massimo mantellini

Contrappunti/ Addio Mario, addio agenda digitale

di M. Mantellini - Con il Governo tecnico che si avvia alle dimissioni svanisce anche la speranza che avrebbe affrontato il tema dell'ammodernamento tecnologico. Chi avrà coraggio e lucidità per farlo?

Contrappunti/ Addio Mario, addio agenda digitaleRoma - Dentro quell'enorme camera di eco che è Internet, dopo mesi e mesi di discussioni accalorate, strepiti, chiacchiericci e fiere prese di posizione, il silenzio oggi è assordante. Nel giorno in cui Mario Monti annuncia le sue dimissioni diventa improvvisamente chiaro a chiunque, perfino ai più intrepidi sognatori, che in un anno di governo tecnico il bilancio complessivo per lo sviluppo tecnologico del Paese, se si eccettua il decreto sulle startup, è rimasto sostanzialmente a zero.

Le priorità erano altre e questo era in fondo già chiaro fin dall'inizio: poteva il governo tecnico salvare il paese sull'orlo del baratro utilizzando Internet e la tecnologia come una delle leve fondamentali per rimettere in sesto conti, priorità e prospettive? No, non poteva, per una banale questione ideologica: Mario Monti non era uomo in grado di ragionare in questi termini. Le sue idee erano e restano le solite idee vecchie e solide degli economisti fatti e finiti. I mercati, il debito, lo spread, la tassazione ecc. Niente di sbagliato, tutto molto vecchio.

Ciò che in molti ci saremmo aspettati è che i giganteschi problemi dell'Italia potessero per la prima volta essere osservati anche con il filtro curioso e inedito dell'innovazione tecnologica: esistevano molte condizioni di scenario che lo rendevano possibile. Così non è stato.
I metodi del fallimento invece sono gli stessi per qualsiasi governo del Paese, il governo tecnico non ha fatto eccezione. Se una questione è complicata e fastidiosa, se riguarda temi inediti e oscuri, allora è argomento ideale per essere sottoposto ad un po' di comitatologia. Se l'agenda digitale fosse stata percepita come un tema fondamentale il giorno dopo la nomina del Premier avremmo avuto una figura istituzionale (un ministro, un sottosegretario, chiamatelo come volete, in ogni caso una figura con grandi poteri) con chiaro mandato per occuparsene. Da noi Mario Monti ha fin da subito fatto capire che una simile figura non era necessaria ed ha buttato l'osso digitale dentro l'arena delle varie competenze ministeriali. Il risultato comitatologico è stato "la cabina di regia" per l'agenda digitale, Idra con troppe teste la cui semplice composizione traggo direttamente dal sito del Ministero:
La Cabina di Regia per l'Agenda Digitale Italiana (ADI) è stata istituita il primo marzo con decreto del Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, il Ministro per la coesione territoriale, il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca e il Ministro dell'economia e delle finanze e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Coesione è una parola grossa, diciamo che la cabina di regia ha fallito quasi del tutto la propria funzione non tanto e non solo per il fatto che l'osso digitale aveva fin da subito troppi padroni, ma proprio perché l'arena del combattimento era molto distante dal più vicino centro abitato.

Perché è vero che l'agenda digitale attraversa come un coltello i temi della ricerca, della didattica dell'amministrazione, dell'economia e della cultura e richiede la sensibilità e la presa di coscienza dei responsabili di tanti dicasteri, ma è altrettanto vero che o la si accetta come filtro ideologico ad ogni scelta politica o semplicemente la si ignora, abbandonandola alle usuali beghe di potere (che non mancano mai nemmeno nei governi tecnici).

