Luca Annunziata

Ballmer: Microsoft sta cambiando

Il CEO scrive agli investitori e spiega: non siamo più quelli di una volta. Superata la visione di Bill Gates, oggi Redmond veleggia verso un paradigma diverso

Roma - Non più un PC su ogni scrivania con sopra software Microsoft, come diceva il fondatore William H. Gates III, ma un vero e proprio ecosistema targato Redmond dentro cui far muovere consumatori di ogni tipo. Steve Ballmer, successore di Bill alla guida di BigM, mette nero su bianco quanto era già evidente da qualche mese: ovvero, scrive nella sua lettera agli investitori, che la sua azienda sta cambiando sotto la sua guida, e che oggi più che mai non basterà un software vincente (come Windows) a decretare successo (che pure è solido al momento) e sopravvivenza. Occorrerà fare qualcosa di più, e Microsoft si sta attrezzando per questo: un cambio radicale già in corso.

Per la prima volta, probabilmente, Ballmer mette nero su bianco il seguente concetto: Microsoft è oggi un'azienda di device e servizi, non più semplicemente un produttore software. Questo significa che a Redmond si studieranno soluzioni integrate che mettano assieme i vari strati che costituiscono l'esperienza finale degli utenti: chi vuole fare sul serio col software deve prodursi il suo hardware, diceva Alan Kay (ideatore dell'aforisma tanto caro a Steve Jobs), e il CEO di BigM lascia intendere che Surface non sarà un'episodio isolato della prossima strategia aziendale (come non lo è stato Xbox). I partner continueranno a ricoprire un ruolo importante (niente più "developer, developer, developer"), ma per talune specifiche iniziative e mercati Microsoft intende mettersi in proprio e curare l'intera filiera che porta fin sulle scrivanie e nelle tasche e nelle borse dei suoi clienti. Le licenze da sole, probabilmente, non basteranno più.

In ballo ci sono molte questioni. L'esplosione del fenomeno ARM, grazie a terminali smartphone e tablet dotati di OS Apple e Google, ha creato un certo compiglio nel settore dell'elettronica di consumo, e ha messo davanti a tutti l'effettiva "anzianità" di un approccio al Personal Computer rimasto invariato da almeno 10 anni a questa parte: il mouse e la tastiera non sono più abbastanza in un mondo popolato da touchscreen, 3 o 4 ore di autonomia non sono sufficienti a chi passa fuori casa molto più di mezza giornata e ha bisogno di tenere sempre aggiornate le informazioni che può trarre dalla sua email, dalla rete aziendale, dai social network. Pertanto, se Microsoft vuole restare al passo nel settore consumer, deve misurarsi con queste novità: Surface RT è solo il primo passo, molto probabilmente ne seguiranno altri - sempre che non si voglia considerare i Windows Phone di Nokia come un altro esperimento in tal senso.
Lo stesso meccanismo vale per tutti gli altri settori: se è vero che negli ultimi trimestri BigM è stata tenuta a galla dalle divisioni business ed enterprise, tanto da far meritare ai loro manager dei bonus da milioni di dollari, è altrettanto vero che il panorama sta cambiando rapidamente. Il cloud computing è un imperativo che non può essere ignorato, e dunque occorre trovare il modo di sfruttare adeguatamente anche altri canali di approvvigionamento clienti: se questo significa sacrificare qualche installazione di Exchange per favorire l'adozione di altre soluzioni software per la comunicazione aziendale, se questo significa perdere qualche affare nella vendita di software aziendali a fronte di un maggiore interesse della clientela nelle web-app, pazienza.

Tutto ruoterà attorno a un solo marchio: Windows. La scelta onomastica è sempre più evidente negli ultimi tempi, così come è evidente l'intento di rendere più chiaro e lampante il progresso in corso sull'intera piattaforma nel corso del tempo. Windows 8 e Windows Phone 8 procedono quasi di pari passo nel loro sviluppo e disponibilità, lo stesso dicasi per la nuova versione di Windows Server, di Visual Studio e in misura minore di Office. Redmond punta a creare l'impressione nei suoi clienti (e potenziali tali) di avere un'unica piattaforma in grado di soddisfare le loro esigenze in ogni caso, integrando servizi e device (ecco che ritorna il concetto) per offrire in ogni contesto la risposta giusta. La stessa strada percorsa da Apple, che ha usato OS X come comun denominatore della sua equazione: Microsoft in più ci aggiunge tutti quei servizi business ed enterprise che fin qui Cupertino non ha voluto o saputo sviluppare, ottenendo quindi un catalogo molto vasto e variegato e soprattutto omogeneo.

Pare evidente che quella di Ballmer, in ogni caso, sia una mossa difensiva più che offensiva: il mercato è mutato attorno a Microsoft, e quindi Microsoft cambia per adattarsi al nuovo quadro. Internet, il mobile, i marketplace, i tablet, il cloud computing hanno cambiato le carte in tavola: in certi casi per BigM sarà possibile fare un passo avanti (per esempio lanciando un proprio PC come Surface o addirittura uno smartphone), in altri dovrà fare un passo indietro (alcuni suoi clienti potrebbero decidere di non seguire un approccio "mono-marca" per le soluzioni aziendali). Il CEO parla di "occasioni senza precedenti" a breve e a lungo termine, ma non c'è niente di scontato: per Microsoft, come per qualunque altra azienda (basti pensare a quanto sta passando HP per la propria ristrutturazione), affrontare questi cambiamenti richiederà parecchia fatica e una buona dose di fortuna. E se è risibile l'ipotesi secondo cui pesi massimi come Apple e Microsoft possano venire spazzati via dalla sera alla mattina dal mondo ICT, è decisamente più concreta la possibilità che in capo a qualche anno i rapporti di forza nel settore consumer e professionale possano essere molto diversi da quelli fin qui registrati.

Luca Annunziata
262 Commenti alla Notizia Ballmer: Microsoft sta cambiando
Ordina
  • Io vedo un ripetersi delle storie di Amiga ed Atari ST.

    Ho visto il nascere, l'apice ed il morire di Amiga ed Atari ST.

    E sto vedendo un ripetersi identico di tali dinamiche con i prodotti Apple.

    Apple è ora all'apice come lo è stato Amiga nel suo settore.

    Ma il declino di sistemi come Amiga ed Atari ST è iniziato con i PC con Windows, con tanti produttori che davano soluzioni diverse ma su cui ci girava un Windows standard ed una marea di applicazioni.

    Nel computing allora vinse Microsoft.

    Nel mobile/cloud oggi sta vincendo Android. Che ha dato un ambiente standard per di più libero da licenze OEM, che sta venendo adottato ovunque, su qualsiasi dispositivo. Vediamo come con questa tipologia di licensing è anche più rapido di quanto fu Windows allora, che pur "pompava" tanto tollerando la pirateria e con licenze OEM a volumi a prezzi ridicoli.

