Mauro Vecchio

MPAA: SOPA e PIPA, morte e sepolte

Il CEO Chris Dodd ammette: quei disegni di legge non torneranno mai più. Pronta invece la salsa americana per la Dottrina Sarkozy, ma i detentori dei diritti non perseguiranno gli scariconi

Roma - "Queste proposte di legge sono morte, non torneranno mai più". Parola di Chris Dodd, attuale CEO dell'associazione cinematografica statunitense Motion Picture Association of America (MPAA). In un recente incontro al Commonwealth Club di San Francisco, l'ex-senatore del Connecticut avrebbe certamente preferito parlare d'altro, evitando di concentrarsi sui due disegni di legge che hanno scatenato la rivolta nel vasto ecosistema digitale.

"SOPA e PIPA non dovrebbero più tornare. Piuttosto, dovremmo sederci e discutere con il settore tecnologico e i principali oppositori dei due disegni di legge", ha continuato Dodd. Lo stesso CEO di MPAA ha ricordato i giorni in cui il web scatenava la gigantesca ondata di protesta per boicottare le proposte di tutela del copyright sulle nuove reti di comunicazione elettronica.

"Tra i co-sponsor delle due leggi, la gente iniziava a ritirarsi col passare dei minuti, nemmeno delle ore", ha ricordato Dodd, che si è comunque soffermato sulle operazioni di rimozione delle pagine web colte in violazione del diritto d'autore. Nello scorso anno, il gigante Google avrebbe rimosso qualcosa come 5 milioni di pagine per violazione del copyright. Come a dire che SOPA e PIPA non sarebbero state poi così astruse.
Se SOPA e PIPA sono morte, il nuovo meccanismo basato sui copyright alerts sembra ormai pronto con la collaborazione dei principali provider statunitensi. "Un programma educativo", assicura Dodd, che non andrà a punire bensì a distogliere l'attenzione dei netizen dalle piattaforme per la condivisione illecita dei contenuti. MPAA non perseguirà gli abbonati cercando informazioni dai provider a stelle e strisce.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàSOPA, i dubbi postumi di RIAAUno strumento di tutela non efficace. Così l'industria discografica statunitense nella scorsa primavera. L'opposizione di società come Google avrebbe rovinato tutto. Si dovrebbe ora puntare su avvertimenti e disconnessioni
  • AttualitàUSA, gli illuminati del copyrightPronto il gran consiglio del centro che gestirà il nuovo regime antipirateria sul modello francese. A sorpresa, nominati numerosi attivisti per la privacy e i diritti dei netizen
33 Commenti alla Notizia MPAA: SOPA e PIPA, morte e sepolte
Ordina
  • Se SOPA e PIPA sono morte, non significa che non si possano addottare provvedimenti ancora più seri contro i ladri informatici! Indiavolato
    non+autenticato
  • rosichi sempre a quanto vedoSorride... e intanto alla faccia di chi mi vuole male mi scarico un bel film e me lo guardo dopo una bella partita col mio videogame preferito (scaricato), ma ovviamente non prima di aver ascoltato i miei mp3 preferiti (scaricati) e armeggiato con i miei bei software a pagamento (scaricati)...
    tiè... tiè....
    non+autenticato
  • I pirati in cella!
    non+autenticato
  • ahahah non direi...
    meglio seduti nel divano di casa a godersi i frutti del sudore del proprio "mulo"... heheeh
    non+autenticato
  • - Scritto da: no pirates
    > I pirati in cella!

    La vedi questa.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Per lei tutti quanti sono dietro le sbarre.
    Prendi spunto...
  • Si, per musica/film ritornare al supporto analogico, non c'è altra soluzione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video 2000
    > Se SOPA e PIPA sono morte, non significa che non
    > si possano addottare provvedimenti ancora più
    > seri contro i ladri informatici!
    >Indiavolato

    Guarda.. senza SOPA si puo' stare.. ma senza PIPA assolutamente NO!
  • Niente ACTA, SOPA e PIPA, regolamento AGCOM naufragato. Come se non bastasse, a breve riapre megaupload con nome diverso (nel frattempo ne sono spuntati altri 10 quasi uguali) e il processo a Kim Dotcom sta affondando.

