Mauro Vecchio

USA, ombre sui sequestri del copyright

Un gruppo di congressman statunitensi scrive ai vertici della Sicurezza Nazionale. Dubbi sulle tattiche per la tutela del copyright online. Con frequenti sequestri di domini, ottenuti senza prove

Roma - Una lettera aperta all'attenzione del Procuratore Generale statunitense Eric Holder e del Segretario alla Sicurezza Nazionale Janet Napolitano. Un gruppo di congressman bipartisan - Zoe Lofgren, Jared Polis e Jason Chaffetz - ha mostrato preoccupazione per le tattiche adottate dal Department of Homeland Security (DHS) per la tutela del copyright nel vasto ecosistema connesso.

Nel mirino è così finita Operation In Our Sites, lanciata alla fine del 2010 per sequestrare in massa tutti quei domini web legati alla condivisione illecita di materiale tutelato dal diritto d'autore. Insieme all'operazione gemella Operation Fake Sweep - che proprio di recente si è manifestata con il suo ultimo raid su alcuni siti di streaming sportivo - i sigilli imposti dalla Sicurezza Nazionale suscitano perplessità tra i congressmen a stelle e strisce.

Con i suoi colleghi al Congresso, Zoe Lofgren ha tirato in ballo il caso Dajaz1, popolare blog musicale sequestrato dal governo su segnalazione della Recording Industry Association of America (RIAA). Numerosi contenuti presenti sul sito si erano rivelati perfettamente legali, con le stesse etichette discografiche a garantire i diritti per la proliferazione di link a brani musicali.
Senza alcuna comunicazione o spiegazione, i vertici del DHS avevano restituito il dominio Dajaz1.com ai proprietari. Caso simile quello che ha coinvolto il sito di indexing sportivo Rojadirecta, i cui domini sono stati trattenuti in un vero e proprio limbo digitale per più di un anno. La società iberica Puerto 80 è poi rientrata in possesso dei suoi spazi cibernetici senza specifiche motivazioni.

Gli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) hanno condiviso i timori espressi dal gruppo di congressman statunitensi. Quello della Sicurezza Nazionale sarebbe un pericoloso abuso di potere, basato sul sequestro di domini web senza prove concrete. EFF ha così chiesto al governo di adottare policy precise per tutelare le attività online di piattaforme per la condivisione dei contenuti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàRojadirecta, domini nel limboLa confisca ordinata dal governo di Washington è stata annullata. Ma il sito di indexing iberico resterà oscurato in attesa di una contromossa da parte delle autorità. Puerto 80 Projects accusa: i sigilli sarebbero incostituzionali
  • AttualitàUSA: i domini sono cosa nostraLe autorità statunitensi rivendicano il diritto di sequestrare domini come .com, .org e .net. Perché in realtà controllati dal registrar Verisign. Poco importa se un sito illecito sia stato registrato all'estero
16 Commenti alla Notizia USA, ombre sui sequestri del copyright
Ordina
  • tutte buone intenzioni, come "Sanità per tutti" con cui l'abbronzatissimo ha preso per i fondelli i fratelli neri, questa volta alla presa per i fondelli sta partecipando anche la moglie.
    non+autenticato
  • prima di insultare informati perchè la sanità pubblica non è passata!!! non sai che tutte le agenzie di assicurazioni americane, quindi tutti i super ricchi, in primis Romney gli hanno impedito di farlo???!!!! meglio che spendi il tuo tempo ha cercare di imparare a leggere i giornali americani seri invece che fidarti delle traduzioni da veline!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: lp1964
    > prima di insultare informati perchè la sanità
    > pubblica non è passata!!!

    Non vedi insulti. Qualche ironia sottile, ma insomma, siamo in un forum, arrabbiarsi per così poco è puerile.

    La riforma approvata il 30 marzo 2010 (lo Health care and education reconciliation act ) è comunque un passo avanti. È molto diversa dal servizio sanitario nazionale come lo intendiamo in Europa (nella maggior parte degli Stati in Europa, in verità, non tutti), ma fornisce quel minimo di garanzie che prima del 2010 gli americani si sognavano.
    non+autenticato
  • Quella legge è uno schifo, obbliga la gente a farsi una assicurazione sanitaria anche quando non è ha bisogno e alle assicurazione impedisce di rifiutare un cliente nuovo per condizioni preesistenti. Come assicurarsi per i danni all'auto dopo che l'hai sfasciata. Inoltre, per chi non si fa l'assicurazione sanitaria impone una tassa (che è una multa) e se non la paghi c'è la galera.

