Cristina Sciannamblo

Scuola, il software libero e il concorsone

Una diffida legale firmata da molteplici associazioni per rivedere i criteri di valutazione della competenza informatica per i futuri docenti. In attesa di una risposta ufficiale dal Ministero

Roma - Una diffida legale rivolta al Ministro dell'Istruzione Francesco Profumo per tutelare i futuri insegnanti e i loro alunni dalle domande di informatica del Concorso Scuola 2012. A insorgere sono l'Associazione per il Software libero (AsSoLi), Free Software Foundation (FSFE), l'Associazione per l'Informazione Geografica Libera (GFoss.it), Free Software Users Group Italia (FSUGItalia), Italian Linux Society (ILS), LibreItalia, Wikimedia Italia (WMIT) e altre 38 organizzazioni secondo cui le domande del cosiddetto concorsone sono "discriminatorie nei confronti degli utenti di software libero".

Secondo i firmatari della lettera, il set di domande volte a esaminare le competenze digitali dei candidati "risulta essere a tratti fuorviante, scritto con linguaggio improprio, con numerosi errori"; ma soprattutto, sostengono le associazioni, nessuno dei quesiti sembra essere davvero in grado di valutare la "cultura digitale" degli aspiranti docenti oltre a essere discriminatori dal punto di vista tecnologico e in particolare nei confronti degli utenti di software libero.

Il presidente di AsSoLi, Renzo Davoli, professore associato di informatica all'Università di Bologna, ha condotto un'analisi delle domande pubblicate sul sito del Ministero e ha proposto anche delle domande alternative, tecnologicamente neutrali e culturalmente valide a suo parere. Il giudizio di Davoli sui quesiti ministeriali è al vetriolo: "che aridità e ignoranza dimostrano queste domande. Sembra che le competenze digitali corrispondano al saper usare un computer, anzi uno specifico tipo di computer, con uno specifico sistema operativo e specifiche applicazioni".
La critica di Davoli è stata condivisa da molti docenti, ripresa all'interno della comunità che ruota attorno al software libero per arrivare a una interpellazione diretta del Ministero. La decisione di procedere con una diffida legale deriva dalla convinzione che il quiz predisposto dal Ministero rischi di mettere in svantaggio gli utenti dei sistemi operativi diversi da Windows e in particolare gli utenti di software libero.

Se il Ministero accoglierà l'istanza, la preselezione del concorso potrebbe svolgersi senza le domande incriminate; in ogni caso, in base alla legge sul procedimento amministrativo, il Ministro ha l'obbligo di rispondere entro 30 giorni di tempo per fornire alle associazioni richiedenti i documenti relativi alla predisposizione del test.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • TecnologiaRiuso del software, la PA è prontadi Dott. L. Rufo (www.consulentelegaleinformatico.it) - Gli obiettivi sono fissati: con la collaborazione sul software si mira all'armonizzazione e al miglioramento dei sistemi informatici della PA. Le regole ci sono. Mancano, però, uso e riuso
  • AttualitàPuglia, il software libero è leggeApprovata una legge regionale. Dentro indicazioni precise sul software e le regole da seguire nella PA regionale. Anche in materia di dati e documenti. Soddisfazione bipartisan
  • AttualitàAssoli: alle elezioni si parli di open sourceL'Associazione per il Software Libero rilancia la campagna per l'adozione del software a sorgenti aperti nella PA. Un tema che, è l'auspicio, prenda sempre più piede all'interno dell'agenda politica
209 Commenti alla Notizia Scuola, il software libero e il concorsone
Ordina
  • Queste associazioni sono in cerca di pubblicità a basso costo e intanto il tempo e le risorse che le istituzioni economiche, umane e materiali, dovranno dedicare ad esaminare il ricorso lo paghiamo tutti.
    non+autenticato
  • Può anche darsi, ma è dannoso criticare queste associazioni, dato che è stato il Ministero dell'Istruzione a spendere dei soldi per far compilare le domande ad un incompetente, con l'effetto collaterale di servire su di un piatto d'argento a questa associazione il pretesto per farsi pubblicità.

