Mauro Vecchio

YouTube, la rivolta dell'Islam

Dopo la strage di Benghazi alcuni governi ribadiscono la richiesta di rimozione della clip blasfema. Il Tubo ribadisce: è tutto legale. E poi oscura il video in alcuni paesi mediorientali

Roma - Tra etica digitale e libertà d'espressione, il potere sociale delle grandi piattaforme del Web ha partorito una grande responsabilità. Nel fuoco incrociato dei governi planetari, i siti della condivisione sono spesso obbligati a fronteggiare le posizioni più estreme, le pressanti esigenze di fazioni inconciliabili. Dopo il caos al consolato statunitense di Benghazi, YouTube si è ritrovata tra le mani una patata bollente.

Il portalone di BigG ha infatti subito l'ira funesta dei governi in Egitto e Afghanistan - pare anche in Pakistan - che hanno ordinato la rimozione immediata di varie clip del contestato film Innocence Of Muslims. Tra queste, un trailer esteso della durata di circa 14 minuti, in cui il Profeta Maometto viene descritto come un imbroglione e un casanova incallito.

Prodotto dal misterioso Sam Bacile, il film Innocence Of Muslims ripercorre le tappe della vita di Maometto con un piglio decisamente critico, nel tentativo di dimostrare al mondo le attività fraudolente del Profeta dell'Islam. Collaboratore di Bacile, Basseley Nakoula è un copto-statunitense braccato dalla giustizia a stelle e strisce per frode fiscale. Nella produzione del film sarebbe coinvolto anche il noto pastore Terry Jones, che già aveva bruciato pubblicamente alcune copie del Corano, descrivendo la religione islamica come "un cancro per l'umanità".
Direttamente collegato alla morte del diplomatico statunitense Christopher Stevens, il trailer del film di Bacile ha provocato fortissime ondate di protesta nei paesi islamici. I governi di Egitto e Afghanistan hanno così deciso di bloccare tutti gli accessi al Tubo per evitare ulteriori proliferazioni delle clip blasfeme, considerate all'unanimità "un insulto al Profeta e all'intero popolo islamico".

Il caso diventa subito complicato, appunto una patata bollente per YouTube. I vertici del Tubo hanno sottolineato come il trailer del film Innocence Of Muslims non ricada affatto nei casi di violazione dei termini di servizio della piattaforma di video sharing. In altre parole un filmato perfettamente legale, che può tranquillamente restare online pur considerando i suoi contenuti opinabili.

D'altro canto, YouTube ha deciso di bloccare la visione del video nei paesi islamici, dall'Egitto al Pakistan. Una mossa criticata dagli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF): "È davvero strano che YouTube blocchi un suo video senza una effettiva violazione dei termini di servizio, o comunque senza una richiesta legale valida. Non siamo sicuri che abbia fatto la cosa giusta".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
117 Commenti alla Notizia YouTube, la rivolta dell'Islam
Ordina
  • Questo brevissimo video dovrebbe far riflettere coloro i quali pensano che tutte le religioni siano uguali.

    non+autenticato
  • Ai musulmani sta dando di volta il cervello. La religione è una cosa strettamente personale e riguarda solo l'individuo e la sua coscienza. Non si può e non si deve imporre la scelta religiosa per legge. A me pare che siano fermi al periodo cattolico dei tribunali dell'inquisizione e sembra che nulla conti per loro la libertà di opinione e di espressione. sono cattolico e molto spesso mi trovo in disaccordo con molte opinioni differenti dalle mie, ma le rispetto anche se non le condivido.
    non+autenticato
  • mi incuriosisce come spesso non si riesca mai a vedere più in là del naso, nessuno riesce a guardare il momento storico-politico in cui gli avvenimenti accadano.
    A) periodo di elezioni in USA -> mossa per prendere/perdere voti e avvicinarsi una parte delle lobby importanti
    B) fatto fuori il leader libico dai Francesi, agli USA non sta comoda la situazione in Libia e vuole che le materie prime (sappiamo quali) siano più sotto il proprio controllo che sotto l'egidia della UE/Francia

    il resto sta alla vostra fantasia...
    e poi dico: ma se io vado a sparare al consolato americano e ammazzo qualcuno l'america dichiara guerra all'italia?