    In pratica quella legge garantisce che le assicurazioni private (che hanno un mucchio di difetti in USA e sono organizzate come le nostre vecchie mutue) falliscano e forzino la gente nelle mani della sanità pubblica che già paga più del 50% della sanità dei pazienti in USA.
  • - Scritto da: painlord2k
    > Quella legge è uno schifo, obbliga la gente a
    > farsi una assicurazione sanitaria anche quando
    > non è ha bisogno

    Primo errore di valutazione: la gente crede di non avere bisogno di assicurazione sanitaria. Si illude di non ammalarsi mai! Se non ci fosse stata una legge a imporgliela, l'americano medio sarebbe finito sotto i ponti, licenziato dal lavoro perché malato e costretto a curarsi vendendo la casa.


    > e alle assicurazione impedisce
    > di rifiutare un cliente nuovo per condizioni
    > preesistenti. Come assicurarsi per i danni
    > all'auto dopo che l'hai sfasciata.

    Be', la polizza kasko funziona più o meno così. Non copre tutti i danni al 100 %, ma risponde anche in caso l'assicurato abbia torto nell'incidente. Costa di più, ma le assicurazioni fanno profitti egualmente.



    > Inoltre, per
    > chi non si fa l'assicurazione sanitaria impone
    > una tassa (che è una multa) e se non la paghi c'è
    > la
    > galera.

    Questa dove l'hai letta (intendo, la galera per chi non paga la multa)?


    > In pratica quella legge garantisce che le
    > assicurazioni private (che hanno un mucchio di
    > difetti in USA e sono organizzate come le nostre
    > vecchie mutue) falliscano e forzino la gente
    > nelle mani della sanità pubblica

    Non esiste la sanità pubblica Usa. Ognuno dei 50 Stati più il distretto federale la organizza come può o come crede, ma si tratta essenzialmente di servizi di emergenza.
    non+autenticato
  • "Questa dove l'hai letta (intendo, la galera per chi non paga la multa)?"

    http://www.enterstageright.com/archive/articles/07...

    Americans who do not purchase health insurance will be fined up to $1900 per year. If that is not an onerous "tax," I don't know what is. The penalty for noncompliance is up to a year in jail or a $25,000 fine.

    Oppure basta che cerchi Obamacare + Jail con Google

    "Non esiste la sanità pubblica Usa. Ognuno dei 50 Stati più il distretto federale la organizza come può o come crede"

    A questa non serve perdere tempo a rispondere se non dicendoti di cercare, sempre con Google: "medicare + medicaid"
    solo con quei due programmi sanitari (finanziati dai) federali ci mandano in rovina gli USA in un paio di decenni.

    La kasko non centra un ciufolo:
    ho scritto "assicurarsi DOPO l'incidente". Non mi risulta nessuna assicurazione che ti paghi un sinistro se ti sei assicurato dopo che il sinistro è avvenuto.

    Alla tua prima contestazione posso solo rispondere con le immortali parole di jason Stackhouse:
    "If I wanna be a fool, I'll be a fool! That is my God-given right as an American."
    Beato il paese che lascia libera la gente di essere stupida, perché anche la gente stupida è molto meno stupida del governo. Infatti sia il nosto che il loro non è in grado di avere un bilancio in pareggio (o in attivo) da almeno 50 anni.
  • - Scritto da: painlord2k
    > "Questa dove l'hai letta (intendo, la galera per
    > chi non paga la
    > multa)?"
    >
    > http://www.enterstageright.com/archive/articles/07
    >
    > Americans who do not purchase health insurance
    > will be fined up to $1900 per year. If that is
    > not an onerous "tax," I don't know what is. The
    > penalty for noncompliance is up to a year in jail
    > or a $25,000
    > fine.

