Cristina Sciannamblo

Le memorie d'annata di Steve Jobs

Ritrovato lo stralcio di un'intervista al fondatore di Apple risalente al 1983. Dalle sue parole emergono chiaramente le idee che hanno portato all'App Store e al tablet

Roma - L'aura che si crea attorno a un personaggio nel corso della sua vita, si sa, non può che crescere in risonanza dopo la morte. Succede anche nel caso di Steve Jobs, figura attorno alla quale continuano a moltiplicarsi aneddoti e testimonianze a un anno dalla sua dipartita. È di qualche mese fa la notizia della circolazione di un nastro contenente un discorso del fondatore di Apple risalente al 1983. Ora, di quello stesso nastro sono stati rintracciati quaranta minuti mai ascoltati prima d'ora, durante i quali Jobs esprime il suo punto di vista sul futuro della tecnologia.

L'intervento di cui si conserva traccia audio si riferisce all'International Design Conference che ebbe luogo ad Aspen quasi trent'anni fa. Il tema dell'incontro riguardava gli sviluppi attesi e inattesi della tecnologia. Il ritrovamento della registrazione con le parole della mente di Apple ha ottenuto un'attenzione mediatica importante dopo essere stato citato dall'autore della biografia autorizzata di Jobs, Walter Isaacson. Ora Marcel Brown, autore della scoperta, fa sapere di aver recuperato quaranta minuti di registrazione extra contenenti contenuti interessanti.

Tra tutti, emerge l'idea del networking (con un evidente riferimento all'ipotesi di una rete globale) e la teoria secondo cui nel giro di pochi anni le persone avrebbero interagito molto di più attraverso il personal computer che con le automobili. Un altro passaggio da ricordare riguarda lo sviluppo della nascente industria del software paragonata al sistema discografico. Inoltre Steve Jobs giudicava "arcaica" la tradizionale distribuzione del software secondo lo standard "brick-and-mortar" (negozi che solitamente fanno uso di punti vendita fisici), dal momento che il software si presentava come un prodotto digitale, da vendere quindi attraverso canali elettronici. Prefigurava un sistema di vendita attraverso l'uso di linee telefoniche e carte di credito. Insomma, un abbozzo più che chiaro dell'attuale App Store.
Proseguendo, il papà della Mela afferma che la strategia dell'azienda sostiene l'esigenza di "mettere un computer potente all'interno di un libro comodo da trasportare, il cui uso sia da imparare in venti minuti". Era il 1983, ma Steve Jobs aveva già in mente smartphone e tablet.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • Digital LifeSteve Jobs sognava auto e TV per la MelaOccupare salotto e garage: erano queste le ambizioni del CEO scomparso lo scorso anno. Lo racconta uno dei membri del consiglio d'amministrazione
  • AttualitàSteve Jobs, visionario o tossico?Pubblicato un dossier FBI di quasi 200 pagine sul founder della Mela. Rivelazioni non del tutto ignote sul suo passato. Le indagini scattarono in vista di una possibile nomina presidenziale
  • AttualitàIl saluto a Steve Jobsdi L. Annunziata - L'inevitabile coccodrillo, cercando di parlare con dignità di un uomo dignitoso. Che ha attraversato 30 anni di storia della tecnologia, lasciando una traccia e incarnando il cambiamento
71 Commenti alla Notizia Le memorie d'annata di Steve Jobs
Ordina
  • Non è che per caso STEVE mentre sperimentava gli acidi -così aveva la scusa buona per non ricordarsi e la complicità del suo ego smisurato - leggeva Asimov (anni 50) dove parlava di video-libri(ipad?),Multivac, Automobili robot e computer che risolvevano i problemi della terra rilevando i compiti degli umani troppo corruttibili?
    Che dire del fatto che comunque lo sballone di cui sopra non sia mai riuscito nei 10 anni successivi a produrre queste meraviglie come sosteneva nell'intervista.
    Non è sempre per caso poi anche la apple è dovuta passare ad hardware pc compatibile, dopo che ibm ha investito miliardi di dollari su linux, primo kernel in grado di girare su qualsiasi piattaforma hardware (professional e consumer 2 mondi che non si erano mai incontrati prima) in perfetto unix style?
    Questa è stata l'unica vera evoluzione tecnologica - qualsiasi software su qualsiasi piattaforma - chi è del settore lo sà che SI PUO' FARE TUTTO
    anche se gli è più conveniente non farlo sapere. L'hardware continua ad essere sempre più veloce e miniaturizzato, va da sè che si possono fare dispositivi prima impensabili, ma di nuovo non ci fà vedere niente da tempo.
  • - Scritto da: soundjack
    > Non è che per caso STEVE mentre sperimentava gli
    > acidi -così aveva la scusa buona per non
    > ricordarsi e la complicità del suo ego smisurato
    > - leggeva Asimov (anni 50) dove parlava di
    > video-libri(ipad?),Multivac, Automobili robot e
    > computer che risolvevano i problemi della terra
    > rilevando i compiti degli umani troppo
    > corruttibili?