    a me sembrano dei telefilm messi in scena per abbindolare l'opinione pubblica...
    poi magari mi sbaglio, ma a me non quadra... così come non quadravano le armi di distruzione di massa di saddam (mai trovate)... così come un bin laden sparito nel mare dopo 10 anni che lo cercavano...
    non+autenticato
  • - Scritto da: eventoculat ore
    > mi incuriosisce come spesso non si riesca mai a
    > vedere più in là del naso, nessuno riesce a
    > guardare il momento storico-politico in cui gli
    > avvenimenti
    > accadano.

    No qualcuno c'è. In genere non scrive nei forum, ma eccoti un'eccezione. È qualcuno che, oltre a non farsi sviare dai telefilm, non si fa nemmeno prendere la mano dagli odi personali.

    > A) periodo di elezioni in USA -> mossa per
    > prendere/perdere voti e avvicinarsi una parte
    > delle lobby
    > importanti

    Tutto da dimostrare. Da un punto di vista del tempismo, la mossa è un po' troppo lontana dalle elezioni. Chiunque fra i due candidati favorisca, di qui al 6 novembre avrebbe il tempo di recuperare.
    E poi, che dei guerriglieri armati in Libia si occupino di quelli lobby appoggi il candidato repubblicano, quali il democratico, e quali entrambi (le lobby negli Usa sono legali, e regolamentate), è decisamente tirato per i capelli. Sono considerazioni che possono fare i servizi segreti di Paesi avanzati, non certo dentro a un Paese come la Libia.


    > B) fatto fuori il leader libico dai Francesi,

    Se stai parlando di Gheddafi, è stato fatto fuori, e barbaramente, dai libici.
    I francesi sono stati i primi a dare supporto bellico agli insorti in Cirenaica una volta che le ostilità erano già iniziate, non le hanno certo create loro. "I primi", nel senso che le loro bombe sono giunte un paio di giorni in anticipo su quelle Usa e di diversi Paesi europei... non è proprio un vantaggio di mesi o di anni.

    > agli USA non sta comoda la situazione in Libia e
    > vuole che le materie prime (sappiamo quali) siano
    > più sotto il proprio controllo che sotto l'egidia
    > della
    > UE/Francia

    Questo è proprio un telefilm. Cioè, si scatenano le rivolte contro gli Usa, e così il greggio e il gas naturale della Libia vengono gestiti da società Usa. Ma dov'è la logica, secondo quale legge commerciale i disordini e i morti fanno passare di mano le industrie? È vero casomai il contrario: investitori stranieri, in qualsiasi campo, anche quello del petrolio, si ritirano dai Paesi con disordini e una situazione politica ingestibile. Gli imprenditori non sono kamikaze né soldati di un esercito: se anche un solo dipendente muore l'investimento è in pericolo.

    > il resto sta alla vostra fantasia...

    Direi più alla tua.

    > e poi dico: ma se io vado a sparare al consolato
    > americano e ammazzo qualcuno l'america dichiara
    > guerra
    > all'italia?

    No. Anche perché l'Italia è un Paese alleato degli Usa dal 4 aprile del 1949. Uno dei più fidati.
    Per ora comunque nessuno negli Usa intende dichiarare guerra alla Libia. Le portaerei inviate sul posto, oltre al potere deterrente, servono anche per inviare soldati per blitz contro questo o quel gruppo di guerriglieri. L'operazione contro Osama Bin Laden era una di queste: mica avevano dichiarato guerra al Pakistan, che era un alleato, né lo fecero dopo, quando fu chiaro a tutti che Bin Laden era stato protetto per anni dai governi delle regioni a nord del Pakistan.


    > a me sembrano dei telefilm messi in scena per
    > abbindolare l'opinione
    > pubblica...

