Luca Annunziata

Build2012/ Come si cambia, per non morire

di L. Annunziata - Con il rilascio dell'SDK di Windows Phone 8 è ormai chiaro: ci sono dei ponti col passato che verranno tagliati. Ma non di solo mobile vive Microsoft

Redmond - Ci sono molti aspetti del rilascio dell'SDK di Windows Phone 8, avvenuto durante il keynote del giorno 1 di Build 2012, che fanno riflettere. Steve Ballmer sul palco ha ribadito l'impegno totale di Microsoft nell'affrontare la doppia sfida Windows/Windows Phone 8, ma ci sono aspetti di questa sfida che segnano un cambiamento di strategia significativo per Redmond: la legacy non è (sempre) infinita.

Steve BallmerAlcuni argomenti per Microsoft restano tabù: per esempio il desktop, l'ambiente operativo che da Windows 95 in avanti ha segnato il successo del sistema operativo e le abitudini degli utenti, non verrà certo abbandonato. "Finché c'è un ecosistema di applicazioni che sfrutta questo ambiente, ci sarà un desktop": lo ha detto ai giornalisti uno degli evangelist di Microsoft, Tim ÒBrien, durante una conferenza stampa seguita al keynote. Ma, nonostante le rassicurazioni sulle risorse e gli obiettivi perseguiti da BigM, non si può non notare un cambio di mentalità.

Prendiamo il caso dell'SDK di Windows Phone 8: al suo interno sono contenute quelle funzioni, come NFC tanto per fare un esempio, che sono ormai un must per qualunque OS mobile in circolazione (tranne iOS, ovviamente) e che Microsoft ha voluto fortemente includere nella nuova release anche e soprattutto per soddisfare le richieste dei suoi sviluppatori. Ma queste funzioni sono limitate all'impiego sui sistemi Windows Phone 8: tutte le innovazioni tecniche del nuovo SDK sono per il nuovo OS, che di fatto diventa da oggi l'unica piattaforma mobile attiva di Redmond. Windows Phone 7 è già diventato il passato (pende solo l'aggiornamento, quasi meramente estetico, alla release 7.8 rimandata a data da destinarsi), e non ci sono piani o programmi per tenere in piedi due canali di sviluppo paralleli.
La vita di WP7 è stata breve: superato dal progresso, per evitare di trascinarsi dietro pesanti legacy e compromessi difficili è stato abbandonato. Se questa mentalità dovesse trovare analoga applicazione sui desktop, c'è il rischio che il paradigma Metro (da oggi ridenominato ufficialmente e un po' banalmente Windows Store Apps) prenda il sopravvento: non è questo l'obiettivo di Microsoft, rassicurano a Redmond, ma anche in questo caso non si può non notare che la classe di applicazioni del nuovo corso è fortemente legata ai nuovi prodotti e taglia i ponti col passato.

Steve Ballmer sul palco di Build 2012

Per i PC vale un discorso diverso: la strategia che ha condotto al lancio di Windows RT e di Surface è più un tentativo di restare ancorati a un trend e una richiesta del pubblico (macchine ARM e touch) che una reale dichiarazione di intenti - almeno per ora - rispetto agli sviluppi futuri di Windows. Per il momento i PC restano quelli con una piattaforma x86 e un desktop a bordo: eppure il principio tanto sbandierato della "riusabilità del codice" tra Windows 8 e Windows Phone 8 (che non è il mantra del "write once run everywhere" del Java di un tempo, ma un più realistico: ci sono funzioni in comune, e gli aggiustamenti sono minimi) implica automaticamente la necessità di puntare su Metro per raccogliere le opportunità di crescita di cui favoleggiano i manager sul palco.

i punti in comune tra windows e windows phoneI nuovi affari su Windows, sia esso desktop o mobile, passano per WinRT: se questo paradigma di sviluppo si imporrà, se davvero gli sviluppatori decideranno di sfruttare questo connubio tra i diversi SDK per monetizzare al meglio i propri sforzi, crescerà l'ecosistema "Windows Store Apps" a scapito del tradizionale Win32. Sul desktop resteranno i prodotti consolidati, basti pensare a Photoshop o Autocad, e il resto verrà rielaborato e condotto nel mondo delle piastrelle nel giro di qualche anno.

