Mauro Vecchio

Pandora, in salvo dalla privacy

Smantellata la class action avviata da alcuni utenti della radio online, accusata di aver condiviso impropriamente informazioni come le preferenze musicali. Per il tribunale, nessuna violazione

Roma - La class action era stata avviata da un gruppo di utenti della webradio Pandora, accusata di aver sfruttato impropriamente le informazioni personali di svariati account. Le preferenze musicali dei profili sarebbero state condivise con soggetti terzi, a disposizione di tutti gli amici Facebook degli iscritti al servizio di raccomandazione musicale.

Un giudice californiano ha ora chiuso il contenzioso avviato dagli utenti di Pandora, sottolineando come la stessa piattaforma non abbia violato i dettami legislativi del Video Rental Privacy Act (VRPA).

Stando al parere della corte, le regole introdotte dal VRPA si applicano a settori come quello della vendita o del noleggio di registrazioni discografiche. Escluse invece le attività di streaming musicale su siti come Pandora, non condannabile per la condivisione delle informazioni relative alle preferenze soniche dei suoi account. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, Pandora nel mirino della privacyLa sua app per iPhone o device basati su Android avrebbe inviato in maniera silente dati personali e geolocalizzati. Dovrà comunicare informazioni dettagliate sulla gestione delle applicazioni