    E' possibile , ma dove vuoi arrivare ?

    Se un giorno uno PRODUCE il teletrasporto é un'innovazione sí o no ?

    > Che dire del fatto che comunque lo sballone di
    > cui sopra non sia mai riuscito nei 10 anni
    > successivi a produrre queste meraviglie come
    > sosteneva nell'intervista.

    Che dire del fatto che magari le tecnologia di allora non permetteva la realizzazione pratica di quanto sognato (anche sotto acido , poco importa).

    >
    > Non è sempre per caso poi anche la apple è dovuta
    > passare ad hardware pc compatibile, dopo che ibm
    > ha investito miliardi di dollari su linux, primo
    > kernel in grado di girare su qualsiasi
    > piattaforma hardware (professional e consumer 2
    > mondi che non si erano mai incontrati prima) in
    > perfetto unix
    > style?

    Passare a Intel é stata un'ottima mossa di Apple.
    Ha reso la migrazione da MS a MacOS , meno traumatica per l'utente finale.

    > Questa è stata l'unica vera evoluzione
    > tecnologica - qualsiasi software su qualsiasi
    > piattaforma - chi è del settore lo sà che SI PUO'
    > FARE
    > TUTTO
    > anche se gli è più conveniente non farlo sapere.

    Perché non dovrebbe farlo sapere ?

    > L'hardware continua ad essere sempre più veloce e
    > miniaturizzato, va da sè che si possono fare
    > dispositivi prima impensabili, ma di nuovo non ci
    > fà vedere niente da
    > tempo.

    Ha solo re-inventato il mercato degli smartphone, della musica online , per farti un esempio "ha reso un Nokia Communicator utilizzabile anche alla massaia".

    Ma, forse, a te piace fare l'eletto in grado di configurare un accesso WiFi ai tuoi amici che non ne capiscono molto.
    non+autenticato
  • Anche tu, quanto ad acidi, non scherzi.
  • io le biografie in genere le trovo una perdita di tempo, tanto non ti raccontano mai la verita, solo una bella storia. Figurarsi poi la biografia di un imprenditore un po' paraculo.

    Jobs ha avuto i suoi meriti, e il suo ptrimoni gliene rende giistuzia, anche se come per tutti quelli che hanno (avevano) una tale quantita di denaro, qualche domanda viende da porsela... ma a parte questo voler fare un mito di uno che ha disegnato prodotti e solutioni, senza mai aver inventato qualcosa di storico (come il motore termico, il vaccino, o i circuiti logici), e semplicemente insopportabile.
    non+autenticato
  • ad un certo punto gli schermi saranno solo virtuali....
    si prega di ricordare questa mia profezia all'avverasi della stesa
    entro i prossimi 50 anni.
    non+autenticato
  • ti ricorderemo se LO PRODUCI
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > ti ricorderemo se LO PRODUCI

    Non conta nulla ricordare che prima di iPhone e iPad esistevano i palmari Palm e Windows Mobile?

    Imperfetti e limitati, per carità, ma proprio per questo utili per evitare di ripetere gli stessi errori del passato.

    Non conta nulla ricordare che su questi dispositivi era possibile zoomare una fotografia con un doppio tap?

