Mauro Vecchio

Foxconn, la rivolta operaia

Decine di feriti e arresti nella notte. Nel caos la fabbrica di Tai Yuan, a poche settimane dal reportage di un giornalista sotto copertura. Produzione fermata per le indagini

Roma - Più di 2mila lavoratori coinvolti, con un bilancio di 40 feriti e alcuni arresti. Nella notte cinese una maxi-rissa ha sconvolto la routine della fabbrica di Tai Yuan, una delle sedi del colosso Foxconn. Migliaia di agenti di polizia sono stati inviati dalle autorità locali per sedare gli scontri, pare terminati solo alle 3 del mattino (ora locale).

A scatenare tanta violenza, lo scontro tra un gruppo di dipendenti e il gestore di un ristorante all'interno del centro Foxconn di Tai Yuan. ╚ solo una delle versioni apparse online - testimonianze fotografiche sono sparite dopo poche ore dal social network Weibo - a raccontare al mondo l'esatta dinamica dell'accaduto.

rivolta a foxconn

Stando alla testata specializzata Engadget, la rissa sarebbe scoppiata in seguito alla violenza esercitata da un supervisore della fabbrica di Foxconn su un giovane dipendente. Il caso avrebbe fatto deflagrare il malcontento, già ampiamente alimentato dalle misere condizioni di lavoro e dai turni massacranti.
╚ infatti recente il reportage di un giornalista cinese sotto copertura, assoldato per una settimana nella stessa fabbrica di Tai Yuan. Al lavoro nelle fasi d'assemblaggio del nuovo iPhone 5, l'inviato del quotidiano asiatico Shanghai Evening Post ha illustrato dettagli impressionanti sulle condizioni sanitarie e i ritmi di lavoro al minuto.

"La fabbrica resterà chiusa per poter effettuare indagini", ha commentato a caldo un portavoce di Foxconn. Lo stesso fornitore asiatico ha inoltre sottolineato come alla base degli scontri non vi siano motivazioni legate alle condizioni lavorative. Una spiegazione che non ha convinto molti osservatori.

Mauro Vecchio

Fonte immagine
Notizie collegate
  • AttualitàFoxconn, la lunga marciaFair Labor Association annuncia un passo importante per l'azienda cinese: le condizioni di lavoro del personale migliorano, gli orari diminuiscono. Entro il prossimo anno dovranno arrivare a 40 ore settimanali: senza tagli nei salari
  • AttualitàFoxconn, un altro suicidioUn operaio cinese che lavorava da un mese nello stabilimento Foxconn di Chengdu si Ŕ tolto la vita. E' il primo caso da quando l'azienda aveva promesso migliori condizioni di lavoro. Le autoritÓ indagano
  • AttualitàFoxconn, dipendenti scontenti dalla Cina al BrasileIn pochi giorni, due proteste contro la fornitrice dei colossi dell'elettronica. In Brasile denunciano pessime condizioni di lavoro. E in Cina minacciano il suicidio per un aumento salariale
254 Commenti alla Notizia Foxconn, la rivolta operaia
Ordina
  • Premetto che non mi piace fare il saputello che di ogni cosa è maestro, ma vivo in Cina, lavoro in Cina e lavoro in un'azienda di accessori di elettronica di consumo cinese.

    1)Se pensate che FOXCONN sia il male assoluto, non avete visto ancora nulla delle amenità cinesi
    2)Più la fabbrica è piccola e più esiste un sistema di flessibilità tale che per un occidentali è difficile da credere, lavorare tutta la notte sotto le produzioni natalizie, qualche ora di riposo e si ricomincia
    3)Mancanza di igene e cura del luogo di lavoro: cessi (quando ci sono) con scarafacci, latrine putrescenti e similari
    4)Ho visto cucine improvvisate negli stessi cessi dove si vanno a fare i propri bisogni
    5)Ho visto piccole fabbriche lavorare al buio e con le torce perchè hanno la corrente solo per alcuni macchinari

    Perchè questa bomba sociale non è ancora esplosa?
    Perchè normalmente funziona così:
    C'è un controllo "soft" dell'informazione, tale che il cinese semi analfabeta (che è poi la maggior parte della popolazione) non si accorge di nulla, è isolato nel suo mondo ideale di McDonalds, KFC, Apple e stronzate varie. Basta soddisfare alcuni bisogni di occidentalità ed il gioco è fatto.