Quindi dopo mesi di discussioni, dopo sovrapposizioni fra i progetti di legge dei partiti e quello del governo (progetti sostanzialmente simili) dopo i ritardi inevitabili della cabina di regia il cui lavoro comitatologico è stato ovviamente molto ampio ed accurato, la sostanza è che Mario Monti due giorni fa ha detto che rassegnerà le dimissioni dopo l'approvazione della legge di stabilità. Ne consegue che il decreto Digitalia che contiene molti provvedimenti essenziali per lo sviluppo del Paese (uno su tutti l'annullamento del digital divide geografico entro il 2013) e che a parole era urgentissimo già un anno fa, verrà abbandonato al suo triste destino. Fine analoga potrebbero fare a questo punto il disegno di legge Gentiloni-Rao-Bergamini che, per una volta, metteva assieme le anime lontanissime di buona parte dell' arco parlamentare sui temi del digitale e che rischia di uscire polverizzato dalla rinnovata contrapposizione elettorale.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo
166 Commenti alla Notizia Contrappunti/ Addio Mario, addio agenda digitale
Ordina
  • Secondo me questo articolo è un po' facilista e viziato. Ognuno porta acqua al proprio mulino e Mantellini, da affiliato al mondo informatico, guarda solo a quello che è più vicino ai propri interessi, cioè l'agenda digitale. Quello che la sua miopia gli ha impedito di vedere è che il governo Monti è entrato in azione per cercare di rallentare un'inerziale caduta dell'economia italiana. In tutto questo lo spread gioca il ruolo del coefficiente di gravità, più è alto e più velocemente si cade.
    La ricerca scientifica in generale controbilancia questa caduta, ma gli effetti si vedono sul lungo termine, e bisogna valutare se l'economia di un paese si schianterà sul fondo del baratro (vedi Grecia) prima che le ricerche scientifiche diano i loro frutti.
    Parlando poi di un governo tecnico, posticcio e provvisorio, pretendere che pensassero prima di tutto ad azioni a lungo termine è pretestuoso.
    Foy
    33
  • Le cose o si fanno subito o non si fanno mai, quindi sin dalle prime mosse di questo governo si è capito che erano interessati solo alle tasse e non al resto. La Mission Impossible di ammazzare l'economia itaiana sta infatti riuscendo benissimo. Era, in fondo, l'unico scopo di questo governo e bisogna dargli atto che il successo è stato pieno.

    Pe quanto riguarda l'agenda digitale, che di per sé è solo un concetto di marketing della pubblica amministrazione, quindi vago quant'altri mai, immagino che il nuovo redditometro per i privati sia un esempio concreto di come Monti e i suoi concepiscano l'agenda digitale: come un ulteriore strumento per spremere il cittadino inerme.

    A parte questo, pur ammettendo volentieri che internet è la cosa più straordinaria mai capitata agli esseri umani, non ci vuole molto a capire che se si dovesse applicare con coerenza l'agenda digitale il risultato sarebbe la distruzione completa di milioni di posti di lavoro nella pubblica amministrazione, nell'insegnamento, e dovunque internet sia in grado di dimostrare che un solo sito fatto bene può di fatto rendere superflui milioni di lavoratori "tradizionali".

    A questo punto, visto che noi possiamo pure permetterci di essere ingenui o accademici, ma per chi sta nella pubblica amministrazione è una questione di sopravvivenza, è fin troppo ovvio che l'agenda digitale è destinata a rimanere pura chiacchiera anche in futuro e qualunque sia il governo che ci capiterà addosso.
    non+autenticato
  • Monti durante il suo mandato ha impoverito l'Italia di ben altri 80 miliardi di euro.

    L'agenda digitale se si muoverà sarà solo quando in Italia scenderanno i padroni franco-tedeschi ed inizieranno a sfruttare la popolazione nelle loro filiali italiane.
    Allora l'agenda digitale servirà solo a queste realtà, cioè portare fibre nei pressi delle industrie a padrone franco-tedesco e le popolazioni a cui poter vendere qualcosa.