    O che era possibile installare delle applicazioni di terze parti?

    Per quanto mi riguarda non s'è inventato proprio niente e i palmari costituiscono una sorta di prior art tangibile che lo sta a testimoniare.
    --
    JackRackham
    non+autenticato
  • - Scritto da: JackRackham

    > Non conta nulla ricordare che prima di iPhone e
    > iPad esistevano i palmari Palm e Windows
    > Mobile?

    Oddio, hai scritto Windows Mobile? Oddio, sto male!!!

    (conati di vominto)
    FDG
    10946
  • - Scritto da: JackRackham
    > Non conta nulla ricordare che prima di iPhone e
    > iPad esistevano i palmari Palm e Windows
    > Mobile?
    >

    Si anch'io ricordo, quindi ? Vedo anche che ora sono stati scalzati proprio da iOS e Android.

    > Imperfetti e limitati, per carità, ma proprio per
    > questo utili per evitare di ripetere gli stessi
    > errori del
    > passato.
    >
    > Non conta nulla ricordare che su questi
    > dispositivi era possibile zoomare una fotografia
    > con un doppio
    > tap?

    Ok, quindi ?

    >
    > O che era possibile installare delle applicazioni
    > di terze
    > parti?
    >

    Quindi ?

    > Per quanto mi riguarda non s'è inventato proprio
    > niente e i palmari costituiscono una sorta di
    > prior art tangibile che lo sta a
    > testimoniare.
    > --
    > JackRackham

    Nessuno dice che Apple ha inventato , Apple ha sviluppato, migliorato e reso disponibile a tutti delle tecnologie che anni fa era si vedevano solo nei film di fantascienza. Infatti prendete Star Trek come ispiratore di Apple. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: JackRackham
    > - Scritto da: MeX
    > > ti ricorderemo se LO PRODUCI
    >
    > Non conta nulla ricordare che prima di iPhone e
    > iPad esistevano i palmari Palm e Windows
    > Mobile?
    >
    > Imperfetti e limitati, per carità, ma proprio per
    > questo utili per evitare di ripetere gli stessi
    > errori del
    > passato.
    >
    > Non conta nulla ricordare che su questi
    > dispositivi era possibile zoomare una fotografia
    > con un doppio
    > tap?
    >
    > O che era possibile installare delle applicazioni
    > di terze
    > parti?
    >
    > Per quanto mi riguarda non s'è inventato proprio
    > niente e i palmari costituiscono una sorta di
    > prior art tangibile che lo sta a
    > testimoniare.
    > --
    > JackRackham

    Guarda, io ho una memoria molto più lunga della tua. E mi ricordo perfettamente che il primo Palm Pilot, che era ancora marchiato 3Com (Palm è diventata indipendente solo più tardi) è stato pensato, progettato e costruito da due ingegneri fuoriusciti da Apple, due del team che aveva realizzato il Macintosh. Ah, e mi ricordo anche che il primo palmare "moderno" a essere messo in commercio, prima del Palm Pilot, è stato il Newton di Apple. Ma era troppo in anticipo sui tempi, la tecnologia era ancora immatura: pesava troppo e il riconoscimento della scrittura era impreciso. Per questo hanno dovuto aspettare ancora parecchio prima di uscire con iPad.
    non+autenticato
  • - Scritto da: JackRackham
    > - Scritto da: MeX
    > > ti ricorderemo se LO PRODUCI
    >
    > Non conta nulla ricordare che prima di iPhone e
    > iPad esistevano i palmari Palm e Windows
    > Mobile?
    >
    E prima ancora caro trottolino amoroso ignorantello da strapazzo?
    maxsix
    9966
  • Le sacre pietre di Mosé
    non+autenticato
  • Quanti di voi hanno ascoltato la registrazione?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 ottobre 2012 14.49
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10946
  • Domanda: quanti di voi (fanboy) hanno CAPITO la registrazione?
    non+autenticato
  • - Scritto da: crumiro

    > Domanda: quanti di voi (fanboy) hanno CAPITO la
    > registrazione?

    Hai già deciso che piega deve prendere questa discussione, eh?