Microsoft ci tiene a precisare: le competenze degli sviluppatori che fin qui hanno lavorato sulla nostra piattaforma sono le stesse che potranno utilizzare per WinRT e il nuovo corso. Ma è del tutto evidente che la strada per andare avanti su più fronti è quella che saluta il vecchio Win32. Ovvero, le applicazioni sviluppate da oggi in avanti saranno compatibili solo con Windows 8 e successive release: proprio come accaduto su Windows Phone, alcuni sviluppi salutano i vecchi utenti. Si taglia un ponte costruito neppure tanto tempo fa (o ai tempi di 95, a seconda dei punti di vista), e si guarda al futuro.

Improbabile che BigM adotti un ciclo di sviluppo e supporto analogo a quello di Apple, tanto per fare un nome, che ormai ogni 12 mesi saluta il vecchio OS desktop e si butta a capofitto sul nuovo. Ci sono categorie di utenti Windows, per esempio nel settore enterprise, che non possono accettare questo approccio: ma Microsoft ha compreso che un cambio di passo era necessario per garantirsi un futuro tra gli OS, visto che con il progresso di tablet e smartphone non era del tutto scontata la supremazia futura di Windows. Per il momento Redmond resta con un piede in più scarpe: desktop, Metro, Windows RT e Windows Phone, con WinRT e i servizi cloud e vari pezzi di SDK e API a fare da collante tra tutto questo.

La sala dei keynote di Build 2012

Quale sarà il futuro si vedrà: dipenderà anche parecchio dal successo che i diversi ambienti riscuoteranno, così da essere anche certi che questa nuova tendenza touch e mobile non sia solo una moda che tramonti in pochi anni causando qualche grattacapo a chi abbia investito troppo in questa direzione. Oggi nessuno sa ancora se tra 10 anni il PC sarà ancora qualcosa di simile a quanto è oggi o se prevarranno i surrogati semplificati: con la strategia attuale Microsoft tutto sommato salta sul treno e segue i concorrenti, ma non potrà cullarsi a lungo e nei prossimi anni dovrà continuare ad affinare i suoi piani e i suoi Windows. Così come dovranno fare gli sviluppatori: è un periodo di cambiamenti, e se saranno positivi dipenderà dalla volontà degli attori coinvolti di migliorare.

Luca Annunziata
Notizie collegate
  • AttualitàBuild2012/ Live Keynote - giorno 1In diretta da Seattle la cronaca del keynote della prima giornata di Build 2012. La più importante conferenza di Microsoft per gli sviluppatori, che nel 2011 ha lanciato Windows 8
40 Commenti alla Notizia Build2012/ Come si cambia, per non morire
Ordina
  • WinRT potrà anche sostituire Win32 sui client ma rimane il problema dei server. Al momento non mi sembra che WinRT possa essere usato per costruire servizi e altro. Quindi il futuro di Win32 mi sembra tutt'altro che compromesso (almeno nel medio periodo).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zucca Vuota
    > WinRT potrà anche sostituire Win32 sui client ma
    > rimane il problema dei server.

    Il problema e' risolto alla radice, in quel caso: non esistono server con windows, e se esistono, fanno parte di una botnet.

    Server e' solo linux!
  • - Scritto da: panda rossa

    > Il problema e' risolto alla radice, in quel caso:
    > non esistono server con windows, e se esistono,
    > fanno parte di una
    > botnet.

    Sorride

    > Server e' solo linux!

    Ahemmm.... e Unix dove lo lasci ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: . . .
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Il problema e' risolto alla radice, in quel
    > caso:
    > > non esistono server con windows, e se esistono,
    > > fanno parte di una
    > > botnet.
    >
    > Sorride
    >
    > > Server e' solo linux!
    >
    > Ahemmm.... e Unix dove lo lasci ?
    Unix ?
    ah... ehm... uh... dipende sai dirmi cosa è Unix?
    La interfaccia Posix col sistema? (che comprende anche Linux.... che però di Unix in senso proprio... in realtà non ha assolutamente nulla!)
    BSD-Unix?
    FreeBSD?
    OSX?
    QNX? (anche questo posix come linux ma senza molto di altro in comune)...
    Lo IOS di Cisco?
    ....
    Potrei andare avanti a iosa....