    Ma la cosa per loro peggiore è che da un po' di tempo, negli USA come in europa, i politici sembrano essersi "cagati sotto" davanti alle proteste della rete. Un tempo gli davano poco peso, pensavano fossero 4 nerds sfigati, adesso invece le considerano un fenomeno di massa, che può influenzare le elezioni. Persino durante le primarie repubblicane tutti i candidati si erano dissociati da SOPA.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubupalomac ucu
    > Niente ACTA, SOPA e PIPA, regolamento AGCOM
    > naufragato. Come se non bastasse, a breve riapre
    > megaupload con nome diverso (nel frattempo ne
    > sono spuntati altri 10 quasi uguali) e il
    > processo a Kim Dotcom sta
    > affondando.
    >
    > Ma la cosa per loro peggiore è che da un po' di
    > tempo, negli USA come in europa, i politici
    > sembrano essersi "cagati sotto" davanti alle
    > proteste della rete. Un tempo gli davano poco
    > peso, pensavano fossero 4 nerds sfigati, adesso
    > invece le considerano un fenomeno di massa, che
    > può influenzare le elezioni. Persino durante le
    > primarie repubblicane tutti i candidati si erano
    > dissociati da
    > SOPA.

    Hanno imparato finalmente a contare e si sono resi finalmente conto chi sono i 4 sfigati.
  • bella questa! e quali sarebbero i 10 siti quasi uguali a megaupload ??
  • 1.Rapidgator
    2.Letitbit
    3.Extabit
    4.Turbobit
    5.Mediafire
    6.Uploading
    7.Filepost
    8.FileFactory
    9.Depositefiles
    10.Ryushare
    11.Bitshare
    12.ul.to
    13.Novafile

    In meno di 2 minuti ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > 1.Rapidgator
    > 2.Letitbit
    > 3.Extabit
    > 4.Turbobit
    > 5.Mediafire
    > 6.Uploading
    > 7.Filepost
    > 8.FileFactory
    > 9.Depositefiles
    > 10.Ryushare
    > 11.Bitshare
    > 12.ul.to
    > 13.Novafile
    >
    > In meno di 2 minuti ...

    Alcuni di quelli esisono da più tempo di mega upload, come Ryushare lo sconsiglio.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: prova123
    > > 1.Rapidgator
    > > 2.Letitbit
    > > 3.Extabit
    > > 4.Turbobit
    > > 5.Mediafire
    > > 6.Uploading
    > > 7.Filepost
    > > 8.FileFactory
    > > 9.Depositefiles
    > > 10.Ryushare
    > > 11.Bitshare
    > > 12.ul.to
    > > 13.Novafile
    > >
    > > In meno di 2 minuti ...
    >
    > Alcuni di quelli esisono da più tempo di mega
    > upload, come Ryushare lo
    > sconsiglio.

    e io ho trovato pure 13 siti specializzati in film senza limiti in streaming.
  • Ma io parlo di quel cyberlocket, che nonostante abbiano una "variante" gratuita, molte cose non te le fa scaricare se non fai il premium...secondo me, provocherà problemi questa cosa.
    Sgabbio
    26178
  • quasi tutti funzionano cosi in realtà, molti hanno risolto il problema dell'impossibilità di essere pagati con sottoscrizioni premium utilizzando il credito o i questionari ogni tot questionari ti regalano 1 giorno/1 settimana di premium.
    Compri crediti su un altro sito e poi usi quei crediti sul sito streaming per diventare premium.
  • - Scritto da: prova123
    > 1.Rapidgator
    > 2.Letitbit
    > 3.Extabit
    > 4.Turbobit
    > 5.Mediafire
    > 6.Uploading
    > 7.Filepost
    > 8.FileFactory
    > 9.Depositefiles
    > 10.Ryushare
    > 11.Bitshare
    > 12.ul.to
    > 13.Novafile
    >
    > In meno di 2 minuti ...

    eh sì, spuntati ANNI PRIMA però...
    non+autenticato
  • citazione dall'articolo:
    ___

    "Un programma educativo", assicura Dodd, che non andrà a punire bensì a distogliere l'attenzione dei netizen dalle piattaforme per la condivisione illecita dei contenuti. MPAA non perseguirà gli abbonati cercando informazioni dai provider a stelle e strisce.
    ___

