Cristina Sciannamblo

Anonymous, scacco alla Polizia

Bucati i server della Polizia di Stato italiana. Tra i documenti pubblicati, ci sono le informative sui manifestanti No-Tav e informazioni tecniche confidenziali relative alle operazioni di intercettazione - UPDATE

UPDATE 15:30: Nessuna violazione dei server: è quanto riferito ad Adnkronos da fonti del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. "Al momento non risulta alcuna violazione del server della Polizia - è quanto spiegato all'agenzia di stampa - Sono stati invece registrati indebiti accessi a diverse email personali di operatori delle forze di Polizia".

Roma - Non è la prima volta che gruppi di hacktivisti riuniti sotto il nome collettivo di Anonymous prendono di mira i server delle forze dell'ordine italiane. Dopo l'attacco lanciato contro i siti dei Carabinieri e del Ministero della Difesa, è ora il turno del database della Polizia di Stato, messo sotto scacco nell'ambito dell'operazione AntiSecITA.

I file interni, ora accessibili per chiunque, rivelano documenti riservati come le informative sui manifestanti No-Tav e, più in generale, sui gruppi classificati come "estremisti". Tra i leak compaiono anche alcune email private degli agenti e manuali destinati a i funzionari di polizia. Secondo le stime, sarebbero circa 3.500 i documenti sottratti, di cui è disponibile anche una cartella separata contente materiali d'archivio tra cui i dettagli relativi alle intercettazioni e informazioni tecniche confidenziali relative ai dispositivi di spionaggio.
Lo spirito provocatorio di Anonymous nei confronti della Polizia italiana sembra essere chiaro: "Da settimane ci divertiamo a curiosare nei vostri server, nelle vostre e-mail, i vostri portali, documenti, verbali e molto altro", si legge nel comunicato trasmesso dal gruppo, che conclude: "il livello di sicurezza dei vostri sistemi, al contrario di quanto pensassimo, è davvero scadente, e noi ne approfittiamo per prenderci la nostra vendetta".

L'ultimo evento in cui, secondo il gruppo, le forze dell'ordine avrebbero dato prova di "comportamenti deprecabili" è la manifestazione che ha visto la partecipazione degli studenti in molte piazze d'Italia. Con l'operazione AntiSecITA, dunque, Anonymous richiama l'attenzione sulla necessità di introdurre "il reato di tortura", "la telesorveglianza continua di ogni luogo in cui le forze di polizia svolgono il proprio ruolo", "l'apposizione di un codice ben visibile sulle divise al fine di identificare facilmente un agente in tenuta antisommossa", la presenza disarmata delle forze dell'ordine durante i cortei.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • AttualitàAnonymous attacca la PoliziaAl centro i drammatici episodi della scuola Diaz di Genova e gli eventi durante le manifestazioni degli Operai Alcoa. Tango down per Difesa, Interno e Carabinieri
  • AttualitàAnonymous Italia, crociata hacktivistaPubblicati online oltre 2GB di messaggi ricevuti e inviati dall'account di posta elettronica del parroco di Orciano Don Giacomo Ruggeri. Arrestato per aver molestato una minorenne
  • AttualitàAnonymous, operazione PedoChatGli hacktivisti pensano ai bambini. Come incastrare coloro che commettono abusi? Pubblicando con disinvoltura una lista di email e indirizzi IP associati ai siti a sfondo pedopornografico, senza troppo curarsi di chi si celi dietro a questi dati
85 Commenti alla Notizia Anonymous, scacco alla Polizia
Ordina
  • Perchè Punto Informatico ha tolto dalla prima pagina questa notizia? Non è cronologia, ci sono post anche del giorno prima, o due giorni prima...
    Scelta editoriale, minacce di stato o autocensura?
    non+autenticato
  • - Scritto da: rico
    > Perchè Punto Informatico ha tolto dalla prima
    > pagina questa notizia? Non è cronologia, ci sono
    > post anche del giorno prima, o due giorni
    > prima...
    > Scelta editoriale, minacce di stato o autocensura?

    credo che la permanenza in home sia in base al numero di visite. Evidentemente la faccenda non interessa ad abbastanza gente...
    Se non vuoi sottostare a questo sistema c'è il feed, e ricevi tutto in ordine cronologico.
    Funz
    13021
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: rico
    > > Perchè Punto Informatico ha tolto dalla
    > > prima pagina questa notizia? Non è
    > > cronologia, ci sono post anche del giorno
    > > prima, o due giorni prima...
    > > Scelta editoriale, minacce di stato o
    > autocensura ?