    è piuttosto complesso dare oggi una definizione di Unix.... è molto più semplice invece se ne dai una definizione in senso "storico"... ma si tratta più che altro di storia....
    Si potrebbe persino dire che senza Unix (più che altro un certo "ecosistema" in termini di tools di sviluppo "storici") non ci sarebbe il fenomeno dell'open source come lo conosciamo oggi...
    Ma ripeto si tratta di storia... sia pure con diversi e apprezzabilissimi "quarti di nobiltà" per chi la conosce davvero....
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Zucca Vuota
    > > WinRT potrà anche sostituire Win32 sui
    > client
    > ma
    > > rimane il problema dei server.
    >
    > Il problema e' risolto alla radice, in quel caso:
    > non esistono server con windows, e se esistono,
    > fanno parte di una
    > botnet.
    >
    > Server e' solo linux!

    Sì sì, e la marmotta incartava la cioccolata fatta col latte della mucca lilla...

    Non so se lavori e dove lavori, ma il mondo enterprise che ho visto (italiano e europeo) per le proprie intranet è dominato dai server Microsoft, sia per numeri assoluti che per servizi.

    Anche considerando i consolidamenti permessi grazie alle architetture x64 e alla velocità delle reti recenti, i numeri sono sempre a vantaggio dei sistemi MS: mai visto sistemi OpenLDAP gestire 100K client, o sistemi di posta elettronica di quelle dimensioni su Sendmail o similari, la concorrenza è tra Oracle, DB2 e SQL, non certo con MySQL, per non parlare di soluzioni in grado di confrontarsi con Sharepoint.

    I sever web esposti su internet saranno per la maggior parte *nix, per comodità di licenze/sviluppo (mandami link per cortesia, visto che lo affermi spesso e volentieri), quindi la superficie esterna del web, ma le aziende internamente sono molto + eterogenee.
  • - Scritto da: Gianluca70
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Zucca Vuota
    > > > WinRT potrà anche sostituire Win32 sui
    > > client
    > > ma
    > > > rimane il problema dei server.
    > >
    > > Il problema e' risolto alla radice, in quel
    > caso:
    > > non esistono server con windows, e se esistono,
    > > fanno parte di una
    > > botnet.
    > >
    > > Server e' solo linux!
    >
    > Sì sì, e la marmotta incartava la cioccolata
    > fatta col latte della mucca
    > lilla...

    E le piastrelle: non dimenticare le piastrelle.

    >
    > Non so se lavori e dove lavori, ma il mondo
    > enterprise che ho visto (italiano e europeo) per
    > le proprie intranet è dominato dai server
    > Microsoft, sia per numeri assoluti che per
    > servizi.

    Dove lavoro io non ti deve riguardare, ma dopo questa tua uscita e' evidente dove lavori tu: nel retrobottega di una salumeria!

    > Anche considerando i consolidamenti permessi
    > grazie alle architetture x64 e alla velocità
    > delle reti recenti, i numeri sono sempre a
    > vantaggio dei sistemi MS: mai visto sistemi
    > OpenLDAP gestire 100K client, o sistemi di posta
    > elettronica di quelle dimensioni su Sendmail o
    > similari, la concorrenza è tra Oracle, DB2 e SQL,
    > non certo con MySQL, per non parlare di soluzioni
    > in grado di confrontarsi con
    > Sharepoint.

    Banane con cetrioli! Come al solito.

    Linux e' un SO.
    Oracle, DB2 sono database.
    SQL e' un linguaggio.
    Aggiungi pure access che cosi' ci pisciamo addosso dal ridere, dai!

    > I sever web esposti su internet saranno per la
    > maggior parte *nix,

    Punto.
    Potevi terminare la frase qui e ci avresti fatto miglior figura.
  • E' semplice accorgersi quando sei in difficoltà o ti toccano un nervo scoperto.

    A bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Gianluca70
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > - Scritto da: Zucca Vuota
    > > > > WinRT potrà anche sostituire Win32
    > sui
    > > > client
    > > > ma
    > > > > rimane il problema dei server.
    > > >
    > > > Il problema e' risolto alla radice, in
    > quel
    > > caso:
    > > > non esistono server con windows, e se
    > esistono,
    > > > fanno parte di una
    > > > botnet.
    > > >
    > > > Server e' solo linux!
    > >
    > > Sì sì, e la marmotta incartava la cioccolata
    > > fatta col latte della mucca
    > > lilla...
    >
    > E le piastrelle: non dimenticare le piastrelle.

