Cristina Sciannamblo

Huawei: nessun pericolo per la sicurezza

La telco cinese replica ai sospetti degli Stati Uniti relativi alla presunta collusione con il governo di Pechino. Il nostro atteggiamento, dice Huawei, è sempre stato collaborativo

Roma - Le conclusioni dell'indagine condotta dall'intelligence statunitense circa la presunta minaccia per la sicurezza nazionale rappresentata dalle telco cinesi ha suscitato l'immediata replica di Huawei, sospettata, insieme a ZTE, di essere legata a doppio filo con il governo cinese.

Nella nota ufficiale diramata, i vertici di Huawei sostengono di aver collaborato costantemente con la commissione d'inchiesta statunitense durante gli ultimi undici mesi. "Il nostro top management - si legge - ha partecipato periodicamente a incontri faccia a faccia con i componenti della Commissione e abbiamo aperto il nostro centro di Ricerca e Sviluppo, il centro di formazione e il centro di produzione ai membri del Comitato, offrendo una ricca documentazione a supporto delle indagini".

Secondo la dirigenza del colosso cinese delle telecomunicazioni, l'atteggiamento di Washington sarebbe stato segnato da un marcato pregiudizio nei confronti dell'azienda, inclinazione che avrebbe portato, dunque, all'elaborazione di un rapporto che sembra essere "prestabilito". (C.S.)
Notizie collegate
  • BusinessCisco: porte chiuse all'IT cinese Il gigante del networking statunitense comunica di aver interrotto i rapporti commerciali con il partner asiatico ZTE. Sulla decisione inciderebbero fortemente i sospetti di Washington sulle telco cinesi
  • BusinessIT cinese, ribolle il sospetto globaleDopo l'indagine conclusa dalla Casa Bianca, seguono le reazioni degli stati sulla presunta minaccia rappresentata dalle attività condotte dai giganti cinesi delle telecomunicazioni
  • AttualitàUSA: l'IT cinese fa pauraUn'indagine dell'intelligence statunitense avverte dei potenziali pericoli rappresentati dall'espansione delle telco cinesi in USA. I presunti legami del governo di Pechino, fanno sapere dalla Casa Bianca, aumentano i rischi di cyberspionaggio