    Il ricorso lo paghiamo tutti, ma per colpa del Ministero che ha pagato CON I SOLDI DI TUTTI il "consulente di informatichese" che ha scritto quelle vaccate - e sono vaccate, perchè mi sono riletta l'analisi fatta da Davoli e ho trovato errori gravi anche nei quiz per i quali il professore non aveva segnalato nulla...
    non+autenticato
  • Queste associazioni sono da criticare al 100% visto che fanno spendere solfi di tutti solo per un po' di pubblicità gratuita.
    non+autenticato
  • Se le domande di informatica in un consorso pubblico si fanno così, ecco un esempio delle domande che andrebbero fatte all'esame per prendere la patente.

    Data una Fiat Punto modello del 2010, dove si trova la manopola per spostare il sedile?

    Da cosa si riconosce un distributore Agip e che tipo di carburanti può erogare?

    Se devi fare la revisione di una Fiat Punto devi andare, dal concessionario Fiat di zona o a una qualsiasi concessionaria?

    Come si rinnova una patente all'ACI?

    Chi dice che le domande su Office sono legate al fatto che tanti lo usano vale lo stesso principio sul fatto che tanti vanno all' Agip, comprano le Fiat Punto e vanno all'ACI.

    Nei quiz per la patente GIUSTAMENTE si insegnano le regole, non si capisce perché in informatica si parla delle specificità relative a determinate marche di prodotto.
  • - Scritto da: paoloholzl

    >
    > Nei quiz per la patente GIUSTAMENTE si insegnano
    > le regole, non si capisce perché in informatica
    > si parla delle specificità relative a determinate
    > marche di
    > prodotto.

    Non si capisce?
    Guarda che si capisce benissimo.
    Ci sono un sacco di sentenze di condanna per abuso di posizione dominante con metodi coercitivi di stampo mafioso.

    E uno dei metodi coercitivi e' anche quello usato nel concorsone.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Ci sono un sacco di sentenze di condanna per
    > abuso di posizione dominante con metodi
    > coercitivi di stampo
    > mafioso.

    Mi citi una di queste sentenze in cui vengono condannati questi "metodi coercitivi di stampo mafioso"?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guido La Vespa
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Ci sono un sacco di sentenze di condanna per
    > > abuso di posizione dominante con metodi
    > > coercitivi di stampo
    > > mafioso.
    >
    > Mi citi una di queste sentenze in cui vengono
    > condannati questi "metodi coercitivi di stampo
    > mafioso"?

    Cercatela!
    https://www.google.it/search?q=abuso+posizione+dom...
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Guido La Vespa
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > Ci sono un sacco di sentenze di
    > condanna
    > per
    > > > abuso di posizione dominante con metodi
    > > > coercitivi di stampo
    > > > mafioso.
    > >
    > > Mi citi una di queste sentenze in cui vengono
    > > condannati questi "metodi coercitivi di
    > stampo
    > > mafioso"?
    >
    > Cercatela!
    > https://www.google.it/search?q=abuso+posizione+dom

    Ho già cercato e non ho letto da nessuna parte di "metodi coercitivi di stampo mafioso", per cui ti sarei grato se mi indicassi dove approfondire.
    non+autenticato
  • Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo di....

    1 Associare al file il programma che lo debba elaborare.
    2 Consentire una più facile ricerca di quel file.
    3 Distinguere le diverse versioni di quello stesso file.
    4 Codificare il nome della persona che lo ha realizzato.

    ""Fantocci, ci dichi cosa è lestension'è.
    Dicesi estensione, una particolare gara di lancio del martello dove si guarda l'estendersi degli effetti del martello.""

    Da quanto mi risulta l'estensione è nata ai tempi del CPM ( ma magari è più vecchia, sapete se era presente già in altri os? unix? ), serviva per riconoscere i file.
    La più vecchia estensione che ricordo è .COM.

    Per cui l'origine sembra che dia ragione alla risposta "1".