    Ora finito l'apice di Apple, ecco che già iniziamo a vederla sempre più in tribunale a difendere i suoi brevetti e le sue presunte innovazioni.

    Ma vi garantisco che il deja-vu è molto forte...

    Ora però cosa fa Microsoft? Vuole imitare ciò che sta facendo Apple, solo perché ne vede il successo nell'immediato.

    Ma nel lungo periodo sappiamo tutti come finirà... Android di oggi sul mobile è uguale al Windows di allora sui PC MS-DOS compatibili. E senza bisogno di truccare con licenze OEM regalate, gli basta la sua licenza opensource.

    Oggi Microsoft vorrebbe fare come fece allora ma al contrario, cioè mettendosi nel ruolo di chi allora perdette contro la standardizzazione. Inseguire Apple, sarebbe come negli anni '80 Microsoft avesse fatto il suo computer chiuso e personale concorrente di Mac, Amiga, Atari ST. Solo che oggi c'è una nuova Microsoft e si chiama ANDROID, e non gli serve il dumping e l'illegalità, gli basta la licenza opensource...
    iRoby
    7834
  • [cut]

    Delirio puro.

    Dimmi dove abiti che ti mando la neuro di corsa.
    Ne hai estremo bisogno.
    maxsix
    9440
  • Delirio di cosa?
    Ma hai memoria storica degli eventi di Apple?

    Inventa, innova, gli altri copiano ma standardizzano, e lei si ritira alla sua nicchia di affezionati.

    Fu così con l'Apple][ poi col Mac, ora con questi gadget, ha sempre vivacchiato nella sua nicchia.

    Il boom dell'iPhone, poi del tablet, poi lo consegna nelle mani di qualcuno più abile perché aperto come fu col PC e Windows e come sarà con Android, e se ne torna nella sua nicchia.

    Non dovrebbe preoccuparsi dei tribunali se non fosse impensierita di Android e vendor come Samsung.

    Come andò a finire contro Windows? Conveniva portare in tribunale Microsoft o Jobs preferì un accordo extra-giudiziario?

    iPhone5 è vera innovazione? O un mantenere la sua quota di affezionati dandogli qualche gingillo nuovo ogni tanto?

    Ma ti guardi intorno? Ma lo vedi come è ovunque Android? Tranquillo si prenderà anche i tablet, lentamente ma lo farà. Android 4 ha unificato telefoni e slate. Il 4.1 ottimizza ed i futuri saranno ancora migliorati.
    iRoby
    7834
  • non si chiamano affezzionati..ma fessi...gente che fa file di ore per comprare un prodotto a cui le mappe non vanno la fotocamera non va, e tanto altro ancora e lo pagano pure 100 euro di piu' di altri prodotti...come si chiamano..a casa mia fessi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby

    > Inventa, innova, gli altri copiano ma
    > standardizzano, e lei si ritira alla sua nicchia
    > di affezionati.

    Chiedo scusa, ma se qualcuno inventa un mercato, dove sta scritto che quello debba essere suo al 100% sempre e comunque? Faccio quattro conti della serva: in un mercato che quotava per tutti 2, oggi io faccio 4, ma domani ne farò 8, mentre tutti gli altri ne fanno 40. Ok, sto fallendo e non ho speranza...A bocca aperta

    Io fallisco se faccio 8, prevedevo di farne 20 e spendo 12. Questo si è un problema... le scorte di prodotti invenduti in magazzino sono un problema, non se pazienza ci sono altri che mi fanno la concorrenza e questo vuol dire che non posso avere tutto il mercato per me.

    Riassumendo: chissenefotte della nicchia.

    p.s.: per me è un bene che un mercato non vada a finire nelle mani di un solo soggetto.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 ottobre 2012 18.59
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 ottobre 2012 19.01
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10910
  • - Scritto da: FDG
    > p.s.: per me è un bene che un mercato non vada a
    > finire nelle mani di un solo soggetto.

    Ma Android non è un solo soggetto. Non c'è un solo produttore hardware come per Apple.

    E per Android ci sono tanti market alternativi.

    Come è messa la situazione Apple?
    iRoby
    7834
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: FDG
    > > p.s.: per me è un bene che un mercato non
    > vada
    > a
    > > finire nelle mani di un solo soggetto.
    >
    > Ma Android non è un solo soggetto. Non c'è un
    > solo produttore hardware come per
    > Apple.
    >
    Appunto chiamata frammentazione.

    > E per Android ci sono tanti market alternativi.
    >
    Appunto, diffusori di malware.

    > Come è messa la situazione Apple?

    Che siamo molto ma molto più tranquilli e sereni.
    Abbiamo decisamente altro a cui pensare.

    Apprò' hai messo su il tema di gangnam style? Stiloso.
    maxsix
    9440
  • > > Come è messa la situazione Apple?
    >
    > Che siamo molto ma molto più tranquilli e sereni.
    > Abbiamo decisamente altro a cui pensare.

    Già, avete da pensare a questo:
    http://punto-informatico.it/3578202/PI/News/furto-...
    non+autenticato
  • - Scritto da: maxsix

    > Appunto chiamata frammentazione.

    No,si chiama scelta e concorrenza....così come non esiste un solo modello di auto,un solo motore,ecc ...strano eh !

    > Appunto, diffusori di malware.

    Da windows puoi installare da un milione di siti diversi..per caso vedi un totale abbandono di questo Os ? La differenza la fa l'utenteOcchiolino

    > > Come è messa la situazione Apple?
    >
    > Che siamo molto ma molto più tranquilli e sereni.
    > Abbiamo decisamente altro a cui pensare.

    Come dire di affidarsi ciecamente a MicrosoftA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    Se vuoi essere tranquillo e sereno non devi mai collegarti ad internet ...
    Avere sempre il GPS disattivato,ecc,ecc ....
    Altro da pensare ??? ahhahah posso immaginare ....A bocca aperta

    > Apprò' hai messo su il tema di gangnam style?
    > Stiloso.

    Lo stesso che non puoi fare tu e hai speso molto di più eh !A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: EType
    > - Scritto da: maxsix
    >
    > > Appunto chiamata frammentazione.
    >
    > No,si chiama scelta e concorrenza....così come
    > non esiste un solo modello di auto,un solo
    > motore,ecc ...strano eh
    > !

    Certo esiste una sola Ferrari. Poi c'è tutto il resto.
    >
    > > Appunto, diffusori di malware.
    >
    > Da windows puoi installare da un milione di siti
    > diversi..per caso vedi un totale abbandono di
    > questo Os ? La differenza la fa l'utente
    >Occhiolino
    >
    Ed è una giustificazione?
    Ma non siete voi che avete sempre detto M$ "cacca" e ora vi accorgete che siete come o peggio di M$.

    > > > Come è messa la situazione Apple?
    > >
    > > Che siamo molto ma molto più tranquilli e
    > sereni.
    > > Abbiamo decisamente altro a cui pensare.
    >
    > Come dire di affidarsi ciecamente a MicrosoftA bocca aperta
    >A bocca aperta
    >A bocca aperta

    No, noi ci affidiamo a strumenti che ci semplificano la vita e ci lasciano gestire e trovare il tempo.
    Che ad oggi è la merce per eccellenza.

