Cristina Sciannamblo

WIPO, porte chiuse ai Pirati

L'Internazionale dei Partiti Pirata chiede di partecipare ai lavori dell'agenzia non governativa dell'ONU che si occupa di copyright. Decisione rimandata per la contrarietÓ di alcuni stati

Roma - Pollice verso da parte della World Intellectual Property Organisation (WIPO) nei confronti del Partito Pirata. L'agenzia dell'ONU specializzata in materia di copyright, brevetti e marchi registrati ha infatti posticipato il proprio pronunciamento in merito alla richiesta dei Pirati di partecipare alle attività in qualità di osservatore.

In una sessione a porte chiuse, i responsabili della WIPO hanno assegnato lo status di "osservatore" a diversi gruppi che ne avevano fatto richiesta, con l'unica eccezione del partito dei pirati. Secondo le fonti, il rinvio durerà almeno fino al 2013 nonostante il direttore generale dell'organizzazione si sia pronunciato in favore dei Pirati.

La domanda formale è stata sottoscritta dal Pirate Parties International (PPI), associazione non governativa che rappresenta le ramificazioni europee del Partito Pirata.
Storicamente, il ruolo di osservatore per conto dell'agenzia non governativa è stato ricoperto da gruppi legati all'industria dei contenuti come la Motion Picture Association of America (MPAA) e l'International Federation of Phonographic Industry (IFPI). Tuttavia, da qualche anno organizzazioni di interesse pubblico come Creative Commons ed Electronic Frontier Foundation (EFF) partecipano allo svolgimento dei lavori con la prerogativa di bilanciare, mediante l'enfasi sui diritti umani, il dibattito che porta alla stipula degli accordi internazionali.

Secondo le cronache, l'obiezione alla richiesta del Partito Pirata sarebbe arrivata da Svizzera, Francia e Stati Uniti nel corso delle consultazioni informali. La contrarietà, da quanto emerge, sembra riguardare lo statuto essenzialmente politico del Pirate Party, secondo alcuni membri della WIPO incompatibile con le finalità dell'organizzazione.

Lo scontento da parte dei Pirati è dichiarato. Secondo Gregory Engels, co-Presidente del PPI, WIPO non sarebbe pronta a dialogare con quella parte della società civile che pensa sia giunta l'ora di realizzare una riforma significativa del sistema del copyright.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • AttualitàSvizzera, il primo sindaco pirataL'informatico svizzero Alex Arnold conquista i vertici dell'amministrazione del paese di Eichberg, nel canton San Gallo. Strapazzati i concorrenti del partito popolare
  • Digital LifeGermania, pirati del copyrightEsponente del Partito Pirata tedesco, la blogger Julia Schramm ha chiesto la rimozione della versione pirata del suo nuovo libro su Dropbox. Il libro sarÓ reso disponibile gratuitamente, tra dieci anni
  • AttualitàIl Partito Pirata ceco e le armi del linkLa compagine politica ha lanciato due siti, uno dei quali contiene collegamenti a quasi 6mila film. Una provocazione per mostrare come un certo modello di business sia obsoleto
9 Commenti alla Notizia WIPO, porte chiuse ai Pirati
Ordina
  • Il nome è "Pirate Parties International" ovvero in italiano "Internazionale dei Partiti Pirata"
    non+autenticato
  • WIPO e' espressione dei governi (specie quelli anglosassoni), e i governi sono formati da politici. E rifiutano un osservatore politico ??
    Ditelo che non li volete, perche' non espressione delle lobby coordinate. Almeno e' piu' chiaro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > WIPO e' espressione dei governi (specie quelli
    > anglosassoni), e i governi sono formati da
    > politici. E rifiutano un osservatore politico
    > ??
    > Ditelo che non li volete, perche' non espressione
    > delle lobby coordinate. Almeno e' piu'
    > chiaro.
    Non è soggetto che possa portare alcunchè alle discussioni. Sono invitati soggetti che nutrono interesse, un partito politico non è ammesso, uno con quel nome poi, meno che mai.
    non+autenticato
  • No certo, un partito che si batte per una riforma del copyright non ha nulla da dire sul copyright...
    non+autenticato
  • Non bisogna disturbare il manovratore.
  • Come al solito parti per la tangente senza realmente conoscere gli attori.
    Non è questione di democrazia, anzi è più semplice: si tratta di dinosauri, che non è la stessa cosa che hai detto. Rifletti.

    In WIPO ci sta gente troppo idealista. Difficile capire i loro discorsi senza un'adeguato bagaglio culturale. Ormai hanno dato ciò che hanno dato e anche qui serve il cambio generazionale.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Come al solito parti per la tangente senza
    > realmente conoscere gli
    > attori.

    Sentiamo, che cosa c'e' di non vero questa volta?

    > Non è questione di democrazia, anzi è più
    > semplice: si tratta di dinosauri, che non è la
    > stessa cosa che hai detto.
    > Rifletti.

    Saranno anche dinosauri, ma non hanno nessun diritto di estinguersi di nascosto.
    Devono farlo alla luce del sole, mentre tutti in coro urlano come se fossero in curva sud: "Devi morire!"

    > In WIPO ci sta gente troppo idealista. Difficile
    > capire i loro discorsi senza un'adeguato bagaglio
    > culturale. Ormai hanno dato ciò che hanno dato e
    > anche qui serve il cambio
    > generazionale.


    Rottamiamoli tutti.
    Si va a votare Renzi alle primarie.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: ThEnOra
    > > Come al solito parti per la tangente senza
    > > realmente conoscere gli
    > > attori.
    >
    > Sentiamo, che cosa c'e' di non vero questa volta?
    c'e' che il povero Thenora crede sia un circolo del bridge. Invece il WIPO e' molto piu potente. E in quanto tale e' espressione dei governi, non certo di filosofi e ricercatori che passavano di li' per caso.
    Ovviamente non tutti i governi hanno le stesse priorita' (anzi)... pero' quelli col manico lungo sappiamo quali sono.

    Pesco un articolo a caso del 2005... dove gli usa e gli altri affamati di P.I. avevano imposto all'India misure draconiane [ http://www.nytimes.com/2005/03/24/international/as... ] per permettergli di entrare nel WTO... e come pannicello caldo gli avevano rigirato un "aiuto" via WIPO (wipo partnership program).
    Al che si sono lagnati con un "In sharp contrast, the Development Agenda proposed by developing countries and NGOs urges WIPO to move beyond the narrow view that any and all IP protection is beneficial, and choose instead to act strategically to spur economic growth, foster innovation, and help humanity.".. ecc.
    Roba MOLTO politica direi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: ThEnOra
    > > > Come al solito parti per la tangente senza
    > > > realmente conoscere gli
    > > > attori.
    > >
    > > Sentiamo, che cosa c'e' di non vero questa
    > volta?
    > c'e' che il povero Thenora crede sia un circolo
    > del bridge. Invece il WIPO e' molto piu potente.

    Cosa c'è di più potente di un circolo del bridge?