Domenico Galimberti

Il personal computer del futuro

di D. Galimberti - Si profila un ricambio generazionale che potrebbe mandare in pensione i processori x86. Come, quando e perché è ancora da stabilire. Ma chi potrebbe fare il primo passo? Forse qualcuno potrebbe averlo già fatto

Roma - Nel maggio del 2009 ci si chiedeva cosa avrebbe fatto Apple dell'acquisizione di P.A. Semi o, meglio, ci si chiedeva quando si sarebbero visti i reali risultati di questa acquisizione: perché se lo scopo dell'acquisizione era abbastanza chiaro, un processore non si progetta da un giorno all'altro.

I primi risultati arrivarono l'anno successivo con il primo SoC targato Apple, il processore Apple A4 montato sull'iPad originale e, successivamente, su iPhone 4. Ma quello era solo l'inizio. L'Apple A4 era (anzi "è", perché iPhone 4 è ancora in vendita) un processore basato sull'architettura standard ARM Cortex A8, e lo stesso dicasi per il suo successore l'Apple A5, basato su ARM Cortex A9 e "declinato" successivamente in una variante A5X con comparto grafico potenziato per gestire la risoluzione del primo iPad con display Retina. Già dal principio però, Apple stava probabilmente lavorando alla preparazione di un processore completamente customizzato, progettato solo per i propri dispositivi, e progettato per dare il meglio intorno al proprio hardware e al proprio software, seguendo appieno la filosofia Apple che vuole la migliore integrazione di ogni dettaglio.

Seguendo questa via si è arrivati all'iPhone 5 con processore Apple A6 (nonché l'A6X utilizzato nella nuova versione dell'iPad Retina ) e stavolta Apple ha fatto un passo in più: A6 non è più basato su un'architettura standard, anche se utilizza le specifiche ARMv7A (le stesse che definiscono l'architettura standard ARM Cortex A15). In definitiva si tratta sempre di un SoC ARM, ma con alcune caratteristiche plasmate da Apple attorno all'hardware specifico dei propri dispositivi iOS.
Continuando a parlare di ARM, quando sono state presentate le nuove architetture Cortex della serie A50 (in dettaglio la Cortex-A53 e la A57) a 64 bit, in molti si sono chiesti se ARM non fosse pronta per insidiare il trono di Intel: domanda più che legittima considerando tanto il fatto che Windows 8 esiste in versione RT per processori ARM, quanto il fatto che l'interesse per questo tipo di architettura sta crescendo anche sul lato server, laddove è importante il risparmio energetico (e possiamo segnalare degli esempi in tal senso sia da HP, che da Dell, o anche da AMD).

Parlando però di personal computer la situazione diventa più complicata: la maggior parte del software in circolazione è pensata per funzionare in ambienti più tradizionali e molte applicazioni non sono nemmeno compatibili con le architetture a 64bit, tant'è che Windows XP rappresenta ancora una grossa fetta dei sistemi ancora attivi. Sommando tutto quanto detto sopra, molti hanno fatto quadrato intorno alla possibilità che fosse proprio Apple ad abbandonare Intel per adottare l'architettura ARM anche sui Mac, possibilità alla quale ho accennato anche su queste pagine in più occasioni.

Per capire quanto questa possibilità sia reale, oltre a valutare la fattibilità tecnica di questo passaggio (considerando tanto gli aspetti di compatibilità, quanto quelli delle prestazioni richieste ad un computer, che sono diverse rispetto a quelle di un dispositivo mobile) dobbiamo fare un passo indietro per esaminare alcuni passaggi chiave della storia dei Mac.
344 Commenti alla Notizia Il personal computer del futuro
Ordina
  • Ipad Mini canibalizza il mercato PC low cost.
    http://hightech.blogosfere.it/2012/11/ipad-mini-ca...

    Ed è sold-out praticamente ovunque
    http://www.optimaitalia.com/blog/2012/12/03/ipad-m...

    Poveri androcosi e WinRTcosi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 dicembre 2012 13.22
    -----------------------------------------------------------
    maxsix
    9659
  • - Scritto da: maxsix
    > Ipad Mini canibalizza il mercato PC low cost.
    > http://hightech.blogosfere.it/2012/11/ipad-mini-ca

    Ahahahahah...lo sai chi scegli un ipad mini al posto di un pc?
    Il classico utonto che naviga qualche paginetta veloce su internet ed esegue qualche piccola applicazione....
    Tutto il resto che puoi fare normalmente con un pc con il mini e il Maxi Ipad te lo puoi solo sognare ....

    > Ed è sold-out praticamente ovunque
    > http://www.optimaitalia.com/blog/2012/12/03/ipad-m

    Wow ...Apple arriva per ultima nel mercato dei minitablet,per questo Apple ha sfornato i mini ...poca gente non si accostava alla versione da 10" così ha dovuto ripiegare sulla versione più economicaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    > Poveri androcosi e WinRTcosi.

    Poveri utonti Apple,nessuno vi si è mai filato nella storia dell'informatica e ora vi pavoneggiate con le venditeA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: maxsix
    > > Ipad Mini canibalizza il mercato PC low cost.
    > >
    > http://hightech.blogosfere.it/2012/11/ipad-mini-ca
    >
    > Ahahahahah...lo sai chi scegli un ipad mini al
    > posto di un pc?
    > Il classico utonto che naviga qualche paginetta
    > veloce su internet ed esegue qualche piccola
    > applicazione....

    cioé il 90% degli utenti di PC...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Krumiro

    > cioé il 90% degli utenti di PC...

    Mica tanto ....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype

    > > cioé il 90% degli utenti di PC...
    >
    > Mica tanto ....

    certo: li vedo tutti gli utenti a casa che smanettano su database access (o SQL) e passano le serate a programmare... sarai mica un teenager-nerd?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Krumiro

    > certo: li vedo tutti gli utenti a casa che
    > smanettano su database access (o SQL) e passano
    > le serate a programmare... sarai mica un
    > teenager-nerd?

    Se devi farlo che dici "scusa ho un tablet,non lo posso fare..."

    Hai detto bene ...sviluppa su un tablet vedi quanto è comodo ..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: Krumiro

    > > certo: li vedo tutti gli utenti a casa che
    > > smanettano su database access (o SQL) e
    > > passano le serate a programmare... sarai
    > > mica un teenager-nerd?

    > Se devi farlo che dici "scusa ho un tablet,non lo
    > posso fare..."

    > Hai detto bene ...sviluppa su un tablet vedi
    > quanto è comodo ..

    E tutti gli altri in coro:

    Lamer Lamer Lamer !!!
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Etype
    > > - Scritto da: Krumiro
    >
    > > > certo: li vedo tutti gli utenti a casa
    > che
    > > > smanettano su database access (o SQL) e
    > > > passano le serate a programmare...
    > sarai
    >
    > > > mica un teenager-nerd?
    >
    > > Se devi farlo che dici "scusa ho un
    > tablet,non
    > lo
    > > posso fare..."
    >
    > > Hai detto bene ...sviluppa su un tablet vedi
    > > quanto è comodo ..
    >
    > E tutti gli altri in coro:
    >
    > Lamer Lamer Lamer !!!

    Si passa 8 ore al giorno di fronte ad uno schermo da 10 polliciA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: maxsix
    > > Ipad Mini canibalizza il mercato PC low cost.
    > >
    > http://hightech.blogosfere.it/2012/11/ipad-mini-ca
    >
    > Ahahahahah...lo sai chi scegli un ipad mini al
    > posto di un
    > pc?