    Io voto la 3'.

    > credo che la permanenza in home sia in base al
    > numero di visite. Evidentemente la faccenda non
    > interessa ad abbastanza gente...

    A sensazione non direi proprio, e comunque non sarebbe la prima notizia scomoda scivola rapidamente via dalla home...

    > Se non vuoi sottostare a questo sistema c'è il
    > feed, e ricevi tutto in ordine cronologico.
    krane
    22544
  • a leechare liberamente i file sul sito?
    nessuna paranoia di trovarsi poi la Postale a casa? no, chiedo...
    non+autenticato
  • Perchè non è consultabile pubblicamente? Se non lo è chiudano il sito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carletto
    > Perchè non è consultabile pubblicamente?
    anche italianshare lo era. poi arrestarono 5 personeSorride Si cmq so bene che e' tutt'altra roba (ma non ho neanche parlato di arresto..). curiosita'.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carletto
    > Perchè non è consultabile pubblicamente? Se non
    > lo è chiudano il
    > sito.


    a volte sono un pò così; non te la prendere se dico che il quoziente intellettivo della media dei visitatori qui su P.I. appare allo stato dei fatti bassa, purtroppo decisamente bassa.


    Del resto, a giudicare da quanto sei riuscito a produrre, non è un mistero il perchè tu lo abbia condiviso solo sotto forma anonima.

    Sorride



    Non per questo non voglio aiutarti a trovare la giusta risposta alla tua curiosa domanda.

    Mettiamo che esista un sito dedito in essere alla commissione di reati.

    Mettiamo che siano di conseguenza effettuate delle indagini su tali reati: dove per indagini si intende anche la successiva richiesta degli indirizzi IP che hanno acceduto al sito e partecipato, verosimilmente, alla commissione del reato.

    Il quesito é questo.

    A tuo parere, quando verrà utile che vengano finalizzate le attività di sequestro, cioé quelle che porteranno alla chiusura del sito, quindi contestualmente all'impossibilità (come intendi tu) di accesso alle pagine su di esso contenute:

    a) prima dell'inizio delle indagini;

    b) durante le indagini;

    c) a indagini concluse.


    Non pensarci troppo su, mi raccomando; soprattutto se ti sei già affrettato a scaricare i dati (per intero) recuperati dagli Anonymous.

    Sorride
  • - Scritto da: Totocellux
    > - Scritto da: Carletto

    > a volte sono un pò così; non te la prendere se
    > dico che il quoziente intellettivo della media
    > dei visitatori qui su P.I. appare allo stato dei
    > fatti bassa, purtroppo decisamente bassa.


    Tranquillo, non me la prendo. Annoiato


    > Del resto, a giudicare da quanto sei riuscito a
    > produrre, non è un mistero il perchè tu lo abbia
    > condiviso solo sotto forma anonima.


    E perchè dovrei iscrivermi se posso intervenire comunque nel forum?
    D'altronde anche tu sei anonimo; Totocellux non sarà il tuo vero cognome spero. Deluso



    > Non per questo non voglio aiutarti a trovare la
    > giusta risposta alla tua curiosa domanda.


    Grazie per l'aiuto. Sono commosso... In lacrime


    > Mettiamo che esista un sito dedito in essere alla
    > commissione di reati.


    Ok. Ma non mi pare sia il caso in questione.


    > Mettiamo che siano di conseguenza effettuate
    > delle indagini su tali reati: dove per indagini
    > si intende anche la successiva richiesta degli
    > indirizzi IP che hanno acceduto al sito e
    > partecipato, verosimilmente, alla commissione del
    > reato.


    Quindi visitando questo sito avrei partecipato verosimilmente alla commissione di qualche reato? Vorrei ricordarti che i file sono stati postati su questo sito proprio per essere consultati da tutti (un po' come wikileaks).


