Mauro Vecchio

Finlandia, il copyright e la bambina

La polizia a casa di una cittadina di 9 anni. Il suo portatile sequestrato, per aver scaricato via Torrent i brani della sua beniamina della canzone

Roma - Un fine settimana come tanti per una tranquilla famiglia in terra finlandese. All'improvviso, un nugolo di poliziotti alla porta di un ignaro padre di famiglia, accusato di aver scaricato a mezzo BitTorrent alcuni brani della star locale Chisu. "Avrebbe dovuto pagare la cifra proposta", sottolinea stizzito un agente.

La cifra proposta ammonta a 600 euro, richiesta dal gruppo anti-pirateria TTVK per evitare strascichi legali dopo le attività di download illecito. Imperterrito, il misterioso padre di famiglia ha risposto picche, non potendo privarsi di una somma così alta per il quotidiano sostentamento della sua bambina di 9 anni.

Ma è stata proprio la sua figlioletta a farsi un giro tra i marosi della Baia dei pirati, alla ricerca dei brani pop di Chisu. Incredibile ma - apparentemente - vero, gli agenti inviati da TTVK sequestrano il laptop della bambina, con tanto di adesivo del dolce orsetto Winnie The Pooh sulla parte superiore.
Venuta a conoscenza dei fatti tramite la divisione locale di Electronic Frontier Foundation (EFF), la stessa star Chisu decide di tranquillizzare tutte le sue giovanissime ascoltatrici. Nessuna denuncia per la bambina, con un consiglio: cercare i brani su piattaforme come Spotify piuttosto che sulle reti BitTorrent.

Al di là del singolo, eclatante caso, ci si interroga sul reale peso che hanno i singoli artisti nella prevenzione delle attività illecite. "È molto triste sapere che persino i grandi artisti non sono affatto a conoscenza di ciò che i gruppi anti-pirateria fanno nel loro nome", ha commentato la divisione locale del Partito Pirata.

Mauro Vecchio

Notizie collegate
115 Commenti alla Notizia Finlandia, il copyright e la bambina
Ordina
  • I genitori sono responsabili per la figlia minorenne, quindi devono pagare non 600 ma 6000 euro! La pirateria va fermata a tutti i costi! Indiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pianeta Video 2000
    > I genitori sono responsabili per la figlia
    > minorenne, quindi devono pagare non 600 ma 6000
    > euro! La pirateria va fermata a tutti i costi!
    >Indiavolato
    Ma come così poco?
    Facciamo 6 fantastiliardi! la pena capitale! e la cessione degli eredi come schiavi per 6000 anni!
    non+autenticato
  • - Scritto da: MaPerFavora

    > Facciamo 6 fantastiliardi! la pena capitale! e la
    > cessione degli eredi come schiavi per 6000
    > anni!

    OK. IL PREZZO E' GIUSTO!
    non+autenticato
  • Mi sembra un affare. Non credo che la razza umana possa durare altri 6000 anni, e nutro forti dubbi su altri 600.
  • Ecco il solito videocotechino che non ha ancora chiuso.

    - Scritto da: Pianeta Video 2000
    > I genitori sono responsabili per la figlia
    > minorenne, quindi devono pagare non 600 ma 6000
    > euro! La pirateria va fermata a tutti i costi!
    >Indiavolato
    non+autenticato
  • In galera questa pericolossissima criminale di 9 anni.
    E' socialmente pericolosa...
    non+autenticato
  • Allora sei pronto a sacrificarti... neo che non sei altro?
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Allora sei pronto a sacrificarti... neo che non
    > sei
    > altro?

    Io ora so di essere l'eletto. E ti vedo per quello che sei: semplice codice binario integrato nel sistema. Non mi fai nessuna paura.
  • Copyright, diritto intellettuale e menate varie, vanno aboliti subito per il bene dell'umanità. Affermare che i brevetti fanno bene al progresso è una grossa buffonata, un crimine. Il copyright è solo uno strumento di controllo e potere usato da potenti e dai loro vili servitori (videotechini, bottegai di ogni tipo etc. etc.). Diffidate sempre di chi protegge il copyright, sicuramente lo fa perchè ha un'agenda, un tornaconto, ci guadagna dalle ingiustizie.
    non+autenticato
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Che dedizione! Oh guarda, hanno appena messo il sigillo della GDF al tuo sito pirata preferito! Tzé!
  • - Scritto da: ThEnOra

    > Che dedizione! Oh guarda, hanno appena messo il
    > sigillo della GDF al tuo sito pirata preferito!
    > Tzé!