    No dimmelo ti prego.

    > Il classico utonto che naviga qualche paginetta
    > veloce su internet ed esegue qualche piccola
    > applicazione....

    il 90% degli utenti [cit.]

    > Tutto il resto che puoi fare normalmente con un
    > pc con il mini e il Maxi Ipad te lo puoi solo
    > sognare
    > ....

    Per esempio?
    Installare linux?

    Ahhhh ho capito.

    >
    > > Ed è sold-out praticamente ovunque
    > >
    > http://www.optimaitalia.com/blog/2012/12/03/ipad-m
    >
    > Wow ...Apple arriva per ultima nel mercato dei
    > minitablet,per questo Apple ha sfornato i mini
    > ...poca gente non si accostava alla versione da
    > 10" così ha dovuto ripiegare sulla versione più
    > economicaA bocca apertaA bocca aperta
    >A bocca aperta
    >
    Pensa invece che è una storia che si ripete.
    Tanti avevano fatto i tablet prima e poi è arrivata Apple e ha soverchiato il mercato.
    Tanti avevano fatto i mini tablet prima e poi è arrivata Apple e ha soverchiato il mercato.

    Poveri androcosi da 7 pollici o giù di li.

    > > Poveri androcosi e WinRTcosi.
    >
    > Poveri utonti Apple,nessuno vi si è mai filato
    > nella storia dell'informatica e ora vi
    > pavoneggiate con le venditeA bocca apertaA bocca aperta
    >A bocca aperta.

    Dai su non mi rosicare così.
    Fai piangere il cuore vederti così.
    maxsix
    9659
  • - Scritto da: maxsix
    > - Scritto da: Etype
    > > - Scritto da: maxsix
    > > > Ipad Mini canibalizza il mercato PC low
    > cost.
    > > >
    > >
    > http://hightech.blogosfere.it/2012/11/ipad-mini-ca
    > >
    > > Ahahahahah...lo sai chi scegli un ipad mini
    > al
    > > posto di un
    > > pc?
    >
    > No dimmelo ti prego.

    non puoi paragonare 2 mondi completamente diversi ...

    > > Il classico utonto che naviga qualche
    > paginetta
    > > veloce su internet ed esegue qualche piccola
    > > applicazione....
    >
    > il 90% degli utenti [cit.]

    AppleA bocca aperta

    > > Tutto il resto che puoi fare normalmente con
    > un
    > > pc con il mini e il Maxi Ipad te lo puoi solo
    > > sognare
    > > ....
    >
    > Per esempio?
    > Installare linux?

    Non avrai mai la stessa potenza di calcolo che hai con un desktop,videogame 3D complessi,tutte le periferiche che ci puoi collegare,capacità di archiviazione,comodità d'uso...vuoi mettere lavorare su un 26" o su un 10" ....stessa cosa per la navigazione su internet ....

    > Ahhhh ho capito.

    naaaaaaaa.....

    > Pensa invece che è una storia che si ripete.

    Come noA bocca aperta

    > Tanti avevano fatto i tablet prima e poi è
    > arrivata Apple e ha soverchiato il
    > mercato.

    Quindi Apple ha ripreso un'idea che già c'era,niente di nuovo sotto il sole

    > Tanti avevano fatto i mini tablet prima e poi è
    > arrivata Apple e ha soverchiato il
    > mercato.

    Ma che dici? cosa ha soverchiato Apple con il minitablet ? ma sei serio ?A bocca aperta

    > Poveri androcosi da 7 pollici o giù di li.

    Poveri Applefan si devono aggrappare a tutto per non sminuire...

    Pensa che la concorrenza ha fatto tablet da 7-8-10-11 e 12 pollici eh....Apple è arrivata il mese scorso ...chissà perchè gli è venuta l'idea di fare un device con schermo più piccoloA bocca aperta

    > Dai su non mi rosicare così.
    > Fai piangere il cuore vederti così.

    Muahahhaah mi fai troppo ridere quando dici così,il bello è che ne sei convinto ehA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > - Scritto da: maxsix
    > > Ipad Mini canibalizza il mercato PC low cost.
    > >
    > http://hightech.blogosfere.it/2012/11/ipad-mini-ca
    >
    > Ahahahahah...lo sai chi scegli un ipad mini al
    > posto di un
    > pc?
    > Il classico utonto che naviga qualche paginetta
    > veloce su internet ed esegue qualche piccola
    > applicazione....
    > Tutto il resto che puoi fare normalmente con un
    > pc con il mini e il Maxi Ipad te lo puoi solo
    > sognare
    > ....

    Questo è quello che crede un ignorante come te.

    >
    > > Ed è sold-out praticamente ovunque
    > >
    > http://www.optimaitalia.com/blog/2012/12/03/ipad-m
    >
    > Wow ...Apple arriva per ultima nel mercato dei
    > minitablet,

    Apple ha inventato il tablet. Gli altri inseguono, a molta distanza.


    > per questo Apple ha sfornato i mini
    > ...poca gente non si accostava alla versione da
    > 10" così ha dovuto ripiegare sulla versione più
    > economicaA bocca apertaA bocca aperta
    >A bocca aperta

    Certo, poca gente:
    http://www.ispazio.net/378014/apple-domina-il-mobi...

    >
    > > Poveri androcosi e WinRTcosi.
    >
    > Poveri utonti Apple,nessuno vi si è mai filato
    > nella storia dell'informatica e ora vi
    > pavoneggiate con le venditeA bocca apertaA bocca aperta
    >A bocca aperta.

    Ti rode, eh, che Apple si rivela essere la protagonista indiscussa del panorama informatico mondiale!
    ruppolo
    33147
  • lasciando perdere l'inutilità di Linux in campo consumer (e no, Android non lo considero certo un OS destinato ai desktop), veramente in questo forum c'è gente che non capisce la differenza tra un "possibile" passaggio di Apple ad un'architettura ARM, rispetto alla buffonata che ha fatto MS con WinRT?
    WinRT è una sorta di iOS: è come se Apple, invece di modificare OSX per renderlo simile in certi utilizzi ad iOS, buttasse iOS come layer a se stante sopra OSX, e lo chiamasse iOSX. A quel punto potrebbe offrire entrambi gli ambienti sul Mac, e solo l'ambiewnte iOS (che potremmo chiamare iOSX-RT) sull'iPad. E' ovvio che la cosa non sta in piedi, così come non sta in piedi Win 8, ed infatti Apple sta seguendo un percorso completamente differente, e se anche cambiasse architettura (ipotetico, è palese che non esistano, oggi, Mac basati su ARM) lo farebbe in modo "trasparente" per l'utente
    non+autenticato
  • guarda che il punto è "il computer del futuro" e qua si è parlato solo di storia apple con qualche supposizione sul futuro, senza analizzare i fatti attuali, dove apple è tuttora totalmente carente.
    SVEIA!
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnammolo
    > guarda che il punto è "il computer del futuro" e
    > qua si è parlato solo di storia apple con qualche
    > supposizione sul futuro, senza analizzare i fatti
    > attuali, dove apple è tuttora totalmente
    > carente.
    > SVEIA!

    Sicuro?

    http://hightech.blogosfere.it/2012/11/ipad-mini-ca...
    maxsix
    9659
  • - Scritto da: gnammolo
    > guarda che il punto è "il computer del futuro" e
    > qua si è parlato solo di storia apple con qualche
    > supposizione sul futuro, senza analizzare i fatti
    > attuali, dove apple è tuttora totalmente
    > carente.
    > SVEIA!