    Sei un cinese di una casta un pò più elevata, sei un laoban (padrone)?
    Hai i soldi con cui ti compri tutto, ma proprio tutto, dal poliziotto al funzionario che fa i controlli in fabbrica, porti uno sbirro al karaoke o a un massaggio, gli regali una bottiglia di vino... poca roba ed il gioco è fatto.

    In Cina manca il rispetto per il prossimo, tutto è business, anche la vita altrui.
    Non fatene una questione di razzismo, perchè non sono razzista, ma in un sistema "comunista" come quello cinese c'è un capitalismo talmente estremizzato e competitivo dove le regole non esistono (o le fa chi ha i soldi), dove il cinese arricchito (non quello nato ricco che ha almeno la facoltà di aver studiato) è l'essere più arrogante, presuntuoso, maleducato che io abbia mai incontrato.

    Ovviamente mi limito a descrivere un sistema in cui vivo, non posso condannarlo.

    Ricordatevi solo che se il secolo scorso era il secolo della terra promessa americana, questo e il secolo della Cina che pagherà tutti i nostri debiti come fa già con gli stati uniti, portogallo, etc.
    Ma ovviamente sia la Cina che i cinesi non sono certo buoni samaritani, fanno tutto solo per business...


    Vi ripeto, FOXCONN è il 5% di quello che vedo qui quotidianamente.
  • Okay, ti faccio solo due domande.

    1) Se foxconn è il 5% di quello che vedi è sbagliato per i uoi dipendenti ribelalrsi?

    2) Sai vero che dalla Cina parecchie cose sono già fatte produrre in paesi ancora più poveri (Africa sub-sahariana e centrale)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: crumiro
    > Okay, ti faccio solo due domande.
    >
    > 1) Se foxconn è il 5% di quello che vedi è
    > sbagliato per i uoi dipendenti
    > ribelalrsi?

    In primis io non ho dipendenti. Sono anche io un dipendente.
    In secundis il mio luogo di lavoro (ma non perchè e il mio) è un paradiso rispetto agli altri uffici cinesi.
    Si ufficio, lavoro in un'azienda che fa ricerca e sviluppo di prodotti e poi facciamo i contratti con le fabbriche che ci producono le cose richieste.
    Chi comanda l'ufficio è occidentale, i managers sono occidentali.
    Nei n/s uffici si lavora 8 ore con un'ora di pausa pranzo, lo straordinario è pagato doppio e lo straordinario festivo è pagato triplo.
    Ovviamente lo stipendio è uno stipendio cinese per gli impiegati senza responsbilità.
    In Cina le regole esistono e ce ne sono molte, ma non esistono i controlli e quando ci sono i controlli... tutto ha un costo...


    >
    > 2) Sai vero che dalla Cina parecchie cose sono
    > già fatte produrre in paesi ancora più poveri
    > (Africa sub-sahariana e
    > centrale)?

    Non voglio dire cazzate, ma so che i cinesi vanno in Africa per questioni legate all'agricoltura, ma essendo immerso nel mondo elettronico/IT non sono molto preparato su questo.
  • Grazie mille per il punto di vista informato.
    Già il report del giornalista di Shanghai era illuminante ma non certo sorprendente.

    La situazione che hai descritto non è molto diversa dai capannoni senza finestre o da alcuni scantinati di Prato dove la manodopera importata sforna il "made in Italy" dell'abbigliamento che troviamo in tutti i mercati rionali d'Italia e d'Europa.

    Purtroppo il sistema funziona, per ora, e nessuno alzerà un dito. O se lo faranno (Apple l'ha già fatto, con una "ispezione" a Foxconn qualche mese fa), si tratta di operazioni di facciata. D'altronde anche il quartier generale di Apple a Cupertino è rinomato per essere un luogo dove gli impiegati non hanno per niente tempo per rilassarsi. Almeno questa è la reputazione di Apple, in Silicon Valley: un datore di lavoro molto esigente. Ovviamente secondo parametri diversi (niente blatte e meno fruste).

    cordialmente
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lammy
    > Grazie mille per il punto di vista informato.
    > Già il report del giornalista di Shanghai era
    > illuminante ma non certo
    > sorprendente.
    >
    > La situazione che hai descritto non è molto
    > diversa dai capannoni senza finestre o da alcuni
    > scantinati di Prato dove la manodopera importata
    > sforna il "made in Italy" dell'abbigliamento che
    > troviamo in tutti i mercati rionali d'Italia e
    > d'Europa.

