Mauro Vecchio

P2P, chi scarica compra di più

Un sondaggio smentisce la tesi sbandierata dall'industria. I downloader spendono più degli utenti che non attingono al file sharing

P2P, chi scarica compra di piùRoma - È una delle tesi più care all'industria dell'intrattenimento, dai discografici della RIAA alle major del cinema. Lo scaricamento di massa dalle reti di file sharing provocherebbe danni economici irreparabili, soprattutto perché i singoli downloader non sarebbero affatto intenzionati all'acquisto di musica legale.

Basato su migliaia di interviste telefoniche agli utenti statunitensi e tedeschi, il sondaggio condotto dall'American Assembly - organizzazione indipendente affiliata alla Columbia University - ha offerto una visione diversa. Gli scariconi della Rete risulterebbero tra i più assidui consumatori di musica e film sulle piattaforme della distribuzione autorizzata.

Negli Stati Uniti, gli utenti del P2P sarebbero in possesso di collezioni musicali più ampie, ovviamente rimpolpate da file scaricati o copiati da familiari e amici. Ma, allo stesso tempo, i downloader acquisterebbero il 37 per cento in più rispetto agli utenti non legati alle reti della condivisione elettronica.
"I downloader più assidui sono anche gli acquirenti più forti nell'industria musicale", ha riassunto Joe Karaganis, ricercatore all'American Assembly. L'organizzazione statunitense ha trovato risultati percentuali molto simili in Germania, pur partendo da un campione troppo ristretto per risultare valido statisticamente.

Altro (prevedibile) risultato del sondaggio, il 79 per cento degli scariconi risulterebbe nella fascia anagrafica 18-29 anni. Nella media, le collezioni musicali degli utenti statunitensi del P2P ammonterebbero a 1979 brani, contro i 1264 degli ascoltatori non avvezzi alle pratiche di download.

Non è la prima volta che la tesi sbandierata dall'industria viene smentita dai risultati statistici. Alla fine del luglio 2011, l'ex-COO di EMI Douglas Merrill aveva riportato uno studio condotto dalla stessa etichetta britannica: gli utenti del defunto client LimeWire risultavano tra i più assidui acquirenti su piattaforme come iTunes.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessP2P, chi scarica compraAlmeno in Europa. Un nuovo studio sostiene che chi scarica musica dai sistemi dal peer-to-peer compra nei negozi almeno la stessa quantità di musica di chiunque altro. Un avvertimento per le major
  • AttualitàSe il P2P non fa male al portafogliA rivelarlo è uno studio commissionato dal governo olandese: il 22 per cento degli artisti locali ha scaricato illegalmente musica e film. Il file sharing non avrebbe impattato in maniera negativa sul loro conto in banca
  • AttualitàSe il P2P non uccide la creativitàDall'Università del Minnesota, uno studio che confuta uno degli assiomi più cari ai signori del copyright. Attività legate al file sharing non avrebbero alcun legame diretto con la produzione di musica originale
403 Commenti alla Notizia P2P, chi scarica compra di più
Ordina
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: 633.41
    >
    > > > E il principio di "PRESUNZIONE DI
    > INNOCENZA"
    > > e
    > > > quell'altro che dice "IN DUBIO PRO REO"
    > si
    > > > applicano SEMPRE proprio perche' ci sono
    > > quelle
    > > > RARE ECCEZIONI che hai giustamente
    > messo
    > in
    > > > evidenza.
    > > E che c'entra? Era per riconoscere un sito di
    > > materiale piratato. Cosa che ben sai fare,
    > ma
    > ti
    > > va solo di
    > > trollare.
    >
    > C'entra, c'entra.
    > Tu pretendi di far passare il messaggio che nel
    > dubbio e' meglio
    prendere una serie di precauzioni, oppure

    > allontanarsi da quel sito
    > dubbio, io invece sto affermando che un sito
    > dubbio non e' un sito illegale (se lo fosse
    > sarebbe chiuso), e quindi applicando la
    > presunzione di innocenza, si puo' e si deve
    > scaricare.
    >
    > > > Deve proprio essere per la paura delle
    > > sanzioni
    > > > della 633/41 che la gente
    > > se proprio lo vuol fare, almeno inizia a
    > prendere
    > > le sue precauzioni: Tor, no cronologia, no
    > cache,
    > > ecc.
    >
    > Avevo proprio bisogno dei tuoi consigli, guarda.
    Servivano innanzitutto a chiarire la mia posizione riguardo al problema; e comunque a qualche lettore potrebbero servire.

    >
    > > > ha smesso di scaricare
    > > > e le videoteche sono tornate a
    > riempirsi
    > di
    > > > clienti.

