Telestreet sotto assedio!

Sequestrati gli impianti della tv di strada Disco Volante. Nei prossimi giorni si prevedono altri sequestri. Polemiche e interrogazioni in Parlamento, a rischio la libertà di parola. Le tv di strada si preparano a reagire

Telestreet sotto assedio!Roma - All'entusiasmo degli animatori delle televisioni di strada, emittenti che trasmettono in un raggio di poche centinaia di metri, è arrivata nei giorni scorsi la risposta delle autorità. Il ministero delle Comunicazioni, infatti, dopo un lungo tentennamento normativo ha fatto eseguire il sequestro di Disco Volante, tv libera di Senigallia dedicata alle disabilità.

Ragione ufficiale del sequestro è l'assenza di una "concessione o autorizzazione" a trasmettere. Secondo il deputato verde Marco Lion di Senigallia "ancora una volta, ambiti di libertà e di informazione di base, che hanno individuato uno spazio di frequenze al limite della correttezza formale ma che assolutamente non intaccano nessun diritto reale vengono chiusi, mentre situazioni palesemente e violentemente in contrasto con le leggi, come per esempio l' uso delle frequenze da parte di Rete 4, che da tempo dovrebbe trasmettere via cavo, restano senza alcuna sanzione o iniziativa da parte dell'Escopol".

Ma a protestare contro un sequestro che appare ai più incomprensibile sono in tanti. La deputata diessina Giovanna Grignaffini presenterà una interrogazione firmata dai circa 100 parlamentari, gli stessi che proprio sulle telestreet avevano sostenuto una proposta di legge. Secondo Grignaffini "la decisione di chiudere una tv di strada è in contrasto con quanto approvato proprio dal Parlamento, che nel corso dell' esame della legge Gasparri ha votato un ordine del giorno che va nella direzione di un più esplicito riconoscimento di questo tipo di esperienze".
Da Peccioli (Pisa), si segnala che il 26 potrebbe arrivare il sequestro di quella televisione di strada. "Ciascuna telestreet - si legge in una nota che girava in rete nelle ultime ore - prenda le misure che ritiene più opportune per preparare una risposta politica contro la repressione e per salvare eventualmente le proprie attrezzature".

Ancora più pesanti, com'è comprensibile, sono le reazioni delle televisioni di strada a quello che ai più appare come il primo passo verso una progressiva chiusura dei tanti spazi alternativi nati in questi anni. "Disco Volante - spiegano quelli di Telestreet - era la televisione fondata da una cooperativa di disabili, trasmetteva da alcuni mesi in un raggio di qualche centinaio di metri, senza coprire alcun altro segnale, ed è stata chiusa. Più o meno è come impedire a due sordomuti di farsi dei gesti di saluto dai due lati della strada".

"Telestreet - si legge nella nota diffusa dalle televisioni di strada - è nata per portare democrazia nella comunicazione, proprio ciò che in questo paese si cerca di distruggere. Perciò Telestreet chiama tutte le persone sensibili a provare lo stesso disprezzo che noi proviamo per questa comica repressione che impedisce alla gente di trasmettere parole ed immagini nel raggio di centocinquanta metri".

Da parte loro proprio ieri sera una tv di strada di San Lorenzo, un quartiere di Roma, ha trasmesso l'atteso incontro calcistico Juventus-Roma. Un'iniziativa, in questo caso, rivolta contro l'attuale mercato del calcio e dei diritti di trasmissione.

Sull'argomento vedi anche:
Un grido di pace lanciato dal satellite
di Carlo Gubitosa
TAG: censura
262 Commenti alla Notizia Telestreet sotto assedio!
Ordina
  • Non ci frega un CAZZO!!!!!Pensate che noi di TELETORRONE di Avellino trasmettiamo il nostro SEGNALE ABUSIVO!!! da circa 3 ANNI!!! hanno gia' tentato 5 volte di spegnerci,sequestrandoci anche le attrezzature, ma noi piu' TOSTI di LORO continueremo fino ALL'INFINITO!!! puntualmente ci riattrezziamo E VAI!!! tanto le apparecchiature per installare una TELESTREET costano poco piu' di 230,00 EURO!!! e quindi ci CAGATE SOLO IL CAZZO, VOI DI QUESTO GOVERNO DI MERDA!!! Con questo INVITIAMO tutti a FREGARSENE!!! e continuate CON TENACIA!!! tanto prima o poi qualcosa dovra' pur succedere!!! Un saluto da TELETORRONE UHf 25 per Avellino!
    non+autenticato
  • Ciao, sono un pirata dell'etere, di ORFEOTV la prima telestreet nata a Bologna il 21 giugno 2001.
    Ho letto molti messaggi su questo forum e vorrei fare alcune considerazioni più o meno banali a titolo personale e dare qualche informazione dall'interno.