    Purtroppo non conosco la realtà di Prato, ma se le fabbriche sono gestite da cinesi, penso che la situazione sia la stessa.

    >
    > Purtroppo il sistema funziona, per ora, e nessuno
    > alzerà un dito. O se lo faranno (Apple l'ha già
    > fatto, con una "ispezione" a Foxconn qualche mese
    > fa), si tratta di operazioni di facciata.

    Nessuno alzerà un dito, forse non avete capito che l'unica forza della Cina è questa.
    Per quali cose si va in Cina, oltre per turismo?
    Per cantare nei Karaoke?
    Per mangiare un riso alla cantonese?
    Non prendiamoci per il culo, la Cina ha un sistema di controllo tale che chi ha le risorse manda i figli a studiare all' estero perchè in Cina si studia a memoria.
    Se studi e ragioni sviluppi coscenza critica e la coscenza critica permette all'uomo di pensare liberamente in autonomia ed ovviamente trarre le conclusioni...



    > D'altronde anche il quartier generale di Apple a
    > Cupertino è rinomato per essere un luogo dove gli
    > impiegati non hanno per niente tempo per
    > rilassarsi. Almeno questa è la reputazione di
    > Apple, in Silicon Valley: un datore di lavoro
    > molto esigente. Ovviamente secondo parametri
    > diversi (niente blatte e meno
    > fruste).

    Ogni azienda all'interno delle leggi del mercato del lavoro si fa le proprie regole.
    Ovviamente se la Apple avesse i managers e gli impiegati di un ufficio postale italiano a quest'ora non userei un mac, un iphone o un ipad...
    Il tempo per rilassarsi, all' interno dell'orario di lavoro non esiste, io devo raggiungere dei target e gestisco e sfrutto le risorse (seguendo le regole e senza essere un uomo con la drusta) per raggiungerlo, o almeno ci provo.


    >
    > cordialmente
    Saluti
  • Per fortuna mio cognato e' Ministro degli interni: una telefonatina e arrivera' la Polizia a Cavallo e i Gruppi Antissommossa con idranti, lacrimogeni e proietili di gomma (ma gomma dura dura).
    Al limite spendero' un po' del mio per assoldare qualche squadrone di "polizia priivata" e ricondurre il bestiame a piu' miti consigli.
    non+autenticato
  • Conserva le risorse per l'Italia, tra poco serviranno.
    ruppolo
    33147
  • Questi cinesi devono essere grati all'occidente e alle nostre corporation, grazie a noi possono mangiarsi la loro ciotola di riso. Basta non è più possibile tollerare queste cose, meno male che le autorità cinesi pagate dalle nostre corporation li sistmeranno a dovere. Non è più tollerabile tutto questo, noi occidentabili abbiamo bisogno dei nostri dispotivi elettronici...

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Scusa, ma ci sei? ci fai?
    e se tra 10 anni fossero loro ad avere bisogno dei tuoi prodotti e se per farli ti sottopagassero e manganellassero a dovere? ma dove viviamo? la schiavitù e stata abolita un po di anni fà, i prodotti li paghi come fossero oro e inciti alla soppressione della rivolta a povera gente che viene sfruttata?? spero che il post precedente sia ironico altrimenti meglio una visita da uno psicologo!
  • Io penso che stesse scherzando.
    non+autenticato
  • anche io, almeno lo spero quel post è da neuro..o magari è qualcuno che ci mangia sopra.. tanto ci siamo abituati:)
  • Ma sì dai, sarà sicuramente uno scherzo... non hai notato "occidentabili" e la foto di Mr Burns?
    non+autenticato
  • torno a dire "lo spero"
  • - Scritto da: $printscreen
    > torno a dire "lo spero"

    Non sai chi e' Mr Burns ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: $printscreen
    > torno a dire "lo spero"

    ho fatto dell'umorismo, ironia, satira, ma persone nel mondo che la pensano così esistono purtroppo, ho messo Mr Burns de "I Simpson" serie animata in TV, perchè sicuramente uno come lui sarebbe d'accordo con quello che ho scritto..
    non+autenticato
  • - Scritto da: $printscreen
    > la schiavitù e stata abolita un po
    > di anni fà,

    In realtá ha solo cambiato nome.