    Tanto per cominciare, come ha già notato qualcuno, il titolo è solitamente scelto dalla redazione e non dall'autore, e Galimberti è notoriamente l'esperto Apple di PI, quindi ci sta che analizzi la questione da quel punto di vista.
    Al di là di questo, non è certo Galimberti l'unico ad aver notato questa cosa: se ne parla su diversi siti già da tempo.
    Infine, Apple o non Apple, il discorso è chiaro e fila: il mercato dei tablet sta cannibalizzando quello dei PC, la tecnologia ARM sta crescendo molto più velocemente di x86, e se fai 2+2 questo potrebbe significare un ribaltone anche sulle architetture dei PC... se gli altri hanno remore di compatibilità, Apple se n'è sempre sbattuta altamente e potrebbe sbattersene anche stavolta.

    Certo che vi attaccare pure alle virgole di un titolo per il gusto di polemizzare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Krumiro
    > - Scritto da: gnammolo
    > > guarda che il punto è "il computer del
    > futuro"
    > e
    > > qua si è parlato solo di storia apple con
    > qualche
    > > supposizione sul futuro, senza analizzare i
    > fatti
    > > attuali, dove apple è tuttora totalmente
    > > carente.
    > > SVEIA!
    >
    > Tanto per cominciare, come ha già notato
    > qualcuno, il titolo è solitamente scelto dalla
    > redazione e non dall'autore, e Galimberti è
    > notoriamente l'esperto Apple di PI, quindi ci sta
    > che analizzi la questione da quel punto di
    > vista.

    Affatto visto che il titolo fa riferimento a PC ....

    > Al di là di questo, non è certo Galimberti
    > l'unico ad aver notato questa cosa: se ne parla
    > su diversi siti già da
    > tempo.

    Di cosa ?A bocca aperta

    > Infine, Apple o non Apple, il discorso è chiaro e
    > fila: il mercato dei tablet sta cannibalizzando
    > quello dei PC,

    Per chi ci vuole credere a tutti i costiSorride

    > la tecnologia ARM sta crescendo
    > molto più velocemente di x86, e se fai 2+2 questo
    > potrebbe significare un ribaltone anche sulle
    > architetture dei PC...

    Come noSorride

    > se gli altri hanno remore
    > di compatibilità, Apple se n'è sempre sbattuta
    > altamente e potrebbe sbattersene anche stavolta.

    E verrà messa ad un angolo,come sempreA bocca aperta

    > Certo che vi attaccare pure alle virgole di un
    > titolo per il gusto di
    > polemizzare...

    Sei un nuovo lecca lecca ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype

    > > Tanto per cominciare, come ha già notato
    > > qualcuno, il titolo è solitamente scelto dalla
    > > redazione e non dall'autore, e Galimberti è
    > > notoriamente l'esperto Apple di PI, quindi ci sta
    > > che analizzi la questione da quel punto di
    > > vista.
    >
    > Affatto visto che il titolo fa riferimento a PC
    > ....

    Ce la fai a leggere?
    "il titolo è solitamente scelto dalla redazione e non dall'autore"
    quindi è inutile prenderla con l'autore se il titolo non rispecchia appieno il contenuto dell'articolo...

    > > Al di là di questo, non è certo Galimberti
    > > l'unico ad aver notato questa cosa: se ne parla
    > > su diversi siti già da
    > > tempo.
    >
    > Di cosa ?A bocca aperta

    Della possibilità che Apple passi ad ARM

    http://www.ftd.de/it-medien/computer-technik/:i-ph...

    http://blogs.computerworld.com/macintosh/21279/app...

    http://www.macrumors.com/2012/11/06/apples-potenti.../

    http://allthingsd.com/20121106/will-apple-switch-t.../

    > > Infine, Apple o non Apple, il discorso è chiaro e
    > > fila: il mercato dei tablet sta cannibalizzando
    > > quello dei PC,
    >
    > Per chi ci vuole credere a tutti i costiSorride

    Non è questione di credere o meno: i dati di mercato parlano chiaro. Ovvio che si parla di mercato consumer, e non professionale, ma il grosso del mercato è proprio lì, nella gente comune: non siamo mica algi albori dell'informatica...

    > > la tecnologia ARM sta crescendo
    > > molto più velocemente di x86, e se fai 2+2 questo
    > > potrebbe significare un ribaltone anche sulle
    > > architetture dei PC...
    >
    > Come noSorride

    Vedo che sei ricco di argomentazioni...

    > > se gli altri hanno remore
    > > di compatibilità, Apple se n'è sempre sbattuta
    > > altamente e potrebbe sbattersene anche stavolta.
    >
    > E verrà messa ad un angolo,come sempreA bocca aperta

    Fatto sta che è l'unica a crescere, mentre gli altri perdono terreno... ma tant'è...

    > > Certo che vi attaccare pure alle virgole di un
    > > titolo per il gusto di
    > > polemizzare...
    >
    > Sei un nuovo lecca lecca ?A bocca aperta

    yahwnnn
    ce la fai a dire qualcosa di interessant eo parli solo a monosillabi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Krumiro

    > Ce la fai a leggere?
    > "il titolo è solitamente scelto dalla redazione e
    > non
    > dall'autore"
    > quindi è inutile prenderla con l'autore se il
    > titolo non rispecchia appieno il contenuto
    > dell'articolo...

    Non fa nessuna differenza se il titolo lo fa la redazione o un redattore,ho detto solo che non c'è congruenza tra il titolo e il contenuto.

    > Della possibilità che Apple passi ad ARM

    Al mondo dell'informatica gliene può fregar di meno di quello che fa Apple. Ricordi forse un massiccio uso di CPU Motorola quando le usava Apple ? No ...

    > Non è questione di credere o meno: i dati di
    > mercato parlano chiaro.

    I dati di mercato variano con il tempo e non sono certezza assoluta.

    > Ovvio che si parla di
    > mercato consumer, e non professionale, ma il
    > grosso del mercato è proprio lì, nella gente
    > comune: non siamo mica algi albori
    > dell'informatica...

    Se ti accontenti del minimo indispensbile per un uso saltuario puoi prendere un tablet...non sarà mai come un pc ...già per la comodità d'uso non ci siamo.

    > > > la tecnologia ARM sta crescendo
    > > > molto più velocemente di x86, e se fai
    > 2+2
    > questo
    > > > potrebbe significare un ribaltone anche
    > sulle
    > > > architetture dei PC...
    > >
    > > Come noSorride
    >
    > Vedo che sei ricco di argomentazioni...

    Secondo te intel e company rimarranno a guardare Arm che avanza ?
    E' più facile che intel spinga sull' efficienza della propria architettura con i suoi processori.Con Arm ci si spingerà a fare processori si più potenti ma che consumeranno anche di più,alla fine se intel riesce a ridurre sempre di più il consumo energetico dei suoi processori siamo sulla stessa strada...

    > Fatto sta che è l'unica a crescere, mentre gli
    > altri perdono terreno... ma
    > tant'è...

    Ma l'unica a crescere cosa ? ma li hai visti i suoi prodotti ? sembrano uscire dagli anni 60,tutti uguali,castrati ...fanno 2-3 prodotti, l'unica differenza è il formato ? e con il mini è arrivata ultima dove gli altri erano presenti già da tempo sul mercato...altro che crescere.

    > yahwnnn
    > ce la fai a dire qualcosa di interessant eo parli
    > solo a
    > monosillabi?