    Tu l'hai ascoltato o sei qui per sparar razzate come gli altri troll?

    Ok, visto che ci tieni ti accontento.

    Anno 1983. L'oratore parla ad una platea di gente mediamente non informatizzata. Siamo nel 1983 e l'informatica è una disciplina giovane seguita da gente giovane. La maggior parte delle persone ha conosciuto la rivoluzione televisiva, ma la rivoluzione informatica è lungi dall'essere attuata per come la conosciamo oggi. Quindi della flessibilità del computer e delle potenzialità dell'informatica molti non sanno granché. E l'oratore inizia col parlargli di queste possibilità. Probabilmente (io mi sono fermato qui) parlerà delle possibilità secondo la sua visione. Insomma, col senno di poi nulla di straordinario, a noi che conosciamo bene quello che poi è successo. Ma immedesimatevi nelle persone dell'epoca che invece tutto questo manco se lo sognava.

    Ora dopo trent'anni compare un articoluccio approssimativo su questa cosa e qualcuno scopre le idee che aveva l'oratore a proposito di informatica e ovviamente cosa fa? Si concentra su ipad, ipud, irazz e ramazz. Così quattro sfigati ci possono fare un po' di trollaggio su chi ha inventato o non ha inventato cosa.
    FDG
    10946
  • - Scritto da: FDG

    > Insomma, col senno di poi nulla di
    > straordinario, a noi che conosciamo bene quello
    > che poi è successo. Ma immedesimatevi nelle
    > persone dell'epoca che invece tutto questo manco
    > se lo
    > sognava.
    io me lo immagino... nel senso che ho iniziato a usare un Vic20 nel 1982... per molti anni ho visto facce stupite, incuriosite (come dell'uomo che morde il cane), ma anche di ammirazione, incredule ecc.
    Non per questo pero' mi sento di pontificarne al mondo, farci dei funerali venerati da tutti i giornali del mondo ecc..

    > Ora dopo trent'anni compare un articoluccio
    > approssimativo su questa cosa e qualcuno scopre
    > le idee che aveva l'oratore a proposito di
    > informatica e ovviamente cosa fa? Si concentra su
    > ipad, ipud, irazz e ramazz. Così quattro sfigati
    > ci possono fare un po' di trollaggio su chi ha
    > inventato o non ha inventato
    > cosa.
    Cioe ti lamenti del Apple Hype Marketing Religion adesso?Sorride Infedele!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > Non per questo pero' mi sento di pontificarne al
    > mondo, farci dei funerali venerati da tutti i
    > giornali del mondo ecc..

    Jobs è morto e quando muore qualcuno di famoso ci si fa un po' di soldi. Purtroppo è così che va.

    > Cioe ti lamenti del Apple Hype Marketing Religion
    > adesso?Sorride
    > Infedele!

    Sono ateo.
    FDG
    10946
  • - Scritto da: bubba
    > io me lo immagino... nel senso che ho iniziato a
    > usare un Vic20 nel 1982... per molti anni ho
    > visto facce stupite, incuriosite (come dell'uomo
    > che morde il cane), ma anche di ammirazione,
    > incredule
    > ecc.

    Cosa ci vuoi fare, quando uno è fenomeno, le fans strillanti sono una conseguenza seccante.

    > Non per questo pero' mi sento di pontificarne al
    > mondo, farci dei funerali venerati da tutti i
    > giornali del mondo
    > ecc..

    No certo, assolutamente, i geni sono modesti.
    non+autenticato
  • Insomma abbiamo anche la preveggenza, i miracoli salteranno fuori, che aspettiamo con la causa di beatificazione?Con la lingua fuori
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz
    > Insomma abbiamo anche la preveggenza, i miracoli
    > salteranno fuori, che aspettiamo con la causa di
    > beatificazione?
    >Con la lingua fuori

    serve almeno un miracolo medicalmente ancora senza spiegazioni: di solito tirano molto le remissioni di cancro, (statisticamente un cancro su dieci milioni guarisce per conto suo, basta trovarne uno che sogna jobs un paio di mesi prima ed e' fatta).
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)