    Anche il KKK che ora si chiama NRA (http://home.nra.org/#/nraorg) per darsi una parvenza di legalità.
    non+autenticato
  • ...inutile puntare il dito sulla Apple, lei ha numeri di commissiioni da capogiro che i cinesi ovviamente cercano di portare a casa ad ogni costo come staimo vedendo, quindi lei fa si che ci siano certe situazioni.
    Ma il problema principale è che la CIna non ha nessun amor proprio per i diritti umani e dei lavoratori.
    Basta guardare le fabbriche sotto casa, minorenni senza documenti che lavorano notte e giorno.
    Se chi commissiona è piccolo, il "disagio" è piccolo, se è grosso invece succedono ste cose.
    Da sempre l'Occidentale sfrutta il mercato dove la mano d'opera è meno costosa, non pensate che ogni dispositivo che avete in mano sia pulito da questo genere di sfruttamento.
    Apple ha dei numeri che altri se li sognano quindi pur di prendere il lavoro bastonano i propri dipendenti.
    Finchè il governo Cinese sarà cieco di fronte a queste situazioni, avrete addosso sempre prodotti "sporchi".
    non+autenticato
  • - Scritto da: anti troll
    > Finchè il governo Cinese sarà cieco di fronte a
    > queste situazioni, avrete addosso sempre prodotti
    > "sporchi".

    Provo a spiegarti il monetarismo americano e occidentale in genere?

    Non parliamo di signoraggio qui...
    Gli USA hanno la FED una banca centrale che emette una moneta sovrana, dal 1971 non è più legata alle riserve d'oro e non è più convertibile in nulla.

    Si va al computer o si azionano rotative e si crea denaro.
    Questo viene dato alle banche d'affari che lo prestano ad aziende come la Apple o altra corporation americana che conosce il gioco monetario.

    Quest'azienda va in posti come la Cina, dove giocando sull'avarizia di padroni-feudatari di fabbriche, e di politici, gli si danno tutti quei bigliettoni creati dal nulla in cambio di beni tangibili e fabbriche produttive che facciano i prodotti da rivendere nel resto del mondo.

    La corporation rivende i prodotti in giro per il mondo e crea ricchezza creata da altri paesi nel mondo, usando quel denaro finto creato dal nulla.

    Cosa ha il padrone e governo cinese in mano. NULLA solo un "CONTO DI CREDITO", un "IO TI DEVO", un "PAGHERÒ", una "CAMBIALE" registrata nel libro contabile della FED, che però in USA non è esigibile perché in USA un cittadino straniero pur con tanti dollari non può comprare immobili e terre oltre un limite molto piccolo... Con piccolo si intende qualche appartamento e piccole aziende o fabbriche.
    Loro lo sanno bene si sono immunizzati dalla loro stessa carta straccia perché non gli si ritorca contro.

    Il pericolo è però quando altri paesi come l'Italia o il Madagascar non conoscono questo gioco del MONETARISMO-TRUFFA. Il Madagascar in cambio di quei "PAGHERÒ" ha ceduto alla Cina enormi terre per fare produrre vegetali ed alimenti per i cinesi.
    L'Italia gli ha venduto tutto il nostro tessuto produttivo, la Benelli moto e gli sta dando tante altre ricchezze. Sempre in cambio di semplici "IO TI DEVO" creati dal nulla dagli USA.

    Il mondo è inondato di carta-straccia che sta spostando gli equilibri geo-politici del pianeta, creando il mostro Cina...
    La Cina l'hanno creata gli USA e le oligarchie industriali di paesi a moneta sovrana che lì stanno delocalizzando.