    Padronissimo tu di vederci questa analogia. Purtroppo qui si distrugge e si muore davvero. E non c'è il "buono" a salvare la situazione alla fine. Triste


    > poi magari mi sbaglio, ma a me non quadra... così
    > come non quadravano le armi di distruzione di
    > massa di saddam (mai trovate)...

    Questa frecciatina viene fuori ogni volta che si parla di argomenti attinenti gli Usa.
    Ti ricordo che alle armi di distruzione di massa non credette nessuno . Non solo tu. Era una scusa inventata dai governi di Gran Bretagna e Usa per cercare alleati, che non funzionò: alla seconda guerra del golfo andarono (oltre a Usa e GB) due fregate australiane e quattro gatti polacchi. Un insuccesso totale.
    Il capo dell'Aeia Hans Blix fece il giro dell'Iraq senza trovare alcunché legato ad armi nucleari, e riferì pubblicamente. Fu un'ulteriore dimostrazione, se ancora ce n'era bisogno, che George W. Bush parlava a vanvera.


    > così come un bin
    > laden sparito nel mare dopo 10 anni che lo
    > cercavano...

    Più di dieci anni: i primi ordini di cattura degli Usa contro di lui vennero emessi dopo gli attentati alle ambasciate statunitensi del 1998. Bin Laden è morto il 2 maggio 2011. Sono tredici anni.

    Tutti quanto nutrono dubbi sulla vicenda con cui hanno fatto sparire il corpo in mare, ma alla fine è un dettaglio. La sua morte è stata ammessa dai guerriglieri di al-Qaeda, che avevano tutto l'interesse che rimanesse vivo, o comunque, morisse per cause naturali. Che fine abbia fatto il cadavere, in effetti, non ha alcuna incidenza sulla Storia.
    non+autenticato
  • Il comportamento di questa gente non e' tanto diverso di quello dei ruppolo boys del forum di PI quando si scrive che apple si e' macchiata del sangue degli schiavi cinesi.
  • e ti pareva che non tirassi fuori per l'ennesima volta la apple.
    sembri un disco rotto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > Il comportamento di questa gente non e' tanto
    > diverso di quello dei ruppolo boys del forum di
    > PI quando si scrive che apple si e' macchiata del
    > sangue degli schiavi
    > cinesi.

    Hai forse notizie di assalti armati ai LUG o dell'omicidio di sistemisti linux ?
  • mmm vediamo un po': La pulizia etnica scatenata dai cingalesi contro i tamil? L’attentato nella metropolitana di Tokio? Se vuoi posso continuare: ogni estremismo ha la sua appendice violenta. Il problema è l'estremismo religioso, non la relgione in sè
    non+autenticato
  • - Scritto da: GG La Tr8la
    > mmm vediamo un po': La pulizia etnica scatenata
    > dai cingalesi contro i tamil? L’attentato nella
    > metropolitana di Tokio? Se vuoi posso continuare:
    > ogni estremismo ha la sua appendice violenta. Il
    > problema è l'estremismo religioso, non la
    > relgione in
    > sè

    e questo cosa c'entra ?
  • Ma non puoi uscire un momento dalla solita tiritera Windows>Apple>Linux?

    Poi il titolo del tuo post "tutte le religioni sono uguali" è un luogo comune. Il buddismo ad esempio non è uguale all'islam. Hai mai sentito di buddisti che decapitano, uccidono, incendiano, tagliano parte degli organi genitali dele loro donne... ecc... ?
    non+autenticato
  • mmm vediamo un po': La pulizia etnica scatenata dai cingalesi contro i tamil? L’attentato nella metropolitana di Tokio? Se vuoi posso continuare: ogni estremismo ha la sua appendice violenta. Il problema è l'estremismo religioso, non la relgione in sè

    - Scritto da: Carletto
    > Ma non puoi uscire un momento dalla solita
    > tiritera
    > Windows>Apple>Linux?
    >
    > Poi il titolo del tuo post "tutte le religioni
    > sono uguali" è un luogo comune. Il buddismo ad
    > esempio non è uguale all'islam. Hai mai sentito
    > di buddisti che decapitano, uccidono, incendiano,
    > tagliano parte degli organi genitali dele loro
    > donne... ecc...
    > ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: GG La Tr8la
    > mmm vediamo un po': La pulizia etnica scatenata
    > dai cingalesi contro i tamil? L’attentato nella
    > metropolitana di Tokio? Se vuoi posso continuare:
    > ogni estremismo ha la sua appendice violenta. Il
    > problema è l'estremismo religioso, non la
    > relgione in
    > sè

