Cristina Sciannamblo

USA, incostituzionale la legge sul traffico sessuale

Lo stato di Washington ha dichiarato incostituzionale la legge che avrebbe punito gli intermediari per gli annunci a sfondo sessuale pubblicati da parti terze. Le piattaforme di hosting conservano dunque l'immunità

Roma - Ha vinto l'alleanza formata dagli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) e da Internet Archive: lo stato di Washington ha dichiarato incostituzionale la legge che assegnava alle piattaforme di hosting un ruolo di responsabilità circa l'eventuale pubblicazione di annunci a carattere erotico, in particolare se legati allo sfruttamento sessuale dei minori.

Secondo i ricorrenti, le norme contenute nella SB 6251 si pongono in conflitto con la Sezione 230 del Communications Decency Act, che garantisce agli intermediari del Web l'immunità da qualsiasi responsabilità rispetto ai contenuti pubblicati da parti terze.

Nata per contrastare lo sfruttamento sessuale online, la legge al centro della polemica avrebbe finito per colpire, secondo i critici, qualsiasi pubblicità erotica, implicita e esplicita, diffusa nello stato di Washington. I responsabili di Internet Archive, in particolare, hanno sottolineato il proprio dissenso nei confronti di un provvedimento che avrebbe reso fuori legge la biblioteca digitale dal momento che alcuni siti Web presenti avrebbero potuto rispondere al requisito dettato dalla legge sull'induzione alla prostituzione. Per questo motivo, gli storici archivi di San Francisco ed EFF hanno stretto alleanza nel ricorso intentato da Backpage.com.
Lo stato di Washington dovrà inoltre sborsare 200mila dollari (circa 155mila euro) per coprire le spese legali dei ricorrenti, mentre il procuratore generale Rob McKenna lavorerà di concerto con l'organo legislativo di Washington per abrogare la legge.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, intermediari alla guerra dell'erosEFF e Internet Archive contro la nuova legge adottata nello stato di Washington. Gli intermediari non dovrebbero essere obbligati a verificare l'età dei soggetti coinvolti negli annunci pubblicitari erotici
  • AttualitàCraigslist, addio servizi per adultiAccusato per anni di essere uno strumento di istigazione alla prostituzione, il portale chiude la sezione a luci rosse in tutto il mondo. E rifiuta di fornire dichiarazioni sull'accaduto
  • AttualitàCraigslist, mai più per adultiLa provocatoria autocensura è stata rimossa. Ma la sezione a sfondo erotico del sito di inserzioni non verrà comunque più riaperta in terra statunitense. Gli attivisti chiedono la rimozione a livello globale
13 Commenti alla Notizia USA, incostituzionale la legge sul traffico sessuale
Ordina
  • E' ripugnante la situazione che riguarda il traffico di minori, ma il principio e' scarosanto: la non responsabilita' di terze parti.

    Se vale in questa situazione schifosa, a maggior ragione vale nel libero scambio di informazioni, conoscenza e cultura.
  • - Scritto da: panda rossa
    > E' ripugnante la situazione che riguarda il
    > traffico di minori, ma il principio e'
    > scarosanto: la non responsabilita' di terze
    > parti.

    Nel merito: la non responsabilità è garantita per legge. L'articolo dice questo.

    > Se vale in questa situazione schifosa, a maggior
    > ragione vale nel libero scambio di informazioni,
    > conoscenza e
    > cultura.

    Se l'intermediario è estraneo ai fatti, concordo. Se in concorso, no. Concordi?
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: panda rossa
    > > E' ripugnante la situazione che riguarda il
    > > traffico di minori, ma il principio e'
    > > scarosanto: la non responsabilita' di terze
    > > parti.
    >
    > Nel merito: la non responsabilità è garantita per
    > legge. L'articolo dice
    > questo.
    >
    > > Se vale in questa situazione schifosa, a
    > maggior
    > > ragione vale nel libero scambio di
    > informazioni,
    > > conoscenza e
    > > cultura.
    >
    > Se l'intermediario è estraneo ai fatti, concordo.
    > Se in concorso, no.
    > Concordi?

    Ad esempio la societa' autostrade non puo' perquisire le auto, altrimenti violerebbe la privacy delle persone. Quindi esattamente come per i provider non puo' essere complice.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    >
    > Ad esempio la societa' autostrade non puo'
    > perquisire le auto, altrimenti violerebbe la
    > privacy delle persone. Quindi esattamente come
    > per i provider non puo' essere
    > complice.