    La rete sarà aggiornata solo a macchia di leopardo e solo per il buon funzionamento della rete industriale dei padroni stranieri.
    iRoby
    7757
  • - Scritto da: iRoby
    > Monti durante il suo mandato ha impoverito
    > l'Italia di ben altri 80 miliardi di
    > euro.
    >
    > L'agenda digitale se si muoverà sarà solo quando
    > in Italia scenderanno i padroni franco-tedeschi
    > ed inizieranno a sfruttare la popolazione nelle
    > loro filiali
    > italiane.
    > Allora l'agenda digitale servirà solo a queste
    > realtà, cioè portare fibre nei pressi delle
    > industrie a padrone franco-tedesco e le
    > popolazioni a cui poter vendere
    > qualcosa.
    Vedo già in giro soldati con l'elmetto a punta inizio a preoccuparmi?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: atem
    > Vedo già in giro soldati con l'elmetto a punta
    > inizio a preoccuparmi?A bocca aperta

    Dovresti iniziare a preoccuparti perché è proprio così!

    Sarà chiusa l'arma dei Carabinieri ed al suo posto ci sarà la Eurogendfor che non risponde a nessun parlamento locale.

    http://www.ilcambiamento.it/guerre/carabinieri_add...
    iRoby
    7757
  • > Sarà chiusa l'arma dei Carabinieri ed al suo
    > posto ci sarà la Eurogendfor che non risponde a
    > nessun parlamento
    > locale.

    Perchè i carabienieri rispondono al parlamento?
    Mi risulta che i carabinieri dipendano dalla difesa, quindi dal governo... come pure l'eurogendfor dipenderebbe dai ministri degli esteri e della difesa degli stati membri.
    non+autenticato
  • Esattamente, i Carabinieri non li vogliono perché sono un corpo militare. E ce li stanno facendo smantellare.

    La Eurogendfor non risponde a nessun parlamento quindi non risponde ad organi eletti dal popolo. E gode di immunità giudiziarie complete.

    http://www.libreidee.org/2012/10/silenzio-su-eurog.../
    iRoby
    7757
  • - Scritto da: iRoby
    > Esattamente, i Carabinieri non li vogliono perché
    > sono un corpo militare. E ce li stanno facendo
    > smantellare.
    >
    > La Eurogendfor non risponde a nessun parlamento
    > quindi non risponde ad organi eletti dal popolo.
    > E gode di immunità giudiziarie
    > complete.
    >
    quindi basta dare l'elmetto a punta anche ai carabiieri?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Esattamente, i Carabinieri non li vogliono perché
    > sono un corpo militare. E ce li stanno facendo
    > smantellare.
    >
    > La Eurogendfor non risponde a nessun parlamento
    > quindi non risponde ad organi eletti dal popolo.
    > E gode di immunità giudiziarie
    > complete.