    Sbagliato, nel tuo mondo di marmotte e cioccolata non ci sono piastrelle, riguardati la pubblicità su youtube


    >
    > >
    > > Non so se lavori e dove lavori, ma il mondo
    > > enterprise che ho visto (italiano e europeo)
    > per
    > > le proprie intranet è dominato dai server
    > > Microsoft, sia per numeri assoluti che per
    > > servizi.
    >
    > Dove lavoro io non ti deve riguardare, ma dopo
    > questa tua uscita e' evidente dove lavori tu: nel
    > retrobottega di una
    > salumeria!

    Sarà davanti alla tua cantina?Sorride
    Se anche fosse, io il mondo l'ho visto, tu spari sentenze nascosto nella tua caverna, girati, non guardare solo le ombre (tue), il mondo è fuoriSorride


    >
    > > Anche considerando i consolidamenti permessi
    > > grazie alle architetture x64 e alla velocità
    > > delle reti recenti, i numeri sono sempre a
    > > vantaggio dei sistemi MS: mai visto sistemi
    > > OpenLDAP gestire 100K client, o sistemi di
    > posta
    > > elettronica di quelle dimensioni su Sendmail
    > o
    > > similari, la concorrenza è tra Oracle, DB2 e
    > SQL,
    > > non certo con MySQL, per non parlare di
    > soluzioni
    > > in grado di confrontarsi con
    > > Sharepoint.
    >
    > Banane con cetrioli! Come al solito.
    >
    > Linux e' un SO.

    Ma va? Pensavo fosse un'app per iOS

    > Oracle, DB2 sono database.

    E vivono di vita propria, non abbisognano di OS, solo di app...

    > SQL e' un linguaggio.

    SQL Server è un prodotto, ma tu fai lo gnorri solo per convenienza

    > Aggiungi pure access che cosi' ci pisciamo
    > addosso dal ridere,
    > dai!

    Solo se mi garantisci che la mamma ti ha messo il pannolino, non vorrei far lavorare troppo quella santa donna, le toccherebbe pure pulire il pavimento della tua cantinaSorride

    >
    > > I sever web esposti su internet saranno per
    > la
    > > maggior parte *nix,
    >
    > Punto.
    > Potevi terminare la frase qui e ci avresti fatto
    > miglior
    > figura.

    Il LINK, caccia il LINK che conprova la tua affermazione "Server è solo linux!"
    Altrimenti sei il solito disinformatore inaffidabile...
  • - Scritto da: Gianluca70

    > Il LINK, caccia il LINK che conprova la tua
    > affermazione "Server è solo
    > linux!"
    > Altrimenti sei il solito disinformatore
    > inaffidabile...

    http://it.wikipedia.org/wiki/TOP500
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Gianluca70

    > > Il LINK, caccia il LINK che conprova la tua
    > > affermazione "Server è solo
    > > linux!"
    > > Altrimenti sei il solito disinformatore
    > > inaffidabile...

    > http://it.wikipedia.org/wiki/TOP500

    E non dimentichiamoci di Bing: http://toolbar.netcraft.com/site_report?url=http:/...

    E non solo: http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=16...
    krane
    22544
  • Ma il tuo sport preferito é scoprire l'acqua calda ogni giorno ?

    Cosa c'entrano i supercomputer con quello che ti viene chiesto ?

    Eviti di fare figure di palta facendo il brillante con questo link ? Non é quello che ti é stato chiesto (ma tu lo sai , ne sono sicuro, é solo questione di malafede).
    non+autenticato
  • A parte la tecnicità di come installare il programma, già in Windows vi sono troppe possibilità e se ne vedono tutti i giorni i risultati, qualcuno si è reso conto che la potenza di Windows è proprio la retrocompatibilità?

    Già a casa a parte i pacchetti standard Java Gimp Reader Open Office per il resto sono programmmini magari vecchi di 10 o 15 anni, per lo più freeware che nessuno mai aggiornerà.

    Se si va in ambito aziendale diociliberi... ci sono vasti applicativi ancora mantenuti e supportati scritti in VB6, foxpro, altri linguaggi più o meno fossili viventi. Non ho in mente pacchetti gestionali ceh utilizzino la piattaforma .NET superiore alla 2.