    Morto un sito ne spuntano altri 100.
    E' subito chiaro a favore di chi girano le cose.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anon
    > Morto un sito ne spuntano altri 100.

    E funzionano pure meglio.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > Che dedizione! Oh guarda, hanno appena messo il
    > sigillo della GDF al tuo sito pirata preferito!
    > Tzé!

    Davvero? Che strano, funziona ancora:
    http://tinyurl.com/baiadeipirati
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 novembre 2012 03.40
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: ThEnOra
    > > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    > >
    > > Che dedizione! Oh guarda, hanno appena messo
    > il
    > > sigillo della GDF al tuo sito pirata
    > preferito!
    > > Tzé!
    >
    > Davvero? Che strano, funziona ancora:
    > http://tinyurl.com/baiadeipirati
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 25 novembre 2012 03.40
    > --------------------------------------------------
    Non perché non vogliano, ma solo perché i pirati sgusciano tra le maglie della giustizia. Chi in maniera imprudente commette illeciti, è giusto che paghi come è giusto che in proporzione riescano a far pagare i pirati.
    non+autenticato
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    vabbè buona notte....
    Sgabbio
    26177
  • > Non perché non vogliano, ma solo perché i pirati
    > sgusciano tra le maglie della giustizia.

    Forse perchè il download non è illegale, ci hai mai pensato?

    > Chi in
    > maniera imprudente commette illeciti, è giusto
    > che paghi come è giusto che in proporzione
    > riescano a far pagare i
    > pirati.

    Anche chi si getta in un business in modo imprudente, non tenendo conto che la tecnologia lo ha reso obsoleto ed inutile, è giusto che paghi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: contenuto
    > Copyright, diritto intellettuale e menate varie,
    > vanno aboliti subito per il bene dell'umanità.
    > Affermare che i brevetti fanno bene al progresso
    > è una grossa buffonata, un crimine. Il copyright
    > è solo uno strumento di controllo e potere usato
    > da potenti e dai loro vili servitori
    > (videotechini, bottegai di ogni tipo etc. etc.).
    > Diffidate sempre di chi protegge il copyright,
    > sicuramente lo fa perchè ha un'agenda, un
    > tornaconto, ci guadagna dalle
    > ingiustizie.
    Sì, OK, un po' di distinzione tra brevetti e © non ci starebbe male, però…Fantasma
  • - Scritto da: contenuto
    > Copyright, diritto intellettuale e menate varie,
    > vanno aboliti subito per il bene dell'umanità.
    > Affermare che i brevetti fanno bene al progresso
    > è una grossa buffonata, un crimine. Il copyright
    > è solo uno strumento di controllo e potere usato
    > da potenti e dai loro vili servitori
    > (videotechini, bottegai di ogni tipo etc. etc.).
    > Diffidate sempre di chi protegge il copyright,
    > sicuramente lo fa perchè ha un'agenda, un
    > tornaconto, ci guadagna dalle
    > ingiustizie.
    Basterebbe non derubarli e loro non sarebbero costretti a difendersi. Hai una bizzarra visione della giustizia.
    non+autenticato
  • che visione miope.
    Sgabbio
    26177
  • No, questo non è l'oggetto del mio post, è il titolo di un rapporto presentato da un comitato di studio repubblicano (parliamo di USA).

    http://politics.slashdot.org/story/12/11/16/235425...

    Visto che si parla di copyright, questa è la notizia più clamorosa: i repubblicani americani, da sempre schierati con le major, iniziano a cambiare sponda. Stranamente, iniziano a realizzare che l'asfissiante attività di lobbying di questi ultimi ha fatto in modo che la legislazione sul diritto d'autore travalicasse i suoi limiti costituzionalmente intesi, che non consistevano nel favorire l'arricchimento dei detentori dei diritti, ma il progresso della società nel suo insieme, riconoscendo in questo modo un dato di fatto sempre più evidente, ovvero che i massimi detentori di copyright e i politici da loro influenzati hanno paralizzato l'industria dei contenuti con una legislazione che favorisce lo sfruttamento delle opere esistenti piuttosto che la creazione di altri lavori, insistendo su un modello di business superato da XX secolo che confligge con quello delle aziende della new economy, impedendo l'adozione di forme di distribuzione digitale efficienti e rispettose delle prerogative degli utenti finali.   