    Un'altro fan appleA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > Al mondo dell'informatica gliene può fregar di
    > meno di quello che fa Apple.

    http://www.itespresso.it/il-ceo-paul-otellini-lasc...

    L’era Mobile miete una nuova vittima, dopo aver falcidiato i vertici del fior fiore degli ex colossi. Se il penultimo è Steve Sinofsky di Microsoft, l’ultimo a lasciare Intel è il Ceo di Intel Ceo Paul Otellini, dopo 40 anni di carriera, nominato Ceo nel 2005. Otellini si ritirerà il prossimo maggio 2013. Il colosso dei chip ha sei mesi di tempo per trovare il successore a Santa Clara.

    http://www.ispazio.net/378014/apple-domina-il-mobi...

    Apple domina il Mobile Web Browsing
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Etype
    > > Al mondo dell'informatica gliene può fregar
    > di
    > > meno di quello che fa Apple.
    >
    > http://www.itespresso.it/il-ceo-paul-otellini-lasc
    >
    > L’era Mobile miete una nuova vittima,
    > dopo aver falcidiato i vertici del fior fiore
    > degli ex colossi. Se il penultimo è Steve
    > Sinofsky di Microsoft, l’ultimo a lasciare Intel
    > è il Ceo di Intel Ceo Paul Otellini, dopo 40 anni
    > di carriera, nominato Ceo nel 2005. Otellini si
    > ritirerà il prossimo maggio 2013. Il colosso dei
    > chip ha sei mesi di tempo per trovare il
    > successore a Santa Clara.


    Mi stai dicendo che il Ceo d'Intel lascia il suo posto perchè non sa cosa fare ? Perchè Intel è in difficoltà ?

    Voi per primi lo dovreste ringraziare altrimenti ora vi ritrovavate con CPU Motorola di vecchia generazione.

    >
    > http://www.ispazio.net/378014/apple-domina-il-mobi
    >
    > Apple domina il Mobile Web Browsing
    >

    >

    Ispazio ..noto per non essere di parte,vero ruppolo ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Etype
    > > la tecnologia ARM sta crescendo
    > > molto più velocemente di x86, e se fai 2+2
    > questo
    > > potrebbe significare un ribaltone anche sulle
    > > architetture dei PC...
    >
    > Come noSorride


    Sai chi è Paul Otellini?

    http://en.wikipedia.org/wiki/Paul_Otellini

    Otellini joined Intel in 1974

    http://www.itespresso.it/il-ceo-paul-otellini-lasc...

    L’era Mobile miete una nuova vittima, dopo aver falcidiato i vertici del fior fiore degli ex colossi. Se il penultimo è Steve Sinofsky di Microsoft, l’ultimo a lasciare Intel è il Ceo di Intel Ceo Paul Otellini, dopo 40 anni di carriera, nominato Ceo nel 2005. Otellini si ritirerà il prossimo maggio 2013. Il colosso dei chip ha sei mesi di tempo per trovare il successore a Santa Clara.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Etype
    > > > la tecnologia ARM sta crescendo
    > > > molto più velocemente di x86, e se fai
    > 2+2
    > > questo
    > > > potrebbe significare un ribaltone anche
    > sulle
    > > > architetture dei PC...
    > >
    > > Come noSorride
    >
    >
    > Sai chi è Paul Otellini?

    Ahahah io ho usato sempre un computer,tu puoi dire altrettanto ?A bocca aperta

    > http://en.wikipedia.org/wiki/Paul_Otellini
    >
    > Otellini joined Intel in 1974
    >
    > http://www.itespresso.it/il-ceo-paul-otellini-lasc
    >
    > L’era Mobile miete una nuova vittima,
    > dopo aver falcidiato i vertici del fior fiore
    > degli ex colossi. Se il penultimo è Steve
    > Sinofsky di Microsoft, l’ultimo a lasciare Intel
    > è il Ceo di Intel Ceo Paul Otellini, dopo 40 anni
    > di carriera, nominato Ceo nel 2005. Otellini si
    > ritirerà il prossimo maggio 2013. Il colosso dei
    > chip ha sei mesi di tempo per trovare il
    > successore a Santa Clara.


    Copi/incolli le stesse cose su più post per dare più risalto alle tue tesi ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Caro Galimberti,
    ma tu hai mai provato qualcosa fuori dal recinto della Mela?

    Giusto perché se fai un discorso come questo dovresti essere ben sicuro delle alternative. Che poi, oddio, cerchiamo di non prenderci in giro: le """"""alternative"""""" ci sono già, esistono e funzionano mentre guarda caso Apple non ha un fico secco in questa direzione.

    Se non tanto appeal verso i nuovi analfabeti informatici (o quelli di ritorno).

    Che ne dici? Mi degni di una risposta questa volta o devo scrivere sul tuo melatissimo blog?

    Baci.
    non+autenticato
  • Macché... di mestiere si occupa di automazione industriale quindi ha a che fare professionalmente con il mondo dei computers solo in maniera marginale. Temo che persino ruppolo sia più esperto di informatica, se non altro il buon ruppy lavora in prima linea ed ha a che fare con il cliente finale e con i problemi HW e SW e non per sentito dire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnammolo
    > Macché... di mestiere si occupa di automazione
    > industriale quindi ha a che fare
    > professionalmente con il mondo dei computers solo
    > in maniera marginale. Temo che persino ruppolo
    > sia più esperto di informatica, se non altro il
    > buon ruppy lavora in prima linea ed ha a che fare
    > con il cliente finale e con i problemi HW e SW e
    > non per sentito
    > dire.

    Credi sul serio in cio' che hai scritto?
  • si, al 100%; Galimberti non puo essere definito un esperto di informatica
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnammolo
    > si, al 100%; Galimberti non puo essere definito
    > un esperto di
    > informatica

    Mi riferivo alla parte di ruppolo.
  • - Scritto da: sbrotfl
    > - Scritto da: gnammolo
    > > si, al 100%; Galimberti non puo essere
    > definito
    > > un esperto di
    > > informatica
    >
    > Mi riferivo alla parte di ruppolo.

    Lol, avevo lo stesso dubbio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnammolo
    > Macché... di mestiere si occupa di automazione
    > industriale quindi ha a che fare
    > professionalmente con il mondo dei computers solo
    > in maniera marginale.

    Infatti è risaputo che la programmazione industriale si fa col Mac...
    Ma parlate con cognizione di causa, o vi piace dar aria alla bocca?
    non+autenticato
  • - Scritto da: crumiro
    > Caro Galimberti,
    > ma tu hai mai provato qualcosa fuori dal recinto
    > della
    > Mela?
    >
    > Giusto perché se fai un discorso come questo
    > dovresti essere ben sicuro delle alternative. Che
    > poi, oddio, cerchiamo di non prenderci in giro:
    > le """"""alternative"""""" ci sono già, esistono
    > e funzionano mentre guarda caso Apple non ha un
    > fico secco in questa direzione.

    Di quali alternative funzionanti stai parlando?
    ruppolo
    33147
  • Concordo con te su tutta la questione Apple.

    Ma se guardiamo all'essenza dell'articolo, ad oggi che che se ne dica, l'unica casa che ha un vero OS completo a tutti gli effetti per un utilizzo all around di un computer su processore ARM è Microsoft.

    Da questo punto di vista, e sinceramente non me l'aspettavo, ha messo nel sacco tutti, Apple compresa.