    Va a finire che l'interfaccia ex metro sarà solo l'ennesimo passaggio in più da fare per arrivare alle solite funzioni di sempre, come già accaduto con Vista/Seven e Office 2007/2010. Maggiori spippolamenti per trovarsi davanti le solite finestre di windows 2000 o peggio del 95/98, i soliti comandi di Excel 97, giusto con i controlli ridisegnati.

    bye
    non+autenticato
  • Perchè.. Basta mettere l'icona del vecchio programma su Start.
  • - Scritto da: Francesco
    > A parte la tecnicità di come installare il
    > programma, già in Windows vi sono troppe
    > possibilità e se ne vedono tutti i giorni i
    > risultati, qualcuno si è reso conto che la
    > potenza di Windows è proprio la
    > retrocompatibilità?

    E che c'e' di strano ?
    Lo hanno sempre fatto tutti, addirittura apple ha scritto un emulatore apposta quando ha cambiato tipologia di hardware !!
    Con wine poi tutti sono compatibili da win 3.33 a 7 anche molto piu' di windows 7 stesso.

    > Già a casa a parte i pacchetti standard Java Gimp
    > Reader Open Office per il resto sono programmmini
    > magari vecchi di 10 o 15 anni, per lo più
    > freeware che nessuno mai aggiornerà.

    Tipo ?
    Peche' fai gli esempi opposti ? Facci qualche esempio di programmi che nessuno aggiorna e girano no ? Ci sono molti giochi ad esempio, non tutti.

    > Se si va in ambito aziendale diociliberi... ci
    > sono vasti applicativi ancora mantenuti e
    > supportati scritti in VB6, foxpro, altri
    > linguaggi più o meno fossili viventi. Non ho in
    > mente pacchetti gestionali ceh utilizzino la
    > piattaforma .NET superiore alla 2.

    Se fossi andato al di la' di windows sapresti che questa e' ovvia normalita' anzi windows al solito fa la figura dell'ultima ruota del carro.
    krane
    22544
  • > E che c'e' di strano ?
    > Lo hanno sempre fatto tutti, addirittura apple ha scritto un emulatore
    > apposta quando ha cambiato tipologia di hardware !!

    Apple non fece un emulatore, ma faceva partire MAC OS 9.x su una piattaforma, OSX, che non aveva alcun programma nativo, infatti la migrazione dirò se nn ricordo male da osx a osx.1 il tempo che le SOFTWARE HOUSE avessero in mano i MAC per fare le nuove versioni native, cosa che nn ha mai fatto microsoft ke ha "impaccato", mi correggo venduto windows Vista con tutti i guai che ne sono nati, adesso sta facendo lo stesso, della serie ARRANGIATEVI!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > A parte la tecnicità di come installare il
    > programma, già in Windows vi sono troppe
    > possibilità e se ne vedono tutti i giorni i
    > risultati, qualcuno si è reso conto che la
    > potenza di Windows è proprio la
    > retrocompatibilità?
    Ma a volte la retrocompatibilitá diventa una palla al piede e diventa la piú grande limitazione
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > - Scritto da: Francesco
    > > A parte la tecnicità di come installare il
    > > programma, già in Windows vi sono troppe
    > > possibilità e se ne vedono tutti i giorni i
    > > risultati, qualcuno si è reso conto che la
    > > potenza di Windows è proprio la
    > > retrocompatibilità?
    > Ma a volte la retrocompatibilitá diventa una
    > palla al piede e diventa la piú grande
    > limitazione

    Solo con windows...
    krane
    22544
  • Sono 2 mesi che uso la RTM e ancora non ho visto una applicazione che non funziona.
  • - Scritto da: Francesco_Holy87
    > Sono 2 mesi che uso la RTM e ancora non ho visto
    > una applicazione che non
    > funziona.

    2!

    E FFXI va pure meglio...
    maxsix
    10816
  • - Scritto da: Francesco_Holy87
    > Sono 2 mesi che uso la RTM e ancora non ho visto
    > una applicazione che non
    > funziona.

    beh, io ne ho trovate un bel po, il vecchio acdsee quello che visualizzava solamente le immagini, cdex, pgp knigh edition quella ancora coi sorgenti, un vecchio paint shop pro in cui erano inclusi vari software aggiuntivi, quarkxprexx, pagemaker, ed altri che non ti elenco
    non+autenticato
  • E questi programmi funzionavano bene su 7?
  • Solo se realizzata in modo idiota.

    Se togli la retrocompatibilità vincoli gli utenti o a spese eccessive, o all'uso di hardware obsoleto.
    non+autenticato