    > Il quesito é questo.
    >
    > A tuo parere, quando verrà utile che vengano
    > finalizzate le attività di sequestro, cioé quelle
    > che porteranno alla chiusura del sito, quindi
    > contestualmente all'impossibilità (come intendi
    > tu) di accesso alle pagine su di esso contenute:
    >
    >
    > a) prima dell'inizio delle indagini;
    >
    > b) durante le indagini;
    >
    > c) a indagini concluse.



    Ah che bel quesito. Ma non me ne può fregare di meno delle indagini in corso dato che non ho commesso alcun reato. Ho solo visitato il sito.
    E se avessi voluto scaricare i dati di certo non lo avrei fatto dal mio pc e con la mia connessione. Pirata


    > Non pensarci troppo su, mi raccomando;
    > soprattutto se ti sei già affrettato a scaricare
    > i dati (per intero) recuperati dagli
    > Anonymous.


    Come sopra. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Carletto

    > E perchè dovrei iscrivermi se posso intervenire
    > comunque nel
    > forum?
    > D'altronde anche tu sei anonimo; Totocellux non
    > sarà il tuo vero cognome spero.
    >Deluso
    >

    certamente no: di solito lo si fa (non dare cognome e nome) possibilmente finché si avrà la fortuna di trovare in giro dei tipi furbetti e non troppo ben intenzionati.


    Comunque, quantomeno col nick qui dentro (e in ogni altro luogo virtuale) si è più facilmente individuabile.

    Certo capisco che non esserlo (nemmeno un pò identificabile) è più facile. E' che mi sento un pò meno furbo di te ed in generale di questo tipo di pensiero completamente anonimista e libertino.

    Che vuoi farci, ognuno ha i propri limiti.



    > Quindi visitando questo sito avrei partecipato
    > verosimilmente alla commissione di qualche reato?
    > Vorrei ricordarti che i file sono stati postati
    > su questo sito proprio per essere consultati da
    > tutti (un po' come
    > wikileaks).
    >

    Semplicemente accedere a quel sito non può essere considerato un reato. Diversa cosa (non necessariamente, però) potrebbe dirsi per chi ha contestualmente provveduto a scaricare tutti i dati.

    Chi sta indagando, anche in altre direzioni, credo che possa elaborare degli incroci con gli indirizzi IP di chi ha scaricato il materiale. Tutto qui.

    Il caso Wikileaks ha delle implicazioni completamente differenti che non possono essere applicate a questa videnda nostrana.

    bubba ti ha risposto su quanto accaduto ai tempi di italianshare: quei cinque hanno continuato ad accedervi (vedi, un pò la pensavano come te) e solo dopo esser passato del tempo sono stati arrestati.

    Ma del resto, se sei lindo come una rosa, che problemi potresti avere.

    Vivi tranquillo.



    >
    > Ah che bel quesito. Ma non me ne può fregare di
    > meno delle indagini in corso dato che non ho
    > commesso alcun reato. Ho solo visitato il
    > sito.


    appunto; sono contento che vivrai in tranquillità

    Sorride




    > E se avessi voluto scaricare i dati di certo non
    > lo avrei fatto dal mio pc e con la mia
    > connessione.
    >
    >


    eehh, avevo intuito la sapessi lunga, tu.
    Mica bau-bau, micio-micio!

    Occhiolino
  • Sono curioso, non mi è ben chiaro un concetto, magari tu che sei un esperto di legge me lo sai chiarire.

    Premetto e confesso che anche io, mentre leggevo questo articolo di questa rivista informatica, di un gruppo editoriale regolarmente registrato, come faccio spesso ho cliccato sul link, regolamente inserito dal giornalista.

    Il dubbio è questo, il crimine che ho commesso, sta nel fatto che abbia visto quell'elenco di cartelle, cercato di capire cosa contenevano visto l'aspetto criptico della directory, o più in generale il crimine consiste nel leggere Punto Informatico ?

    Siccome a questo proposito, perseverando nel mio crimine, sebbene non abbia avuto nè tempo nè voglia di scaricare roba, ho visto anche che vi sono titoli tipo : stipendi, permessi, curriculum e roba simile, che mi sembrano alquanto personali, penso che per una questione di etica hacker, sia stata una caduta di stile da parte degli Anonymous, pubblicare tali informazioni tra i documenti di interesse pubblico e pubblicizzare l'indirizzo della cartella da parte del giornalista su una rivista con un simile livello di accesso non sia stato del tutto opportuno.

    Ma è un parere personale.