    In soldoni, ad oggi, se una Dell qualunque volesse fare un server su processore ARM e avesse bisogno di un OS stabile e funzionante sarebbe obbligata ad andare su M$.

    E tanto di cappello.
    maxsix
    9659
  • - Scritto da: maxsix
    > Concordo con te su tutta la questione Apple.
    >
    > Ma se guardiamo all'essenza dell'articolo, ad
    > oggi che che se ne dica, l'unica casa che ha un
    > vero OS completo a tutti gli effetti per un
    > utilizzo all around di un computer su processore
    > ARM è
    > Microsoft.

    Di tutte le minchiate che hai sparato in vita tua, e che ancora sparerai, questa e' la piu' colossale.

    Esiste UN SOLO SISTEMA ARM ad oggi.
    Ed e' LINUX!

    http://archlinuxarm.org/
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: maxsix
    > > Concordo con te su tutta la questione Apple.
    > >
    > > Ma se guardiamo all'essenza dell'articolo, ad
    > > oggi che che se ne dica, l'unica casa che ha
    > un
    > > vero OS completo a tutti gli effetti per un
    > > utilizzo all around di un computer su
    > processore
    > > ARM è
    > > Microsoft.
    >
    > Di tutte le minchiate che hai sparato in vita
    > tua, e che ancora sparerai, questa e' la piu'
    > colossale.
    >
    > Esiste UN SOLO SISTEMA ARM ad oggi.
    > Ed e' LINUX!
    >
    > http://archlinuxarm.org/

    Ma non dire vaccate.
    Intanto ci sono 4 distribuzioni, arch, debian, ubuntu e fedora.
    Punto primo.

    Punto secondo, ad oggi M$ ha un vantaggio competitivo su Arm non da poco. Se ancora non hai capito perchè, mi spiace ma non è un problema mio.
    maxsix
    9659
  • - Scritto da: maxsix
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: maxsix
    > > > Concordo con te su tutta la questione
    > Apple.
    > > >
    > > > Ma se guardiamo all'essenza
    > dell'articolo,
    > ad
    > > > oggi che che se ne dica, l'unica casa
    > che
    > ha
    > > un
    > > > vero OS completo a tutti gli effetti
    > per
    > un
    > > > utilizzo all around di un computer su
    > > processore
    > > > ARM è
    > > > Microsoft.
    > >
    > > Di tutte le minchiate che hai sparato in vita
    > > tua, e che ancora sparerai, questa e' la piu'
    > > colossale.
    > >
    > > Esiste UN SOLO SISTEMA ARM ad oggi.
    > > Ed e' LINUX!
    > >
    > > http://archlinuxarm.org/
    >
    > Ma non dire vaccate.
    > Intanto ci sono 4 distribuzioni, arch, debian,
    > ubuntu e
    > fedora.
    > Punto primo.

    no intanto stai dicendo cazzate perchè si parla di un kernel proto da un bel po per gli arm, non c'entra proprio nulla le distribuzioni, che se è per questo sono decine le distro pronte per arms, distrowatch docet

    >
    > Punto secondo, ad oggi M$ ha un vantaggio
    > competitivo su Arm non da poco. Se ancora non hai
    > capito perchè, mi spiace ma non è un problema
    > mio.

    oggi microsoft non ha manco un sistema pronto per arm, non ha coinvolto gli sviluppatori a convertire anche per arm il proprio software, non ha preparato proprio nulla per passare ad arm, esattamente come apple, raffazzonare un sistema operativo e dire che è per arm è ciò che ha fatto microsoft, non ha creato un sistema operativo per girare su arm, ben diverso vero da linux che puoi gestire e compilare come vuoi, ma sei fratello di ruppolo? perchè fino ad ora entrambi avete superato bertuccia per cazzate e applecorinamento
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giuda
    > - Scritto da: maxsix
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > - Scritto da: maxsix
    > > > > Concordo con te su tutta la
    > questione
    > > Apple.
    > > > >
    > > > > Ma se guardiamo all'essenza
    > > dell'articolo,
    > > ad
    > > > > oggi che che se ne dica, l'unica
    > casa
    > > che
    > > ha
    > > > un
    > > > > vero OS completo a tutti gli
    > effetti
    > > per
    > > un
    > > > > utilizzo all around di un computer
    > su
    > > > processore
    > > > > ARM è
    > > > > Microsoft.
    > > >
    > > > Di tutte le minchiate che hai sparato
    > in
    > vita
    > > > tua, e che ancora sparerai, questa e'
    > la
    > piu'
    > > > colossale.
    > > >
    > > > Esiste UN SOLO SISTEMA ARM ad oggi.
    > > > Ed e' LINUX!
    > > >
    > > > http://archlinuxarm.org/
    > >
    > > Ma non dire vaccate.
    > > Intanto ci sono 4 distribuzioni, arch,
    > debian,
    > > ubuntu e
    > > fedora.
    > > Punto primo.
    >
    > no intanto stai dicendo cazzate perchè si parla
    > di un kernel proto da un bel po per gli arm, non
    > c'entra proprio nulla le distribuzioni, che se è
    > per questo sono decine le distro pronte per arms,
    > distrowatch
    > docet
    >
    Ascolta bimbo.
    Qui si parla di OS non di Kernel in se.
    E aggiungo pure OS e tutto il resto che ci gravita intorno per rendere qualcosa da un puro esercizio di stile a un qualcosa di usabile e produttivo.

    Le distro di distrowatch sono cloni riadattati, customizzati delle suddette. Quindi o sai di cosa parli o lascia perdere.

    > >
    > > Punto secondo, ad oggi M$ ha un vantaggio
    > > competitivo su Arm non da poco. Se ancora
    > non
    > hai
    > > capito perchè, mi spiace ma non è un problema
    > > mio.
    >
    > oggi microsoft non ha manco un sistema pronto per
    > arm, non ha coinvolto gli sviluppatori a
    > convertire anche per arm il proprio software, non
    > ha preparato proprio nulla per passare ad arm,
    > esattamente come apple, raffazzonare un sistema
    > operativo e dire che è per arm è ciò che ha fatto
    > microsoft, non ha creato un sistema operativo per
    > girare su arm, ben diverso vero da linux che puoi
    > gestire e compilare come vuoi, ma sei fratello di
    > ruppolo? perchè fino ad ora entrambi avete
    > superato bertuccia per cazzate e
    > applecorinamento

    Lascia perdere le cose raffazzonate che su Linux ce ne sono a iosa ovunque, quindi il tuo pulpito è a dir poco inaffidabile e tendenzioso.

    Detto questo Windows RT & C., a mio modo di vedere (e non solo mio) ha un vantaggio competitivo odierno che altri non hanno.
    Neppure Apple, di cui sono parzialmente sicuro, sono rimasti come le statue di sale.

    Ripeto se il mercato dovesse portare l'architettura ARM a una maturazione che la facesse uscire dal mercato del mobile in senso largo M$ ad oggi ha un vantaggio non da poco.

    E potete star la a battervi le palle con il martello voi con Archlinux o quello che vi pare.
    maxsix
    9659
  • - Scritto da: maxsix

    > Ascolta bimbo.

    Bimbo lo dici ai tuoi amichetti piu' grandi dell'asilo.
    Qui, a parte voi morsicamela, c'e' solo gente con le palle belle grosse.

    > Qui si parla di OS non di Kernel in se.

    E senza un kernel, l'OS come lo fai girare?
    Linux ha un kernel arm.
    Tutto il resto si ricompila di conseguenza.