    1. sulla Legge in generale.
    La legge dovrebbe tutelare l'interesse collettivo o comunque tendere a farlo.
    Nella realtà la legge in molti casi ha tutelato e tutela oggi l'interesse di pochi potenti che grazie al loro potere economico o mediatico sono in grado di controllare la politica e il consenso dei cittadini anche a danno della collettività e dei diritti individuali.
    Tutte le costituzioni dei paesi democratici affermano il principio della libertà di espressione e del pluralismo della comunicazione.
    Il mononopolio del sistema radiotelevisivo in Italia e nei paesi democratici è anticostituzionale e antidemocratico.
    Inoltre nei paesi democratici esistono leggi antitrust per evitare e limitare le concentrazioni economiche di interi settori industriali nelle mani di una o poche aziende che così facendo spesso danneggiano lo sviluppo economico, la libera concorrenza e l'innovazione.
    Il mononopolio del sistema radiotelevisivo in Italia e nei paesi democratici è antiecononomico.

    2. Sul principio di legalità. Rispettare questo principio sempre e comunque come un dogma vuol dire rispettare leggi sbagliate (anche i politici sbagliano), rispettare leggi a vantaggio di pochi e/o a danno di molti (compresi noi stessi), rispettare leggi repressive, non riconoscere la diversità e la complessità delle materie che vengono regolamentate dalle leggi, non riconoscere la storia di chi ha violato le leggi per conquistare e affermare diritti e libertà di cui tutti godiamo.


    3. Su Berlusconi. Il "nostro" presidente del consiglio non rispetta le leggi e il principio di legalità. la sua storia personale e la storia della sua impresa televisiva è evidententemente fatta di violazioni di leggi, corruzione politica e di leggi ad personam fatte da amici suoi e ora da se stesso.

    4. Sui dipendenti di RETE4. Se RETE4 va sul satellite i suoi dipendenti possono lavorare per la rete che la sostituirà o per altre televisioni. questo è davvero il male minore. Ma grazie alla legge gasparri e alla moltiplicazione delle frequenze l'ostacolo è aggirato.

    5. Su LA7. LA7 è stata affossata col cambio del management del gruppo SEAT/Telecom. Berlusconi e Tronchetti Provera hanno fatto un patto di non belligeranza e spartendosi televisione e telefonia. Infatti Berlusconi stava investendo sulle telecomunicazioni. Questo spiega perchè LA7 ha dovuto pagare penali miliardarie a tutti i grandi nomi che ha lasciato a casa (mi pare 16 miliardi a Fabio Fazio che forse aveva annusato il corso degli eventi).

    6. Sulla Legge Gasparri. Non scendo nei dettagli. Basti solo il fatto che a parte della maggioranza parlamentare non piace e neanche a Ciampi.

    7. Su Telestreet. Le televisioni di strada non ledono nessuno diritto, anzi ne affermano in modo concreto alcuni fondamentali. Inoltre non disturbano le frequenze di nessuno in quanto prudentemente ma anche rispettosamente trasmettono nei coni d'ombra (zone in cui non ci sono segnali e che in Italia sono praticamente infinite).

    8. Su Destra e Sinistra. Le telestreet non appartengono a nessun partito. le televisioni che aderiscono al progetto Telestreet hanno idendità diverse, anche al loro interno. c'è gente di sinistra come di destra, ci sono associazioni culturali, gruppi di amici, una coppia di pensionati di Bari, gente che trasmette canti popolari, uno che trasmette nel suo ristorante, televisioni itineranti etc.. Telestreet è un movimento trasversale a tutta la società che afferma il diritto e la pratica dell'uso dell'etere per trasmettere immagini da parte di tutti i cittadini.Non solo. Telestreet Non può appartene ai partiti nè essere un partito in quanto è un network senza centro, chiunque con poche centinaie di euro pùo fare una televisione di strada nel suo quartiere e questo è ciò che sta accadendo. Ci sono decine di televisioni di strada che trasmettono o che stanno per farlo. Ogni giorno giungono richieste di informazioni per aprire una telestreet. Si parla di questa esperienza italiana in tutta Europa e altrove.