    Avrei fatto un paragone diverso, ma il senso si capisce, che del resto è ciò che sto dicendo, seppure manchi la parte del "concorso".
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: panda rossa
    > > E' ripugnante la situazione che riguarda il
    > > traffico di minori, ma il principio e'
    > > scarosanto: la non responsabilita' di terze
    > > parti.
    >
    > Nel merito: la non responsabilità è garantita per
    > legge. L'articolo dice
    > questo.
    >
    > > Se vale in questa situazione schifosa, a
    > maggior
    > > ragione vale nel libero scambio di
    > informazioni,
    > > conoscenza e
    > > cultura.
    >
    > Se l'intermediario è estraneo ai fatti, concordo.
    > Se in concorso, no.
    > Concordi?

    Certo che concordo.
    Infatti si chiama "intermediario" e non "partner".
  • - Scritto da: panda rossa

    > Certo che concordo.
    > Infatti si chiama "intermediario" e non "partner".

    Che sia partner o no non influisce sulla sua natura di "intermendiario".

    Ti parrà impossibile crederlo ma in Italia l'art. 17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei servizi di cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere conduit, chaching e hosting), stabilisce che il prestatore non è assoggettato ad un obbligo generale di sorveglianza sulle informazioni che trasmette o memorizza.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > > Certo che concordo.
    > > Infatti si chiama "intermediario" e non
    > "partner".
    >
    > Che sia partner o no non influisce sulla sua
    > natura di "intermendiario".
    >
    >
    > Ti parrà impossibile crederlo ma in Italia l'art.
    > 17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei servizi di
    > cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere conduit,
    > chaching e hosting), stabilisce che il prestatore
    > non è assoggettato ad un obbligo generale di
    > sorveglianza sulle informazioni che trasmette o
    > memorizza.

    E allora perche' continuare a prendersela col dito invece di provare a prendere la luna?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: ThEnOra
    > > - Scritto da: panda rossa
    > >
    > > > Certo che concordo.
    > > > Infatti si chiama "intermediario" e non
    > > "partner".
    > >
    > > Che sia partner o no non influisce sulla sua
    > > natura di "intermendiario".
    > >
    > >
    > > Ti parrà impossibile crederlo ma in Italia
    > l'art.
    > > 17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei
    > servizi
    > di
    > > cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere conduit,
    > > chaching e hosting), stabilisce che il
    > prestatore
    > > non è assoggettato ad un obbligo generale di
    > > sorveglianza sulle informazioni che
    > trasmette
    > o
    > > memorizza.
    >
    > E allora perche' continuare a prendersela col
    > dito invece di provare a prendere la
    > luna?

    Semplice. Dipende dal dito: se è l'indice, niente da ridire. Se è il medio, beh, non mi faccio prendere per il c... A bocca aperta
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: ThEnOra
    > > > - Scritto da: panda rossa
    > > >
    > > > > Certo che concordo.
    > > > > Infatti si chiama "intermediario"
    > e
    > non
    > > > "partner".
    > > >
    > > > Che sia partner o no non influisce
    > sulla
    > sua
    > > > natura di "intermendiario".
    > > >
    > > >
    > > > Ti parrà impossibile crederlo ma in
    > Italia
    > > l'art.
    > > > 17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei
    > > servizi
    > > di
    > > > cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere
    > conduit,
    > > > chaching e hosting), stabilisce che il
    > > prestatore
    > > > non è assoggettato ad un obbligo
    > generale
    > di
    > > > sorveglianza sulle informazioni che
    > > trasmette
    > > o
    > > > memorizza.
    > >
    > > E allora perche' continuare a prendersela col
    > > dito invece di provare a prendere la
    > > luna?
    >
    > Semplice. Dipende dal dito: se è l'indice, niente
    > da ridire. Se è il medio, beh, non mi faccio
    > prendere per il c...
    >A bocca aperta

    Vedi, stai proprio dimostrando di essere piu' unteressato a guardare il dito.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > >
    > > Semplice. Dipende dal dito: se è l'indice,
    > niente
    > > da ridire. Se è il medio, beh, non mi faccio
    > > prendere per il c...
    > >A bocca aperta
    >
    > Vedi, stai proprio dimostrando di essere piu'
    > unteressato a guardare il
    > dito.

    In verità sono interessato ad entrambi. Procedo per step, prima il dito, poi, se riesco, arrivo alla luna.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: krane
    > > >
    > > > Semplice. Dipende dal dito: se è
    > l'indice,
    > > niente
    > > > da ridire. Se è il medio, beh, non mi
    > faccio
    > > > prendere per il c...
    > > >A bocca aperta
    > >
    > > Vedi, stai proprio dimostrando di essere piu'
    > > unteressato a guardare il
    > > dito.
    >
    > In verità sono interessato ad entrambi. Procedo
    > per step, prima il dito, poi, se riesco, arrivo
    > alla
    > luna.

    Se parti dal dito, non arriverai mai alla luna.
    Ruppolo insegna.