    Non ho capito di coaa si tratta. Una specie di lista nera...(senza oscurare il sito...)... boh.
    non+autenticato
  • "programma educativo"?
    Può essere una delle tre:
    1) piani di formazione coatta nelle scuole con il markettaro evangelist che spiega perché gli scariconi sono brutti e cattiviCon la lingua fuori (gentilmente offerti dai $$$ del contribuente USA)?
    2) si immette in rete molta fuffa malfunzionante e inutile, in modo da far perdere interesse a chiunque?
    3) si rende disponibile ad un prezzo ragionevole, senza DRM e altre castrazioni un prodotto convincente con extra e altro per appassionati? naaaaaaaa, questa sarebbe troooooppo sempliceCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: becker
    > citazione dall'articolo:
    > ___
    >
    > "Un programma educativo",
    non so perche ma la frase, detta dalla MPAA, suona come "campo di rieducazione"... nota cosa vien fuori se lo cerchi su google http://www.google.it/search?q=campi+di+rieducazion... ...
    non+autenticato
  • Mi fanno pena, davvero.. fin dai tempi della Carlucci, da cui sono stati presi in giro in modo *colossale*, si animano come burattini davanti al primo imbonitore che promette loro fantastici e favolosi inasprimenti delle leggi sul copyright. Invece governi, istituzioni e politici si stanno chiaramente muovendo in senso contrarissimo: ad esempio, il piano per il potenziamento delle infrastrutture digitali italiane mira a colmare il divario tecnologico, a finanziare linee sempre piu' veloci e a informatizzare cittadini e pubbliche amministrazioni: *tutti* sanno *benissimo* che nel 2012 pensare di tutelare maggiormente il copyright rispetto all'innovazione tecnologica e al libero scambio di idee e' un concetto che fa ridere i polli.

    Oh, tutti, tranne i videotechini, che pur di incassare una manciata di monetine in piu' staccherebbero la spina della locale centrale Telecom.

    Valli a capire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alberto Bianchi
    > Mi fanno pena, davvero.. fin dai tempi della
    > Carlucci, da cui sono stati presi in giro in modo
    > *colossale*, si animano come burattini davanti al
    > primo imbonitore che promette loro fantastici e
    > favolosi inasprimenti delle leggi sul copyright.
    > Invece governi, istituzioni e politici si stanno
    > chiaramente muovendo in senso contrarissimo: ad
    > esempio, il piano per il potenziamento delle
    > infrastrutture digitali italiane mira a colmare
    > il divario tecnologico, a finanziare linee sempre
    > piu' veloci e a informatizzare cittadini e
    > pubbliche amministrazioni: *tutti* sanno
    > *benissimo* che nel 2012 pensare di tutelare
    > maggiormente il copyright rispetto
    > all'innovazione tecnologica e al libero scambio
    > di idee e' un concetto che fa ridere i polli.
    >
    >
    > Oh, tutti, tranne i videotechini, che pur di
    > incassare una manciata di monetine in piu'
    > staccherebbero la spina della locale centrale
    > Telecom.
    >
    > Valli a capire.