    In confronto ai bagni di sangue condotti dai musulmani già dagli inizi della rivelazione, questi sono episodi marginali.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carletto
    > - Scritto da: GG La Tr8la
    > > mmm vediamo un po': La pulizia etnica scatenata
    > > dai cingalesi contro i tamil? L’attentato nella
    > > metropolitana di Tokio? Se vuoi posso
    > continuare:
    > > ogni estremismo ha la sua appendice violenta. Il
    > > problema è l'estremismo religioso, non la
    > > relgione in
    > > sè
    >
    > In confronto ai bagni di sangue condotti dai
    > musulmani già dagli inizi della rivelazione,
    > questi sono episodi
    > marginali.

    Mi scuso per l'intromissione nel vostro litigio personale Sorride e per l'off topic ma credo che, forse per ignoranza specifica nel campo dell'Islam, tu stia facendo un po' di minestrone.
    Relativizzare le religioni non serve a far sembrare quelle sbagliate meno sbagliate. Ragionando come fai tu dovremmo accettare anche Scientology.
    Detto questo, tieni sempre presente che l'Islam non è una religione (checché se ne dica). L'Islam è prima di tutto un metodo di governo (E il corano è il testo legislativo ideologico di base), poi una serie di leggi e solo infine diventa una religione (religione come strumento di controllo delle masse e strumentale al raggiungimento degli obiettivi ultimi del mussulmano, ossia la trasformazione della casa della guerra (ogni paese non mussulmano è casa della guerra, in Casa Della Pace [ogni paese mussulmano è casa della pace]). Non esistono mussulmani estremisti e moderati, ma solo mussulmani e non mussulmani. Se sei mussulmano il tuo compito è quello di convertire il mondo. Poco importa che tu lo faccia armato o in un ufficio, o corrompendo come politico, o in altro modo.Quelli definiti mussulmani moderati sono spesso mussulmani "piggri" che non praticano (ma è sempre una condizione transitoria, visti i casi di terrorismo interno e di estremizzazioni repentine). Per cui, si, è bene evitare il razzismo. Ma d'altro canto, è anche bene tenere gli occhi aperti sul fenomeno dell'islamizzazione dell'occidente. E per fare questo ti basta una semplice ricerca su Google. Non confondiamo l'Islam con una religione in quanto non lo è. La componente religiosa è lo strumento che consente il controllo delle masse (nell'ISLAM) per raggiungere l'obiettivo. E' anche l'unica religione da cui non ti puoi convertire. E storicamente, si è imposto, e ancora lo fa, con le armi piuttosto che con la pace. Anche comparandolo alle atrocità cristiane/cattoliche del passato (terminate secoli fa), i cristiani sembrano Giovani Marmotte. detto questo, è già stato determinato che il film era solo una scusa. La realtà è che l'Islam non vuole intromissioni nei suoi territori. La rimozione dei sedicenti dittatori (che garantivano la stabilità di quelle regioni= ha aperto la strada all'estremismo (dato che non esisteva nessun altro pronto a cogliere l'opportunità politica).

    Mi scuso per l'off topic ma certe cose vanno spiegate, al fine di evvitare confusioni sulla realtà che ci circonda.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Awanderer
    > Mi scuso per l'intromissione nel vostro litigio
    > personale Sorride e per l'off topic ma credo che,
    > forse per ignoranza specifica nel campo
    > dell'Islam, tu stia facendo un po' di minestrone.

    Mi intrometto anche io, benché l'argomento mi interessi poco o punto, perché tu, in compenso, fai un'enorme confusione.


    > Relativizzare le religioni non serve a far
    > sembrare quelle sbagliate meno sbagliate.
    > Ragionando come fai tu dovremmo accettare anche
    > Scientology.