    > E aggiungo pure OS e tutto il resto che ci
    > gravita intorno per rendere qualcosa da un puro
    > esercizio di stile a un qualcosa di usabile e
    > produttivo.

    Appunto.
    E' un attimo ricompilare tutti i pacchetti per arm.
    E coi cross compilers, puoi anche farlo su macchine intel!
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: maxsix
    >
    > > Ascolta bimbo.
    >
    > Bimbo lo dici ai tuoi amichetti piu' grandi
    > dell'asilo.

    Bimbo lo dico a mio figlio di 4 anni, che dimostra un intelligenza superiore al cantinaro medio.

    > Qui, a parte voi morsicamela, c'e' solo gente con
    > le palle belle
    > grosse.
    >
    > > Qui si parla di OS non di Kernel in se.
    >
    > E senza un kernel, l'OS come lo fai girare?
    > Linux ha un kernel arm.
    > Tutto il resto si ricompila di conseguenza.
    >
    E non è proprio così.
    Le ricompilazioni hanno bisogno di librerie che supportino parecchie funzioni che vanno oltre al kernel stesso.
    Ad oggi non tutte le librerie base sono portate e quelle che ci sono molte sono instabili o tenute su con le graffette.

    > > E aggiungo pure OS e tutto il resto che ci
    > > gravita intorno per rendere qualcosa da un
    > puro
    > > esercizio di stile a un qualcosa di usabile e
    > > produttivo.
    >
    > Appunto.
    > E' un attimo ricompilare tutti i pacchetti per
    > arm.
    > E coi cross compilers, puoi anche farlo su
    > macchine
    > intel!

    E chi ha detto niente.
    La questione è che Linux non è ancora stabile e proponibile sul mercato su Arm (e questo vale anche per x86 ma lasciamo perdere). Basta guardare i forum dedicati a Rasbperry PI, se ne leggono di tutti i colori.
    M$ con windows RT è li sugli scaffali. Oggi. Con il suo modello di hardware, le sue specifiche e con qualcuno che inizia pure a clonarlo http://techcrunch.com/2012/10/30/acer-wisely-shelv.../

    Certo concordo che non è un PC "classico" ma la strada da fare non è per niente lunga, anzi.

    Specifico meglio, ha molta meno strada da fare M$ + OEM a caso a fare un PC completo su base ARM che la stessa Apple che deve "convertire e mescolare" iOS e Mac OS X su hardware proprietario.

    Bella, brutta, piace o non piace è la verità.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 dicembre 2012 12.12
    -----------------------------------------------------------
    maxsix
    9659
  • PI, ma perché questo tizio può esprimere la sua assai discutibile opinione in questo modo ed io non ho la facoltà di poter rispondere a tono?

    Ma state scherzando o cosa?

    Credo sia ora di finirla ed iniziare a moderare o a non moderare. Non a "censurare".
    non+autenticato
  • - Scritto da: crumiro
    > PI, ma perché questo tizio può esprimere la sua
    > assai discutibile opinione in questo modo ed io
    > non ho la facoltà di poter rispondere a
    > tono?
    >
    > Ma state scherzando o cosa?
    >
    > Credo sia ora di finirla ed iniziare a moderare o
    > a non moderare. Non a
    > "censurare".

    Perchè c'è modo e modo.
    C'è tono e tono.

    Che io ti dia fastidio ne sono conscio, la verità fa male, ma non scendo mai in torquilopio o invito la gente a lasciare il forum perchè non ho argomenti da controbattere.

    Capisci dove sta la differenza tra me e te?
    maxsix
    9659
  • - Scritto da: maxsix

    > Perchè c'è modo e modo.
    > C'è tono e tono.

    ahahah

    > Che io ti dia fastidio ne sono conscio, la verità
    > fa male, ma non scendo mai in torquilopio o
    > invito la gente a lasciare il forum perchè non ho
    > argomenti da
    > controbattere.

    dai fastidio solo alle moscheA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: maxsix
    > - Scritto da: crumiro
    > > PI, ma perché questo tizio può esprimere la
    > sua
    > > assai discutibile opinione in questo modo ed
    > io
    > > non ho la facoltà di poter rispondere a
    > > tono?
    > >
    > > Ma state scherzando o cosa?
    > >
    > > Credo sia ora di finirla ed iniziare a
    > moderare
    > o
    > > a non moderare. Non a
    > > "censurare".
    >
    > Perchè c'è modo e modo.
    > C'è tono e tono.

    Ecco: il tuo viene censurato su qualsiasi altro forum tranne qui.
    Devo VERAMENTE mettere dei link in maniera che tutti risalgano al tuo nome, cognome, indirizzo, piva e codice fiscale?

    >
    > Che io ti dia fastidio ne sono conscio, la verità
    > fa male, ma non scendo mai in torquilopio o
    > invito la gente a lasciare il forum perchè non ho
    > argomenti da
    > controbattere.

    Tu sei solo capace ad insultare.
    FONTI: chiunque su questo forum.

    >
    > Capisci dove sta la differenza tra me e te?

    Che io ne so qualcosa, e tu niente?
    non+autenticato
  • A parte che l'articolo è qualificabile come una marchetta di 3 pagine a Apple, il "personal computer" ad oggi è lo scassone IBM-compatibile (qualora abbia ancora senso questa dicitura che non vedo da anni), le gloriose macchine a 8 bit erano "home computer". Poi ci sono i "portatili", sempre IBM-compatibili... se il "personal computer" esce da questo paradigma non è più un personal computer. Perciò è corretto dire che il "personal computer" non esisterà più, in un sufficiente numero di anni: finché ci saranno IBM-compatibili ci saranno "personal computer".

    Parlare di architetture di per sé non ha molto senso: all'utente non si vendono architetture. Queste si sono evolute perché per gestire 16 milioni di colori la CGA non bastava, e con le schede più moderne le foto si vedevano meglio, coi processori più moderni il pc era più veloce, etc... pertanto basarsi sulle evoluzioni delle architetture per "predire" il futuro è fuorviante... adesso di potenza ce n'è comunque "tanta" (negli smartphone di oggi c'è molta più potenza di quanta ce ne fosse in un Amiga), le architetture evolvono perché ci sono dispositivi nuovi e la partita si gioca sulla durata oltre che potenza bruta... il personal computer del futuro non esisterà, avremo almeno 3-4 device (di cui probabilmente uno sottopelle) che dovranno integrarsi e cooperare al meglio fra loro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fabrizio Cinti
    > A parte che l'articolo è qualificabile come una
    > marchetta di 3 pagine a Apple, il "personal
    > computer" ad oggi è lo scassone IBM-compatibile
    > (qualora abbia ancora senso questa dicitura che
    > non vedo da anni), le gloriose macchine a 8 bit
    > erano "home computer". Poi ci sono i "portatili",
    > sempre IBM-compatibili... se il "personal
    > computer" esce da questo paradigma non è più un
    > personal computer. Perciò è corretto dire che il
    > "personal computer" non esisterà più, in un
    > sufficiente numero di anni: finché ci saranno
    > IBM-compatibili ci saranno "personal
    > computer".

    Guarda che un pc di adesso non è più compatibile con il pc IBM di quanto non lo sia con un commodore 64.
    Infatti le vecchie schede non sono compatibili (erano ISA, e sui computer di oggi non ci sono gli slot), le unità disco erano diverse, i dischi erano diversi (un floppy da 5 pollici, tipico di un pc ibm, come lo inserisci in un pc odierno?); quindi, occorre un computer vecchio per poter inserire il disco e trasferire i dati (esattamente come occorre un commodore 64 per leggere i floppy per c64... poi si può pensare a trasferirlo su un pc odierno).

