Mauro Vecchio

Eric Schmidt e le nuove nazioni della tecnologia

I rapporti tra Google e Apple sarebbero più simili a quelli di due stati maturi che alle beghe infantili di due ragazzini armati fino ai denti. Ma al chairman non va giù il rifiuto di Maps e YouTube. E si sorprende per l'andamento della guerra dei brevetti

Roma - In una lunga intervista rilasciata al prestigioso quotidiano finanziario The Wall Street Journal, il chairman di Google Eric Schmidt ha parlato a ruota libera degli attuali rapporti - commerciali e non - tra i giganti di Mountain View e Cupertino. Come è cambiato l'approccio nei confronti di Apple alla luce di quanto successo nello scorso anno?

Alla domanda della redazione del WSJ, l'ex-CEO di BigG ha parlato di relazioni sempre in bilico tra amore e rottura. "Ovviamente, avremmo preferito l'utilizzo delle nostre mappe", ha ammesso Schmidt dopo che Apple ha fatto fuori Maps dall'ultima release iOS 6. L'adozione di un servizio homemade non passerà alla storia come la miglior decisione presa da Cupertino.
"Hanno lasciato YouTube fuori dagli schermi di iPhone e iPad - ha poi rincarato Schmidt in materia di iOS 6 - E non sono sicuro dei motivi alla base di questa scelta".

Schmidt si dice inoltre sorpreso dall'atteggiamento tenuto dalla Mela nel corso della guerra dei brevetti: "è estremamente curioso che Apple abbia scelto di denunciare i partner di Google e non Google stessa".
Per il chairman di Google, la stampa specializzata che ha spiegato al mondo questi attriti avrebbe adottato un "infantile modello di competizione", ovvero basato su due ipotetici ragazzini che si puntano la pistola addosso in attesa del primo sparo.
"La maniera adulta di gestire un business è invece più simile a quella di due nazioni - ha replicato Schmidt - Due nazioni che possono avere delle dispute, ma che poi sono capaci di instaurare preziosi rapporti commerciali. Piuttosto che distruggersi con le bombe". Dal nuovo CEO di Apple Tim Cook a Larry Page, i vertici delle due società sarebbero consapevoli di questo modello "statale" di fare business.

Nel corso dell'intervista al WSJ, Schmidt ha invitato le autorità antitrust di Europa e Stati Uniti a decidere in fretta: denunciare Google per abuso di posizione dominante o lasciar cadere per sempre il caso. La Grande G è accusata di aver manipolato i risultati di ricerca per declassare determinati competitor, nei servizi digitali legati ai viaggi o alla comparazione dei prezzi.

Il pensiero di Eric Schmidt verrà presto ampliato nel libro scritto con il direttore di Google Ideas Jared Cohen. Come confermato dall'editore Alfred A. Knopf, il saggio The New Digital Age: Reshaping the Future of People, Nations and Business uscirà alla fine del prossimo aprile sul mercato editoriale statunitense. Il volume si concentrerà sulla trasformazione della società contemporanea con l'avvento del web ubiquo.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia Eric Schmidt e le nuove nazioni della tecnologia
Ordina
  • Come mai, visto che ha il 70 e fischia percento dell'installato con il suo Android:
    1) viene a frignare sul fatto che Apple lo ha sbattuto fuori dalle mappe e gli ha segato youtube?
    2) come mai frigna sul fatto che Apple ha denunciato i produttori e non Google stessa?
    3) come mai frigna e in contemporanea fa uscire il nuovo client gmail su iOS infinitamente superiore alla controparte Android?
    4) come mai frigna?
    maxsix
    9966
  • Per quanto posso capire, Apple, Google ed ora anche Microsoft stanno cercando, in modi e con tempi diversi, di creare tre differenti monopoli (e fra loro un oligopolio).
    Comunque vada il mercato, gli utenti (ma direi "le persone") potranno solo perderci, alla lunga.
    Ogni monopolio tende alla stagnazione per sua stessa natura, come la natura del consumismo attuale tende a creare gigantismo commerciale e quindi, appunto, monopoli e oligopoli...
    non+autenticato
  • lo dice anche schmidt stesso:"Due nazioni che possono avere delle dispute, ma che poi sono capaci di instaurare preziosi rapporti commerciali" ovvero litigare ma lo scopo è fare soldi, farli insieme è meglio, e si sfrutta di più la merce (che talvolta si chiama utenti)
    non+autenticato