    Ossequi.

    PS : Attendo con impazienza l'arrivo degli avvisi di garanzia a tutti i singoli lettori di un famoso quotidiano, il cui direttore responsabile sta per essere condotto in carcere.

    - Scritto da: Totocellux
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quelo

    > PS : Attendo con impazienza l'arrivo degli avvisi
    > di garanzia a tutti i singoli lettori di un
    > famoso quotidiano, il cui direttore responsabile
    > sta per essere condotto in
    > carcere.

    Non tratterei il fiato nell'attesa.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quelo
    > Sono curioso, non mi è ben chiaro un concetto,
    > magari tu che sei un esperto di legge me lo sai
    > chiarire.
    >

    Piccolo errore che compromette tutto il resto: sebbene abbia riferito dei miei concetti inerenti quanto accaduto e di cui si parla in questo articolo, dov'è che avresti letto che sono un esperto di legge o che mi sarei espresso come tale?

    Purtroppo a richieste fatte nel tuo modo, non ho voglia di rispondere direttamente. Quando dimostrerai che la tua prima affermazione risponde a verità, allora potremo continuare.


    Se vuoi sapere come la penso in generale, leggi sopra la mia risposta a Carletto, che comunque non può e non voleva essere omniesaustiva di quanto ritengo accada in questi casi.

    Se hai urgenza e necessario bisogno di conoscere il tempo e le modalità con sui arrivano gli avvisi di garanzia, consiglio il consulto con un buon avvocato: ovviamente penalista mi raccomando.


    Saluti

    Sorride
  • Non si tratta di errore ma ovviamente di provocazione, anche perché le risposte le conosco benissimo.

    Mi dava solo fastidio la tua aria da Essere Superiore in grado di giudicare dall'alto della sua posizione infastidita, l'intelligenza degli interlocutori.

    Per quanto riguarda il possibile dialogo, sono d'accordo con te, siamo su piani diversi, io non vivo nelle grotte.

    Ri-Ossequi.


    > Piccolo errore che compromette tutto il resto:
    > sebbene abbia riferito dei miei concetti inerenti
    > quanto accaduto e di cui si parla in questo
    > articolo, dov'è che avresti letto che sono un
    > esperto di legge o che mi sarei espresso come
    > tale?
    >
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quelo
    > Non si tratta di errore ma ovviamente di
    > provocazione, anche perché le risposte le conosco
    > benissimo.
    >
    >
    > Mi dava solo fastidio la tua aria da Essere
    > Superiore in grado di giudicare dall'alto della
    > sua posizione infastidita, l'intelligenza degli
    > interlocutori.

    Quindi non sono solo io che ritengo l'individuo estremamente fastidioso nel modo in cui si pone, al di la' di quello che esprime.
  • "la presenza disarmata delle forze dell'ordine durante i cortei."

    Ma non dovrebbero essere tutti cortei pacifici dova al massimo si lanciano margherite e/os slogan".

    In un corteo pacifico non dovrebbero esserci solo pochi vigili a bloccare il traffico per le vie di cui è stato richiesto il permesso?


    Ops. Siamo in Italia ci ammazziamo anche per vedere 22 personaggi che prendono a calci un pallone ( e se fossero i poliziotti che distruggono stadi e treni ? )
  • Veramente è successo, provato dalle immagini alla stazione di torino, di vedere i poliziotti spaccare i treni per dare la colpa ai NO TAV...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gabriele Raise
    > Veramente è successo, provato dalle immagini
    > alla stazione di torino, di vedere i
    > poliziotti spaccare i treni per dare la colpa
    > ai NO TAV...

    Link link !!
    krane
    22544
  • - Scritto da: Gabriele Raise
    > Veramente è successo, provato dalle immagini alla
    > stazione di torino, di vedere i poliziotti
    > spaccare i treni per dare la colpa ai NO
    > TAV...

    Senza citare casi sui quali non e' ancora stata fatta chiarezza, abbiamo la madre di tutti i precedenti, dove i poliziotti portano delle molotov fatte da loro per dare la colpa a gente che dormiva e avere la scusa per fracassarli di botte.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Senza citare casi sui quali non e' ancora stata
    > fatta chiarezza, abbiamo la madre di tutti i
    > precedenti, dove i poliziotti portano delle
    > molotov fatte da loro per dare la colpa a gente
    > che dormiva e avere la scusa per fracassarli di
    > botte.

