antifurto

    >Perplesso

    Semplice logica.
    Il pulire una supeficie piana impiega meno tempo di pulire vari incavi.
    Se si può risolvere senza alterare affatto l'usabilità di un oggetto sarebbe più da fessi non farlo, no?
    non+autenticato