    Già porsi come Sommo Giudice del retto e del Torto, e nel campo delle religioni poi, indebolisce la tua posizione. Ma chi sei?

    Poi non capisco cosa significhi quel "dovremmo accettare". Scientology è una realtà presente in molti Paesi, che tu l'accetti o meno. In alcuni Stati ha subito processi, in altri no, ed è considerata religione a tutti gli effetti negli Usa per ragioni fiscali.


    > Detto questo, tieni sempre presente che l'Islam
    > non è una religione (checché se ne dica).

    Ma chi sei tu per stabilire cosa è religione e cosa no?
    Scendi dal piedistallo.


    > L'Islam
    > è prima di tutto un metodo di governo (E il
    > corano è il testo legislativo ideologico di
    > base),

    A parte il fatto che il Corano non e l'unico testo legislativo fonte della sharīʿah , esiste anche la sunnah, non capisco cosa ti autorizzi a dire cosa è "prima di tutto" l'Islam.
    Io potrei dire che il calcio è "prima di tutto" una rissa con pedate e sgambetti. E il mio intervento ha la stessa connotazione da chiacchiera da osteria del tuo.


    > poi una serie di leggi e solo infine
    > diventa una religione (religione come strumento
    > di controllo delle masse e strumentale al
    > raggiungimento degli obiettivi ultimi del
    > mussulmano, ossia la trasformazione della casa
    > della guerra (ogni paese non mussulmano è casa
    > della guerra, in Casa Della Pace [ogni paese
    > mussulmano è casa della pace]).

    Questa parte nemmeno la capisco. Probabilmente hai studiato l'islam prendendo lezioni private da Borghezio, o da Le Pen.

    > Non esistono
    > mussulmani estremisti e moderati, ma solo
    > mussulmani e non mussulmani.

    E purtroppo questo si applica anche a certi commentatori... Triste


    > Se sei mussulmano il
    > tuo compito è quello di convertire il mondo.

    Quasi tutte le grandi religioni si sono imposte col proselitismo. Non si spiegherebbe altrimenti come certe aree sono quasi solo cristiane, altre sono quasi solo musulmane, altre induiste, altre sikh... Se la religione fosse una libera scelta personale, come adottare un taglio di capelli o scegliere un profumo, avremmo tutte le circa 800 religioni note compresenti in ogni Stato.


    > Ma d'altro canto, è anche bene tenere
    > gli occhi aperti sul fenomeno dell'islamizzazione
    > dell'occidente.

    Perché invece se li teniamo chiusi cambia qualcosa.
    L'impero Romano non era cristiano in origine, lo divenne nel giro di tre secoli nonostante le persecuzioni di alcuni imperatori. Questione di una decima di generazioni, o poco più. Hanno tenuto gli occhi chiusi anche loro?

    > E per fare questo ti basta una
    > semplice ricerca su Google. Non confondiamo
    > l'Islam con una religione in quanto non lo è.

    Di nuovo. È un'ossessione!
    Ammesso che il tuo parere contasse qualcosa (e non è così), se anche l'islam fosse dichiarata cosa diversa da una religione, che cambierebbe mai?
    Credi che in Europa, o qualsiasi altro Stato democratico, sia possibile metterlo fuorilegge? Oppure segregare in ghetti sorvegliati coloro che lo praticano?


    > La
    > componente religiosa è lo strumento che consente
    > il controllo delle masse (nell'ISLAM) per
    > raggiungere l'obiettivo.

    Quale obiettivo?


    > E' anche l'unica
    > religione da cui non ti puoi convertire.

    Questa nemmeno la commento.
    Studia le religioni (tutte, senza eccezioni) e poi ripassa.


    > E
    > storicamente, si è imposto, e ancora lo fa, con
    > le armi piuttosto che con la pace.

    L'Indonesia e la Malaysia sono Stati a maggioranza musulmana, che hanno sì conosciuto guerre in passato, ma mai da parte di potenze islamiche straniere. L'islam si è diffuso tramite i commerci.
    Anche l'Iran, secondo alcuni storici, non fu mai conquistato militarmente dagli islamici, ma si frammentò nel momento di massima espansione dell'Islam, assorbendo la nuova religione, per essere poi riunificato alcuni secoli dopo. La questione è ancora discussa.