    Poi in realtà esistono anche altri utilizzi di questo parametro.

    Un "dir *gatto*.jpg /s" mi aiuta a cercare le foto che possono essere di un gatto.

    Come detto .001 .002 .003 .004 vengono usate per le versioni di alcuni tipi di file.

    La "4" penso che sia possibile ma mi risulta nuova come soluzione
  • - Scritto da: pippo75
    > Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo di....
    >
    > 1 Associare al file il programma che lo debba
    > elaborare.
    > 2 Consentire una più facile ricerca di quel file.
    > 3 Distinguere le diverse versioni di quello
    > stesso
    > file.
    > 4 Codificare il nome della persona che lo ha
    > realizzato.
    >

    > Da quanto mi risulta l'estensione è nata ai tempi
    > del CPM ( ma magari è più vecchia, sapete se era
    > presente già in altri os? unix? ), serviva per
    > riconoscere i file.

    Interessante domanda. Non ho trovato una fonte consultabile, ma la wikipedia inglese indica la nascita del sistema che conosciamo oggi nel Compatible time-sharing system, un sistema operativo del 1961. Anziché nome ed estensione usava "primary name" e "secondary name".

    L'hard disk però era nato nel 1956, era l'IBM 350, e non so che sistema usasse per i file e le directory, negli anni fra il 1956 e il 1961.

    Quella domanda del quiz è fuorviante, perché nei più vecchi editori di testo, come Wordstar, i file non avevano estensione, e quindi, a proprio piacere, si potevano mettere estensioni per codificare il nome di chi lo aveva creato (risposta 4), oppure per indicare la versione (risposta 3). Sorride Ma al di là di questa nota storica, credo che chiunque ammette come valida la risposta 1.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > Ma al di là di questa nota
    > storica, credo che chiunque ammette come valida
    > la risposta
    > 1.

    Io no.
    Quindi non puoi dire "chiunque".
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Leguleio
    > > Ma al di là di questa nota
    > > storica, credo che chiunque ammette come
    > valida
    > > la risposta
    > > 1.
    >
    > Io no.
    > Quindi non puoi dire "chiunque".

    Tu non fai testo. Fai solo folclore. Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Leguleio
    > > > Ma al di là di questa nota
    > > > storica, credo che chiunque ammette come
    > > valida
    > > > la risposta
    > > > 1.
    > >
    > > Io no.
    > > Quindi non puoi dire "chiunque".
    >
    > Tu non fai testo. Fai solo folclore. Con la lingua fuori

    Tanto basta.

    Qualunque avvocato potrebbe dimostrare in sede di dibattimento, che ciascuna delle quattro risposte possibili puo' essere considerata giusta o sbagliata.

    Questo test dimostra chiaramente due cose:
    a) chi lo ha redatto non sa scrivere in italiano.
    b) chi lo ha redatto non capisce niente di informatica.
  • Due commenti spariti.
    Certo che cancellare una risposta che era solo una battuta, c'era pure la faccina...
    Nulla di importante, ma fra poco finiamo in clausura sotto l'autorità della madre superiora.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > Due commenti spariti.
    > Certo che cancellare una risposta che era solo
    > una battuta, c'era pure la
    > faccina...
    > Nulla di importante, ma fra poco finiamo in
    > clausura sotto l'autorità della madre
    > superiora.
    Interessante dissertazione (T1000 a parte), ma ho paura che NON sappiate leggere le domande (o meglio le risposte).
    Molti dicono che la risposta giusta sarebbe la "1"....

    Ma riportiamo il testo
    "Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo di....
    1 Associare al file il programma che lo debba elaborare."

    Qui il Professore interpreta la windows-way delle cose, e pure malamente.