    Pensa che i cantinari lo regalano, il tempo.

    > Se vuoi essere tranquillo e sereno non devi mai
    > collegarti ad internet
    > ...

    Siamo o non siamo noi utenti Apple ad utilizzare i Mac senza antivirus.
    Da anni.
    Quindi finchè sarà così, mi spiace, ma la superiorità e manifesta.
    E ripeto non per l'antivirus in se, ma per il fatto che io non perdo tempo a cercare/trovare/installarne uno.

    Figuriamoci pure a pagarlo.

    > Avere sempre il GPS disattivato,ecc,ecc ....
    > Altro da pensare ??? ahhahah posso immaginare
    > ....

    ??? Mai disattivato, sono sempre in giro, ma una cosa è sicura, non gli do l'accesso a google.

    >A bocca aperta
    >
    > > Apprò' hai messo su il tema di gangnam style?
    > > Stiloso.
    >
    > Lo stesso che non puoi fare tu e hai speso molto
    > di più eh !
    >A bocca aperta

    L'hai messo eh.
    FurbacchioneOcchiolino
    maxsix
    9440
  • - Scritto da: maxsix
    > Certo esiste una sola Ferrari. Poi c'è tutto il
    > resto.

    La macchina più potente e veloce al mondo non è una Ferrari,alla faccia del resto delle autoA bocca aperta

    > Ed è una giustificazione?

    No,non è una giustificazione.Dal tuo modo di vedere l'Os di Microsoft doveva essere seppellito da tempo,invece la quasi totalità del pianeta lo usa,eppure ne ha di bug e virus scritti per lui ...
    Ma tua moglie non ha un Lumia con WinPhone ?A bocca aperta

    > Ma non siete voi che avete sempre detto M$
    > "cacca" e ora vi accorgete che siete come o
    > peggio di
    > M$.

    Io non l'ho mai detto,non approvo la sua filosofia e i suoi "nuovi" prodotti...per certi versi è simile alla Apple....
    Come e peggio di M$ ? Qualunque Os che raggiunga una certa popolarità e diffusione sarà affetto da applicazioni maligne.Se al posto di Android c'era Symbian era lo stesso discorso...la stessa cosa poteva succedere anche con Ios,non credere...il sistema perfetto non è mai esistito.

    > No, noi ci affidiamo a strumenti che ci
    > semplificano la vita e ci lasciano gestire e
    > trovare il
    > tempo.

    Sarebbero suddetti strumenti ?

    > Che ad oggi è la merce per eccellenza.

    il tempo è un'invenzione dell'uomo non so se te ne sei accorto.
    Se è vero che il tempo è denaro,quest'ultimo non ti ridarà il tempoOcchiolino

    > Pensa che i cantinari lo regalano, il tempo.

    Se lo possono permettere,ricorda che tu usi anche il loro di lavoro...non vedo dove tu voglia andare a parare...

    > Siamo o non siamo noi utenti Apple ad utilizzare
    > i Mac senza
    > antivirus.
    > Da anni.

    Anche gli utenti Linux e allora ? Hai mai visto server Linux con antivirus ?
    Se non frequenti i bassifondi d'internet e tieni il sistema sempre aggiornato puoi fare la stessa cosa anche con windows...

    > Quindi finchè sarà così, mi spiace, ma la
    > superiorità e
    > manifesta.

    http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/10/08/new.../

    http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/04/05/new...

    Dicevi riguardo alla superiorità del mac ?A bocca aperta

    > E ripeto non per l'antivirus in se, ma per il
    > fatto che io non perdo tempo a
    > cercare/trovare/installarne
    > uno.

    Ti affidi troppo ai miti ....

    > Figuriamoci pure a pagarlo.

    Un utente Apple che vuole avere un prodotto gratis !!!A bocca aperta questa è bella !!!A bocca aperta ..ma non pagate tutto voi ?A bocca aperta

    > ??? Mai disattivato, sono sempre in giro, ma una
    > cosa è sicura, non gli do l'accesso a
    > google.

    Si lo dai ad Apple,ci si può fidare ciecamente eh !!!A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    > L'hai messo eh.
    > FurbacchioneOcchiolino

    No,è sempre rimasto quello di fabbrica....fai ancora confusione tra launcher e temiTriste ....tu hai speso molto di più e non riesci a fare una cosa così banale ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ovvero: ancora meno controllo possibile da parte degli utenti e dipendenza sempre più completa dal produttore. Il modus operandi di Apple, commercialmente efficacissimo, che sta dilagando ovunque. E la gente sempre più contenta di cedere potere delegandolo ad altri. Mamma Apple... Papà Windows... Dio/Stato provvedi per noi miserabili. Ritorno all'infanzia informatica dopo un periodo in cui sembrava che stessimo passando almeno all'adolescenza.
    non+autenticato
  • Io l'ho passata l'adolescenza, con Linux ed Android.

    Però se c'è una cosa che mi fa incazzare è quando da remoto ti disinstallano un'applicazione che loro ritengono illecita.

    Io stavo giocando con SMS Total Control un'applicazione Android che è stata eliminata dall'app market perché è un software spia, che forwarda sms e call log verso account gmail o twitter.

    La testavo vedevo come funzionava sul mio stesso terminale, me la ritrovavo prontamente disinstallata.

    È un'applicazione utile per il controllo di figli un po' irrequieti.
    iRoby
    7834
  • - Scritto da: iRoby
    > Io l'ho passata l'adolescenza, con Linux ed
    > Android.
    >
    > Però se c'è una cosa che mi fa incazzare è quando
    > da remoto ti disinstallano un'applicazione che
    > loro ritengono
    > illecita.

    già, e il bello è che ti chiedono pure se permetti la disinstallazione della app infetta, e ti avvertono con una notifica su cui devi tappare un segno di spunta e poi ok

    >
    > Io stavo giocando con SMS Total Control
    > un'applicazione Android che è stata eliminata
    > dall'app market perché è un software spia, che
    > forwarda sms e call log verso account gmail o
    > twitter.

    se proprio ti piace te la scarichi dal sito http://www.totalsmscontrol.com/totalsms_admin/www/...
    o da tanti altri market, cosa te lo vieta?

    >
    > La testavo vedevo come funzionava sul mio stesso
    > terminale, me la ritrovavo prontamente
    > disinstallata.

    beh, prontamente significa che hai tappato il permesso di disinstallarla, in ogni caso ti ho linkato dove scaricarla

    >
    > È un'applicazione utile per il controllo di
    > figli un po'
    > irrequieti.

    usa cerberus, mi ringrazierai ^^
    non+autenticato
  • e "Tutto ruoterà attorno a un solo marchio: Windows". Tanto per cambiare. Sono proprio queste "soluzioni integrate" che hanno causato i disastri informatici dello scorso decennio che tutti conosciamo.