    > Anche
    > comparandolo alle atrocità cristiane/cattoliche
    > del passato (terminate secoli fa), i cristiani
    > sembrano Giovani Marmotte.

    Questa è un'altra uscita da bar sport.
    Non si giudica una religione attuale basandosi su quello che ha ispirato o prodotto diversi secoli fa. Esattamente come non si giudicano gli italiani basandosi sui costumi dell'impero romano, o sulle usanze dissolute dei papi rinascimentali.
    E la gara a chi ha compiuto più atrocità, oltre che perfettamente priva di senso, è un'arma a doppio taglio. Significa dare patenti di legittimità alle religioni che non hanno mai provocato guerre o morti... per il semplice fatto che erano in quattro gatti a praticarle.


    > La realtà è che l'Islam non vuole intromissioni
    > nei suoi territori.

    Invece gli altri popoli, di altre religioni, non aspettano altro che qualcuno li invada e detti legge, e costringa a praticare una sola religione, oppure proibisca le religioni.

    >La rimozione dei sedicenti
    > dittatori

    Sedicenti dittatori? Ma hai studiato scienze politiche su un libro di barzellette?
    I dittatori di vari stati islamici avevano vari titoli (il più comune è raʾīs , che significa semplicemente capo, presidente), ma mai dittatore, che è un termine negativo in ogni lingua.
    Forse intendevi dire "cosiddetti dittatori".


    > Mi scuso per l'off topic ma certe cose vanno
    > spiegate, al fine di evvitare confusioni sulla
    > realtà che ci
    > circonda.

    "Evvitare", sì. Nel senso di estrarre una vite. A bocca aperta Dalla testa.
    non+autenticato
  • Leguleio rilassati. Scrivo da un cellulare, spesso da un bus all'altro capo del mondo. Ma andiamo con ordine Sorride

    - Scritto da: Leguleio
    Mi intrometto anche io, benché l'argomento mi
    interessi poco o punto, perché tu, in compenso,
    fai un'enorme confusione.

    Spiegami la confusione. Sono interessato.

    >
    > Già porsi come Sommo Giudice del retto e del
    > Torto, e nel campo delle religioni poi,
    > indebolisce la tua posizione. Ma chi
    > sei?

    Sono uno che segue il fenomeno da circa 20 anni. E tu chi sei? Hai mai seguito il fenomeno islamizzazione a livello globale. Se l'hai fatto, argomenta. In caso contrario, ricambio il consiglio. Studia che a forza di stare in Italia ti sei perso quello che accade nel resto del mondo. D'altro canto, se io non sono nessuno, per un mero principio di reciprocità, dovrei pensare lo stesso di te. Chi sei?
    >
    > Poi non capisco cosa significhi quel "dovremmo
    > accettare". Scientology è una realtà presente in
    > molti Paesi, che tu l'accetti o meno. In alcuni
    > Stati ha subito processi, in altri no, ed è
    > considerata religione a tutti gli effetti negli
    > Usa per ragioni fiscali.
    >
    > Scientology è indagata in numerosi posti e con la religione ha poco a che fare. Il fatto che sia inquadrata come tale non vuol dire nulla se non a meri fini burocratici. Roba da legulei appunto!
    >
    > Ma chi sei tu per stabilire cosa è religione e
    > cosa no? Scendi dal piedistallo.

    Informati su cos'è l'Islam, poi torna ad argomentare. Pecchi di presunzione.
    >
    > A parte il fatto che il Corano non e l'unico
    > testo legislativo fonte della
    > sharīʿah
    , esiste anche la
    > sunnah, non capisco cosa ti autorizzi a dire cosa
    > è "prima di tutto"
    > l'Islam.