    I videtechini sono degli illusi. Il mondo cambia, va avanti e loro vogliono fermarlo. Se viene applicato il loro ragionamento ci sarebbero ancora in commercio i vinili e le VHF e le pellicole DelusoA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: becker
    > - Scritto da: Alberto Bianchi
    > > Mi fanno pena, davvero.. fin dai tempi della
    > > Carlucci, da cui sono stati presi in giro in
    > modo
    > > *colossale*, si animano come burattini
    > davanti
    > al
    > > primo imbonitore che promette loro
    > fantastici
    > e
    > > favolosi inasprimenti delle leggi sul
    > copyright.
    > > Invece governi, istituzioni e politici si
    > stanno
    > > chiaramente muovendo in senso contrarissimo:
    > ad
    > > esempio, il piano per il potenziamento delle
    > > infrastrutture digitali italiane mira a
    > colmare
    > > il divario tecnologico, a finanziare linee
    > sempre
    > > piu' veloci e a informatizzare cittadini e
    > > pubbliche amministrazioni: *tutti* sanno
    > > *benissimo* che nel 2012 pensare di tutelare
    > > maggiormente il copyright rispetto
    > > all'innovazione tecnologica e al libero
    > scambio
    > > di idee e' un concetto che fa ridere i polli.
    > >
    > >
    > > Oh, tutti, tranne i videotechini, che pur di
    > > incassare una manciata di monetine in piu'
    > > staccherebbero la spina della locale centrale
    > > Telecom.
    > >
    > > Valli a capire.
    >
    > I videtechini sono degli illusi. Il mondo cambia,
    > va avanti e loro vogliono fermarlo. Se viene
    > applicato il loro ragionamento ci sarebbero
    > ancora in commercio i vinili e le VHF e le
    > pellicole Deluso
    >A bocca aperta
    Bizzarre e personalissime conclusioni. Come al solito le tue fonti sono il corriere di Paperopoli. Un consiglio, vai su wiky e vedi di capire cosa significhi "sviluppo tecnologico", perchè sembra, forse mi sbaglio, che tu lo confonda con il poter rubare contenuti, ma ti assicuro sono due cose ben diverse. La banda larga arriverà insieme a misure restrittive per chi ciola il copyright, puoi giurarci.
    Per l'ultimo genio, VHF è una banda radio, il vinile è oggetto ricercato e strapagato che uno che ascolta mp3 non può neanche capire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito

    > Bizzarre e personalissime conclusioni. Come al
    > solito le tue fonti sono il corriere di
    > Paperopoli.

    Traduzione: Non mi piace quello che hai detto quindi ti denigro


    Un consiglio, vai su wiky e vedi di
    > capire cosa significhi "sviluppo tecnologico",
    > perchè sembra, forse mi sbaglio, che tu lo
    > confonda con il poter rubare contenuti, ma ti
    > assicuro sono due cose ben diverse.

    A parte che si chiama WIKIPEDIA e non WIKY (ma è la tua natura da troll), vorrei fari notare che chi urlava e stramazza di furti inesistenti(i tutori del copyright che dura fino alla fine dell'universo meno un giorno), sono sempre stati contrari allo sviluppo tecnologico, basti pensare come hanno cercato di affossare il videoregistratore, oppure come hanno minato sul nascere tutti i successori del CD, per colpa delle loro paranoie... Ma piantale, dai!


    La banda
    > larga arriverà insieme a misure restrittive per
    > chi ciola il copyright, puoi
    > giurarci.

    Ehm guarda che la banda larga c'è già da ben prima di leggi draconiane inutili... ROFTL Potremmo semmai discutere del digital DIVIDE tutto italiota, ma è un'altro argomento che con il copyright non centra nulla.

    > Per l'ultimo genio, VHF è una banda radio, il
    > vinile è oggetto ricercato e strapagato che uno
    > che ascolta mp3 non può neanche
    > capire.

    Il vinile è cosa di nicchia, ma sinceramente il tuo denigrare chi ascolta mp3, dimostra la tua visione bi colore del mondo.
    Sgabbio
    26178
  • Sarà pure ricercato il vinile (Sono ricercate pure le monete antiche ma non è un buon motivo per andare in giro a usare quelleA bocca aperta) ma io dico grazie ma no, w il digitale.
    P.S.
    Sfatiamo il mito che il digital divide non è una cosa solo italiana anche negli stati uniti c'è ed è anche più pesante del nostro (anche xke il loro territorio è più estesoA bocca aperta)
    L'unica differenza è che li ci sono aziende come google/facebook ecc che sono interessate a coprire quella mancanza perchè più utenti = più soldi...
  • > Bizzarre e personalissime conclusioni. Come al
    > solito le tue fonti sono il corriere di
    > Paperopoli. Un consiglio, vai su wiky e vedi di
    > capire cosa significhi "sviluppo tecnologico",
    > perchè sembra, forse mi sbaglio, che tu lo
    > confonda con il poter rubare contenuti, ma ti
    > assicuro sono due cose ben diverse.

    E tu vai a vedere su un dizionario il significato di rubare, e vedrai che non si possono rubare i contenuti.


    > La banda
    > larga arriverà insieme a misure restrittive per
    > chi ciola il copyright, puoi
    > giurarci.