    Fermatela in tempo. E' il momento storico ideale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enterprise Profession al
    > e "Tutto ruoterà attorno a un solo marchio:
    > Windows". Tanto per cambiare. Sono proprio queste
    > "soluzioni integrate" che hanno causato i
    > disastri informatici dello scorso decennio che
    > tutti
    > conosciamo.
    >
    Ma abbiamo anche imparato a conoscere quanto profonda e deleteria sia la frammentazione e gli standard aperti e imposti dall'alto.

    La verità sta nel mezzo.

    > Fermatela in tempo.

    Non è ad oggi possibile.

    >E' il momento storico ideale.

    Come "questo è l'anno di Linux?". Ma per piacere.
    maxsix
    9440
  • Ogni anno è l'anno di Linux, dato che è sempre più pervasivo dove non ci sono monopoli altrui.

    Apple ha raggiunto il picco, ora è nella parabola discendente. E tornerà al suo 7-8%.

    Microsoft che vuole imitarla rimarrà ad un 5-6% ed il resto ad Android che è aperto, libero, opensource.

    Come accadde negli anni '80 con Windows aperto multivendor ai PC compatibili, accadrà ora con Android, che è ovunque.

    Proprio ieri ho preso uno di questi per regalarlo:

    http://www.alibaba.com/product-gs/646431523/RK3066...

    impensabile fino a qualche tempo fa... Eppure oggi con una cifra risibile, ed una dimensione minuscola le famiglie hanno il loro set-top-box al costo di una pizza per tutta la famiglia.

    Ogni giorno nuovo hardware, ogni giorno nuove applicazioni.
    Qui Android grazie ai vendor che lo adottano sta innovando molto più rapidamente di Apple... Perché non è Google o Android che innova, ma la creatività delle aziende di tutto il mondo. Che in Android si trovano un sistema efficace per fare funzionare le loro invenzioni.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 ottobre 2012 17.30
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    7834
  • - Scritto da: iRoby
    > Ogni anno è l'anno di Linux, dato che è sempre
    > più pervasivo dove non ci sono monopoli
    > altrui.
    >
    Tu stai sognando ragazzo.

    > Apple ha raggiunto il picco, ora è nella parabola
    > ascendente. E tornerà al suo
    > 7-8%.
    >
    Può essere.

    > Microsoft che vuole imitarla rimarrà ad un 5-6%
    > ed il resto ad Android che è aperto, libero,
    > opensource.

    Tu stai sognando ragazzo.

    >
    > Come accadde negli anni '80 con Windows aperto
    > multivendor ai PC compatibili, accadrà ora con
    > Android, che è
    > ovunque.
    >
    Tu stai sognando ragazzo.

    > Proprio ieri ho preso uno di questi per regalarlo:
    >
    > http://www.alibaba.com/product-gs/646431523/RK3066
    >
    > impensabile fino a qualche tempo fa... Eppure
    > oggi con una cifra risibile, ed una dimensione
    > minuscola le famiglie hanno il loro set-top-box
    > al costo di una pizza per tutta la
    > famiglia.
    >
    E quindi?

    > Ogni giorno nuovo hardware, ogni giorno nuove
    > applicazioni.
    > Qui Android grazie ai vendor che lo adottano sta
    > innovando molto più rapidamente di Apple...
    > Perché non è Google o Android che innova, ma la
    > creatività delle aziende di tutto il mondo. Che
    > in Android si trovano un sistema efficace per
    > fare funzionare le loro
    > invenzioni.

    Ma non hai ancora capito che su Android le major del software NON ci vanno?
    E non hai ancora capito che finchè non scendono in campo loro rimanete sempre un ombelico del mondo?

    Magari grande, magari strapieno ma sempre ombelico siete. E non portate nulla in tasca (intendo grana) ma solo chiacchiere e inutili distintivi.

    L'unica azienda che oggi se la ride è Google che si impossessa dei razzi vostri a gratis.
    Gli altri, tra chi ci sta rimettendo le mutande (HTC), chi tramite tribunali (Samsung), chi tramite malware (NGM e altri) se la fileranno a gambe levate.

    Lasciando il sogno non più conveniente per loro nelle mani vostre.
    E sarà inesorabilmente un pugno di mosche.
    maxsix
    9440
  • Ma secondo te perché da QNX, VxWorks ed altri, oggi c'è Linux ovunque su ogni router ed apparecchio digitale?
    Sei tu a sognare, e mentre tu sogni il tuo prossimo orologio, router, sistema domotico, centralina iniezione per auto, navigatore ecc. Avrà sopra Linux.

    Perché Apple deve ricorrere sempre più ai tribunali e difendersi appellandosi a bordi stondati e idiozie di ogni genere pur di rallentare Samsung ed altri vendor?

    HTC ha problemi? Certo dopo i primi bagni con terminali a prezzi folli, c'è un'enorme concorrenza. Era inevitabile che si ridimensionasse.

    Samsung con la sua ampia gamma di prodotti Android non sembra in crisi dato che è sempre trascinata in tribunale per questioni futili su forma o dettagli di interfaccia.

    Hai visto come crescono le attivazioni di device Android ogni anno?
    E quanti nuovi device e appliance appaiono?

    Apple è ferma a diversi formati di un telefono ed un tablet...
    Il resto del mondo infila Android nelle autoradio, le pendrive per rendere le TV smart, le fotocamere/telecamere, gli orologi MP3/cellulare/videocamera, ed ogni altro dispositivo inventato ogni anno.
    iRoby
    7834
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma secondo te perché da QNX, VxWorks ed altri,
    > oggi c'è Linux ovunque su ogni router ed
    > apparecchio
    > digitale?

    Perchè è li che deve stare. In soluzioni verticalizzate dove giustamente (e qui scusa ma rido di gusto) aziende con le spalle grosse sfruttano il lavoro di voi piccoli cantinari che a gratis vi spezzate la schiena a provare, a testare, a rompervi le palle.

    Baby, credi a me siete come la bolla speculativa immobiliare.

    > Sei tu a sognare, e mentre tu sogni il tuo
    > prossimo orologio, router, sistema domotico,
    > centralina iniezione per auto, navigatore ecc.
    > Avrà sopra
    > Linux.
    >
    Ma non hai capito che a me non me ne può fregare di meno?
    A me basta che funzioni e che faccia quello che mi serve. Tutto il resto non mi interessa.
    Se è con questo tu mi stai dicendo che Android sta diventando un po' come il CP/M per le controllo numerico, bene te lo posso confermare.

    Ma tutto qua?
    E pretendete di rompere l'egemonia di M$ con questi presupposti?

    Ridicolo è un eufemismo.


