Mauro Vecchio

Apple e Google, l'unione fa i brevetti

Alleate per rilevare il portafoglio brevettuale di Kodak, all'asta fallimentare dopo la bancarotta dell'azienda statunitense. Pronti 500 milioni di dollari

Roma - Contendenti sul mercato mobile, insospettabili alleati per l'acquisto del portafoglio brevettuale di Eastman Kodak. I giganti Apple e Google sarebbero pronti ad offrire più di 500 milioni di dollari per il pacchetto di oltre mille brevetti relativi alle immagini fotografiche, portato all'asta fallimentare dopo la bancarotta annunciata nello scorso gennaio dalla storica azienda di Rochester.

Stando alle recenti indiscrezioni riportate da Bloomberg, Cupertino e Mountain View avrebbero deciso di allearsi per evitare rilanci e contenere il prezzo dei brevetti di Kodak.
Dopo la bancarotta di Nortel Networks, Apple e Microsoft si erano aggiudicate il suo portafogli di circa 6mila brevetti per 4,5 miliardi di dollari, dopo che Google aveva presentato la sua offerta iniziale di circa 900 milioni di dollari.

In sostanza, i due colossi della Silicon Valley non vorrebbero ora pestarsi i piedi, concretizzando la visione statalista illustrata dal chairman di BigG Eric Schmidt.
Schierate con Apple, l'aggressiva patent house Intellectual Ventures e ancora Microsoft; mentre con Google ci sarebbero i produttori Samsung, LG e HTC insieme a RPX, specializzata nella gestione di brevetti. Nei documenti fallimentari, Kodak valutava il suo portafogli fino a 2,5 miliardi di dollari.

Mauro Vecchio
Notizie collegate