    Tutto vero, ma questa improvvisa presa di coscienza del partito repubblicano è un segnale importante che dimostra che anche il peso degli interessi economici inizia a spostarsi.

    Indubbiamente è molto semplice per queste multinazionali aggredire i cittadini con una legislazione irrispettosa delle libertà civili di questi ultimi, ma anche volendo accettare senza rigurgiti etici e morali il concetto che la legge si piega sempre al denaro, ormai è chiaro che le major iniziano a confrontarsi con dei pesi massimi loro pari che sono radicati nel XXI secolo, e non in un secolo ormai trascorso.
  • - Scritto da: Luke1
    > No, questo non è l'oggetto del mio post, è il
    > titolo di un rapporto presentato da un comitato
    > di studio repubblicano (parliamo di USA).
    >
    >
    > http://politics.slashdot.org/story/12/11/16/235425
    >
    > Visto che si parla di copyright, questa è la
    > notizia più clamorosa: i repubblicani americani,
    si se n'era parlato giorni fa (o almeno IO ne avevo parlato... non sono certo fosse incluso in un articolo su P.I.)... e SUBITO il gotha dei reps si e' affrettato a coprire/smentire la vicendaSorride
    Cmq _sfortunatamente_ quando si tratta di dragare soldi, i democratici o i reps non sono molto diversi. Il boss dell'MPAA e' un (ex) senatore democratico con carriera 30ennale [e immaginiamo quanto imparziale]

    > da sempre schierati con le major, iniziano a
    > cambiare sponda. Stranamente, iniziano a
    > realizzare che l'asfissiante attività di lobbying
    > di questi ultimi ha fatto in modo che la
    > legislazione sul diritto d'autore travalicasse i
    > suoi limiti costituzionalmente intesi, che non
    > consistevano nel favorire l'arricchimento dei
    > detentori dei diritti, ma il progresso della
    > società nel suo insieme, riconoscendo in questo
    > modo un dato di fatto sempre più evidente, ovvero
    > che i massimi detentori di copyright e i politici
    > da loro influenzati hanno paralizzato l'industria
    > dei contenuti con una legislazione che favorisce
    > lo sfruttamento delle opere esistenti piuttosto
    > che la creazione di altri lavori, insistendo su
    > un modello di business superato da XX secolo che
    > confligge con quello delle aziende della new
    > economy, impedendo l'adozione di forme di
    > distribuzione digitale efficienti e rispettose
    > delle prerogative degli utenti finali.
    >
    >
    > Tutto vero, ma questa improvvisa presa di
    > coscienza del partito repubblicano è un segnale
    > importante che dimostra che anche il peso degli
    > interessi economici inizia a spostarsi.
    >
    >
    > Indubbiamente è molto semplice per queste
    > multinazionali aggredire i cittadini con una
    > legislazione irrispettosa delle libertà civili di
    > questi ultimi, ma anche volendo accettare senza
    > rigurgiti etici e morali il concetto che la legge
    > si piega sempre al denaro, ormai è chiaro che le
    > major iniziano a confrontarsi con dei pesi
    > massimi loro pari che sono radicati nel XXI
    > secolo, e non in un secolo ormai
    > trascorso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luke1
    > No, questo non è l'oggetto del mio post, è il
    > titolo di un rapporto presentato da un comitato
    > di studio repubblicano (parliamo di USA).
    >
    >
    > http://politics.slashdot.org/story/12/11/16/235425
    >
    > Visto che si parla di copyright, questa è la
    > notizia più clamorosa: i repubblicani americani,
    > da sempre schierati con le major, iniziano a
    > cambiare sponda.

    Sicuro? Non è possibile che vogliano invece battere cassa, e spremere ulteriormente le vacche grasse?Sorride
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)