    Quindi che differenza c'e' coi celerini?
  • Se tu avessi letto l'articolo fino in fondo, inclusa l'errata corrige, avresti letto che "L’ufficio stampa del Comando Generale dell’ Arma dei Carabinieri, ci comunica che la notizia su una possibile smilitarizzazione del suddetto corpo è assolutamente da escludere. I carabinieri faranno parte dell’Eurogendfor ma non verranno smembrati né assorbiti dal nuovo corpo di gendarmeria."
    Inoltre la notizia riportata è vecchia di 10 mesi e nessuno ne ha mai parlato, quindi non mi sembra che in molti l'abbiano presa seriamente.
    Foy
    33
  • smentita da tempo questa favola.
    Sgabbio
    26178
  • Postami la documentazione che riporta la smentita...
    iRoby
    7757
  • Tutta la classe politica, vede la tecnologia dell'informatizzazione solo come businness, quindi clientelismi vari e di bassissimo contenuto tecnico per realizzare infrastrutture e software.
    Un esempio lampante è il redditest, una schifezza galattica che un qualunque ragazzino farebbe meglio, molto meglio, che in appalto sarà costata un patrimonio, che per di più è fatta con java, utilizzato solo più dalla agenzia delle entrate (una applicazione completamente web non necessita di java, non usiamo a bomba atomica per colpire un moscerino); con tutti i bachi che hanno i runtime di sun (pardon, oracle) devo aprire i plugin di java solo per lavorare con agenzia dele entrate ...... siamo al 4° mondo dell'informatica.
    non+autenticato
  • neanche a ma piace java però un'appplicazione web necessita di infrastrutture varie (server, connettività..), questa qui (chwe non ho visto) dovrebbe girare sul client e, oltre alla java machine,conosco solo python di multipiattaforma...
    non+autenticato
  • Mantellini, bell'articolo ma ti rendi conto che la nostra classe politica è vecchia?
    Come fanno questi politici a capire un qualcosa di tencologico, come possono "perorare" la causa di chi vorrebbe un ADSL decente se non sanno nemmeno come si usa un computer? Come fanno?
    Tutti i governi hanno fallito perché non sanno come affrontare il problema, o meglio non conoscendo la tecnologia non sanno come spillarci meglio i soldi....
    Persino alle primarie (truccate) abbiamo visto un Bersani che di fronte ad un ballotaggio non ha saputo tirarsi indietro e fare largo ad un giovane.
    Non illudiamoci che salga qualcuno e che porti l'Italia ad essere veramente competitiva e funzionante come dovrebbe essere un paese civile e soprattutto moderno.
    Saluti
  • - Scritto da: devil64
    > Mantellini, bell'articolo ma ti rendi conto che
    > la nostra classe politica è
    > vecchia?
    E che palle con sta storia!
    Non necessariamente vecchio==rimbaOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: atem
    > - Scritto da: devil64
    > > Mantellini, bell'articolo ma ti rendi conto
    > che
    > > la nostra classe politica è
    > > vecchia?
    > E che palle con sta storia!
    > Non necessariamente vecchio==rimbaOcchiolino
    Grazie del suggerimento, ma le persone anziane (politici giovani ce ne sono pochi) hanno una visione della vita diversa da un giovane. Sarà perché si sentono un piede nella fossa (vedi i pensionati alle Poste che hanno sempre fretta anche se non fanno nulla) e non riescono a vedere quello che potrebbe essere VERAMENTE utile per le nuove generazioni. Inoltre i nostri POLITICI sono persone che non si sono mai aggiornate, tecnologicamente parlando. Fanno parte di una generazione che pensa tanto a quel coso lì ci pensa mio figlio/mio nipote e il coso è uno smartphone... E' un miracolo se sanno mandare un sms...
    Saluti.
  • - Scritto da: devil64
    > - Scritto da: atem
    > > - Scritto da: devil64
    > > > Mantellini, bell'articolo ma ti rendi
    > conto
    > > che
    > > > la nostra classe politica è
    > > > vecchia?
    > > E che palle con sta storia!
    > > Non necessariamente vecchio==rimbaOcchiolino
    > Grazie del suggerimento, ma le persone anziane
    > (politici giovani ce ne sono pochi) hanno una
    > visione della vita diversa da un giovane.

    Esperienza?

    > Sarà
    > perché si sentono un piede nella fossa (vedi i
    > pensionati alle Poste che hanno sempre fretta
    > anche se non fanno nulla) e non riescono a vedere
    > quello che potrebbe essere VERAMENTE utile per le
    > nuove generazioni.

    Maria legalizzata?A bocca aperta

    > Inoltre i nostri POLITICI sono
    > persone che non si sono mai aggiornate,
    > tecnologicamente parlando.

    Si, si e non ci sono più le mezze stagioni...

    > Fanno parte di una
    > generazione che pensa tanto a quel coso lì ci
    > pensa mio figlio/mio nipote e il coso è uno
    > smartphone... E' un miracolo se sanno mandare un
    > sms...

    Il fatto che riescano sempre ad in@@larci vuol dire che forse fessi non sono...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: atem
    > - Scritto da: devil64
    > > - Scritto da: atem
    > > > - Scritto da: devil64

    > > Sarà perché si sentono un piede nella
    > > fossa (vedi i pensionati alle Poste
    > > che hanno sempre fretta anche se non
    > > fanno nulla) e non riescono a vedere
    > > quello che potrebbe essere VERAMENTE
    > > utile per le nuove generazioni.