    In alcuni paesi la comunicazione televisiva via etere è considerata un servizio universale come luce, gas e telefono.

    Il network Telestreet presenterà un'emendamento alla legge Gasparri per concedere il 10% delle frequenze digitali per televisioni comunitarie ad accesso pubblico come quelle che esistono nel Nord-Europa e negli USA da trent'anni.


    Quindi faccio a tutti un'invito, compresi i comunisti, i fascisti, gli ingenui, i servili, i masochisti, quelli che non hanno mai scaricato un mp3, i "decelebrati"....FATTI ANCHE TU LA TUA TIVVù!


    Fabrizio
    ORFEOTV






    non+autenticato
  • Ciao,
    > 1. sulla Legge in generale.
    >   La legge dovrebbe tutelare l'interesse
    > collettivo o comunque tendere a farlo.
    >   Nella realtà la legge in molti casi ha
    > tutelato e tutela oggi l'interesse di pochi
    > potenti che grazie al loro potere economico
    > o mediatico sono in grado di controllare la
    > politica e il consenso dei cittadini anche a
    > danno della collettività e dei diritti
    > individuali.
    > Tutte le costituzioni dei paesi democratici
    > affermano il principio della libertà di
    > espressione e del pluralismo della
    > comunicazione.
    > Il mononopolio del sistema radiotelevisivo
    > in Italia e nei paesi democratici è
    > anticostituzionale e antidemocratico.
    > Inoltre nei paesi democratici esistono leggi
    > antitrust per evitare e limitare le
    > concentrazioni economiche di interi settori
    > industriali nelle mani di una o poche
    > aziende che così facendo spesso danneggiano
    > lo sviluppo economico, la libera concorrenza
    > e l'innovazione.
    > Il mononopolio del sistema radiotelevisivo
    > in Italia e nei paesi democratici è
    > antiecononomico.

    Giusto, quindi, come ho detto in precedenza, posso mettere su un bel CB con un lineare, per poter utilizzare appieno il mio diritto sancito di liberta' di parola. Ed anche le radio vaticane con le loro potenze stratosferiche devono poter parlare liberamente con tutto il mondo (impedire loro di raggiungere le isole samoa sarebbe impedire loro di esprimere le loro idee).

    > 2. Sul principio di legalità. Rispettare
    > questo principio sempre e comunque come un
    > dogma vuol dire rispettare leggi sbagliate
    > (anche i politici sbagliano), rispettare
    > leggi a vantaggio di pochi e/o a danno di
    > molti (compresi noi stessi), rispettare
    > leggi repressive, non riconoscere la
    > diversità e la complessità delle materie che
    > vengono regolamentate dalle leggi, non
    > riconoscere la storia di chi ha violato le
    > leggi per conquistare e affermare diritti e
    > libertà di cui tutti godiamo.

    dura lex sed lex. A me non piacciono i limiti di velocita' che trovo patetici (i 50 in citta' ed i 130 in autostrada...). Con la mia moto fracassona voglio fare i 150 in citta' e le pieghe col ginocchio a terra, tutto perche' considero le leggi del traffico sbagliate.
    Se una legge e' sbagliata si lotta per cambiarla, ma non la si viola, perche' si devono utilizzare i mezzi messi a disposizione dalla legge stessa (e dalla costituzione) per farlo.

    > 3. Su Berlusconi. Il "nostro" presidente del
    > consiglio non rispetta le leggi e il
    > principio di legalità. la sua storia
    > personale e la storia della sua impresa
    > televisiva è evidententemente fatta di
    > violazioni di leggi, corruzione politica e
    > di leggi ad personam fatte da amici suoi e
    > ora da se stesso.

    e visto che non le rispetta lui, via tutti a non rispettarle. Giusto. Se hitler ha ucciso milioni di ebrei, perche' non lo possiamo fare tutti.

    > 4. Sui dipendenti di RETE4. Se RETE4 va sul
    > satellite i suoi dipendenti possono lavorare
    > per la rete che la sostituirà o per altre
    > televisioni. questo è davvero il male
    > minore. Ma grazie alla legge gasparri e alla
    > moltiplicazione delle frequenze l'ostacolo
    > è aggirato.

    qui non vedo il problema...terrestre o satellite la tv rimane quella.