    Già. E poiché io (da anonimo e con cognome/nome) sono sempre stato dalla parte delle forze dell'ordine (ad es. condivido in pieno come sia finita la questione Carlo Giuliani, anche alla Corte di Giustizia europea - mentre posso anche condividere il padre di Carlo per quanto riguarda l'uso di lacrimogeni "fuorilegge", se così è stato), "ho titolo" ad essere incazzato di brutto su quello che è successo a Genova (ed altrove, dove sia documentato) alla scuola. E concordo sulla richiesta di Anonymous che le forze dell'ordine debbano avere il numero identificativo (per es. sul casco) come si vede in quasi tutti i paesi civili. E questo non perché sono contro, ma perché sono "a favore" della polizia! che deve però essere "al di sopra di ogni sospetto": fuori i picchiatori dalle forze dell'ordine!!! Repressione contro i violenti si, ma abuso sui pacifici no!
    Un altro punto che mi sta a cuore sarebbe il divieto di "sequestrare gli apparecchi di ripresa" - cellulari, videocamere o fotocamere che siano - : mi risulta che sia stato fatto, e non comprendo perché, se non per nascondere... per fortuna che oggi con la tecnologia si può essere furbi e fare in modo di vanificare questi abusi (anche solo per la quantità di apparecchi presenti che rendono difficoltoso un sequestro totale. Ma penso anche ad altre possibilità: ad esempio uno potrebbe avere un apparecchio di ripresa che trasmette "altrove" le immagini, ad esempio via wi-fi... Occhiolino ).
    C'è poi la "vergogna" delle dichiarazioni del "sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega ai Servizi Gianni De Gennaro, capo della polizia all’epoca dei fatti del G8", che ha espresso "umana solidarietà per quei funzionari di cui personalmente conosco il valore professionale e che tanto hanno contribuito ai successi dello Stato democratico nella lotta al terrorismo ed alla criminalità organizzata":
    http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2012/07/08/APZB...
    ma umana solidarietà di che? a chi, a quei picchiatori? Ma De Gennaro è ancora lì, dopo questa dichiarazione??? E poi, all'epoca lui era Capo della Polizia, se anche non ha responsabilità "penali", una responsabilità "oggettiva" no?, che perfino le società di calcio ce l'hanno??? Quando ero militare, e succedeva qualcosa in camerata, o usciva fuori il responsabile, o si mettevano in punizione TUTTI.
    non+autenticato
  • > Un altro punto che mi sta a cuore sarebbe il
    > divieto di "sequestrare gli apparecchi di
    > ripresa" - cellulari, videocamere o fotocamere

    io sono dell'idea che i filmati dovrebbero esserci, vero che un filmato può essere ripreso ad-hoc, ma sarebbe sempre una prova in più per vedere quello che è successo.

    > della polizia all’epoca dei fatti del G8", che ha
    > espresso "umana solidarietà per quei funzionari
    > di cui personalmente conosco il valore
    > professionale e che tanto hanno contribuito ai
    > successi dello Stato democratico nella lotta al
    > terrorismo ed alla criminalità organizzata":

    Secondo me ha ragione, complimenti a tutti quelli che si sono comportati in modo corretto ( sia per i poliziotti che i manifestanti che per tutti gli altri ).

    Chi ha avuto danni e scassinamenti di vario genere? Mai nessuno che parla di loro. ( danni provocati da teppisti ).

    > ce l'hanno??? Quando ero militare, e succedeva
    > qualcosa in camerata, o usciva fuori il
    > responsabile, o si mettevano in punizione
    > TUTTI.