    > Maria legalizzata?A bocca aperta

    Io e molti altri vecchietti che conosco la legalizzerebbero anche ieri...
    krane
    22544
  • - Scritto da: atem
    > - Scritto da: devil64
    > > - Scritto da: atem
    > > > - Scritto da: devil64
    > > > > Mantellini, bell'articolo ma ti rendi
    > > conto
    > > > che
    > > > > la nostra classe politica è
    > > > > vecchia?
    > > > E che palle con sta storia!
    > > > Non necessariamente vecchio==rimbaOcchiolino
    > > Grazie del suggerimento, ma le persone anziane
    > > (politici giovani ce ne sono pochi) hanno una
    > > visione della vita diversa da un giovane.
    >
    > Esperienza?
    Genitori, amici dei genitori ultra sessantenni.
    Dirigenti, amministratori di aziende, politici ultra sessantenni. Questi sono i più rompi 00 in fatto di utilizzo di tecnologia, fanno disastri immani, ma non sono mai loro... Rotola dal ridere

    >
    > > Sarà
    > > perché si sentono un piede nella fossa (vedi i
    > > pensionati alle Poste che hanno sempre fretta
    > > anche se non fanno nulla) e non riescono a
    > vedere
    > > quello che potrebbe essere VERAMENTE utile per
    > le
    > > nuove generazioni.
    >
    > Maria legalizzata?A bocca aperta
    No connessioni GARANTITE a tutti con un livello di banda accettabile, utilizzo di tecnologie elettroniche per le scuole (basta con i libri da 2kg, iniziamo con ebook e via discorrendo)
    >
    > > Inoltre i nostri POLITICI sono
    > > persone che non si sono mai aggiornate,
    > > tecnologicamente parlando.
    >
    > Si, si e non ci sono più le mezze stagioni...
    >
    > > Fanno parte di una
    > > generazione che pensa tanto a quel coso lì ci
    > > pensa mio figlio/mio nipote e il coso è uno
    > > smartphone... E' un miracolo se sanno mandare un
    > > sms...
    >
    > Il fatto che riescano sempre ad in@@larci vuol
    > dire che forse fessi non sono...
    >A bocca aperta
    Su questo hai ragione, di fessi in Italia ce ne sono troppi.
    Saluti
  • - Scritto da: atem
    > - Scritto da: devil64
    > > - Scritto da: atem
    > > > - Scritto da: devil64
    > > > > Mantellini, bell'articolo ma ti rendi
    > > conto
    > > > che
    > > > > la nostra classe politica è
    > > > > vecchia?
    > > > E che palle con sta storia!
    > > > Non necessariamente vecchio==rimbaOcchiolino
    > > Grazie del suggerimento, ma le persone anziane
    > > (politici giovani ce ne sono pochi) hanno una
    > > visione della vita diversa da un giovane.
    >
    > Esperienza?

    L'informatica esiste da poco tempo.
    Nessuno di loro puo' vantare esperienza nel campo.
  • - Scritto da: panda rossa

    > L'informatica esiste da poco tempo.
    > Nessuno di loro puo' vantare esperienza nel campo.

    I computer esistono dalla SECONDA GUERRA MONDIALE.

    Povero fesso, secondo te non esisteva niente prima del 2010 (quando sei nato tu, probabilmente)? Rotola dal ridere

    I programmatori che hanno lavorato sui primi grandi elaboratori hanno ben più di 60 anni adesso. L'informatica domestica ha mosso i primi passi nel 1975.

    Nonostante quello che possano credere i giovincelli inoperosi come te, i computer e internet non sono stati inventati da ragazzetti brufolosi.Occhiolino

    Ora taci e lascia parlare gli adulti, bamboccio.
    non+autenticato
  • lucciole per lanterne
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > lucciole per lanterne

    Sara' l'eta'...
    krane
    22544
  • Stavo rispondendoti quando il topic è stato chiuso, ma ti rispondo qui visto che ormai l'ho scritto e che ti interessi di macroeconomia.

    Allora: non farti abbindolare da teorie sbagliate. La MMT è vecchissima, mica moderna. E' già stata sperimentata in passato e ha portato alla catastrofe.