    > 5. Su LA7. LA7 è stata affossata col cambio
    > del management del gruppo SEAT/Telecom.
    > Berlusconi e Tronchetti Provera hanno fatto
    > un patto di non belligeranza e spartendosi
    > televisione e telefonia. Infatti Berlusconi
    > stava investendo sulle telecomunicazioni.
    > Questo spiega perchè LA7 ha dovuto pagare
    > penali miliardarie a tutti i grandi nomi che
    > ha lasciato a casa (mi pare 16 miliardi a
    > Fabio Fazio che forse aveva annusato il
    > corso degli eventi).

    cosa c'entra con le telestreet ?

    > 6. Sulla Legge Gasparri. Non scendo nei
    > dettagli. Basti solo il fatto che a parte
    > della maggioranza parlamentare non piace e
    > neanche a Ciampi.

    e quindi ? non mi pare nessuno abbia proposto di togliere la fiducia al governo per questa legge, che alla fine, nel bene o nel male, sara' approvata (se non lo e' gia' stata)

    > 7. Su Telestreet. Le televisioni di strada
    > non ledono nessuno diritto, anzi ne
    > affermano in modo concreto alcuni
    > fondamentali. Inoltre non disturbano le
    > frequenze di nessuno in quanto prudentemente
    > ma anche rispettosamente trasmettono nei
    > coni d'ombra (zone in cui non ci sono
    > segnali e che in Italia sono praticamente
    > infinite).

    ledono la legge e cio' e' sufficiente. Anche io andando ai 150 in centro storico non ledo alcun diritto, finche' non ammazzo qualcuno. Ledi altresi' il mio diritto ad avere, se mai mi servisse e chiedessi la licenza, quella frequenza che viene usata, essendo un bene di tutti. Io non posso trasmettere liberamente sulla frequenza dei 2.4GHz perche' e' usata da tutti quindi non posso abusarne trasmettendo, ad esempio, ad alta potenza.

    > 8. Su Destra e Sinistra. Le telestreet non
    > appartengono a nessun partito. le
    > televisioni che aderiscono al progetto
    > Telestreet hanno idendità diverse, anche al
    > loro interno. c'è gente di sinistra come di
    > destra, ci sono associazioni culturali,
    > gruppi di amici, una coppia di pensionati di
    > Bari, gente che trasmette canti popolari,
    > uno che trasmette nel suo ristorante,
    > televisioni itineranti etc.. Telestreet è un
    > movimento trasversale a tutta la società che
    > afferma il diritto e la pratica dell'uso
    > dell'etere per trasmettere immagini da parte
    > di tutti i cittadini.Non solo. Telestreet
    > Non può appartene ai partiti nè essere un
    > partito in quanto è un network senza centro,
    > chiunque con poche centinaie di euro pùo
    > fare una televisione di strada nel suo
    > quartiere e questo è ciò che sta accadendo.
    > Ci sono decine di televisioni di strada che
    > trasmettono o che stanno per farlo. Ogni
    > giorno giungono richieste di informazioni
    > per aprire una telestreet. Si parla di
    > questa esperienza italiana in tutta Europa e
    > altrove.

    di destra o sinistra sono illegali.

    >   In alcuni paesi la comunicazione televisiva
    > via etere è considerata un servizio
    > universale come luce, gas e telefono.

    ad esempio ? e poi ti pare che luce gas e telefono siano beni universali ? prova ad usarli gratuitamente, allo stesso modo in cui voi usate le radiofrequenze, poi ne riparliamo se sono servizi universali o meno.

    >   Il network Telestreet presenterà
    > un'emendamento alla legge Gasparri per
    > concedere il 10% delle frequenze digitali
    > per televisioni comunitarie ad accesso
    > pubblico come quelle che esistono nel
    > Nord-Europa e negli USA da trent'anni.