    PRESUPPONE che un estensione sia presente solo in file che contengono DATI. Se no quella (1) non avrebbe senso. IMHO Non vale neanche interpretandola in modo esteso (un file .COM aka un binario eseguibile, che "viene associato" alla shell COMMAND ...perche' in realta' non e' veramente importante l'estensione in se)

    PRESUPPONE (tra le righe, ma e' evidente) che questo famoso file, venga doppioclickato e poi un wrapper faccia partire il suddetto programma che lo elabora. Questo presupposto e' certamente verosimile negli ambienti GUI, MA l'estensione non nasce per questo[*], NE e' necessario che sia associata a un programma (o meglio che ci sia un qualche wrapper che poi eseguira' un programma che lo elabora). Nel MSDOS per es non capita, ne in unix testuale o con X11 e twm.

    [*] L'estensione nasce certamente per una suddivisione logica, per l'utente, non per la macchina.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > Interessante dissertazione (T1000 a parte), ma ho
    > paura che NON sappiate leggere le domande (o
    > meglio le
    > risposte).
    > Molti dicono che la risposta giusta sarebbe la
    > "1"....
    >
    > Ma riportiamo il testo
    > "Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo
    > di....
    > 1 Associare al file il programma che lo debba
    > elaborare."
    >
    > Qui il Professore interpreta la windows-way delle
    > cose, e pure
    > malamente.
    >
    > PRESUPPONE che un estensione sia presente solo in
    > file che contengono DATI. Se no quella (1) non
    > avrebbe senso. IMHO Non vale neanche
    > interpretandola in modo esteso (un file .COM aka
    > un binario eseguibile, che "viene associato" alla
    > shell COMMAND ...perche' in realta' non e'
    > veramente importante l'estensione in
    > se)

    Sì, ma vorrei spiegare una cosa a coloro che diventano pignoli solo con i test del Miur. Era una prova di preselezione generale, il test vero e proprio per materia, quello decisivo, sarà diverso. Si trattava di 3500 (tremilacinquecento) quiz già noti ai candidati, o meglio, a quei candidati che avevano voglia di leggerli, e di pagare 8 euro per avere le risposte. Molti non hanno fatto nemmeno questo, e sono stati bocciati. A bocca aperta
    Vista la aspecificità della prova, e visto che i dipendenti del ministero dovevano partorire 3500 quiz diversi, non è questo gran scandalo se ne sono venuti fuori anche di sguinci, balenghi o cannati. Ripeto, le risposte esatte erano disponibili prima della prova.
    Io rimango della mia idea: le risposte 2, 3 e 4 sono incompatibili con i computer di oggi; per esclusione il candidato va sulla 1, anche se molto corretta non è.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: bubba
    >
    > > Interessante dissertazione (T1000 a parte),
    > ma
    > ho
    > > paura che NON sappiate leggere le domande (o
    > > meglio le
    > > risposte).
    > > Molti dicono che la risposta giusta sarebbe
    > la
    > > "1"....
    > >
    > > Ma riportiamo il testo
    > > "Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo
    > > di....
    > > 1 Associare al file il programma che lo debba
    > > elaborare."
    > >
    > > Qui il Professore interpreta la windows-way
    > delle
    > > cose, e pure
    > > malamente.
    > >
    > > PRESUPPONE che un estensione sia presente
    > solo
    > in
    > > file che contengono DATI. Se no quella (1)
    > non
    > > avrebbe senso. IMHO Non vale neanche
    > > interpretandola in modo esteso (un file .COM
    > aka
    > > un binario eseguibile, che "viene associato"
    > alla
    > > shell COMMAND ...perche' in realta' non e'
    > > veramente importante l'estensione in
    > > se)
    >
    > Sì, ma vorrei spiegare una cosa a coloro che
    > diventano pignoli solo con i test del Miur.
    Non io (non col "solo"). "sfortunatamente" ho insegnato ripetute volte alcuni aspetti dell'informatica nel tempo. E in particolare ricordo un corposo corso di svariati mesi. Quindi di riflessioni su come fare (non fare) le domande, in modo che non siano ambigue loro e le risposte, ne ho fatte parecchie. OVVIAMENTE facevo anche qualche domanda trabocchetto (nel senso che la domanda era chiara, ma piu risposte sembravano giuste, MA se avevi capito, solo una era inequivocabilmente esatta).

