Mauro Vecchio

Facebook, utenti senza diritto di voto

Il sito in blu abbandona il meccanismo di votazione per eventuali modifiche alla sua governance. Da parte degli utenti, molti commenti e poche idee. Quest'ultimi potranno inviare domande e dubbi

Roma - I meccanismi della democrazia possono risultare estremamente delicati, specie in un gigantesco ecosistema come quello creato da Facebook. In un post pubblicato dal vicepresidente Elliot Schrage, il colosso di Menlo Park ha annunciato significativi aggiornamenti ai due pacchetti di documenti che governano le attività condivise di un miliardo di utenti in blu.

Fino ad oggi, la governance di Facebook ha previsto un sistema di votazione per eventuali modifiche alle policy sull'utilizzo dei dati personali oltre che allo Statement of Rights and Responsibilities (SRR) della piattaforma statunitense. Raggiunta la quota base di 7mila commenti, ciascuna modifica può essere vincolata al giudizio degli iscritti a patto che venga votata dal 30 per cento di quest'ultimi.

Nel post firmato da Schrage si spiega che Facebook ha ora deciso di abbandonare questo meccanismo di feedback a votazione, che avrebbe portato ad un aumento vistoso dei commenti ma non ad un innalzamento qualitativo dei consigli per la gestione del sito in blu. In sostanza, troppe voci e poche idee, nonostante l'importanza riposta dai responsabili californiani nel flusso dei feedback sviluppato dai profili.
Proprio per questo, Facebook ha sostituito la votazione con due nuove feature per il coinvolgimento degli iscritti nella gestione della cosa social. Con Ask the Chief Privacy Officer, gli utenti potranno interrogare quotidianamente il CPO Erin Egan. La stessa Egan terrà una serie di webcast per spiegare eventuali cambiamenti e rispondere in tempo reale ai dubbi degli abitanti social.

L'abolizione dei voti è stata vista dai più come una limitazione evidente, dopo che lo studente austriaco Max Schrems aveva insidiato la monarchia Zuckerberg con il suo gruppo Europe vs Facebook. Schrems aveva chiesto a tutti gli iscritti di esprimere un voto per controllare meglio i propri dati personali. L'esito non è stato dei migliori: solo 380mila utenti, lo 0,038 per cento del totale.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook, privacy e dati sulle esistenze in bluEstesa la funzione Download Your Information per placare le polemiche piovute in terra europea dopo i cosiddetti profili ombra. Si potranno scaricare dati relativi alle richieste d'amicizia e agli indirizzi IP per i login
  • AttualitàFacebook, la minaccia dei profili ombraLa divisione irlandese del social network nel fuoco delle polemiche per la privacy. Il sito in blu avrebbe rastrellato informazioni eliminate dagli utenti. Ma anche dati relativi a persone mai registratesi alla piattaforma
  • Digital LifeNon abusare di Facebook, parola di FacebookIl social network mette in guardia gli utenti sui rischi connessi all'uso protratto. Il sovraccarico di informazioni potrebbe generare effetti negativi, tra cui alienazione e l'erosione delle relazioni offline
24 Commenti alla Notizia Facebook, utenti senza diritto di voto
Ordina
  • Avete mai letto la licenza di FB e quella di mille altri servizi "gratuiti"? Sicuramente no, perché altrimenti non ci sarebbe nulla da accepire a quanto sta accadendo.

    Se poi avete consegnato tutta la vostra vita a qualche remoto ed oscuro admin che si nutre del vostro stesso sangue... cazzarola vostra!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > Avete mai letto la licenza di FB e quella di
    > mille altri servizi "gratuiti"?

    Che domanda!
    Come se chi utilizza FB fosse in grado di leggere!
    Ma non sai che per leggere ci vuole la licenza elementare?
  • Cito dall'articolo:
    "In sostanza, troppe voci e poche idee"

    Io direi: "poche idee e molto confuse"Sorride
  • - Scritto da: alla discussion e in corso
    > Facebook:
    >
    > Clicca per vedere le dimensioni originali

    92 minuti di applausi!
    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • Beh fino a qualche mese fa la pensavao anch'io come voi,
    tanto che non lo usava se non sporadicamente.
    Purtroppoo o per fortunao negli ultimi mesi mi sono accorto
    che in certi ambiti i Social Network possono essere uno
    strumento INDISPENSABILE di lotta per la sopravvivenza
    e per l'ottenimento dei propri diritti. Esperienza personale.
    Dunque occhio di non fare di tutta un'erba un fascio.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 novembre 2012 17.16
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: eleirbag
    > Beh fino a qualche mese fa la pensavao anch'io
    > come
    > voi,
    > tanto che non lo usava se non sporadicamente.
    > Purtroppoo o per fortunao negli ultimi mesi mi
    > sono
    > accorto
    > che in certi ambiti i Social Network possono
    > essere
    > uno
    > strumento INDISPENSABILE di lotta per la
    > sopravvivenza
    > e per l'ottenimento dei propri diritti.
    > Esperienza
    > personale.
    > Dunque occhio di non fare di tutta un'erba un
    > fascio.

