Luca Annunziata

Instagram se ne va, Twitter vara l'autarchia

Il social network fotografico completa il distacco dal social network cinguettante. E allora il tecnofringuello pensa a fare da solo

Roma - Detto, fatto: alla fine della scorsa settimana Instagram aveva confermato l'intenzione di cessare il supporto alle "cards" di Twitter, la funzione che consente di integrare contenuti multimediali nello stream dei cinguettii, ed entro l'inizio di questa ha completamente cessato le operazioni in questo senso. Ma Twitter non si è persa d'animo: e le indiscrezioni dicono che la contromossa sarà pronta entra la fine dell'anno.

Ci sono volute poche ore a Instagram a tagliare i ponti con il passato: le motivazioni della decisione restano relativamente misteriose (la necessità di convogliare il pubblico sul proprio servizio Web regge fino a un certo punto, l'acquisizione da parte di Facebook è più credibile), ma è un fatto che il dado è stato tratto. A San Francisco, quartier generale di Twitter, non si sono persi d'animo: entro le feste natalizie i filtri fotografici, che hanno fatto la fortuna di Instagram, ci saranno anche sui suoi client.

La mossa e i tempi per attuarla non sono casuali: le vacanze invernali incombono, i festeggiamenti, gli alberi di Natale e il Capodanno sono il classico volano che amplifica la presenza di scatti in Rete, e dunque Twitter non vuole concedere troppo vantaggio alla concorrenza. A San Francisco hanno poco più di una settimana e mezzo per riuscire nell'impresa, e occorrerà anche comprendere quanta importanza attribuiranno a questa funzione: Twitter fino a questo punto è stato altro da un semplice veicolo di immagini tra i suoi utenti, e dunque occorrerà capire se l'investimento in questo sviluppo software sarà strategico o solo per "tenere la posizione" rispetto a Instagram. (L.A.)
2 Commenti alla Notizia Instagram se ne va, Twitter vara l'autarchia
Ordina