    > Era una prova di preselezione generale, il test vero
    > e proprio per materia, quello decisivo, sarà
    > diverso. Si trattava di 3500 (tremilacinquecento)
    > quiz già noti ai candidati, o meglio, a quei
    > candidati che avevano voglia di leggerli, e di
    > pagare 8 euro per avere le risposte. Molti non
    > hanno fatto nemmeno questo, e sono stati
    > bocciati.
    > A bocca aperta
    eheh.. non e' cmq una buona scusa per scrivere domande (e risposte) sballate. Anzi. E poi la "malattia windows" rimane comunque.

    > Vista la aspecificità della prova, e visto che i
    > dipendenti del ministero dovevano partorire 3500
    > quiz diversi, non è questo gran scandalo se ne
    > sono venuti fuori anche di sguinci, balenghi o
    > cannati. Ripeto, le risposte esatte erano
    > disponibili prima della
    > prova.
    eh ma se mi fai una prova di preselezione con robba partorita sotto acido, io lettore-concorrente, cosa ne dovrei dedurre?

    > Io rimango della mia idea: le risposte 2, 3 e 4
    > sono incompatibili con i computer di oggi; per
    > esclusione il candidato va sulla 1, anche se
    > molto corretta non
    > è.
    Mhh, beh e' un modo assai BIZZARRO di fare un quiz, tentare che uno azzecchi la meno peggio (e qui, anche la [1], e' veramente brutta. MOLTO windows-way e concettualmente sballata. Magari uno, con ragioni, pensa che la meno peggio sia un altra). La risposta buona dev'essere UNA. Veniva meglio se facevano una domanda meno aperta a elocubrazioni...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba

    > > Era una prova di preselezione generale, il test
    > vero
    > > e proprio per materia, quello decisivo, sarà
    > > diverso. Si trattava di 3500
    > (tremilacinquecento)
    > > quiz già noti ai candidati, o meglio, a quei
    > > candidati che avevano voglia di leggerli, e di
    > > pagare 8 euro per avere le risposte. Molti non
    > > hanno fatto nemmeno questo, e sono stati
    > > bocciati.
    > > A bocca aperta

    > eheh.. non e' cmq una buona scusa per scrivere
    > domande (e risposte) sballate. Anzi. E poi la
    > "malattia windows" rimane
    > comunque.

    E infatti della "windowsite" abbiamo trattato in una discussione sopra.



    > > Vista la aspecificità della prova, e visto che i
    > > dipendenti del ministero dovevano partorire 3500
    > > quiz diversi, non è questo gran scandalo se ne
    > > sono venuti fuori anche di sguinci, balenghi o
    > > cannati. Ripeto, le risposte esatte erano
    > > disponibili prima della
    > > prova.

    > eh ma se mi fai una prova di preselezione con
    > robba partorita sotto acido, io
    > lettore-concorrente, cosa ne dovrei
    > dedurre?

    Che gli insegnanti verranno trattati così per tutta la loro carriera, e pagati 1200 euro al mese, e molti già lo sanno, essendo precari. Altro da dedurre non c'è. È una forma di pedagogia a rovescio.
    Tanto per dirne una: come mai ogni anno nelle tracce dei temi c'è sempre qualche errore (concettuale, o di ortografia)?


    > > Io rimango della mia idea: le risposte 2, 3 e 4
    > > sono incompatibili con i computer di oggi; per
    > > esclusione il candidato va sulla 1, anche se
    > > molto corretta non
    > > è.

    > Mhh, beh e' un modo assai BIZZARRO di fare un
    > quiz, tentare che uno azzecchi la meno peggio

    Giusto, la scuola si adegua al mondo dello spettacolo. Occhiolino
    Sono stato un assiduo spettatore di Chi vuol essere milionario? , e ti assicuro che di risposte tirate per i capelli ce n'era una a concorrente. Alcuni fecero anche ricorso, e lo vinsero, contro la risposta sbagliata. Ma quando sei lì e ci sono in ballo i soldi (o un posto fisso), non pensi a queste cose, ma a individuare la risposta che potrebbe essere giusta senza esserlo. E ad andare avanti.
    non+autenticato
  • chisura corsivo
    non+autenticato
  • Vi rendete conto che la prova poteva essere sostenuta soltanto scegliendo tra 4 lingue straniere: inglese, tedesco, francese e spagnolo. E' veramente incredibile che si sia deciso di penalizzare in maniera cosi' evidente chi conosce solo l'esperanto, il turkmento, il baluchi e persino lo svedese.

