Mauro Vecchio

Winklevoss, ritorno social

I due gemelli investono 1 milione di dollari per finanziare SumZero, piattaforma per raccogliere in vari network idee e progetti di ricerca. Sfruttata parte del fondo nella pax legale con Facebook

Roma - ╚ il primo investimento della Winklevoss Capital, la società fondata dai gemelli Tyler e Cameron Winklevoss con i 65 milioni di dollari guadagnati dalla pace legale con il colosso Facebook. I due fratelli hanno così deciso di finanziare il social network per investitori SumZero, fondato nel 2008 dai loro ex-colleghi ad Harvard Divya Narendra e Aalap Mahadevia.

Con quasi 8mila utenti attivi, SumZero cerca di costruire delle reti di finanziatori per discutere di idee e progetti di ricerca. Una piattaforma molto simile alla prima incarnazione di The Facebook, dove i singoli profili potevano iscriversi a determinati network a numero chiuso.

Dopo l'estenuante saga legale sulla genesi del social network in blu, Tyler e Cameron Winklevoss hanno sfruttato la Winklevoss Capital per un'iniezione da 1 milione di dollari negli asset di SumZero. "Vogliamo davvero essere coinvolti", hanno commentato i due ex-nemici di Mark Zuckerberg. (M.V.)
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Winklevoss, ritorno social
Ordina
  • Cari Winklewoss,
    ok, quel nerd di Zuckerberg vi ha fregato l'idea, è diventato milionario e va a cena con Obama. Sono d'accordo, è ingiusto, ma è successo e non si può cambiare.

    Piuttosto, direi che è ora di accettare la sconfitta, mettere da parte l'idea di diventare milionari con un'idea ormai sfruttata e mettersi a lavorare...

    Oppure siete ancora convinti che la gente non aspetti altro che un ulteriore social network?

    --
    JackRackham
    non+autenticato
  • scusami, ma sono già riusciti a diventare milionari: cosa cavolo gliene frega di mettersi a lavorare?

    Tu con 65 milioni di dollari lavoreresti? Sopratutto se un caro amico ti chiede di entrare nella sua società per un inezia solo 1000000 di dollari che fai gli dici di no? Gli dici di si anche solo per avere qualcosa con cui ammazzare il tempo..
    non+autenticato
  • si, ovvio, con quella barca di quattrini non hanno effettivo bisogno di lavorare... e capisco pure che in qualche modo il tempo lo devi ammazzare... ma se dopo tutta sta storia ancora insistono col social network allora vuol dire che sono proprio deficienti!Sorride
    --
    JackRackham


    - Scritto da: Nome e cognome
    > scusami, ma sono già riusciti a diventare
    > milionari: cosa cavolo gliene frega di mettersi a
    > lavorare?
    >
    > Tu con 65 milioni di dollari lavoreresti?
    > Sopratutto se un caro amico ti chiede di entrare
    > nella sua società per un inezia solo 1000000 di
    > dollari che fai gli dici di no? Gli dici di si
    > anche solo per avere qualcosa con cui ammazzare
    > il
    > tempo..
    non+autenticato
  • Penso che per loro sia diventato un chiodo fisso.
    Forse l'ideale per ovviare a questo inconveniente sarebbe una bella serie di sedute di psicoanalisi.
    Sinceramente con tutti quei soldi (non che prima fossero dei morti di fame eh) mi dedicherei ad altro.
    Ormai è un'idea ultra-abusata ... a circolo chiuso poi ... mah !
    non+autenticato