    > Perché Apple deve ricorrere sempre più ai
    > tribunali e difendersi appellandosi a bordi
    > stondati e idiozie di ogni genere pur di
    > rallentare Samsung ed altri
    > vendor?
    >

    Scolta ragazzo. Io non so se te lavori, ma io si e sono imprenditore.
    Quando fai una cosa, e paghi signori stipendi a destra e a manca, signori prototipi a destra e a manca, signore prime serie a destra e a manca e poi arriva un cinese (coreano qualunque) e ti copia, credi a me ti prende il sangue agli occhi.

    Perchè tutti fr**i con il cul* degli altri, troppo comodo.

    > HTC ha problemi? Certo dopo i primi bagni con
    > terminali a prezzi folli, c'è un'enorme
    > concorrenza. Era inevitabile che si
    > ridimensionasse.
    >
    No, non è quello il dato saliente.
    Il dato saliente è la contrazione dell'utile che è un fatto gravissimo.
    Ciò dimostra un semplice paradigma ovvero che un azienda nel mondo Android per essere competitiva con le altre deve erodere la sua quota di utile.
    Ergo non sono più possibili economie sulla componentistica e sulle fasi di lavorazione.

    Quindi un imprenditore lungimirante cosa fa? Guarda altri lidi e si sposta il prima possibile.
    E le varie line-up di HTC stessa, Sony, LG e la stessa Samsung stanno li a confermare che Android è un mercato pericoloso ed è meglio mettere i remi su altri mari prima di rimanere bruciati.

    > Samsung con la sua ampia gamma di prodotti
    > Android non sembra in crisi dato che è sempre
    > trascinata in tribunale per questioni futili su
    > forma o dettagli di
    > interfaccia.
    >
    Mi spiace, ma i fatti dicono il contrario.
    Non si è mai vista una casa mettere il proprio prodotto di punta in offerta con un altro a 5 mesi dall'uscita e con 20M di unità vendute.

    La realtà è ben diversa, la roba samsung che gira è quella della fascia medio bassa, gli SIII fatturati da samsung sono tutti nei magazzini dei rivenditori finali.

    E i rivenditori sono inferociti come non mai.

    Avete notato l'offerta sui led da 55"? Strano ma vero il rivenditore mette in tasca +/- la cifra di acquisto dei lotti SIII.

    In pratica Samsung per mettere a tacere gli incazzati sta ricoprendo i danni con scontistiche aggressive su altri prodotti.

    > Hai visto come crescono le attivazioni di device
    > Android ogni
    > anno?
    > E quanti nuovi device e appliance appaiono?
    >

    Sinceramente no ed è ovvio il motivo. Lo zoccolo degli android lo fanno le periferiche 50-250 euro.
    E non sono periferiche che mi interessano.

    > Apple è ferma a diversi formati di un telefono ed
    > un
    > tablet...
    > Il resto del mondo infila Android nelle
    > autoradio, le pendrive per rendere le TV smart,
    > le fotocamere/telecamere, gli orologi
    > MP3/cellulare/videocamera, ed ogni altro
    > dispositivo inventato ogni
    > anno.

    Si e lo stanno facendo diventare sempre di più il CP/M delle controllo numerico.
    Fai A+B=C. Premi sto pulsante e apri sta finestra.
    E lasciamo perdere le smart tv tipo quelle samsung che sono una cosa I N D E C E N T E.

    Per l'amor di dio belle cose, ma questo non è l'IT a cui ci riferiamo.
    maxsix
    9440
  • - Scritto da: maxsix
    > Perchè è li che deve stare. In soluzioni
    > verticalizzate dove giustamente (e qui scusa ma
    > rido di gusto) aziende con le spalle grosse
    > sfruttano il lavoro di voi piccoli cantinari che
    > a gratis vi spezzate la schiena a provare, a

    E basta con questa storia dei cantinari.
    I bravi programmatori Linux come Andrea Argangeli sono pagati al secondo. Lavorano anche a casa e un timer connesso in rete gira per pagargli lauti compensi:
    http://emmebi-attached.blogspot.it/2007/06/andrea-...

    E sono in tanti in tutto il mondo.
    Ne conosco un altro bravo programmatore C/C++, 60-70€ l'ora, 500€ al giorno. Nessun problema economico.

    > Baby, credi a me siete come la bolla speculativa
    > immobiliare.

    Una bolla che cresce da metà anni '90. Linux è la benzina dell'IT. È come il transistor, come la testina magneto-resistiva. Deve esserci a prescindere, è lui che fa funzionare le appliance digitali ormai.

    > Ma non hai capito che a me non me ne può fregare
    > di meno?
    > A me basta che funzioni e che faccia quello che
    > mi serve. Tutto il resto non mi interessa.

    Linux con Android e il suo paradigma opensource sta rompendo l'egemonia di tutti i mercati dove non c'è la costrizione di un monopolio.
    L'embedded è suo. Il mobile è suo con Android.
    Il server è suo!
    Il desktop no perché c'è un monopolio... Altrimenti lentamente si prenderebbe anche quello.

    > Scolta ragazzo. Io non so se te lavori, ma io si
    > e sono imprenditore.
    > Quando fai una cosa, e paghi signori stipendi a
    > destra e a manca, signori prototipi a destra e a
    > manca, signore prime serie a destra e a manca e
    > poi arriva un cinese (coreano qualunque) e ti
    > copia, credi a me ti prende il sangue agli occhi.
    > Perchè tutti fr**i con il cul* degli altri,
    > troppo comodo.

    Io non vado a far causa perché mi hanno copiato delle sciocchezze come la forma stondata o dettagli di un modo di sbloccare uno schermo.
    Apple si è attaccata ad idiozie. Ha brevettato altrettante idiozie.
    Questo non avveniva prima dell'avvento dei brevetti sul software e la permissività a brevettare idiozie.

    > No, non è quello il dato saliente.
    > Il dato saliente è la contrazione dell'utile che
    > è un fatto gravissimo.
    > Ciò dimostra un semplice paradigma ovvero che un
    > azienda nel mondo Android per essere competitiva
    > con le altre deve erodere la sua quota di utile.
    > Ergo non sono più possibili economie sulla
    > componentistica e sulle fasi di lavorazione.

    > Quindi un imprenditore lungimirante cosa fa?
    > Guarda altri lidi e si sposta il prima
    > possibile.
    > E le varie line-up di HTC stessa, Sony, LG e la
    > stessa Samsung stanno li a confermare che Android
    > è un mercato pericoloso ed è meglio mettere i
    > remi su altri mari prima di rimanere bruciati.

    Ma questo è magnifico, fantastico!
    Questi producevano in fabbriche robotizzate oggetti a €150-$170 e speravano di poterli vendere a $800.

    Poi arrivano eserciti di PMI cinesi robotizzate che prendono gli stessi componenti standard e con Android opensource producono le stesse cose e le rivendono a quello che è il reale valore dell'oggetto, facendo anche loro degli utili.

    Fanno bene queste aziende che vogliono vivere sull'hype a togliersi dalle balle...