    Tutti quegli IO TI DEVO, PAGHERÒ, CAMBIALI, sono inesigibili se non in piccole quantità in USA. E staranno a circolare nel mondo creando problemi geo-politici e finanziari di ogni tipo...

    In mano la Cina, i suoi feudatari, i suoi politicanti avari hanno NULLA in cambio di lavoro e prodotti che hanno fornito alle corporation di paesiche conoscono questo gioco monetario, ma un'arma pericolosissima per chi non conosce questi meccanismi...

    Queste cose me le ha spiegate Warren Mosler, uno dei padri delle Teorie Monetarie Moderne:
    iRoby
    8362
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione

    > Non per nulla sta pianificando un'operazione di
    > buyback delle proprie
    > azioni.

    vuol dire che hanno capito che razza di truffa è la borsa valori

    è un caso che tutte le compagnie essenziali all'esistenza stessa della società ( produttori di granaglie ad esempio ) non siano quotate in borsa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: anti troll
    > > Finchè il governo Cinese sarà cieco di
    > fronte
    > a
    > > queste situazioni, avrete addosso sempre
    > prodotti
    > > "sporchi".
    >
    > Provo a spiegarti il monetarismo americano e
    > occidentale in
    > genere?
    >
    > Non parliamo di signoraggio qui...
    > Gli USA hanno la FED una banca centrale che
    > emette una moneta sovrana, dal 1971 non è più
    > legata alle riserve d'oro e non è più
    > convertibile in
    > nulla.
    >
    > Si va al computer o si azionano rotative e si
    > crea
    > denaro.
    > Questo viene dato alle banche d'affari che lo
    > prestano ad aziende come la Apple o altra
    > corporation americana che conosce il gioco
    > monetario.
    >
    > Quest'azienda va in posti come la Cina, dove
    > giocando sull'avarizia di padroni-feudatari di
    > fabbriche, e di politici, gli si danno tutti quei
    > bigliettoni creati dal nulla in cambio di beni
    > tangibili e fabbriche produttive che facciano i
    > prodotti da rivendere nel resto del
    > mondo.
    >
    > La corporation rivende i prodotti in giro per il
    > mondo e crea ricchezza creata da altri paesi nel
    > mondo, usando quel denaro finto creato dal
    > nulla.
    >
    > Cosa ha il padrone e governo cinese in mano.
    > NULLA solo un "CONTO DI CREDITO", un "IO TI
    > DEVO", un "PAGHERÒ", una "CAMBIALE"
    > registrata nel libro contabile della FED, che
    > però in USA non è esigibile perché in USA un
    > cittadino straniero pur con tanti dollari non può
    > comprare immobili e terre oltre un limite molto
    > piccolo... Con piccolo si intende qualche
    > appartamento e piccole aziende o
    > fabbriche.
    > Loro lo sanno bene si sono immunizzati dalla loro
    > stessa carta straccia perché non gli si ritorca
    > contro.
    >
    > Il pericolo è però quando altri paesi come
    > l'Italia o il Madagascar non conoscono questo
    > gioco del MONETARISMO-TRUFFA. Il Madagascar in
    > cambio di quei "PAGHERÒ" ha ceduto alla Cina
    > enormi terre per fare produrre vegetali ed
    > alimenti per i
    > cinesi.
    > L'Italia gli ha venduto tutto il nostro tessuto
    > produttivo, la Benelli moto e gli sta dando tante
    > altre ricchezze. Sempre in cambio di semplici "IO
    > TI DEVO" creati dal nulla dagli
    > USA.
    >
    > Il mondo è inondato di carta-straccia che sta
    > spostando gli equilibri geo-politici del pianeta,
    > creando il mostro
    > Cina...
    > La Cina l'hanno creata gli USA e le oligarchie
    > industriali di paesi a moneta sovrana che lì
    > stanno
    > delocalizzando.
    >
    > Tutti quegli IO TI DEVO, PAGHERÒ, CAMBIALI,
    > sono inesigibili se non in piccole quantità in
    > USA. E staranno a circolare nel mondo creando
    > problemi geo-politici e finanziari di ogni
    > tipo...
    >
    > In mano la Cina, i suoi feudatari, i suoi
    > politicanti avari hanno NULLA in cambio di lavoro
    > e prodotti che hanno fornito alle corporation di
    > paesiche conoscono questo gioco monetario, ma
    > un'arma pericolosissima per chi non conosce
    > questi
    > meccanismi...
    >
    > Queste cose me le ha spiegate Warren Mosler, uno
    > dei padri delle Teorie Monetarie
    > Moderne:
    >