    Eh, no! Adesso approfondisci.
    Non vorrai farci mica credere che cliccando su "mi piace" in qualche gruppo idiota pensi di aver risolto i problemi del mondo, vero?
  • Si anche con il mi piace si può ottenere un legittimazione
    di una consistente fetta di popolazione riguardo la sua
    oppressione. Oltre logicamente agli argomenti che si possono
    proporre e alle discussioni ad essi inerenti che ne scaturiscono
    per il bene della conoscenza e della coscienza collettiva.
    Pensavo non fosse possibile. Pensavo che FB fosse solo una
    cavolata. Pensavo che non mi sarebbe mai servito.
    Non è stato così.

    Riguardo alla tua domanda:
    Se ti dicessi che è proprio il Vostro Stato(Italia) che ci opprime su
    terra straniera, che non è sua, tu probabilmente nemmeno mi
    crederesti e io non potrei nemmeno darti torto.
    Ma le cose stanno così e non serve che dica di +. ^_^
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 novembre 2012 18.33
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: eleirbag

    > Se ti dicessi che è proprio il Vostro
    > Stato(Italia) che ci opprime
    > su
    > terra straniera, che non è sua, tu probabilmente
    > nemmeno
    > mi
    > crederesti e io non potrei nemmeno darti torto.
    > Ma le cose stanno così e non serve che dica di +.
    > ^_^

    azz.. Non ho capito... vivi in sudtirolo e sei angariato dagli italiani cattivi o sei albanese o libico e pensi ancora che abbiamo le colonie??
  • - Scritto da: eleirbag
    > Si anche con il mi piace si può ottenere un
    > legittimazione
    > di una consistente fetta di popolazione riguardo
    > la
    > sua
    > oppressione.

    Qualunque sia il tuo problema, se credi che basti un "mi piace" per risolverlo, stai fresco.
    Da come ne parli sembra una cosa seria, mentre il 99% dei "mi piace" che hai ricevuto (e mi sono pure tenuto scarso) sono di gente che manco sa dove si trova quel posto sulla carta geografica.

    Contento tu.
  • Se leggi il mio post vedi che ho scritto
    ben altro, sopratutto per quanto riguarda
    gli articoli e i vari commenti che si possono
    fare su FB a riguardo di una causa comune.

    Comunque SI, e lo Ripeto, anche 50.000 I like,
    ma meglio sarebbero molti di più, possono cambiare
    il destino di una terra e dei suoi abitanti.

    Lo ripeto ho sempre pensato che FB fosse un mezzo
    ne più ne meno di tanti altri che il mondo moderno
    ci mette a disposizione. Ma ho sempre pensato,
    e continuo in parte a pensarlo, che venisse usato
    solo per scemenze o al massimo per marketing o per
    motivi pubblicitari.
    Ho scoperto che FB, come tutti gli altri SN non sono
    solo questo, o meglio possono Non essere solo questo
    ma molto molto di più.
  • - Scritto da: eleirbag
    > Se leggi il mio post vedi che ho scritto
    > ben altro, sopratutto per quanto riguarda
    > gli articoli e i vari commenti che si possono
    > fare su FB a riguardo di una causa comune.

    > Comunque SI, e lo Ripeto, anche 50.000 I like,
    > ma meglio sarebbero molti di più, possono cambiare
    > il destino di una terra e dei suoi abitanti.

    Mi fai un esempio qualsiasi in cui tutti i mi Like che vuoi abbiano fatto cambiare qualcosa che avesse un qualsiasi interesse economico ?

    > Lo ripeto ho sempre pensato che FB fosse un mezzo
    > ne più ne meno di tanti altri che il mondo moderno
    > ci mette a disposizione. Ma ho sempre pensato,
    > e continuo in parte a pensarlo, che venisse usato
    > solo per scemenze o al massimo per marketing o per
    > motivi pubblicitari.
    > Ho scoperto che FB, come tutti gli altri SN
    > non sono solo questo, o meglio possono Non
    > essere solo questo ma molto molto di più.

    Ma qual e' la tua pagina facebook ?
    Qua ci sono un sacco di Luke tutti per te se ce lo dici.
    krane
    22544
  • Saranno pure inutili e stupidi, ma se negli stati dove sono in corso violenze da parte del governo nei confronti di chi chiede la libertà(vedi i conflitti in Medioriente) sono i primi siti ad essere oscurati, un motivo ci sarà...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario Rossi
    > Saranno pure inutili e stupidi, ma se negli stati
    > dove sono in corso violenze da parte del governo
    > nei confronti di chi chiede la libertà(vedi i
    > conflitti in Medioriente) sono i primi siti ad
    > essere oscurati, un motivo ci
    > sarà...
    Chiaramente mi riferisco ai social network, categoria alla quale Facebook fa parte
    non+autenticato