    Alla fine della prima guerra mondiale, la Francia volle che la Germania (schierata negli Imperi Centrali) pagasse i debiti di guerra di tutti i paesi vittoriosi della Triplice intesa.
    Secondo la tua logica non sarebbe stato un problema. La Germania con una moneta sovrana poteva benissimo stampare nuovi marchi (pezzi di carta) e pagare i debiti, tanto alla fine si trattava sempre di moneta sovrana controllata dalla Germania.
    La Germania fece proprio così! Iniziò a stampare nuovi marchi per pagare i debiti di guerra. Cioè la Germania stampava marchi da usare anche per ricompensare la Francia (e l'Inghilterra.)
    Sembrava funzionare! E ovviamente, come previsto, iniziò l'inflazione. E sembrava che l'inflazione non fosse un problema, ma non fu così.
    L'apice dell'inflazione fu la crisi della hyperinflazione del 1923. In particolare del Novembre del 1923. Ci volevano 100,000,000,000,000 marchi (cento mila miliardi di marchi) per comprare un dollaro!
    Intanto è vero che non era necessario usare cariole piene di banconote per trasportare il denaro. Vennero stampate banconote da milioni di marchi. Qui in alto a destra trovi la foto di una banconota da 500 milioni di marchi: http://en.wikipedia.org/wiki/German_papiermark
    La valuta si chiamava "Papiermark". Per arginare ulteriormente il problema, venne stampata una valuta multiplo, il Rentenmark: http://en.wikipedia.org/wiki/German_Rentenmark
    Un Rentenmark valeva un miliardo di Papiermark. Praticamente il nuovo marco valeva un miliardo di vecchi marchi. Il pericolo delle cariole era scongiurato, ma funzionò? Ovviamente no, anche se secondo la MMT avrebbe dovuto funzionare.
    L'inflazione era già incominciata nel 1921. Nel gennaio del 1923 la Francia impose alla Germania che tutti i pagamenti a loro fossero fatti in Carbone. Alla Francia venne anche garantito l'accesso alla Regione della Ruhr in modo che il carbone se lo potessero prendere da soli.
    Infatti il marco era così svalutato che non si poteva comprare niente all'estero. Immagina se l'Italia non puo' importare a bassi costi l'elettricità dalla Francia o il petrolio o il Gas dalla Russia/libia o le materie prime o altro. Nessuno voleva più il marco, eppure che la Germania ne aveva di risorse e di forza lavoro (seppure fosse dopo la prima guerra mondiale). Vero è che con alcuni Rentenmark (moneta sovrana) ci compravi un dollaro, ma era solo un trucco da MMTisti. La Francia lo sapeva, infatti non voleva più i marchi. Chi pagava in marchi era visto male, e i marchi venivano rifiutati.
    Il malcontento dei Tedeschi aumentò. In tempo di crisi totale il capitalismo non ha molti seguaci, ma il socialismo sì. Così nasceva un partito socialista nazionalista (perché voleva il socialismo, a favore della nazione tedesca). Il NAZional socialISMO (noto come nazismo) nasce proprio per questo. A causa della politica aggressiva della Francia e della povertà assoluta che questa portò (chiaramente: dato il fallimento della gestione del debito tramite moneta sovrana della Germania). Ecco la MMT in azione e che fallisce in tutto.
    Viene ignorata, ma questa è una delle principali cause che portò infine alla seconda guerra mondiale. Poi, non c'entra niente, ma il Leader tedesco che capitò era anche xenofobo e quindi - come si sà - al male si aggiunse il peggio.

    La MMT semplicemente non funziona o ad ogni modo non funziona a lungo. Io non la ritengo una soluzione.
    non+autenticato
  • Chi conosce veramente le dinamiche della Repubblica di Weimar era il ministro dell'economia di Hitler, Hjalmar Schacht.
    Quell'articolo è fuori contesto con la MMT moderna perché non tiene conto di quanto sto per scrivere.

    Già nel 1967 nel suo libro "The Magic of Money" Schacht scrisse le motivazioni per cui stampare denaro non funzionò durante Weimar ma funzionò per il Reich.

