Mauro Vecchio

USA: Megaupload non deve risorgere

Il DoJ contesta la sospensione chiesta da Dotcom per le mancate attività di business negli States. Lo scongelamento dei fondi servirebbe per la rinascita digitale del cyberlocker

Roma - Dalla metà dello scorso gennaio, le vicende giudiziarie di Megaupload tengono col fiato sospeso milioni di utenti della condivisione online. Riuscirà il cyberlocker di Kim Dotcom a liberarsi dalla morsa del governo statunitense? Un'impresa quasi disperata: le autorità a stelle e strisce hanno da poco ottenuto il segnale di via libera per condannare il founder di origini tedesche. La mancata presenza di un indirizzo statunitense per l'azienda Megaupload Limited non costituirebbe un grave impedimento per un processo di natura penale.

I vertici del Department of Justice (DoJ) hanno ora reso pubbliche le obiezioni alla mozione presentata da Megaupload nello stato della Virginia. La sospensione del processo - la piattaforma di file hosting sostiene di non aver mai praticato business negli States - garantirebbe a Dotcom e soci la possibilità di riabilitarsi con lo scongelamento dei fondi, ovvero far ripartire la macchina della condivisione illecita dei contenuti.

Infatti, lo stesso Dipartimento di Giustizia ha minacciato ulteriori azioni legali contro Megabox, la nuova piattaforma stra-annunciata da Dotcom per dichiarare guerra alla distribuzione musicale di iTunes. Ira Rothken, avvocato del founder, ha sottolineato come la posizione del DoJ sarebbe basata su vistose menzogne: la sospensione del caso servirebbe solo ed esclusivamente per organizzare la trincea legale ed evitare l'estradizione nel prossimo marzo.
È un momento forse cruciale per le sorti di Megaupload, dopo che lo stesso Dotcom ha sbandierato ai quattro angoli di Twitter la sua resurrezione digitale. Gli avvocati di Electronic Frontier Foundation (EFF) hanno chiesto al giudice Liam O 'Grady di ordinare il rilascio di tutti i documenti relativi al raid effettuato a gennaio, dai mandati di perquisizione all'ordine di sequestro dei server gestiti da Carpathia Hosting.

È la vendetta del Quarto Emendamento invocata dal giovane Kyle Goodwin, il reporter sportivo che ha denunciato il suo paese per aver fatto sparire contenuti legali dagli armadietti del cyberlocker. La stessa piattaforma del file hosting ha ribadito il suo supporto alla causa del ragazzo, che ora potrebbe ottenere il rilascio di documenti fondamentali per il destino legale dello stesso impero della condivisione.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload, ritorno cifratoIl boss del file hosting Kim Dotcom pensa alle tecniche di cifratura per il caricamento dei contenuti nel nuovo progetto Mega. I server verrebbero dislocati in vari paesi
  • AttualitàKim Dotcom, spiato per erroreIl premier neozelandese porge le sue scuse al founder di Megaupload. Intercettato illegalmente. La legge vieta lo spionaggio ai danni dei residenti
  • AttualitàMegaupload, fondi scongelatiKim Dotcom potrà pagare i suoi avvocati con un fondo concessogli dall'Alta Corte di Auckland. Ottenuti quasi 4 milioni di euro e la possibilità di vendere le sue auto di lusso
8 Commenti alla Notizia USA: Megaupload non deve risorgere
Ordina
  • Come avevo detto in tempi non sospetti, solo un imbecille può dichiarare di essere pronto a ripartire con un nuovo megavideo. Adesso dirà che scherzava? Era impossibile che lo lasciassero libero di delinquere, ben gli sta, troppo gradasso.
    non+autenticato
  • ti brucia videotechino, eh?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > Come avevo detto in tempi non sospetti, solo un
    > imbecille può dichiarare di essere pronto a
    > ripartire con un nuovo megavideo. Adesso dirà che
    > scherzava? Era impossibile che lo lasciassero
    > libero di delinquere, ben gli sta, troppo
    > gradasso.

    Si tratta di una mossa politica... una "forchetta" se mi passi il termine scacchistico.

    Caso A) DotCom ottiene quel che vuole e Megabox parte, con tutti i cetrioli che ciò comporterà per il tuo settore.

    Caso B) DotCom non ottiene quel che vuole, la tecnologia di Megabox (la trovi anche qui: http://www.p2p-next.org/ ) passa ad un soggetto terzo... chesso' Mik McTod per esempio (cheddici? Potrebbe essere un prestanome? Ma che vai dicendo? Kim Dotcm non farebbe mai una cosa simile, ti pare?) e il macchinone di megabox parte lo stesso. In compenso Dotcom passa per "martire".

    Come lo vedi come scenario?

    GT
  • - Scritto da: Allibito
    > Come avevo detto in tempi non sospetti, solo un
    > imbecille può dichiarare di essere pronto a
    > ripartire con un nuovo megavideo. Adesso dirà che
    > scherzava? Era impossibile che lo lasciassero
    > libero di delinquere, ben gli sta, troppo
    > gradasso.

    ti consiglio di cambiare nickname. Usa "Out of Business" si descrive meglio Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: becker
    > - Scritto da: Allibito
    > > Come avevo detto in tempi non sospetti, solo
    > un
    > > imbecille può dichiarare di essere pronto a
    > > ripartire con un nuovo megavideo. Adesso
    > dirà
    > che
    > > scherzava? Era impossibile che lo lasciassero
    > > libero di delinquere, ben gli sta, troppo
    > > gradasso.
    >
    > ti consiglio di cambiare nickname. Usa "Out of
    > Business" si descrive meglio
    > Rotola dal ridere

    correzione: "ti descrive meglio"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > Come avevo detto in tempi non sospetti, solo un
    > imbecille può dichiarare di essere pronto a
    > ripartire con un nuovo megavideo. Adesso dirà che
    > scherzava? Era impossibile che lo lasciassero
    > libero di delinquere, ben gli sta, troppo
    > gradasso.

    Per tutti quelli che lo aspettano e per quanti intendono investirci in banner, megavideo serve quindi tornerà.
    non+autenticato
  • Ti risulta che gli USA abbiano giurisdizione in tutto il mondo? A casa loro le lobby possono imporre quel che vogliono ma altrove mica comandano e dettano legge loro.

    L'abuso che hanno compiuto in Nuova Zelanda li si ritorcerà contro.
  • contenuto non disponibile