    E' inaccettabile che si discrimini in maniera cosi' evidente il bulgaro per favorire le solite note.
    non+autenticato
  • Le domande non erano per insegnare ma per vedere chi il computer lo usa e chi no.
    Il fatto che fossero windows centriche ci può stare visto che innanzi tutto è il sistema desktop più usato in italia ed al mondo, ed in secondo luogo perché è comunque il sistema operativo che useranno una volta entrati nella scuola italiana. E' normale, anzi, direi auspicabile, che il tuo futuro datore di lavoro ti faccia domande su quello che dovrai usare piuttosto che fare il "politicamente corretto" ed avere poi una massa di incompetenti a lavoro.

    Alcune domande sono banali ma dobbiamo ricordarci che è un test generico e non per informatici professionisti.
    Sul fatto che qualcuna sia inesatta o errata, là vedremo se qualcuno farà ricorso e come andrà a finire. C'è da dire che secondo me chi ha sbagliato risposta su domande ambigue, comunque difficilmente ha fatto giuste tutte le altre.
    Lo stesso professore dà per scontato quali sono le risposte date per corrette o più corrette di altre.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nunzio
    > Le domande non erano per insegnare ma per vedere
    > chi il computer lo usa e chi
    > no.

    E a che serve sapere chi lo usa e chi no?

    > Il fatto che fossero windows centriche ci può
    > stare visto che innanzi tutto è il sistema
    > desktop più usato in italia ed al mondo,

    No, non ci puo' stare.
    Altrimenti stai applicando il principio di Marchesi.
    http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=9e1c

    > ed in
    > secondo luogo perché è comunque il sistema
    > operativo che useranno una volta entrati nella
    > scuola italiana.

    Di quale versione stai parlando?
    Del piastrellato?

    > E' normale, anzi, direi
    > auspicabile, che il tuo futuro datore di lavoro
    > ti faccia domande su quello che dovrai usare
    > piuttosto che fare il "politicamente corretto" ed
    > avere poi una massa di incompetenti a
    > lavoro.

    E' auspicabile che la gente come te vada a spalare il letame!

    > Alcune domande sono banali ma dobbiamo ricordarci
    > che è un test generico e non per informatici
    > professionisti.

    L'informatica e' una scienza.

    > Sul fatto che qualcuna sia inesatta o errata, là
    > vedremo se qualcuno farà ricorso e come andrà a
    > finire. C'è da dire che secondo me chi ha
    > sbagliato risposta su domande ambigue, comunque
    > difficilmente ha fatto giuste tutte le
    > altre.

    Considerando le tue opinioni espresse poco sopra, non credo che si possa fare affidamento su questa.

    > Lo stesso professore dà per scontato quali sono
    > le risposte date per corrette o più corrette di
    > altre.

    Ci sara' un perche'!
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: nunzio
    > > Le domande non erano per insegnare ma per
    > vedere
    > > chi il computer lo usa e chi
    > > no.
    >
    > E a che serve sapere chi lo usa e chi no?
    >

    Ma infatti, non domandiamo neppure se sanno parlare l'italiano a questo punto.


    > No, non ci puo' stare.
    > Altrimenti stai applicando il principio di
    > Marchesi.
    > http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=9e1c
    >

    Applico il principio che viviamo nella terra nel 2012. Infatti tu, che usi sistemi open mi sembra, comunque conoscevi le risposte.

    >
    > Di quale versione stai parlando?
    > Del piastrellato?

    Di certo dell'XP

    > E' auspicabile che la gente come te vada a
    > spalare il
    > letame!