    WOW... bella storia. Resta il fatto che in Cina non ci sono molti "sindacati", e la mano d'opera è molto ma molto economica. Io parlavo solo di questo, il cinese conviene perchè non lo paghi. Con questa regola il 90% dei prodotti che hai in mano risultano fatti sfruttando l'asiatico.
    Poi che USA e CINA si siano messi d'accordo per una trufffa o non truffa mondiale, questo non ha nulla a che fare con i modi che hanno di far lavorare la gente.
    non+autenticato
  • Ma il problema di fondo è che si cerca sempre di produrre al prezzo più basso avendo i profitti più alti, non importa se per questo bisogna utilizzare schiavi o se del sangue viene versato.
    il punto è che anche loro si stanno svegliando, ora vogliono una bistecca insieme al riso (e come dargli torto?).
    quando un marchio va a produrre in determinati paesi, sa esattamente quello che fà, e solo per questo dovrebbe essere boicottata.
    esiste anche un etica, ma per il miserabile iphone molti si dimenticano di essere umani, oltretutto strapagando un prodotto che viene fabbricato al ribasso da schiavi!
    che vergogna.
  • - Scritto da: $printscreen
    > Ma il problema di fondo è che si cerca sempre di
    > produrre al prezzo più basso avendo i profitti
    > più alti, non importa se per questo bisogna
    > utilizzare schiavi o se del sangue viene
    > versato.
    > il punto è che anche loro si stanno svegliando,
    > ora vogliono una bistecca insieme al riso (e come
    > dargli
    > torto?).
    > quando un marchio va a produrre in determinati
    > paesi, sa esattamente quello che fà, e solo per
    > questo dovrebbe essere
    > boicottata.
    > esiste anche un etica, ma per il miserabile
    > iphone molti si dimenticano di essere umani,
    > oltretutto strapagando un prodotto che viene
    > fabbricato al ribasso da
    > schiavi!
    > che vergogna.
    Quando torni a casa stasera guarda quanta roba hai che è stata fatta in Cina, non puoi sapere come è stata fatta perchè i piccoli sopprusi non fanno notizia.
    Ma fossi in te non punterei il dito tanto in giro se poi anche in casa propria si fa la stessa cosa.
    non+autenticato
  • Mah, difficile a dire se tutto è "etico" a casa mia, quello che è certo, che almeno ci provo, so benissimo che ci provo senza riuscirci al 100%, ma meglio che fare finta di nulla e continuare a comprare quello che son sicuro essere frutto del lavoro di schiavi.
    torno a dire, difficilmente o meglio, impossibile filtrare tutto, ma almeno l'evidente non lo nascondo.
  • > ma almeno l'evidente non lo
    > nascondo.
    Diciamo che l'evidente è Apple penchè ne parlano.
    Del resto meglio non preoccuparsi... e vedi come vive meglio colui che ignora.
    Molte volte "occhio non vede, cuore non duole", ma c'è da dire anche che non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
    Basta guardare qualsiasi fabbrica di cinesi in Italia che scopri che il 90% lavorano senza nessuna regola. Ma scommettiamo che nessuno vuole informarsi da dove arriva il proprio capo, ma facciamo finta di nulla solo perchè costa poco?
    et voilà, il gioco è fatto. Le aziende danno voce solo ai nostri desideri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: $printscreen
    ..
    > quando un marchio va a produrre in determinati
    > paesi, sa esattamente quello che fà, e solo per
    > questo dovrebbe essere
    > boicottata.


    allora tutto il mondo dell'IT, nessuno escluso, dovrebbe essere boicottato .
    non+autenticato
  • > allora tutto il mondo dell'IT, nessuno escluso,
    > dovrebbe essere boicottato
    > .
    tutta l'elettronica, il 70% dei tessuti e manufatti, giocattoli...
    diciamo che per ora andiamo sul sicuro solo su cibo e viniSorride
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)