    I dettami dell'Islam escludono il principio di democrazia che è in antitesi con l'ideologia islamica. E non è una religione. Lascia stare il calcio. Son discorsi da bar dello sport.
    >
    >

    > E purtroppo questo si applica anche a certi
    > commentatori...
    > Triste

    Son certo che il discorso è applicabile anche a te. Ribadisco, informati. Io non intervengo se si parla di biologia molecolare. Intervengo se so, altrimenti taccio. Non mi pare il tuo caso.
    >
    >
    > > Se sei mussulmano il
    > > tuo compito è quello di convertire il mondo.
    >
    > Quasi tutte le grandi religioni si sono imposte
    > col proselitismo. Non si spiegherebbe altrimenti
    >
    L'Islam è l'unico che ancora oggi si diffonde con la violenza. Fenomeno che si è estinto nel mondo cristiano, in quello buddhista, taoista e nella maggior parte delle relgioni, che per inciso non hanno lo scopo di conquistare il mondo.
    >

    >
    > Perché invece se li teniamo chiusi cambia
    > qualcosa.

    Nel tuo caso aperti o chiusi non cambia nulla. E' come se li avessi sempre chiusi. Ripeto, studia il fenomeno islamizzazione in casi come Londra, Malmo, ecc. e poi ripassa. Non ti preoccupare, ti aspetto.

    > E per fare questo ti basta una
    > semplice ricerca su Google. Non confondiamo
    > l'Islam con una religione in quanto non lo
    è.

    A) Ti faccio notare che è possibilissimo farlo interdire. Come in certi loro paesi è vietato perfino portare una Bibbia o una croce.
    Ma cosa ti fa credere che il tuo parere conti più di quello degli altri. C'è una ragione specifica, tipo il numero di post in più che hai inserito fino a oggi parlando di informatica o che so, di patatine? Mi pare di percepire un complesso di superiorità che non è però supportato da valide motivazioni. Evidentemente è un eccesso di ego.




    Di nuovo. È un'ossessione!
    > La
    > componente religiosa è lo strumento che
    consente
    > il controllo delle masse (nell'ISLAM) per
    > raggiungere l'obiettivo.

    Quale obiettivo?

    Se rileggi il post lo capisci. Impegnati più sul contenuto anziché focalizzare l'attenzione da maestrina sull'ortografia digitata da uno smartphone (non ci saresti arrivato da solo, era necessario il disegnino)
    >
    > Questa nemmeno la commento.
    > Studia le religioni (tutte, senza eccezioni) e
    > poi
    > ripassa.

    > L'Islam è l'unica delle principali religioni moderne a prevedere ancora il reato di apostasia, punibile con la morte. Non ci vuole molto a verificare. Ti basta Wikipedia.

    >
    > L'Indonesia e la Malaysia sono Stati a
    > maggioranza musulmana, che hanno sì conosciuto
    > guerre in passato, ma mai da parte di potenze
    > islamiche straniere. L'islam si è diffuso tramite
    > i
    > commerci.
    > Anche l'Iran, secondo alcuni storici, non fu mai
    > conquistato militarmente dagli islamici, ma si
    > frammentò nel momento di massima espansione
    > dell'Islam, assorbendo la nuova religione, per
    > essere poi riunificato alcuni secoli dopo. La
    > questione è ancora discussa.

    Guarda caso vivo in Asia, dove l'Islam ancora discrimina e si espande con la violenza. Conversioni forzate di cristiani, ecc. Per cui credo le tue informazioni siano leggermente falsate. Basta pensare a Mindanao, i problemi in Tailandia, e quelli in Indonesia. Ripeto, studia.
    >
    Questa è un'altra uscita da bar sport.
    Non si giudica una religione attuale basandosi su quello che ha ispirato o prodotto diversi secoli fa. Esattamente come non si giudicano gli italiani basandosi sui costumi dell'impero romano, o sulle usanze dissolute dei papi rinascimentali.
    E la gara a chi ha compiuto più atrocità, oltre che perfettamente priva di senso, è un'arma a doppio taglio. Significa dare patenti di legittimità alle religioni che non hanno mai provocato guerre o morti... per il semplice fatto che erano in quattro gatti a praticarle.