    Il link non funziona.
    E a parte questo, il testo citato sopra è tratto da un testo informale, non da una legge. Mi citeresti la legge?


    > Oppure basta che cerchi Obamacare + Jail con
    > Google
    >
    > "Non esiste la sanità pubblica Usa. Ognuno dei 50
    > Stati più il distretto federale la organizza come
    > può o come
    > crede"
    >
    > A questa non serve perdere tempo a rispondere se
    > non dicendoti di cercare, sempre con Google:
    > "medicare +
    > medicaid"

    Comodo vero demandare tutto a google? Ti sciupi, se riassumi un concetto con parole tue?

    Comunque:
    Medicare copre solo 48 milioni di cittadini americani (dati del 2008). Meno del 25 % della popolazione.
    Medicaid, esattamente come dicevo io, per quanto riguarda i criteri di selezione e buona parte dei fondi è gestito dai singoli Stati, non dal governo federale. E anche questo, non copre tutti i cittadini, ma solo determinate fasce particolarmente povere, o vulnerabili.

    Forse devo ricordare qui cos'è la sanità pubblica: è quella cosa che permette di usufruire di assistenza medica gratuita (o con un rimborso minimo e simbolico) a tutta la popolazione legalmente residente, da 0 a 120 anni, da nullatenente e senzatetto a multimiliardario.



    > solo con quei due programmi sanitari (finanziati
    > dai) federali ci mandano in rovina gli USA in un
    > paio di
    > decenni.

    Bene, vedremo la rovina degli Usa, allora.
    Chi è il regista del film?

    > La kasko non centra un ciufolo:

    Si scrive c'entra.

    > ho scritto "assicurarsi DOPO l'incidente". Non mi
    > risulta nessuna assicurazione che ti paghi un
    > sinistro se ti sei assicurato dopo che il
    > sinistro è
    > avvenuto.

    Essendo in Italia l'assicurazione obbligatoria per gli autoveicoli, è molto difficile trovare un caso di assicurato dopo l'incidente. In teoria ognuno è sempre assicurato al momento del sinistro. Il discorso riguardava la sostenibilità dei premi da parte di polizze, come la kasko, che rimborsano anche chi ha torto. Di fallimenti di assicurazioni non ne ho visti.
    E non capisco perché dovrebbero fallire a causa della salute degli americani, che fino a prova contraria non provano piacere a stare male.


    > Alla tua prima contestazione posso solo
    > rispondere con le immortali parole di jason
    > Stackhouse:
    > "If I wanna be a fool, I'll be a fool! That is my
    > God-given right as an
    > American."
    > Beato il paese che lascia libera la gente di
    > essere stupida, perché anche la gente stupida è
    > molto meno stupida del governo. Infatti sia il
    > nosto che il loro non è in grado di avere un
    > bilancio in pareggio (o in attivo) da almeno 50
    > anni.

    Ecco, e una volta che ti sei gingillato con la letteratura, torna coi piedi per terra a parlare di Servizio sanitario nazionale e a rispondere a un mio quesito preciso: quale legge prevede il carcere per chi non paga la multa?
    Magari senza letteratura di mezzo: si fa prima.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: painlord2k

    http://www.enterstageright.com/archive/articles/07...

    > Il link non funziona.
    Link corretto.

    > E a parte questo, il testo citato sopra è tratto
    > da un testo informale, non da una legge. Mi
    > citeresti la legge?

    http://brainshavings.com/obamacare/

    C'è il testo di entrambe le leggi citate:

    The bill everyone knows as Obamacare is officially called the Patient Protection and Affordable Care Act. The Senate passed it on December 24, 2009, the House passed it on March 21, 2010, and President Obama signed it into law on March 23, 2010.

    Infatti, quella che hai citato tu è l'emendamento alla legge vera e propria. Tra l'altro, tanto per informarti, l'amministrazione Obama ha concesso una montagna di esenzioni dall'Obamacare agli amici (tipo lavoratori sindacalizzati e finanziatori della sua campagna elettorale e zone dove si vota pesantemente democratico come New York.

    Prova a cercare Obamacare + Waivers (magari aggiungi corruption e cronies.

    > Comodo vero demandare tutto a google? Ti sciupi,
    > se riassumi un concetto con parole tue?