    E Noi? Non abbiamo oggetti di culto, ma semplicemente oggetti che funzionano e sono costati poco, quello che devono costare.

    Io voglio comprare strumenti, che utilizzerò per la crescita personale. Il telefono mi serve per comunicare, lavorare, svago, utilità.
    Non lo compro per vantarmene in attesa di una nuova ondata di stress per cambiarlo con quello più nuovo più alla moda.

    A me non ne frega nulla della contrazione degli utili di Apple, HTC, ecc.
    Mi interessa della mia vita e della mia crescita personale.
    Oggi Android e migliaia di PMI in giro per il mondo possono darmi, al giusto prezzo, strumenti di comunicazione, lavoro, svago, crescita personale.

    > Mi spiace, ma i fatti dicono il contrario.
    > Non si è mai vista una casa mettere il proprio
    > prodotto di punta in offerta con un altro a 5
    > mesi dall'uscita e con 20M di unità
    > vendute.
    > La realtà è ben diversa, la roba samsung che gira
    > è quella della fascia medio bassa, gli SIII
    > fatturati da samsung sono tutti nei magazzini dei
    > rivenditori finali.
    > E i rivenditori sono inferociti come non mai.
    > Avete notato l'offerta sui led da 55"? Strano ma
    > vero il rivenditore mette in tasca +/- la cifra
    > di acquisto dei lotti SIII.
    > In pratica Samsung per mettere a tacere gli
    > incazzati sta ricoprendo i danni con scontistiche
    > aggressive su altri prodotti.

    Gli LCD di Samsung sono sempre stati i più economici, ma quelli da 55" più economici a parte 1 solo modello Samsung sono i Philips.

    La scontistica sui telefoni Samsung è dimostrazione di quanto siano sovrapprezzati questi oggetti. Di quanto si cavalca l'hype, del marketing pervasivo, e dello sfruttamento dell'idiozia/ingenuità umana.

    > Sinceramente no ed è ovvio il motivo. Lo zoccolo
    > degli android lo fanno le periferiche 50-250
    > euro.
    > E non sono periferiche che mi interessano.

    È quello il prezzo giusto di tutta l'elettronica costruita dai robot. Anzi è anche caro. Oggi come non mai l'uomo può avere quasi a nessun prezzo tutto ciò che gli serve per la comunicazione interpersonale, la produttività, lo svago.

    Il fatto che a te non interessino vuol dire solo che sei un'altra vittima dell'hype.

    > Si e lo stanno facendo diventare sempre di più il
    > CP/M delle controllo
    > numerico.
    > Fai A+B=C. Premi sto pulsante e apri sta finestra.
    > E lasciamo perdere le smart tv tipo quelle
    > samsung che sono una cosa I N D E C E N T E.
    >
    > Per l'amor di dio belle cose, ma questo non è
    > l'IT a cui ci riferiamo.

    Non mi interessa delle implementazioni altrui...
    Io oggi con un PC della dimensione di una pendrive ed Android sopra, ad un prezzo inferiore ai €100 ho la potenza di calcolo di una workstation di 5 anni fa, la connettività wireless con la riproduzione di tutti i contenuti attuali.
    Lo stesso su un tablet e su un cellulare.
    Tra le applicazioni ho tutto quello che mi serve come ausilio per il mio lavoro, affiancato ad un PC vero, per lo svago e per la comunicazione interpersonale.

    A me interessa la crescita personale, il più a buon mercato possibile.

    Non mi interessa atteggiarmi, sopperire alle carenze di affetto, autostima, accettazione sociale.
    Non soffro di disturbi schizo-affettivi per cui ergo Apple a figura paterna che mi è mancata da bambino ed i suoi giocattoli i regali che mio padre non mi comprava.

    Non mi faccio calpestare dal turbocapitalismo, ed umiliare dai meccanismi dell'hype e del marketing mettendomi in fila per un iPhone o attaccando un adesivo di una mela bacata sullo scooter.
    iRoby
    7834
  • Bene.Censura random.
    Volevo farti i miei sinceri complimenti per questo post che porterebbe presto all'estinzione dei fanboy.

    Saluti.
    non+autenticato
  • > E basta con questa storia dei cantinari.

    E per quale motivo scusa?

    > I bravi programmatori Linux come Andrea Argangeli
    > sono pagati al secondo. Lavorano anche a casa e
    > un timer connesso in rete gira per pagargli lauti
    > compensi:
    > http://emmebi-attached.blogspot.it/2007/06/andrea-
    >
    Ci sono programmatori anche e di parecchio più bravi e lavorano per Aziende con la A maiuscola.
    Quindi non dici niente di nuovo.

    > E sono in tanti in tutto il mondo.
    > Ne conosco un altro bravo programmatore C/C++,
    > 60-70€ l'ora, 500€ al giorno. Nessun problema
    > economico.
    >
    Quelle sono cifre normalissime per il mercato. Io stesso vado a quelle cifre quindi non capisco perchè ti stupisci tanto.
    >
    > Una bolla che cresce da metà anni '90. Linux è la
    > benzina dell'IT. È come il transistor, come
    > la testina magneto-resistiva. Deve esserci a
    > prescindere, è lui che fa funzionare le appliance
    > digitali
    > ormai.

    Ma non diciamo fesserie.
    Linux è dov'è grazie al fatto che è gratis e che alle aziende piace usare gratuitamente il lavoro degli altri.
    Ma la moda sta passando perchè i limiti del "gratis è bello" e "mani libere per tutti" stanno mostrando tutti i loro limiti. Sia da un punto di vista di sviluppo, oramai la confusione nei repository è totale in qualunque distribuzione, sia da un punto di vista di obbiettivi, ognuno fa quello che gli pare e le energie profuse vengono in gran parte perse.
    >
    >
    > Linux con Android e il suo paradigma opensource
    > sta rompendo l'egemonia di tutti i mercati dove
    > non c'è la costrizione di un
    > monopolio.

    Ma non diciamo fesserie (again). Tu stai facendo molta confusione.
    Ma tanta eh.

    > L'embedded è suo.

    Questo si, ma diciamocelo, chissenefrega, l'embedded di prima costava (tanto) ora arriva alle aziende a gratis. Bello per chi ha e non spende, meno bello per chi si spezza la schiena a fronte di un ideale e vede prendere tutto agli altri. La volpe e l'uva insomma.

    > Il mobile è suo con Android.

    Questo no, che sia l'OS + diffuso sui smarfòn de noialtri da 50-80 euro siamo daccordo.
    Ma l'utilizzo no, mi spiace, Android perde su tutta la linea e te lo dimostra dal lato dei tablet, dove non sfonda nemmeno con 200 prodotti diversi con 200 prezzi diversi contro un unico tablet dall'altra parte. Android fail.

    > Il server è suo!