    E' una logica relativistica distorta. Le pulsioni primitive delle altre religioni sono largamente sopite. L'Islam è l'unica religione/ideologia che ancora ambisce alla conquista del mondo. Ma perché insisti. Basterebbe digitare due parole su google "islamizzazione + regione geografica di tua scelta". Fai uno sforzo visto che ti sei preso la briga di intervenire.


    > Invece gli altri popoli, di altre religioni, non
    > aspettano altro che qualcuno li invada e detti
    > legge, e costringa a praticare una sola
    > religione, oppure proibisca le religioni.

    No certamente no. Però scordi il fatto che noi da loro non godiamo degli stessi diritti.


    > Sedicenti dittatori? Ma hai studiato scienze
    > politiche su un libro di
    > barzellette?
    > I dittatori di vari stati islamici avevano vari
    > titoli

    Perché, ti risulta che quelli nuovi siano migliori? Nominami uno dei nuovi leader della "primavera araba" che è meglio di quelli che vanno a sostituire Sorride. Oppure gli altri erano dittatori e questi no?

    "Evvitare", sì. Nel senso di estrarre una vite.
    A bocca aperta Dalla
    testa.

    Battuta da leguleo con i complessi di superiorità all'italiana. L'unica cosa divertente, che hai detto in tutto il tuo inutile post è il riferimento al giudice "del retto e del torto". Per non farti arrabbiare tu fai il "retto", io mi prendo il "torto".

    Dopo che hai studiato, dammi uno sguardo all'ortografia. Ciao
    non+autenticato
  • predicano bene e razzolano male:nei loro paesi non si sognano nemmeno di bestemmiare perche verrebbero condannati a morte,in occidente si lasciano andare e bestemmiano tutti i santi cristiani fregandosene della religione degli altri;da noi costruiscono moschee,fanno proselitismo e tutto quello che vogliono,proviamo a costruire una chiesa in arabia saudita,afganistan,yemen o in qualsiasi paese musulmano,minimo ci prendono per pazzi,proviamo ad andare in questi paesi portando con noi la bibbia,un crocefisso attaccato alla collanina che ci regalo la nonna,ci arrestano ci processano e probabilmente ci condannano a morte.dovremmo anche noi dire che la terra italiana e santa e la culla della cristianita e pretendere il massimo rispetto.
    non+autenticato
  • Quoto! L'islam per loro è intoccabile, e tutto il resto non merita nè rispetto nè considerazione.
    non+autenticato
  • La colpa è dei politically correct che li difendono sempre e comunque. Andassero a rompere le @@ nel loro paese. Non qui dannazione!
  • Bravo, avanti con le guerre di religione. La terra sarà "santa" e "culla" secondo il tuo parere. Per quanto riguarda me, mi danno molto più fastidio i sette miliardi di euro all'anno che lo stato italiano spende per finanziare il fanatismo religioso de noantri. Le religioni sono tutte uguali: favole.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > Bravo, avanti con le guerre di religione. La
    > terra sarà "santa" e "culla" secondo il tuo
    > parere. Per quanto riguarda me, mi danno molto
    > più fastidio i sette miliardi di euro all'anno
    > che lo stato italiano spende per finanziare il
    > fanatismo religioso de noantri. Le religioni sono
    > tutte uguali:
    > favole.

    Non proprio tutte.
    Ricordiamo Roma che assorbiva le religioni di tutti i popoli sottomessi ed alleati. La loro religione (quella dei nostri avi) accettava tanti Dei e li rispettava. Quindi la RELIGIO serviva sì al governo, o all'imperatore in quanto anche PONTEFICE massimo, per legare, rilegare assieme il popolo in valori trascendenti o morali, ma ne acquisiva le differenze e le tradizioni di tutte le etnie.
    Nessuno era tenuto ad allontanarsi dai suoi valori ancestrali religiosi.
    Libera religione in libero stato.
    ...Poi sono arrivati i monoteisti....
    Qualcuno come Costantino pur non essendo cristiano concepì l'idea monoteista per realizzare un impero molto più accentrato ed autoritario.
    Ma fu il vero inizio della decadenza.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)