    Il concetto è "sei ignorante e ripeti a pappagallo la pappina pronta che ti hanno propinato". Un quarto d'ora su Google (sapendo leggere l'inglese) e potresti imparare quanto è estesa e da quanto tempo esiste Medicare e MedicAid. Questo, però, richiede di essere pronti a buttare a mare le balle che propinano alla TV o i giornali.

    > Comunque:
    > Medicare copre solo 48 milioni di cittadini
    > americani (dati del 2008). Meno del 25 % della
    > popolazione.

    Infatti copre solo i vecchi (non assicurabili e i disabili).
    Inoltre, gli indigenti che non sono formalmente coperti, appena mettono piede in ospedale basta che firmino e sono coperti.



    > Medicaid, esattamente come dicevo io, per quanto
    > riguarda i criteri di selezione e buona parte dei
    > fondi è gestito dai singoli Stati, non dal
    > governo federale. E anche questo, non copre tutti
    > i cittadini, ma solo determinate fasce
    > particolarmente povere, o vulnerabili.

    E quelle dovrebbero essere aiutate.
    Vorrai mica aiutare, che so, la mamma di Paul Ryan che guadagna 500.000 $ all'anno? Ops. coprono pure quella.

    > Forse devo ricordare qui cos'è la sanità
    > pubblica: è quella cosa che permette di usufruire
    > di assistenza medica gratuita (o con un rimborso
    > minimo e simbolico) a tutta la popolazione
    > legalmente residente, da 0 a 120 anni, da
    > nullatenente e senzatetto a multimiliardario.

    La differenza tra la sanità pubblica all'europea (o italiana) o canadese e quella USA è che quella USA costa molto di più, ma ti curano molto meglio e velocemente. Negli USA una persona il cancro alla prostata praticamente non uccide più nessuno, mentre con la sanità inglese o italiana il cancro alla prostata è ancora causa di morte.

    La mortalità infantile elevata negli USA c'è perché contano come nati vivi anche quelli nati al 5 mese di gravidanza, che da altre parti sono conteggiati come aborti. Loro cercano di salvarli (e li contano come nati vivi), altri li buttano direttamente nella spazzatura (tipo Cuba). Ovviamente a Cuba la registrazione di un nato vivo avviene dopo un po' e se una donna aspetta un bimbo con qualche problema la soluzione di default è l'aborto.

    > > La kasko non centra un ciufolo:
    > Si scrive c'entra.

    Leguleio e maleducato, oltre che ignorante di quello che scrive.

    > Essendo in Italia l'assicurazione obbligatoria
    > per gli autoveicoli, è molto difficile trovare un
    > caso di assicurato dopo
    > l'incidente. In teoria ognuno è sempre assicurato
    > al momento del sinistro.

    Non per i danni propri. SOlo per quelli altrui.
    Inoltre, c'è sempre un massimale.
    Se tiri sotto un gruppo di figli di notaio anche un massimale di 10 M non è detto che basti.


    > Il discorso riguardava
    > la sostenibilità dei premi da parte di polizze,
    > come la kasko, che rimborsano anche chi ha torto.
    > Di fallimenti di assicurazioni non ne ho visti.

    Non è detto che i ciechi sappiano di esserlo.
    Ma l'ignoranza non è una scusa:

    MAA assicurazione fallimento (sempre su Google)

    > E non capisco perché dovrebbero fallire a causa
    > della salute degli americani, che fino a prova
    > contraria non provano piacere a stare
    > male.

    Il fatto che tu non capisca non è rilevante.
    Capiresti se ti interessassi a studiare come funzionano realmente le assicurazioni USA (che in realtà sono delle mutue) e la struttura legale e finanziaria in cui operano. Dato che si tratta di fare fatica e perdere tempo non credo che lo farai.
    Invece di chiedere la pappetta pronta, leggere quello che scrivono gli americani di destra, di sinistra e di centro, i liberals, i libertarians, i conservative, etc.