    Si e no. Si numericamente, no qualitativamente. Finchè andiamo di web "stupido" (apache,mysql, php/perl) si ma quando si va con cose cazzute le software house preferiscono ad oggi piattaforme diverse.
    La stessa IBM ci ha provato e non c'è stato niente da fare.
    Se guardiamo la cosa da un punto di vista di earnings beh ragazzo lo sai si che tira più un pelo di .... che un carro di buoi.
    Ecco il carro di buoi è linux.

    > Il desktop no perché c'è un monopolio...

    Il desktop come lo intendavamo noi sta morendo. E M$ furbescamente (secondo me) gli darà il colpo di grazia con i suoi surface e con la sua suite di applicativi (Office su tutti). E se riuscirà rimarrà sempre lassù, e gli altri sempre laggiù.

    Perchè se non l'avete ancora capito, voi fate un piacere a loro con la vostra esistenza.
    Perchè sperimentate a gratis.
    Perchè vi sbracciate a gratis.
    Perchè vi comprano con 4 pezzi di formaggio al mercato e vi fanno saltare la corda quando gli pare.
    Perchè danno l'elemosina alle vostre "fondazioni" e voi credete di avere il bastone del comando ma non avete nemmeno uno stuzzicadenti.
    Perché la vostra esistenza è tollerata e sfruttata dalle major e non viceversa. E siete dopo tutto ancora convinti di spuntarla.
    Perchè la gente non ne vuole più sapere di lavorare a gratis.

    Siete solo degli illusi.
    E le major, quando sarà il momento, vi spazzeranno via.
    O vi comprerà con qualche euro.

    Se serve.
    maxsix
    9440
  • - Scritto da: maxsix
    > Ma non diciamo fesserie.
    > Linux è dov'è grazie al fatto che è gratis e che
    > alle aziende piace usare gratuitamente il lavoro
    > degli altri.

    Il discorso è più complesso. Lo facevo al titolare di una web agency locale.
    Lui ha una politica strana. Non vuole usare Joomla!, Drupal ecc. E vuole avere il suo CMS fatto in casa con un framework come Simfony, ecc.
    Il problema è che i programmatori fanno un turn over continuo, ossia i giovani non vogliono contratto di apprendistato a 950€ al mese che diventano 1200€ entro 3 anni. Come i senior non vogliono stare 8 ore al giorno a fare manutenzioni spiccie a 1400€ al mese.
    Per cui periodicamente o se ne vanno o si fanno cacciare via.

    Così va via la gente che ha creato il CMS/ecommerce. E quando arriva un team nuovo si ricomincia ricostruendo nuovi CMS e nuovi eCommerce.

    Però è molto difficile mettere insieme un team che riesca a fare un CMS completo senza buchi di sicurezza, con un SEO funzionante, con le migliori tecniche MVC e i moduli più utilizzati per fare un portale ritagliato per le esigenze dei vari clienti.

    Invece nel mondo opensource ci sono ottimi CMS molto potenti e completi, alcuni hanno dietro aziende che li sviluppano e ne rilasciano una versione opensource.

    Questi CMS hanno molti moduli personalizzabili e sono facili da estendere in casa.

    Quando molto del lavoro è stato fatto bene, bastano uno/due programmatori junior, un grafico, un web designer ed una ragazza SEO e scrittrice di contenuti per tenere in piedi una intera web agency.

    L'opensource quindi è una cosa fantastica per dare lavoro a tantissima gente e tenere in piedi altre aziende. Che altrimenti dovrebbero riscriversi tutto internamente.

    Lo sa bene l'azienda neozelandese che c'è dietro al CMS SilverStripe che addirittura "regala" il suo CMS con licenza BSD.
    Silverstripe ha dietro 23 programmatori stipendiati che rilasciano il core del CMS. La community dietro invece rilascia moduli, lo perfeziona, aiuta nel debugging.
    L'azienda che lo ha creato ne riprende le modifiche e le aggiunge nel branch ufficiale in questo modo ci si aiuta a vicenza.

    L'azienda dietro Silverstripe usa il suo CMS per grossi clienti: banche, una compagnia aerea della Nuova Zelanda ecc. E gli fanno comodo le migliorie gratuite fatte dalla community. Ma senza che lei avesse rilasciato il core del CMS anche la community non avrebbe avuto un CMS per i propri scopi personali.
    È un lavoro di mutua collaborazione che in questo caso di Silverstripe, mostra il meglio di questo meccanismo.

    Una cosa che molte persone mentalmente limitate non riescono a comprendere.

    > Ma la moda sta passando perchè i limiti del
    > "gratis è bello" e "mani libere per tutti" stanno
    > mostrando tutti i loro limiti. Sia da un punto di

    Non sta mostrando nessun limite, il caos è solo nella tua testa. È all'apice della dimostrazione del suo potere, e ne stanno cogliendo tutti a piene mani i vantaggi.
    Android sta aiutando principalmente la Cina che riesce a fare numerosi prodotti senza doversi preoccupare di comprare o riscriversi internamente il software di gestione.
    E gli utenti trovano un'interfaccia ed un ambiente familiare, sia che si tratti di un set-top-box che di un tablet o un cellulare.

    > Questo si, ma diciamocelo, chissenefrega,
    > l'embedded di prima costava (tanto) ora arriva
    > alle aziende a gratis. Bello per chi ha e non
    > spende, meno bello per chi si spezza la schiena a
    > fronte di un ideale e vede prendere tutto agli
    > altri. La volpe e l'uva insomma.

    Come chissenefrega? Oggi hai router, access point, autoradio, lettori DVD/blueray ad una frazione del prezzo di un tempo proprio grazie al fatto che Linux è gratis, e tu ci sputi sopra?

    Oggetti che ti possono aiutare nello svago, nelle comunicazioni, e nelle qualità della vita che costano una frazione di un tempo grazie all'opensource che le fa funzionare, e tu dici che è una cosa negativa?

    Scusami ma bisogna avere dei problemi per non capire i vantaggi di questa cosa.

    > Ma l'utilizzo no, mi spiace, Android perde su
    > tutta la linea e te lo dimostra dal lato dei
    > tablet, dove non sfonda nemmeno con 200 prodotti
    > diversi con 200 prezzi diversi contro un unico
    > tablet dall'altra parte. Android fail.

    Il mondo dei tablet vive ancora di hype. iPad è sinonimo di tablet, e la gente fatica a capire i vantaggi di quelli con Android.

    Il mio ha Android, è cinese, dual core, è veloce e fa tutto quello che mi serve. Anche se giudico abbastanza inutile l'oggetto in se rispetto ad un ultrabook o un piccolo laptop potente come il mio che è a metà tra un netbook ed un notebook.

    > Si e no. Si numericamente, no qualitativamente.
    > Finchè andiamo di web "stupido" (apache,mysql,
    > php/perl) si ma quando si va con cose cazzute le
    > software house preferiscono ad oggi piattaforme
    > diverse.
    > La stessa IBM ci ha provato e non c'è stato
    > niente da fare.