    > >
    > > > > È da un bel po' che stanno
    > > martellando
    > > > con
    > > > > l'"avviso adeguato" contro la
    > pirateria
    > > > > audiovisiva. Puoi giurare di non
    > averlo
    > > mai
    > > > > visto?
    > > >
    > > > Quale, quello che si avvale di una
    > colonna
    > > sonora
    > > > per la quale non sono stati pagati i
    > diritti
    > > > d'autore, per caso?
    > > Due pesi e due misure...
    >
    > Un peso e una misura: io non do' alcun credito ai
    > pirati.
    >
    > > > Posso anche averlo visto, ma posso dare
    > > > credibilita' ad un promo sicuramente
    > illegale
    > > > visto che non ha pagato i diritti per la
    > > colonna
    > > > sonora?
    > > Però almeno ne hai sentore e ti informi su
    > come
    > > stiano realmente le cose, ad esempio
    > leggendoti
    > > personalmente cosa prevede la legge italiana
    > > vigente al riguardo.
    >
    > Che c'entra la legge italiana?
    Perché è da millanta post che si sta parlando dell'utente italiano.Sorride

    > In svizzera scaricare non e' illegale.
    E neanche l'upload senza fini di lucro.
    non+autenticato
  • Pensare che le leggi cambiano proprio perchè diventano inadeguate (o non lo sono mai state) per certi personaggi non è contemplabile, perchè l'ottusita' è il loro mito, la persecuzione per far rispettare le leggi il loro obbiettivo.

    Solo che a scriverlo è un videotecaro... per lamentarsi dell'amministratore del suo forum!

    http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=...

    Ovviamente, quando invece si parla di copyright, loro sono pronti a gridare "al ladro" e a dire "la legge dice così, e non va cambiata mai"
    non+autenticato
  • http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic....

    http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=...

    Pare che sia in corso una bella lite, con la possibilità che molti abbandonino il forum.

    Chi ha cominciato? Carlo, ovviamente!
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic.
    >
    > http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=
    >
    > Pare che sia in corso una bella lite, con la
    > possibilità che molti abbandonino il
    > forum.
    >
    > Chi ha cominciato? Carlo, ovviamente!

    Questa sera evito di guardarmi Matteo Montesi su Youtube, e i popcorn me li mangio mentre leggo le loro stupidaggini.
  • "il 79 per cento degli scariconi risulterebbe nella fascia anagrafica 18-29 anni"

    Poi quando hai una vita da gestire fai due click per comprartele le cose visto che non puoi perdere le giornate a cercare torrent
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > "il 79 per cento degli scariconi statunitensi e tedeschi risulterebbe
    > nella fascia anagrafica 18-29 anni"

    fixed!

    > Poi quando hai una vita da gestire fai due click
    > per comprartele le cose visto che non puoi
    > perdere le giornate a cercare torrent

    filehosting, questo sconosciuto... Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • - Scritto da: MeX

    > Poi quando hai una vita da gestire fai due click
    > per comprartele le cose visto che non puoi
    > perdere le giornate a cercare torrent

    LoL! Ma se è molto più veloce fare due click per cercare un torrent che star lì a far tutta la trafila burocratica per comprare (registrarsi, scegliere il metodo di pagamento, ecc.)

    E' semplicemente ovvio e scontato che le nuove generazioni siano più avvezze all'uso delle nuove tecnologie (e più restie a pagare) rispetto agli over 40-50.

    Anche perché a 29 anni si suppone tu abbia già una "vita da gestire".
    non+autenticato
  • - Scritto da: MeX
    > "il 79 per cento degli scariconi risulterebbe
    > nella fascia anagrafica 18-29
    > anni"
    >
    > Poi quando hai una vita da gestire fai due click
    > per comprartele le cose visto che non puoi
    > perdere le giornate a cercare
    > torrent

    Semplicemente quelli + vecchi (che spesso usano prodotti Apple) non sono abbastanza in gamba da trovare i torrent in due click.
    non+autenticato
  • - Scritto da: dontfeed in sciopero
    > - Scritto da: MeX
    > > "il 79 per cento degli scariconi risulterebbe
    > > nella fascia anagrafica 18-29
    > > anni"
    > >
    > > Poi quando hai una vita da gestire fai due
    > click
    > > per comprartele le cose visto che non puoi
    > > perdere le giornate a cercare
    > > torrent
    >
    > Semplicemente quelli + vecchi e ignoranti (che spesso usano
    > prodotti Apple) non sono abbastanza in gamba da
    > trovare i torrent in due
    > click.

    Fixed.
    Quelli come me che sono abbastanza vecchi da aver visto nascere gli home computer e i PC, e che li sanno usare, preferisce un contagio di peste bubbonica che un prodotto apple.
  • Sottoscrivo tre volte! Quando vedono il mio tablet e mi chiedono "è un ipad?" sussulto come se mi avessero detto qualcosa di estremamente ineducato.
  • - Scritto da: yogavidya
    > Sottoscrivo tre volte! Quando vedono il mio
    > tablet e mi chiedono "è un ipad?" sussulto come
    > se mi avessero detto qualcosa di estremamente
    > ineducato.