    > > Alla tua prima contestazione posso solo
    > > rispondere con le immortali parole di jason
    > > Stackhouse:
    > > "If I wanna be a fool, I'll be a fool! That
    > is
    > my
    > > God-given right as an
    > > American."
    > > Beato il paese che lascia libera la gente di
    > > essere stupida, perché anche la gente
    > stupida
    > è
    > > molto meno stupida del governo. Infatti sia
    > il
    > > nosto che il loro non è in grado di avere un
    > > bilancio in pareggio (o in attivo) da almeno
    > 50
    > > anni.
    >
    > Ecco, e una volta che ti sei gingillato con la
    > letteratura, torna coi piedi per terra a parlare
    > di Servizio sanitario nazionale e a rispondere a
    > un mio quesito preciso: quale legge prevede il
    > carcere per chi non paga la multa?

    Quella di 900 pagine che ti ho linkato.

    "such person shall be subject, in addition to any other
    penalties that may be prescribed by law, to a civil
    penalty of not more than $25,000 with respect to any
    failures involving an application for a plan year."

    I 1900$ ed eventuale anno di galera probabilmente fanno riferimento ad altre leggi a cui fa riferimento questa.

    Una legge di 900 pagine approvata nella notte del 24 dicembre dopo le immortali parole di Nancy Pelosi:
    "We have to pass the health care bill so that you can find out what's in it"

    Praticamente hanno passato una legge che nessuno di quelli che l'ha votata ha letto per intero. Dopo aver detto per settimane che il testo sarebbe stato online per essere letto da tutti per almeno una settimana prima di essere approvato.

    Il Parlamento Italiano a questi gli fa una sega in quanto a "magna magna".

    > Magari senza letteratura di mezzo: si fa prima.

    Ma è molto meno edificante senza.
  • - Scritto da: painlord2k
    >
    > http://brainshavings.com/obamacare/
    >
    > C'è il testo di entrambe le leggi citate:
    >
    > The bill everyone knows as Obamacare is
    > officially called the Patient Protection and
    > Affordable Care Act. The Senate passed it on
    > December 24, 2009, the House passed it on March
    > 21, 2010, and President Obama signed it into law
    > on March 23,
    > 2010.

    Adesso, non voglio fare l'antipatico a tutti i costi: io ti ho chiesto in quale parte della legge è previsto che si rischia la galera, se non ci si assicura: che senso ha citare tutta la legge ? Citami solo l'articolo che prevede questa sanzione.

    > Tra l'altro, tanto per
    > informarti, l'amministrazione Obama ha concesso
    > una montagna di esenzioni dall'Obamacare agli
    > amici (tipo lavoratori sindacalizzati e
    > finanziatori della sua campagna elettorale e zone
    > dove si vota pesantemente democratico come New
    > York.

    Finito il comizietto contro Barack Obama?
    Ora possiamo tornare ai fatti.

    > > Comodo vero demandare tutto a google? Ti
    > sciupi,
    > > se riassumi un concetto con parole tue?
    >
    > Il concetto è "sei ignorante e ripeti a
    > pappagallo la pappina pronta che ti hanno
    > propinato". Un quarto d'ora su Google (sapendo
    > leggere l'inglese) e potresti imparare quanto è
    > estesa e da quanto tempo esiste Medicare e
    > MedicAid.

    Leggi piuttosto quello che chiedo io, anziché parlare di Google. Non mi interessa quanto sia esteso e da quanto esista Medicare né MedicAid. Io ho sostenuto che non sono un servizio sanitario nazionale. E qui non vedo smentite. Queste istituzioni riguardano solo una piccola parte degli americani, e uno dei due nemmeno è "nazionale" in senso stretto, ma piuttosto demandato a ognuno dei 50 Stati più distretto federale.


    Questo, però, richiede di essere pronti
    > a buttare a mare le balle che propinano alla TV o
    > i
    > giornali.

    Qui le balle le vedo scritte da qualcuno che non fa parte né della tv, né dei giornali.
    Ma ripeto, attendo smentite documentate, e in tal caso mi ricrederò. La domanda è ancora in sospeso.


    > Infatti copre solo i vecchi (non assicurabili e i
    > disabili).
    > Inoltre, gli indigenti che non sono formalmente
    > coperti, appena mettono piede in ospedale basta
    > che firmino e sono
    > coperti.

