Alfonso Maruccia

Ubuntu 13.04, il procione radicale

Canonical annuncia le novità per il futuro prossimo dell'OS open source: nome di procione, focus simil-Windows 8 sul mobile e processo di sviluppo con gruppo ristretto. Per conservare la meraviglia oltre le critiche

Roma - Neanche il tempo di lasciar depositare il polverone delle reazioni scaturite dalla distribuzione di Ubuntu 12.10 che Canonical già parla della prossima versione del suo OS basato su Linux: Ubuntu 13.04 (non-LTS) sarà "Raring Ringtail" in omaggio a un procione, prenderà di mira le innovazioni di Windows 8 in ambito mobile e sarà caratterizzato da un tipo di sviluppo "radicale", organizzato in maniera inusuale.

Con Raring Ringtail il focus degli sviluppatori Canonical si sposterà sul miglioramento dei componenti mobile dell'OS, la durata della batteria, il numero di processi normalmente in esecuzione, il consumo di memoria del sistema e più in generale una ripulitura degli "spigoli" quanto più profonda è possibile.

Ubuntu 13.04 prenderà dunque di mira Windows 8 e la sua spasmodica attenzione all'efficienza dell'uso in mobilità, così da rendere l'OS Linux un perfetto candidato a girare su laptop e su gadget che suggono dati e app dalle nuvole del cloud computing.
Canonical deciderà i piani di sviluppo precisi delle funzionalità di Ubuntu 13.04 nel corso del prossimo Ubuntu Developer Summit, ma già da ora si sa che alcune componenti "ad alto grado di meraviglia" verranno gestite senza alcuna discussione pubblica a riguardo e solo da parte degli sviluppatori più autorevoli della community.

Il CEO di Canonical Mark Shuttleworth annuncia il nuovo approccio giustificandolo con l'eccesso di critiche (e critici) che certe funzionalità di Ubuntu tendono ultimamente ad attirare - vedi la recente inclusione dell'advertising Amazon nell'OS. Ma Shuttleworth rassicura: nessuna segretezza, non ci sarà alcuna clausola NDA e il codice prodotto sarà sempre e comunque di tipo GPL.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
69 Commenti alla Notizia Ubuntu 13.04, il procione radicale
Ordina
  • Ubuntu ormai è alla follia pura. Addio Ubuntu.
    non+autenticato
  • L'enesima supercazzora con commenti inclusi e scappellamento a destra, devo adeguarmi allo stile pare.

    Quindi per non complicarci la vita, dopo l'abbandono definitivo alla 12.04 ho girovagato un po` e alla fine, ho messo Debian e non una Debian qualsiasi ma Wheezy.

    Mi spiace per Shuttlecoso ma la distribuzione dal farfallino rosso che uscirà tra qualche mese ed è disponibile in prerelease (che tradotto dal debianese, significa molto più stabile di qualsiasi altra distribuzione) è un vero gioiellino.

    Ok c'è Gnome 3 ma con un Cairo Dock e qualche setting è perfetta e non ti lascia i fantasmi in giro e le barre multicolore, come è successo quando ho tentato di customizzare Ubuntu 12.10.

    Ora ho le mie icone sul desktop, il mio menù stile Mac con tutte le simpatiche animazioni e i destop infiniti di Shell che dopo un po` sono proprio comodi.

    Epiphany che è sempre stato parecchio snobbato, ora è WEBKIT perfetto con un rate Acid3 100/100 è in full screen, lo si può lasciare su un desktop e lavorare sugli altri, per poi spostarsi con i Ctr-Alt e i tasti freccia da un constesto all'altro. Per altro Cairo Dock a differenza di Unity ti permette di definire le applicazioni a singola istanza, come Eclipse (da recuperare) e quelle a multipla istanza come il Terminale (da rilanciare).

    I Drivers di sistema vanno benissimo, la ATI che mi hanno propinato funziona perfettamente senza bisogno dei drivers closed, con accelerazione GL completa.

    Se qualcuno fosse indeciso se inseguire il capoccione di Ballmer con le sue finestre semoventi o stare sul classico e lavorare felice, la consiglio vivamente.

