Lo smartphone si ricarica pedalando

Ecco come trasferire energia pulita al cellulare

Saranno certamente entusiasti gli amanti dell'ambiente e del ciclismo: pedalare fa bene alla salute e... al cellulare. Dahon, azienda leader nel settore del trasporto ecosostenibile a due ruote, ha prodotto BioLogic ReeCharge: un dispositivo capace di generare energia verde semplicemente pedalando.

BioLogic ReeCharge


Il funzionamento è piuttosto semplice: BioLogic ReeCharge, dopo essere stato installato sul mozzo della bicicletta, è in grado di catturare l'energia prodotta dalla dinamo. L'energia immagazzinata può essere utilizzata per ricaricare qualsiasi apparecchiatura predisposta all'alimentazione tramite porta USB. BioLogic ReeCharge, dunque, può essere sfruttato per ricaricare non solo il proprio smartphone ma anche iPhone, iPod, fotocamere digitali e navigatori satellitari.
Il dispositivo, inoltre, incorpora una batteria ai polimeri di Litio da 1600 mAh che, oltre a poter essere ricaricata tramite la dinamo, può alimentarsi per mezzo di una porta USB da un PC, o semplicemente attraverso una spina. Una volta terminato di pedalare, il dispositivo può essere staccato dall'apposito vano posto sul manubrio della bici, ed essere facilmente trasportato nella borsa per avere sempre a disposizione un minimo di ricarica in caso di inconvenienti.

Il BioLogic ReeCharge Power Pack è disponibile sul sito Biologic Store al prezzo di 100 dollari.

Secondo Dahon, per gli amanti delle lunghe passeggiate in bici, la durata della batteria del lettore mp3 o del cellulare non costituirà più un problema. Qualora sia il tempo a porre il "bastone tra le ruote", nessun problema, BioLogic ReeCharge sembra essere resistente anche alla pioggia!



(via CoolestGadgets)
TAG: gadget
4 Commenti alla Notizia Lo smartphone si ricarica pedalando
Ordina
  • Non è per niente una stronzata, se andassi in bici per percorsi abbastanza lunghi te ne renderesti conto.

    Comunque non è una novità, la Busch & Müller ne produce uno simile da tempo. In entrambi i casi però i costi sono un po' alti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Qualcuno
    > Non è per niente una stronzata, se andassi in
    > bici per percorsi abbastanza lunghi te ne
    > renderesti
    > conto.
    >
    > Comunque non è una novità, la Busch & Müller ne
    > produce uno simile da tempo. In entrambi i casi
    > però i costi sono un po'
    > alti.

    Mah, guarda, ho guardato il video e le recensioni di chi l'ha comprato. Non c'è nulla di rivoluzionario, è solo uno stabilizzatore di tensione con una batteria tampone, che per funzionare richiede una dinamo già inserita nel mozzo. 100$ per questo !?
    Io mi chiedo perché non facciano delle cyclette in grado di receuperare l'energia della pedalata, che nel loro caso potrebbe servire TUTTA a caricare una bella batteria tampone al piombo. Immagino che non sia così facile mantenere costante lo sforzo al variare dello stato di carica, magari ci vorrebbe un'elettronica parecchio sofisticata. Peccato però, sono parecchie decine di watt, quando si pedala di buona lena Sorride
    Izio01
    4368
  • Qui da noi è sicuramente (quasi) inutile. In altri paesi è utile quanto il caricabatterie da auto.
    non+autenticato