    Innocenti fino a prova contraria non vale in campo militare?
    Per i danni provocati alla città, tutti colpevoli? Devono pagare tutti?
  • - Scritto da: pippo75
    > > Un altro punto che mi sta a cuore sarebbe il
    > > divieto di "sequestrare gli apparecchi di
    > > ripresa" - cellulari, videocamere o
    > fotocamere
    >
    > io sono dell'idea che i filmati dovrebbero
    > esserci, vero che un filmato può essere ripreso
    > ad-hoc, ma sarebbe sempre una prova in più per
    > vedere quello che è
    > successo.
    >
    > > della polizia all’epoca dei fatti del G8",
    > che
    > ha
    > > espresso "umana solidarietà per quei
    > funzionari
    > > di cui personalmente conosco il valore
    > > professionale e che tanto hanno contribuito
    > ai
    > > successi dello Stato democratico nella lotta
    > al
    > > terrorismo ed alla criminalità organizzata":
    >
    > Secondo me ha ragione, complimenti a tutti quelli
    > che si sono comportati in modo corretto ( sia per
    > i poliziotti che i manifestanti che per tutti gli
    > altri
    > ).
    >
    > Chi ha avuto danni e scassinamenti di vario
    > genere? Mai nessuno che parla di loro. ( danni
    > provocati da teppisti
    > ).
    >
    > > ce l'hanno??? Quando ero militare, e
    > succedeva
    > > qualcosa in camerata, o usciva fuori il
    > > responsabile, o si mettevano in punizione
    > > TUTTI.
    >
    > Innocenti fino a prova contraria non vale in
    > campo militare?

    Senza un numero identificativo che distingua univocamente l'agente singolo per me sono tutti colpevoli, cosi' come tu dici sotto che i danni li pagano tutti nel caso dei manifestanti anonimi.

    > Per i danni provocati alla città, tutti
    > colpevoli? Devono pagare tutti?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > Senza un numero identificativo che distingua
    > univocamente l'agente singolo per me sono tutti
    > colpevoli,

    no, non sono tutti colpevoli, ma non sono tutti innocenti! Occhiolino:
    cioè, in un caso del genere si dovrebbero avere immediatamente dei provvedimenti disciplinari.. come minimo, delle sospensioni in attesa dell'accertamento dei fatti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > - Scritto da: krane
    > > Senza un numero identificativo che
    > > distingua univocamente l'agente singolo
    > > per me sono tutti colpevoli,

    > no, non sono tutti colpevoli, ma non sono tutti
    > innocenti!
    > Occhiolino:

    Come in caserma: o viene fuori il colpevole o tutti puniti duramente.

    > cioè, in un caso del genere si dovrebbero avere
    > immediatamente dei provvedimenti disciplinari..
    > come minimo, delle sospensioni in attesa
    > dell'accertamento dei fatti.

    Ma quali fatti puoi accertare se sono mascherati e senza numero ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Osvy
    > > - Scritto da: krane
    > > > Senza un numero identificativo che
    > > > distingua univocamente l'agente singolo
    > > > per me sono tutti colpevoli,
    >
    > > no, non sono tutti colpevoli, ma non sono
    > tutti
    > > innocenti!
    > > Occhiolino:
    >
    > Come in caserma: o viene fuori il colpevole o
    > tutti puniti
    > duramente.
    >
    > > cioè, in un caso del genere si dovrebbero
    > avere immediatamente dei provvedimenti
    > disciplinari..
    > > come minimo, delle sospensioni in attesa
    > > dell'accertamento dei fatti.
    >
    > Ma quali fatti puoi accertare se sono mascherati
    > e senza numero ?