    Schacht spiega esattamente quello, che si cercò di ripagare con moneta fiat dei debiti di guerra, avendo un paese distrutto che non era in grado di produrre alcuna contropartita in beni e servizi in cambio di quella carta straccia.

    Schacht spiega inoltre che ci furono anche interferenze finanziarie in cui gli Inglesi iniziarono a vendere Marchi allo scoperto per accelerare il fallimento di quella strada monetarista che aveva preso Weimar.

    C'è anche da dire che durante Weimar, periodo pre-industriale moderno non c'era granché da comprare con quei soldi, per cui per quanti ne avessi in tasca, c'era tanta gente con denaro e pochissima gente che produceva qualcosa da comprare. Per cui i pochi beni disponibili è ovvio che andassero via a prezzi altissimi.

    Guarda caso sempre Schacht aiutò Hitler con il Reich proprio stampando denaro. Ma in maniera diversa e vediamo come...

    La prima cosa fu stampare denaro non per pagare qualcuno di qualche stato estero, ma per fare lavorare i tedeschi.
    Per differenziare la massa monetaria il ministro di Hitler usò un trucco. C'era del denaro per il popolo che erano i Marchi, e venivano anche stampati dei titoli di stato al portatore che però potevano usare solo le aziende.
    In questo modo ebbe massa monetaria sufficiente per muovere l'economia interna.
    La scelta sul come muovere tale economia fu dettata dalle oligarchie tedesche con mire espansionistiche in Europa. Per cui si rinnovò tutta l'industria, proprio come ha fatto la Germania negli anni '90 per prepararsi all'Euro.
    Rinnovò tutte le vie di comunicazione per muovere velocemente mezzi e uomini nel paese nel futuro conflitto bellico.
    Ed ovviamente mise al lavoro la gente nella produzione di armamenti e metallurgia.

    Il resto della storia la sappiamo.

    Ma nuovamente, hai visto come stampare denaro fiat e far muovere la propria popolazione è stata la scelta scontata. Indipendentemente poi da cosa si è fatto.
    La MMT è uno strumento, che la usi un paese pacifico per dare piena occupazione e pieno stato sociale, o uno imperialista per bombardare e conquistare, quella è una scelta politica e sociale di quel popolo.

    La MMT funziona, come sta funzionando in Giappone che la applica da tanto. Come la usano gli USA senza imbarazzo per le sue politiche imperialiste.
    Come l'hanno usata Warren Mosler e Matthew Forstater in Argentina per farla uscire dal crack in 10 anni.

    Quindi questi sono i passaggi.
    Si stampa denaro e si tassa in quella valuta. La gente alza il culo perché si deve procurare quel denaro, sennò il fisco gli toglie tutto e lo mette in galera.
    Si mette al lavoro tutti, ma proprio tutti, e si investe in settori mirati.
    Quando la massa monetaria e il beni acquistabili compresa la manodopera si equivalgono, a quel punto si smette di produrre denaro. E si gioca, per svalutarlo o rivalutarlo per favorire ora le esportazioni, ora le importazioni.
    Quindi nessun pericolo di inflazione, anche quella moderata a volte serve.

    Il problema è con l'estero. Gli altri paesi accetteranno moneta fiat dal nostro?
    Se il valore del denaro lo Stato internamente lo ha dato con la tassazione, con l'estero è diverso.
    Ma siccome con quella massa monetaria hai messo in moto tutti i comparti produttivi del tuo paese, agli stranieri potrai presentarti con una marea di beni e servizi che i tuoi cittadini producono con quel denaro e la loro operosità. E quindi il tuo denaro comincia ad avere valore con gli stranieri, perché sanno che quando vogliono potranno avere una contropartita in altri beni che intanto la tua gente sta producendo.

    Questi sono dei motivi per cui la MMT non può funzionare con un paese africano, non nell'immediato, cioè non finché la popolazione non sarà abbastanza istruita ed avrà infrastrutture sufficienti a poter produrre di tutto e commerciare con l'estero.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 12 dicembre 2012 16.01
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    7757
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)