    Secondo me rosichi ogni volta per avere scelto un prodotto mediocre dotato di software ancora peggiore e poco ottimizzato...

    Occhiolino

    Non voglio iniziare un flame, dico solo che tu non potresti utilizzare il tablet come faccio io, mente io potrei farlo come lo utilizzi tu e con maggior profitto, ma in un forum non posso dimistrartelo, quindi questa discussione finisce qui.
  • per la serie "io sò io e voi non siete un c4zz0".

    quanti specchi hai in casa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > per la serie "io sò io e voi non siete un c4zz0".
    >
    > quanti specchi hai in casa?

    Ho due amici che usano un Galaxy Tab e un Motorola Xoom, prenderli in giro è come sparare sulla croce rossa ogni volta che tentano di farmi vedere i limiti dell'iPad finiscono solo con il capire i limiti del loro tablet.

    Su Android c'è una enorme quantità di software gratuito ma di bassa qualità, su iPad paghi 4 € di media ma hai software di alto livello.

    PS: e comunque tra un po mi cambio nick e avatar, divento "Il Marchese"Occhiolino
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 ottobre 2012 20.47
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > per la serie "io sò io e voi non siete un
    > c4zz0".
    > >
    > > quanti specchi hai in casa?
    >
    > Ho due amici che usano un Galaxy Tab e un
    > Motorola Xoom, prenderli in giro è come sparare
    > sulla croce rossa ogni volta che tentano di farmi
    > vedere i limiti dell'iPad finiscono solo con il
    > capire i limiti del loro
    > tablet.

    E questi amici che competenze informatiche avrebbero?

    Lo sai che tu in ambito videofotografico saresti in grado di fare cose con strumenti di bassa qualita', che io non saprei fare neppure con la miglior strumentazione possibile?

    E quindi questo ti basterebbe a dimostrare che quello che usi tu e' meglio di quello che uso io?

    Dammelo a me il galaxy tab che ti faccio vedere io che cosa l'ipad non potra' mai neanche sognarsi di fare.

    > Su Android c'è una enorme quantità di software
    > gratuito ma di bassa qualità,

    C'e' anche quello di elevata qualita'.

    > su iPad paghi 4 €
    > di media ma hai software di alto
    > livello.

    Come iFart, dici?

    > PS: e comunque tra un po mi cambio nick e avatar,
    > divento "Il Marchese"
    >Occhiolino

    No, dai... siamo tutti abituati a vedere l'obiettivo.
  • - Scritto da: panda rossa
    > E questi amici che competenze informatiche
    > avrebbero?

    Uno di questi è uno sviluppatore LAMP e JAVA, sta anche imparando a sviluppare su Android.

    L'altro è un mio collega e vorrebbe farci più o meno quello che io faccio con l'iPad.

    > Lo sai che tu in ambito videofotografico saresti
    > in grado di fare cose con strumenti di bassa
    > qualita', che io non saprei fare neppure con la
    > miglior strumentazione
    > possibile?
    >
    > E quindi questo ti basterebbe a dimostrare che
    > quello che usi tu e' meglio di quello che uso
    > io?

    No, infatti.

    > Dammelo a me il galaxy tab che ti faccio vedere
    > io che cosa l'ipad non potra' mai neanche
    > sognarsi di
    > fare.

    Tipo?

    > > Su Android c'è una enorme quantità di
    > software
    > > gratuito ma di bassa qualità,
    >
    > C'e' anche quello di elevata qualita'.
    >
    > > su iPad paghi 4 €
    > > di media ma hai software di alto
    > > livello.
    >
    > Come iFart, dici?

    No, software di Qualità... e sai benissimo quello che intendo.
  • una volta tanto vorrei portare un esperienza personale... qualche anno fa mi hanno parlato di un gruppo molto interessante... ovviamente visto che rientro nella categoria degli studenti squattrinati citata da qualcuno in un commento ho scaricato un paio di loro cd... i cd mi sono piaciuti e in un secondo momento ho acquistato l'intera discografia... per l'ultimo cd il gruppo cd ha deciso di autoprodursi e hanno chiesto ai fan di finanziarli preacquistando il cd a scatola chiusa oppure un pacchetto con cd + maglietta esclusiva per i preordini... per fortuna avevo un po di soldi da parte e ho preso il cd+maglietta... e non conto nemmeno le entrate ai concerti... chiedete a gruppi con le palle come loro se la pirateria è un danno, e non alle majoror a cui interessano solo i soldi e non gli artisti...
  • tu l'hai chiesto a loro? che ti dicono?
    non+autenticato
  • penso che qualunque artista preferisca vendere 3 cd, un cd in prevendita, vario merchandising e biglietti dei concerti senza rimetterci niente... i cd scaricati li ho comprati, e nel frattempo non sono calati di prezzo... se non avessi scaricato niente da me non avrebbero avuto niente... ci avrebbero rimesso loro e anch'io... hai qualche dubbio che preferiscano vendere a non vendere?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)