    Appunto: non è un servizio sanitario nazionale.
    Inutile girarci attorno: il servizio sanitario nazionale copre ricchi e poveri, indifferentemente.


    > E quelle dovrebbero essere aiutate.
    > Vorrai mica aiutare, che so, la mamma di Paul
    > Ryan che guadagna 500.000 $ all'anno? Ops.
    > coprono pure
    > quella.

    Lascia perdere quello che vorrei io.
    Il servizio sanitario nazionale non è questa cosa che stai mostrando qui.

    ........
    > Ovviamente a Cuba la registrazione di un nato
    > vivo avviene dopo un po' e se una donna aspetta
    > un bimbo con qualche problema la soluzione di
    > default è
    > l'aborto.


    Tutta questa comparazione fra sanità Usa e cubana proprio non capisco che c'entri. Non ho mai sostenuto che non esistano ospedali e cure mediche negli Usa. Ho detto che non esiste un servizio sanitario nazionale, e sono due cose diverse.
    Anche nei Paesi in cui esiste un servizio sanitario nazionale si può scegliere il privato, che è più veloce e (dovrebbe essere) migliore. È una scelta , appunto. Nei luoghi in cui il SSN non esiste, è un obbligo .
    Il punto era solo questo.


    > > > La kasko non centra un ciufolo:
    > > Si scrive c'entra.
    >
    > Leguleio e maleducato, oltre che ignorante di
    > quello che
    > scrive.

    Maleducato sì, con chi non conosce l'ortografia.
    E ti ricordo che non basta dire che hai cento talleri in tasca, per essere ricco davvero. Puoi ripetere diecimila volte che sono ignorante, sono refrattario a questi giochetti, ma la gente che legge non è scema: sa distinguere fra chi è informato su ciò che scrive e dice, e chi si finge tale.

    > > Essendo in Italia l'assicurazione
    > obbligatoria
    > > per gli autoveicoli, è molto difficile
    > trovare
    > un
    > > caso di assicurato dopo
    >

    >
    > > l'incidente. In teoria ognuno è sempre
    > assicurato
    > > al momento del sinistro.
    >
    > Non per i danni propri. SOlo per quelli altrui.

    Sí, se non è un'assicurazione kasko, è assicurato solo per i danni altrui.
    Ma, appunto, trovare un "non assicurato" in Italia è impossibile, significa che è nel torto già in partenza. Il paragone non è facile.
    È vero che non si può passare alla kasko dopo aver provocato un sinistro, e pretendere i soldi per i danni propri, senza truffare (e qualcuno lo fa).

    Tornando all'assicurazione sanitaria: in caso di patologie pregresse l'assicurazione chiederà una quota più alta fin da subito, e si parte dal concetto che la gente non si ammala apposta, e non ci gode a restare malata a lungo. Quindi io questo catastrofismo da fallimento collettivo proprio non lo vedo, né lo intravedo.



    > Inoltre, c'è sempre un massimale.
    > Se tiri sotto un gruppo di figli di notaio anche
    > un massimale di 10 M non è detto che
    > basti.

    Intendi dire con questo paragone che nelle assicurazioni sanitarie Usa il massimale non esiste? Mi pare molto strano.
    Non è dichiarato nel contratto, ma i fondi delle singole compagnie non sono infiniti.

    > > Il discorso riguardava
    > > la sostenibilità dei premi da parte di
    > polizze,
    > > come la kasko, che rimborsano anche chi ha
    > torto.
    > > Di fallimenti di assicurazioni non ne ho
    > visti.
    >
    > Non è detto che i ciechi sappiano di esserlo.
    > Ma l'ignoranza non è una scusa:
    >
    > MAA assicurazione fallimento (sempre su Google)

    Per ora ho trovato questo:
    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/r...

    Si tratta di bancarotta fraudolenta, che è un reato, non di fallimento. Due cose diverse.
    Tra l'altro, un esempio più fresco non lo trovavi? Qui si parla di oltre 15 anni fa!


    > > E non capisco perché dovrebbero fallire a
    > causa
    > > della salute degli americani, che fino a
    > prova
    > > contraria non provano piacere a stare
    > > male.
    >
    > Il fatto che tu non capisca non è rilevante.