    Io ho lavorato per gruppi come Vodafone ed Intesa Sanpaolo, e ti dico che il sistema di trading online basato su cluster con Red Hat Enterprise è più potente di qualsiasi altra soluzione basata su Solaris o AIX, e costa una frazione.
    Tutte le macchine virtuali di queste banche e TLC girano su host Linux.

    Le tue parole denotano una totale ignoranza del settore.

    > Il desktop come lo intendavamo noi sta morendo. E
    > M$ furbescamente (secondo me) gli darà il colpo
    > di grazia con i suoi surface e con la sua suite
    > di applicativi (Office su tutti). E se riuscirà
    > rimarrà sempre lassù, e gli altri sempre laggiù.

    Il desktop non sta morendo e non morirà, perché è il migliore per il lavoro e certe funzioni.
    Semmai ci sarà diversificazione.
    Una volta chi si avvicinava all'informatica per informarsi e poche altre funzioni era costretto a prendere un cassone da mettere sotto la scrivania e il classico monitor con tastiera e mouse.

    Oggi queste persone hanno qualcosa di più semplice come un tablet. Comodo per fruire contenuti, ma scomodo rispetto ad un laptop per produrli i contenuti.
    Difficile da usare per lavori di rete e trasferire dati. Basta guardare iPad ed iPhone per trasferire file via bluetooth.

    > Perchè se non l'avete ancora capito, voi fate un
    > piacere a loro con la vostra esistenza.
    > Perchè sperimentate a gratis.
    > Perchè vi sbracciate a gratis.
    > Perchè vi comprano con 4 pezzi di formaggio al
    > mercato e vi fanno saltare la corda quando gli
    > pare.

    Ma a te tutto questo da fastidio?
    Ti da fastidio lavorare per passione e dare agli altri?
    Ti da fastidio fare parte di una community di persone, e crescere insieme mettendoci ognuno un po' del proprio?

    Lascia perdere il capitalismo ed il mercatismo che approfitta delle community.
    Alle community questo non interessa, perché lo scopo primario è molto primordiale rispetto al profitto di chi è intriso di mercatismo...
    Lo scopo è interconnettere coscienze e crescere insieme sviluppando la creatività individuale.
    iRoby
    7834
  • Sono discorsi persi per uno che vuol far intendere che solo Apple e i suoi prodotti sono i migliori in assoluto...la classica arrampicata sugli specchi di chi ha una visione distorta della vita.
    non+autenticato
  • Leggere "M$ e' un azienda di device e servizi, non più semplicemente un produttore software." - "si studieranno soluzioni integrate" - "chi vuole fare sul serio col software deve prodursi il suo hardware" e' CURIOSO perche' c'era un tempo in cui il mercato era fatto da
    - Sgi che dava sw/hw/soluzioni integrate, Sun idem , DEC uguale... anche nei 16bit tipo Amiga,Atari e perfino negli 8bit. Sw cablato sul loro hw custom che non girava al di fuori. e IBM sopra tutti.
    E tutti(???) a bestemmiare sui superprezzi dell'hw custom, del sw non proprio interoperabile (o per niente) ecc. Ma anche specializzazione e risultati eccellenti in specifici segmenti
    POI e' arrivata l'omologazione, dalle carte truccate di M$ (che IBM si e' bevuta 'misteriosamente')... IBM ha macinato ottimi numeri (ma si e' data anche una martellata sui coglioni di proporzioni ciclopiche. 2 volte.) e l'effetto domino, l'arch semi-aperta, ha portato gli asiatici a kg di cloni, e viavia a produrre roba potentissima x86, che ha segato gli altri.

    E ora Ballmer scopre una "grandissima innovazione"... cioe tornare a 30 anni fa?Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > E ora Ballmer scopre una "grandissima
    > innovazione"... cioe tornare a 30 anni fa?
    >Sorride

    Mi sono sempre chiesto perché ogni tanto i pantaloni a zampa tornano di moda...
    iRoby
    7834
  • - Scritto da: bubba
    > - Sgi che dava sw/hw/soluzioni integrate, Sun
    > idem , DEC uguale... anche nei 16bit tipo
    > Amiga,Atari e perfino negli 8bit. Sw cablato sul
    > loro hw custom che non girava al di fuori. e IBM
    > sopra
    > tutti.

    ma ti ricordi cosa faceva un amiga di grafica/suono rispetto ad un pc dell'epoca? intendo un pc standard, il classico 386 (magari sx), senza una Tseng da 400.000Lit e una Roland che superava anche la milionata facilissimamente...
    in ambito musicale l'atari ST era ovunque...

    purtroppo entrambe sono morte perché una è rimasta confinata come "console estesa", gli altri non hanno mai capito nemmeno cosa fare con l'ST...Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vindicator
    > - Scritto da: bubba
    > > - Sgi che dava sw/hw/soluzioni integrate, Sun
    > > idem , DEC uguale... anche nei 16bit tipo
    > > Amiga,Atari e perfino negli 8bit. Sw cablato
    > sul
    > > loro hw custom che non girava al di fuori. e
    > IBM
    > > sopra
    > > tutti.
    >
    > ma ti ricordi cosa faceva un amiga di
    > grafica/suono rispetto ad un pc dell'epoca?
    > intendo un pc standard, il classico 386 (magari
    > sx), senza una Tseng da 400.000Lit e una Roland
    > che superava anche la milionata
    > facilissimamente...
    me lo ricordo si. Vic-20 nel 1982. (time flying..)=> Usavo gli XT a scuola e a casa avevo il c-128 (con turbopascal 3.3, come a scuola, ma per CP/M). Poi mi son deciso ad entrare nel "new world": un amiga500 kick1.2 (appena uscito.)Con la lingua fuori

    > in ambito musicale l'atari ST era ovunque...
    E non si e' mai capito perche'A bocca aperta (semplificando diciamo che ognuno aveva il suo destino scritto ... l'ST aveva un midi di default... e ha fortunosissimamente incrociato la Steinberg sulla sua strada. Se avesse incontrato un Amiga, chissa' come sarebbe andata)

    > purtroppo entrambe sono morte perché una è
    > rimasta confinata come "console estesa", gli
    beh i motivi sono variegati... sicuramente, per Amiga, specie negli ultimissimi anni, la colpa e' venuta dal management, che non spingeva/promuoveva per niente e ha fatto investimenti al ribasso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > beh i motivi sono variegati... sicuramente, per
    > Amiga, specie negli ultimissimi anni, la colpa e'
    > venuta dal management, che non
    > spingeva/promuoveva per niente e ha fatto
    > investimenti al ribasso.

    Non ho mai smesso di pensare che i brevetti sul plug'n'play c'entrassero qualcosa con la scomparsa di Amiga, oltre a management sciagurato. Amiga con gli slot Zorro era davvero plug'n'play.
    non+autenticato
  • Spero che le parole Ballmer siano di comodo, per quello mi riguarda microsoft ha senso se fa software e solo software. Non si può fare hardware e software se non ci si vuole castrare, a google dopo queste dichiarazioni sono a festeggiare.....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)