    Illuso. Evita lo spergiuro, è un consiglio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alberto Bianchi
    > Mi fanno pena, davvero.. fin dai tempi della
    > Carlucci, da cui sono stati presi in giro in modo
    > *colossale*, si animano come burattini davanti al
    > primo imbonitore che promette loro fantastici e
    > favolosi inasprimenti delle leggi sul copyright.
    > Invece governi, istituzioni e politici si stanno
    > chiaramente muovendo in senso contrarissimo: ad
    > esempio, il piano per il potenziamento delle
    > infrastrutture digitali italiane mira a colmare
    > il divario tecnologico, a finanziare linee sempre
    > piu' veloci e a informatizzare cittadini e
    > pubbliche amministrazioni: *tutti* sanno
    > *benissimo* che nel 2012 pensare di tutelare
    > maggiormente il copyright rispetto
    > all'innovazione tecnologica e al libero scambio
    > di idee e' un concetto che fa ridere i polli.
    >
    >
    > Oh, tutti, tranne i videotechini, che pur di
    > incassare una manciata di monetine in piu'
    > staccherebbero la spina della locale centrale
    > Telecom.
    >
    > Valli a capire.

    Evviva la coerenza della gente che odia i ban a tempo indeterminato e le censure! E quando lo si fa notare ti cancellano! Questo messaggio
    http://imageshack.us/a/img577/3419/evvivalacensura...
    era qua
    http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic....

    davvero patetici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: maruni
    > - Scritto da: Alberto Bianchi
    > > Mi fanno pena, davvero.. fin dai tempi della
    > > Carlucci, da cui sono stati presi in giro in
    > modo
    > > *colossale*, si animano come burattini
    > davanti
    > al
    > > primo imbonitore che promette loro
    > fantastici
    > e
    > > favolosi inasprimenti delle leggi sul
    > copyright.
    > > Invece governi, istituzioni e politici si
    > stanno
    > > chiaramente muovendo in senso contrarissimo:
    > ad
    > > esempio, il piano per il potenziamento delle
    > > infrastrutture digitali italiane mira a
    > colmare
    > > il divario tecnologico, a finanziare linee
    > sempre
    > > piu' veloci e a informatizzare cittadini e
    > > pubbliche amministrazioni: *tutti* sanno
    > > *benissimo* che nel 2012 pensare di tutelare
    > > maggiormente il copyright rispetto
    > > all'innovazione tecnologica e al libero
    > scambio
    > > di idee e' un concetto che fa ridere i polli.
    > >
    > >
    > > Oh, tutti, tranne i videotechini, che pur di
    > > incassare una manciata di monetine in piu'
    > > staccherebbero la spina della locale centrale
    > > Telecom.
    > >
    > > Valli a capire.
    >
    > Evviva la coerenza della gente che odia i ban a
    > tempo indeterminato e le censure! E quando lo si
    > fa notare ti cancellano! Questo
    > messaggio
    > http://imageshack.us/a/img577/3419/evvivalacensura...
    > era qua
    > http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic....
    >
    > davvero patetici.

    Secondo te mi stupisce? Scrivere sul fohe è una perdita di tempo. Tanto cancellano tutto ciò che è scomodo, e che evidentemente avrebbero molta fatica a rispondere.
    Lo stesso Guybrush ormai è diventato il loro sockpuppet e deve esprimersi su un binario (morto) perché gli lasciano dire solo quello che vogliono.
    E meno male che ti eri espresso senza insultarli come invece meriterebbero. Il che depone ancora più a loro sfavore.
    Quelli là la coerenza non sanno nemmeno cosa sia. Il solo fatto che ti hanno censurato dimostra che non sono migliori di coloro (quelli di videotecheforum) che stavano criticando. Anzi, probabilmente sono peggiori. Anzi, senza il probabilmente.
  • la settimana scorsa è uscita l'ennesima legge anti-pirateria dal sapore draconiano. tanto non cambierà nulla ;D
    non+autenticato
  • - Scritto da: cippirimerl o
    > la settimana scorsa è uscita l'ennesima legge
    > anti-pirateria dal sapore draconiano. tanto non
    > cambierà nulla
    > ;D

    Se poi consideriamo che è grazie alla pirateria se certe cose li, sono conosciute all'estero.
    Sgabbio
    26178
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)