    Interessante esempio di dialettica. Io parlo di A, e faccio un paragone italiano con A'.
    Tu rispondi: "Non capisci". E per te la cosa è chiarita così.
    Contento tu... Ti ricordo che sei intervenuto qui su PI spontaneamente, nessuno ti ha tirato per i capelli.


    > Invece di chiedere la pappetta pronta, leggere
    > quello che scrivono gli americani di destra, di
    > sinistra e di centro, i liberals, i libertarians,
    > i conservative,
    > etc.

    No, non funziona così nei forum, e nemmeno nella vita reale.
    Tu sei intervenuto con affermazioni precise, tu ora dimostri ciò che hai detto.
    non+autenticato
  • I repubblicani che si lagnano della polizia che e' troppo brusca contro "i pirati del copyright" suona decisamente come una manovrina in chave pre-elettorale...
    Basta ricordare che il fature di SOPA (stop online piracy act) era un repubblicano...

    Oh sisi lo so...purtroppo la lobby delle major non ha colore ed ha ben infestato anche i democratici... il panzone di MPAA era un ex-senatore democratico mi pare..

    Cmq se ci tirano fuori qualcosa di buono, ben vengaCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > I repubblicani che si lagnano della polizia che
    > e' troppo brusca contro "i pirati del copyright"
    > suona decisamente come una manovrina in chave
    > pre-elettorale...


    O forse nemmeno questo:
    Zoe Lofgren è democratica
    Jason Chaffetz è repubblicano
    Jared Polis è democratico

    Per la serie gli articoli di Punto Informatico sono sempre ben documentati: "Un gruppo di congressman repubblicani - Zoe Lofgren, Jared Polis e Jason Chaffetz".

    La notizia in sé è il classico starnuto americano, che come tutti gli starnuti viene dimenticato due secondi dopo. Solo la Camera dei rappresentanti Usa consta di 435 membri: cosa cambierà mai una lettera firmata da tre persone tre?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: bubba
    > > I repubblicani che si lagnano della polizia che
    > > e' troppo brusca contro "i pirati del copyright"
    > > suona decisamente come una manovrina in chave
    > > pre-elettorale...
    >
    >
    > O forse nemmeno questo:
    > Zoe Lofgren è democratica
    > Jason Chaffetz è repubblicano
    > Jared Polis è democratico
    >
    > Per la serie gli articoli di Punto Informatico
    > sono sempre ben documentati: "Un gruppo di
    > congressman repubblicani - Zoe Lofgren, Jared
    > Polis e Jason
    > Chaffetz".
    effettivamente degli articoli di Vecchio e quellaltro ,NON c'e' da fidarsi.. avrei dovuto leggere la notizia originaleSorride

    > La notizia in sé è il classico starnuto
    > americano, che come tutti gli starnuti viene
    > dimenticato due secondi dopo. Solo la Camera dei
    > rappresentanti Usa consta di 435 membri: cosa
    > cambierà mai una lettera firmata da tre persone
    > tre?
    probabilmente niente. Pero' meglio questa che un calcio nei denti... vedremo...
    non+autenticato
  • vedo che i commenti inutili e offensivi li cancellate mi fa' molto piacere
    bravi
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > vedo che i commenti inutili e offensivi li
    > cancellate mi fa' molto piacere
    >
    > bravi
    beh che e'? con tanti nick che puoi usare.. devi proprio impiegare quello che uso da 10 anni qui? che NOIA...
    non+autenticato
  • L'industria dei contenuti, senza mezzi termini, compra e corrompe giudici e politici per mantenere intatto un business model che gia' nel decennio scorso sarebbe stato obsoleto. Lasciamo pure che i videotechini si gingillino con i loro DVD plasticati all'interno dei loro bugigattoli vuoti e polverosi, saranno le naturalissime e sacrosante leggi di mercato a falciare inesorabilmente i pochi rimastiOcchiolino
    non+autenticato
  • Il copyright è già morto de facto, tutti i ridicoli tentativi di rianimarlo sono semplicemente patetici, l'unica cosa che rimane da fare è ammazzarlo anche de iure.

    ABOLIRE IL COPYRIGHT

    Pirata
    non+autenticato