    Se poi è proprio così indigesta c'è sempre LMDE oppure ... oppure la linea di comando.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quelo
    > L'enesima supercazzora con commenti inclusi e...
    scusa ma perchè ti ostini ad usare Gnome 3 quando la morte perfetta di Debian testing è Xfce? tanto tra un pò ci sarà anche Xfce 4.10. Io mi trovo bene con Xubuntu 12.10, avendo aborrito Unity e gnome 3.
    non+autenticato
  • Guarda ci ho riflettuto parecchio a suo tempo, cioè circa sei mesi fa, però la Xfce di Debian, non è la Xfce di Ubuntu ... è un altro mondo.

    Se per esempio ti fai una bella macchina Xfce, di Debian ti manca "alacarte" e non puoi editare i menù. Se installi alarcate ti porti dietro inevitabilmente l'80% di Gnome3, quindi è un po` "scompensata".

    Far funzionare i temi grafici bene, può risultare molto complesso e in fondo in fondo, non hai la qualità di un desktop tipo Gnome.

    Ero molto combattuto sulla scelta, visto che Unity non mi piaceva e Gnome3 nemmeno, però la shell (benchè non abbia un gran che di documentazione come al solito) è programmabile in javascript e si può aggiustare.

    Per quanto riguarda Cairo Dock, non è un ripiego ... è la costatazione che un sistema così funziona egregiamente ! Li hai tutto dalla taskbar, al menù di lancio dlele applicazioni e con un minimo di modifiche puoi fare quello che vuoi e se vai in alto a sinistra ti rimane l'exposè per organizzare i desktop.

    Ti garantisco che tra quello e Xfce non c'è proprio confronto.

    Ciao.


    - Scritto da: Puntatore
    > - Scritto da: Quelo
    > > L'enesima supercazzora con commenti inclusi
    > e...
    > scusa ma perchè ti ostini ad usare Gnome 3 quando
    > la morte perfetta di Debian testing è Xfce? tanto
    > tra un pò ci sarà anche Xfce 4.10. Io mi trovo
    > bene con Xubuntu 12.10, avendo aborrito Unity e
    > gnome
    > 3.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quelo
    > Guarda ci ho riflettuto parecchio a suo tempo,
    > cioè circa sei mesi fa, però la Xfce di Debian,
    > non è la Xfce di Ubuntu ... è un altro
    > mondo.

    Quella di debian è un'installazione più minimale e leggera infatti

    > Se per esempio ti fai una bella macchina Xfce, di
    > Debian ti manca "alacarte" e non puoi editare i
    > menù. Se installi alarcate ti porti dietro
    > inevitabilmente l'80% di Gnome3, quindi è un po`
    > "scompensata".

    devi passare ad apt il flag "--no-install-recommends", purtroppo le ultime release di debian hanno impostato di default l'installazione di tutti i pacchetti raccomandati come su ubuntu. Si può comunque editare la configurazione in /etc/apt/apt.conf.d/ per reimpostare il comportamento di apt come quello di una volta
  • - sarà caratterizzato da un tipo di sviluppo "radicale"

    cosa vuole dire sviluppo radicale?



    - il nuovo approccio giustificandolo con l'eccesso di critiche

    non è che per caso le critiche hanno un motivo di esistere?



    - codice prodotto sarà sempre e comunque di tipo GPL.

    siamo sicuri che la frase non doveva essere del tipo " la licenza del codice rilasciato sarà sempre GPL "
  • "focus simil-Windows 8 sul mobile"
    ma non vi fa un po' schifo?
    Qualunque cosa significhi
    non+autenticato
  • A me fa abbastanza schifo, si (intendo Windows otto), ma le parole usate da Shuttlecoso lì mi hanno ricordato pari pari le chilometrate di post sul blog di Windows 8 (quasi tutto, me lo sono sorbito, meriterei un premio...) spese a glorificare quanto è bello, quanto è smart, quanto è cheap ed efficiente l'os delle piastrelle (modello bagno) sui cosi mobile....
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 ottobre 2012 21.05
    -----------------------------------------------------------
  • Io lo avrei chiamato Roman Red Wolf ma non sapevo dove proporlo a Canonical... O meglio, sapevo dove, ma non mi funzionava la pagina... PS sempre Forza Roma!Sorride
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)