    Inoltre, anche ammettendo di trovare su internet il software per il pc ibm originale... prova a usarlo su un pc odierno! Linux e OSX non te lo riconoscono, e nemmeno windows (se il file ha estensione .COM). L'unica soluzione è di usare dosbox, che è un emulatore: quindi, la compatibilità a livello software si ha solo usando emulatori... ma, dal momento che anche il software per commodore 64, o per msx, o per zx spectrum o apple 2 si può eseguire su un pc odierno usando gli appositi emulatori, che differenza c'è tra la compatibilità con questi sistemi e la compatibilità con il pc ibm?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: Fabrizio Cinti
    > > A parte che l'articolo è qualificabile come
    > una
    > > marchetta di 3 pagine a Apple, il "personal
    > > computer" ad oggi è lo scassone
    > IBM-compatibile
    > > (qualora abbia ancora senso questa dicitura
    > che
    > > non vedo da anni), le gloriose macchine a 8
    > bit
    > > erano "home computer". Poi ci sono i
    > "portatili",
    > > sempre IBM-compatibili... se il "personal
    > > computer" esce da questo paradigma non è più
    > un
    > > personal computer. Perciò è corretto dire
    > che
    > il
    > > "personal computer" non esisterà più, in un
    > > sufficiente numero di anni: finché ci saranno
    > > IBM-compatibili ci saranno "personal
    > > computer".
    >
    > Guarda che un pc di adesso non è più compatibile
    > con il pc IBM di quanto non lo sia con un
    > commodore
    > 64.
    > Infatti le vecchie schede non sono compatibili
    > (erano ISA, e sui computer di oggi non ci sono
    > gli slot), le unità disco erano diverse, i dischi
    > erano diversi (un floppy da 5 pollici, tipico di
    > un pc ibm, come lo inserisci in un pc odierno?);
    > quindi, occorre un computer vecchio per poter
    > inserire il disco e trasferire i dati
    > (esattamente come occorre un commodore 64 per
    > leggere i floppy per c64... poi si può pensare a
    > trasferirlo su un pc
    > odierno).
    >

    Ma guarda che se tu compri un PC IBM oggi, non è che trovi le schede ISA, il floppy da 5", ecc...
    Quello che stava dicendo Fabrizio è che non sono i singoli componenti, ma il quadro complessivo a definire un "PC".
    Ed in questo non vedo come non si possa essere d'accordo con lui, anche quando come in questo articolo si parla di SSD: embé? Se c'è un SSD non è un PC? E allora quando da AGP si è passati a PCI-e avremmo dovuto fare lo stesso discorso?
    Ubunto
    1350
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: Fabrizio Cinti
    > > A parte che l'articolo è qualificabile come
    > una
    > > marchetta di 3 pagine a Apple, il "personal
    > > computer" ad oggi è lo scassone
    > IBM-compatibile
    > > (qualora abbia ancora senso questa dicitura
    > che
    > > non vedo da anni), le gloriose macchine a 8
    > bit
    > > erano "home computer". Poi ci sono i
    > "portatili",
    > > sempre IBM-compatibili... se il "personal
    > > computer" esce da questo paradigma non è più
    > un
    > > personal computer. Perciò è corretto dire
    > che
    > il
    > > "personal computer" non esisterà più, in un
    > > sufficiente numero di anni: finché ci saranno
    > > IBM-compatibili ci saranno "personal
    > > computer".
    >
    > Guarda che un pc di adesso non è più compatibile
    > con il pc IBM di quanto non lo sia con un
    > commodore
    > 64.


    Beh questo non è proprio vero, per far girare il C64 ho bisogno di un emulatore, mentre da finestra DOS di Windows riesco a far girare buona parte dei vecchi programmi senza ricorrere ad emulatori, esistono perfino ancora in commercio MB con supporto all'ISA
    http://www.ibase.com.tw/mb820pic.htm

    > Infatti le vecchie schede non sono compatibili
    > (erano ISA, e sui computer di oggi non ci sono
    > gli slot), le unità disco erano diverse, i dischi
    > erano diversi (un floppy da 5 pollici, tipico di
    > un pc ibm, come lo inserisci in un pc odierno?);

    Ma il floppy da 3.5 pollici invece lo vendono ancora se vuoi e il lettore da 5.25 con un apposito adattatore lo puoi montare perfino su un PC moderno...

    > quindi, occorre un computer vecchio per poter
    > inserire il disco e trasferire i dati

    Senza contare che esistono adattatori per collegare via USB vecchi dischi Ide e travasare i dati http://www.youtube.com/watch?v=rZLnZtLhUxg


    > (esattamente come occorre un commodore 64 per
    > leggere i floppy per c64... poi si può pensare a
    > trasferirlo su un pc
    > odierno).
    >

    Eh un tantinello più difficile travasare i dati da C64 ad un PC odierno, Io diversi anni fa preferii scaricarmi un emulatore e una libreia vastissima di programmi di C64 che praticamente copriva tutti quelli che avevo (ed erano varie migliaia), piuttosto che impazzire e recuperare i dati in altro modo e pensa che all'epoca avevo un PC con anche i floppy da 5.25, peccato che non esistesse nessun programma in grado di leggerli, dovevi ricorrere al saldatore e modificare il disc drive del C64, per collegarlo alla seriale del PC... una roba banale alla portata di tutti...

    > Inoltre, anche ammettendo di trovare su internet
    > il software per il pc ibm originale... prova a
    > usarlo su un pc odierno! Linux e OSX non te lo
    > riconoscono, e nemmeno windows (se il file ha
    > estensione .COM). L'unica soluzione è di usare
    > dosbox, che è un emulatore: quindi, la
    > compatibilità a livello software si ha solo
    > usando emulatori... ma, dal momento che anche il
    > software per commodore 64, o per msx, o per zx
    > spectrum o apple 2 si può eseguire su un pc
    > odierno usando gli appositi emulatori, che
    > differenza c'è tra la compatibilità con questi
    > sistemi e la compatibilità con il pc
    > ibm?

    Che ad esempio i dati li puoi travasare da un floppy che qualsiasi MB ti riconosce ancora oggi e che trovi in commercio a pochi euro, che al limiti lo puoi travasare da un vecchio HD Ide con un cavo apposito Ide/USb, mentre prova a fare lo stesso da un C64 o da uno Zx spectrum... e non ho parlato neppure delle cassette registrate magari col turbo tape... roba che in genere leggevi solo con il registratore a nastro utilizzato!!!
  • - Scritto da: Fabrizio Cinti
    >
    > il personal computer del
    > futuro non esisterà, avremo almeno 3-4 device (di
    > cui probabilmente uno sottopelle) che dovranno
    > integrarsi e cooperare al meglio fra
    > loro.

    Concorde in tutto sino a qui. I device di cui parli si possono integrare a picere, ma non sono in grado di sostituire un PC. Non rispetto alla varietà e flessibilità che un PC (Mac inclusi) può raggiungere.
    In particolare i dispositivi visti sin'ora non sono strumenti di produzione, ma di consumo. A volte con una concessione alla produzione.