    questa e' l'unica cosa che potete fare: cambiare la legge in maniera legale. Ma se l'emendamento non passa dovete chiudere.
    Io non ce l'ho con voi, ma con coloro che vanno contro la legge e pretendono di avere pure ragione
    non+autenticato
  • Ciao, fo letto la tua lettera su punto informatico, e volevo farti i complimenti per le tue posizioni che trovo molto intelligenti: infatti l'invito a combattere certe posizioni deve essere intrapreso da tutti di destra e di sinistra, perchè tutti devono vedere realizzati i propri diritti. Sarebbe infatti da idiota che una persona, siccome è di destra, debba prendere per oro colato tutto quello che glio propinano anche se le turlupinature arrivano dalla fazione politica a cui sente di appartenere.
    IO ho una mentalità di destra, ma questo governo mi fa schifo, perchè ha violato qualsiasi logica, pure quella del mercato che dovrebbe invece difender( basti pensare che la situazione di monopolio va contro ogni logica di mercato, ma in italia è la norma...e berlusca non fa niente per cambiare le cose, anzi....)
    Mi auguro che il tuo appello venga raccolto da tutti, e che tutti comprendano che ci sono battaglie da combattere prima di quelle di schieramento partitico (che non significa shieramento politico)

  • ha violato la legge.
    era al centro di un losco giro di evasione fiscale.
    (ha perso lo scontrino del gelato)

    .........
    comica repressione che impedisce alla gente di trasmettere parole ed immagini nel raggio di centocinquanta metri".

    .........
    boschi, legame con gli incendi.
    si propone di radere al suol e cementare tutte le foreste per evitare il pericolo di incendi( la mafia rigrazia)




    Quale di queste notizie e' la piu' idiota?
    non+autenticato
  • Questa :
    Pluriinquisito per mafia e corruzione,magnate dell'informazione e del campo immobiliare diventa Premier di un paese industrializzato della UE

    ..ma no dai e' poco credibile...chi vuoi che creda a una roba del genere..?in un paese UE poi..fosse un corrotto paesello del centramerica (dove si alternano caudillos e governi democratici regolarmente eletti e puntualmente rovesciati) sarebbe quasi credibile... ma in francia o italia o germania chi vuoi che lo creda? ...sarebbe come se un politico occidentale facesse battute sui malati di AIDS in campagna elettorale venendo pure eletto!! no no none' credibile...




    - Scritto da: Anonimo
    >
    > ha violato la legge.
    > era al centro di un losco giro di evasione
    > fiscale.
    > (ha perso lo scontrino del gelato)
    >
    > .........
    > comica repressione che impedisce alla gente
    > di trasmettere parole ed immagini nel raggio
    > di centocinquanta metri".
    >
    > .........
    > boschi, legame con gli incendi.
    > si propone di radere al suol e cementare
    > tutte le foreste per evitare il pericolo di
    > incendi( la mafia rigrazia)
    >
    >
    >
    >
    > Quale di queste notizie e' la piu' idiota?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa :
    > Pluriinquisito per mafia e
    > corruzione,magnate dell'informazione e del
    > campo immobiliare diventa Premier di un
    > paese industrializzato della UE
    >
    > ..ma no dai e' poco credibile...chi vuoi che
    > creda a una roba del genere..?in un paese UE
    > poi..fosse un corrotto paesello del
    > centramerica (dove si alternano caudillos e
    > governi democratici regolarmente eletti e
    > puntualmente rovesciati) sarebbe quasi
    > credibile... ma in francia o italia o
    > germania chi vuoi che lo creda? ...sarebbe
    > come se un politico occidentale facesse
    > battute sui malati di AIDS in campagna
    > elettorale venendo pure eletto!! no no none'
    > credibile...
    >

    Beh, detta così non è credibile, ma se fosse l'Unto del Signore forse sarebbe possibileA bocca aperta
    non+autenticato
  • se riflettete su quello che avete scritto, dovete concludere che il mondo reale è oltre le vostre capacità di comprensione...
    ;)OcchiolinoOcchiolino
    non+autenticato
  • brutta cosa l'invidia
    non+autenticato
  • > Pluriinquisito per mafia

    e pluriassolto
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Pluriinquisito per mafia
    >
    > e pluriassolto

    Quanto basta per non poter essere assunto come autista all'ATM
    non+autenticato
  • Vietare a qualsiasi privato reti a livello nazionale ed invece favorire reti a livello locale.

    Se qualcuno vuole ampie coperture dovra' avere un sacco di reti locali con conseguenti assunzioni di tecnici, e personale.

    Reti nazionali permettono un risparmio notevole soprattutto nel personale.

    non+autenticato
  • bravi bravi governanti, più vi dimostrate per quello che siete e più proveremo gusto a mandarvi tutti a casa...
    ...perchè in altri posti è da un sacco che ci siete stati mandati...

    Solidarietà alle tv di strada!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 32 discussioni)