    Perfettamente d'accordo.. infatti, questo del numero/codice o quel che si vuole è un punto fondamentale. Però, senza numero non si possono attribuire responsabilità "penali", però qualcosa si può accertare: intanto, cosa sia successo (numeri o non numeri: e i video parlano..), poi c'è sempre la possibilità che qualcuno dei partecipanti "faccia i nomi" (difficile eh), o che in qualche modo si possa riconoscere qualcuno di quelli che hanno picchiato, o messo le molotov.. in ogni caso, che poi si arrivi o meno ad una attribuzione specifica personale di responsabilità, in una situazione del genere intanto si "sospendono" tutti. Si, figurati, l'allora capo della polizia gli ha dato "umana solidarietà"...
    non+autenticato
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: pippo75
    > > > Un altro punto che mi sta a cuore
    > sarebbe
    > il
    > > > divieto di "sequestrare gli apparecchi
    > di
    > > > ripresa" - cellulari, videocamere o
    > > fotocamere
    > >
    > > io sono dell'idea che i filmati dovrebbero
    > > esserci, vero che un filmato può essere
    > ripreso
    > > ad-hoc, ma sarebbe sempre una prova in più
    > per
    > > vedere quello che è
    > > successo.
    > >
    > > > della polizia all’epoca dei fatti del
    > G8",
    > > che
    > > ha
    > > > espresso "umana solidarietà per quei
    > > funzionari
    > > > di cui personalmente conosco il valore
    > > > professionale e che tanto hanno
    > contribuito
    > > ai
    > > > successi dello Stato democratico nella
    > lotta
    > > al
    > > > terrorismo ed alla criminalità
    > organizzata":
    > >
    > > Secondo me ha ragione, complimenti a tutti
    > quelli
    > > che si sono comportati in modo corretto (
    > sia
    > per
    > > i poliziotti che i manifestanti che per
    > tutti
    > gli
    > > altri
    > > ).
    > >
    > > Chi ha avuto danni e scassinamenti di vario
    > > genere? Mai nessuno che parla di loro. (
    > danni
    > > provocati da teppisti
    > > ).
    > >
    > > > ce l'hanno??? Quando ero militare, e
    > > succedeva
    > > > qualcosa in camerata, o usciva fuori il
    > > > responsabile, o si mettevano in
    > punizione
    > > > TUTTI.
    > >
    > > Innocenti fino a prova contraria non vale in
    > > campo militare?
    >
    > Senza un numero identificativo che distingua
    > univocamente l'agente singolo per me sono tutti
    > colpevoli, cosi' come tu dici sotto che i danni
    > li pagano tutti nel caso dei manifestanti
    > anonimi.
    >
    > > Per i danni provocati alla città, tutti
    > > colpevoli? Devono pagare tutti?

    Quindi i danni ai privati vanno risarcirti con fondi dello stato, visto che la colpa se non trovano chi è stato davvero, è ipoteticamente di tutti.
    non+autenticato
  • Ma quanti di voi hanno passato sotto VirusTotal o simili i PDF prima di aprirli??
  • - Scritto da: Ana Trollo
    > Ma quanti di voi hanno passato sotto VirusTotal o
    > simili i PDF prima di aprirli??

    Di solito e di default gli antivirus scansionano ogni file nuovo copiato sul disco, quindi da dove arriva arriva viene scansionato.
    krane
    22544
  • - Scritto da: Ana Trollo
    > Ma quanti di voi hanno passato sotto VirusTotal o
    > simili i PDF prima di
    > aprirli??

    E che ci frega?
    Noi abbiamo linux.
  • Considerami tuo fan! >. <

    - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Ana Trollo
    > > Ma quanti di voi hanno passato sotto
    > VirusTotal
    > o
    > > simili i PDF prima di
    > > aprirli??
    >
    > E che ci frega?
    > Noi abbiamo linux.
    H5N1
    1641
  • - Scritto da: panda rossa

    > E che ci frega?
    > Noi abbiamo mac.

    fixed!
  • - Scritto da: Ana Trollo
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > E che ci frega?
    > > Noi abbiamo mac.
    >
    > fixed!

    il mac è già stato infettato tramite pdf, che facciamo ci riproviamo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giuda
    > - Scritto da: Ana Trollo
    > > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > > E che ci frega?
    > > > Noi abbiamo mac.
    > >
    > > fixed!
    >
    > il mac è già stato infettato tramite pdf, che
    > facciamo ci
    > riproviamo?

    Ma no!
    Ci teniamo l'infezione piuttosto che ammettere che qualcuno abbia bucato il mac.
  • E voglio vederti far passare un virus da "evince" Occhiolino

    - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Ana Trollo
    > > Ma quanti di voi hanno passato sotto
    > VirusTotal
    > o
    > > simili i PDF prima di
    > > aprirli??
    >
    > E che ci frega?
    > Noi abbiamo linux.
    non+autenticato
  • Secondo questa tabella Adobe Reader 7 e' piu' sicuro di Evince... Lo dice Gnome...

    https://live.gnome.org/Evince/ComparingEvinceAcror...

    (Advanced Functions, punto 4...)

    Edit: E' solo dal Febbraio 2011 che non viene toccata una riga di codice di Evince... Decisamente patch free software... nel senso che e' l'ennesimo software per linux nel limbo della rete.

    Ho dei seri dubbi se sia al giorno d'oggi piu' elitario e di tendenza essere OSX fanboy o Linux fanboy...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 ottobre 2012 13.40
    -----------------------------------------------------------
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)