    Il PC, fisso o portatile ha il suo posto, sia a lavoro che a casa e lo avrà ancora per molto tempo. Perché è utile così come è: con la tastiera, il mouse ed un bel monitor. Inutile dire che ad un tablet puoi agganciare la tastiera, il mouse ed il monitor, perché facendo così stai ricostuendo... un PC.
    Ubunto
    1350
  • - Scritto da: Fabrizio Cinti
    > A parte che l'articolo è qualificabile come una
    > marchetta di 3 pagine a Apple, il "personal
    > computer" ad oggi è lo scassone IBM-compatibile

    Ad oggi ci sono ancora molti Symbian in circolazione, ma il futuro non è Symbian.

    > (qualora abbia ancora senso questa dicitura che
    > non vedo da anni),

    Certo che ce l'ha, e non va dimenticato. Ma è "IBM-PC compatibile", non "IBM-compatibile".

    > le gloriose macchine a 8 bit

    Subito portate a 16.

    > erano "home computer".

    No, erano personal computer.

    > Poi ci sono i "portatili",
    > sempre IBM-compatibili... se il "personal
    > computer" esce da questo paradigma non è più un
    > personal computer.

    Questo lo credi tu, che probabilmente non c'eri "nei giorni della creazione", quindi ti sei perso il "come e perché" del personal computer.

    > Perciò è corretto dire che il
    > "personal computer" non esisterà più, in un
    > sufficiente numero di anni: finché ci saranno
    > IBM-compatibili ci saranno "personal
    > computer".

    No, semplicemente quello che si è sempre erroneamente chiamato "personal computer" verrà invece chiamato "professional computer", o "business computer". Il personal computer È e sarà iPad di Apple, perlomeno per i prossimi 10 anni.

    > Parlare di architetture di per sé non ha molto
    > senso: all'utente non si vendono architetture.

    Infatti, ma sei tu per primo che ci devi credere.

    > Queste si sono evolute perché per gestire 16
    > milioni di colori la CGA non bastava, e con le
    > schede più moderne le foto si vedevano meglio,
    > coi processori più moderni il pc era più veloce,
    > etc... pertanto basarsi sulle evoluzioni delle
    > architetture per "predire" il futuro è
    > fuorviante...

    Infatti oggi la predizione la facciamo sulla base di iPad.

    > adesso di potenza ce n'è comunque
    > "tanta" (negli smartphone di oggi c'è molta più
    > potenza di quanta ce ne fosse in un Amiga),

    Amiga? Ce n'è più di quanta non ce ne fosse in un PC di 5 anni fa, altro che Amiga.

    > le
    > architetture evolvono perché ci sono dispositivi
    > nuovi e la partita si gioca sulla durata oltre
    > che potenza bruta... il personal computer del
    > futuro non esisterà,

    Esiste già, e il suo nome è iPad.

    > avremo almeno 3-4 device (di
    > cui probabilmente uno sottopelle) che dovranno
    > integrarsi e cooperare al meglio fra
    > loro.

    Mi sembra di sentire "il futuro sarà il computer" di qualche decennio fa. "Certo certo..."
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Esiste già, e il suo nome è iPad.

    Certo che dover infilare questo ca%%o di iPad ovunque...
    Ma se ad una buona percentuale di utenti di computer un tablet serve solo in bagno la mattina per leggere i titoli dei giornali, seduti sulla tazza del water...

    Io l'ho regalato il mio tablet Android, non ci facevo molta roba eppure non era cattivo... Solo che io non li uso per la sola fruizione di contenuti.
    Scrivo molto, sviluppo siti e webapp con vari framework, il tablet mi è solo di impaccio.
    Il mio ideale è il sub-notebook, 11,6"-12" e CPU un po' più potente di un Atom, sistema operativo Linux.
    Va anche nello zaino monospalla o in una borsetta tracolla anche quando vado in moto.

    Dopo l'ubriacatura della moda dei tablet, l'ho giustamente cassato. Oggi lo comprerei solo per la funzione di ereader e poco altro. A patto però che abbia ottima autonomia!

    Aspettiamo che scendano i prezzi sotto i €500 degli ultrabook sempre da 11,6"-12" e touchscreen.

    Il resto va bene anche ma non per me e per chi vive o lavora, o è appassionato di IT a livello anche di sviluppo.
    Il tablet è ottimo solo al fruitore di contenuti, al commerciale in mobilità, a chi legge il giornale online seduto sul water la mattina.
    iRoby
    8344
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Esiste già, e il suo nome è iPad.
    >
    > Certo che dover infilare questo ca%%o di iPad
    > ovunque...
    Perchè è il leader incontrastato del mercato. Ed è quello che ne determina la tendenza.
    Non è difficile da capire, dopo che hai smesso di rodere.

    > Ma se ad una buona percentuale di utenti di
    > computer un tablet serve solo in bagno la mattina
    > per leggere i titoli dei giornali, seduti sulla
    > tazza del
    > water...
    >
    E anche se fosse? Più personal computer di così non saprei come definirlo.

    > Io l'ho regalato il mio tablet Android, non ci
    > facevo molta roba eppure non era cattivo... Solo
    > che io non li uso per la sola fruizione di
    > contenuti.

    Per forza, non ci sono app che non siano quattro inutili cianfrusaglie clonate all'ennesima potenza. E non dire di no, perchè sai che è vero.
    Prendi un ipad e poi mi dici.

    > Scrivo molto, sviluppo siti e webapp con vari
    > framework, il tablet mi è solo di impaccio.
    >
    Male, vuol dire che tra 2 anni sarai senza lavoro.

    > Il mio ideale è il sub-notebook, 11,6"-12" e CPU
    > un po' più potente di un Atom, sistema operativo
    > Linux.
    > Va anche nello zaino monospalla o in una borsetta
    > tracolla anche quando vado in
    > moto.
    >
    Oddio, tu vivi ancora nel mondo di 5 anni fa.

    > Dopo l'ubriacatura della moda dei tablet, l'ho
    > giustamente cassato. Oggi lo comprerei solo per
    > la funzione di ereader e poco altro. A patto però
    > che abbia ottima
    > autonomia!
    >
    Contento te.

    > Aspettiamo che scendano i prezzi sotto i €500
    > degli ultrabook sempre da 11,6"-12" e
    > touchscreen.
    >
    > Il resto va bene anche ma non per me e per chi
    > vive o lavora, o è appassionato di IT a livello
    > anche di sviluppo.
    >
    Ti dimentichi una cosa importante. Chi lavora al di la del muro, o gli operatori del settore, avranno sicuramente i loro strumenti per sviluppare.
    Ma cambia il paradigma e l'obbiettivo.
    Non si svilupperà più per piattaforme simili o uguali all'originale, ma per piattaforme diverse.

    > Il tablet è ottimo solo al fruitore di contenuti,
    > al commerciale in mobilità, a chi legge il
    > giornale online seduto sul water la
    > mattina.

    Ho un esercito di gente che non è daccordo con te.
    E sopratutto è la gente che mi paga la percentuale sulle app che faccio.

    Tu rimani pure li a menare la favella sul tuo idealismo da 4 soldi, proprio 4, perchè di più non ne fai.
    maxsix
    9659
  • E le app le sviluppi in toto su un iPad? Sorpresa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Polemik
    > E le app le sviluppi in toto su un iPad? Sorpresa

    Cosa non hai capito di questo:

    >Ti dimentichi una cosa importante. Chi lavora al di la del muro, o gli operatori del settore, >avranno sicuramente i loro strumenti per sviluppare.
    >Ma cambia il paradigma e l'obbiettivo.
    >Non si svilupperà più per piattaforme simili o uguali all'originale, ma per piattaforme diverse.

    Fatica leggere si?
    maxsix
    9659
  • fatica capire si?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)