    Non hai risposto nel merito, se non hai argomenti salta il punto.


    >
    > L'informatica e' una scienza.


    E chi lo mette in dubbio? ma quello è un test di conoscenza generale del digitale, non l'esame di sistemi operativi all'università.


    >
    > Considerando le tue opinioni espresse poco sopra,
    > non credo che si possa fare affidamento su
    > questa.

    Non ho capito cosa c'entra la mia opinione con quello che accadrà. Vediamo se ci saranno ricorsi. Gli errori sono errori indipendentemente da come la pensiamo io o tu.

    >
    > > Lo stesso professore dà per scontato quali
    > sono
    > > le risposte date per corrette o più corrette
    > di
    > > altre.
    >
    > Ci sara' un perche'!

    Si, perchè risponde mettendosi nei panni dell'"utonto", poi la fa polemica rivestendosi da professore e paladino dell'open. Sono due cose diverse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nunzio
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: nunzio
    > > > Le domande non erano per insegnare ma
    > per
    > > vedere
    > > > chi il computer lo usa e chi
    > > > no.
    > >
    > > E a che serve sapere chi lo usa e chi no?
    > >
    >
    > Ma infatti, non domandiamo neppure se sanno
    > parlare l'italiano a questo
    > punto.

    Esistono cose dette "prerequisiti".


    > > No, non ci puo' stare.
    > > Altrimenti stai applicando il principio di
    > > Marchesi.
    > >
    > http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=9e1c
    > >
    >
    > Applico il principio che viviamo nella terra nel
    > 2012. Infatti tu, che usi sistemi open mi sembra,
    > comunque conoscevi le risposte.

    Io conosco i sistemi e le applicazioni.
    La risposta a quella domanda posta in quel modo non la conosco, in quanto non estiste alcuna risposta.

    > > Di quale versione stai parlando?
    > > Del piastrellato?
    >
    > Di certo dell'XP

    XP e' un sistema morto e sepolto.
    Appartiene alla paleoinformatica.

    > > E' auspicabile che la gente come te vada a
    > > spalare il
    > > letame!
    >
    > Non hai risposto nel merito, se non hai argomenti
    > salta il
    > punto.

    Se non cogli il merito della mia risposta, e' inutile proseguire.

    > > L'informatica e' una scienza.
    >
    >
    > E chi lo mette in dubbio? ma quello è un test di
    > conoscenza generale del digitale, non l'esame di
    > sistemi operativi
    > all'università.

    Quello non e' un test di conoscenza generale.
    Quello e' un test di conoscenza SPECIFICA neppure necessaria.

    > > Considerando le tue opinioni espresse poco
    > sopra,
    > > non credo che si possa fare affidamento su
    > > questa.
    >
    > Non ho capito cosa c'entra la mia opinione con
    > quello che accadrà. Vediamo se ci saranno
    > ricorsi. Gli errori sono errori indipendentemente
    > da come la pensiamo io o tu.

    I ricorsi ci saranno comunque e finira' come al solito a tarallucci e vino.
    ;
    > > > Lo stesso professore dà per scontato
    > quali
    > > sono
    > > > le risposte date per corrette o più
    > corrette
    > > di
    > > > altre.
    > >
    > > Ci sara' un perche'!
    >
    > Si, perchè risponde mettendosi nei panni
    > dell'"utonto", poi la fa polemica rivestendosi da
    > professore e paladino dell'open. Sono due cose
    > diverse.

    Ha sollevato una questione condivisibile.
    Non c'entra ne' l'utonto, ne' l'open.
  • >
    > Esistono cose dette "prerequisiti".
    >

    Bravo


    >
    > Io conosco i sistemi e le applicazioni.
    > La risposta a quella domanda posta in quel modo
    > non la conosco, in quanto non estiste alcuna
    > risposta.

    Ed allora, se non sai la risposta giusta, non puoi fare polemica.

    >
    > > > Di quale versione stai parlando?
    > > > Del piastrellato?
    > >
    > > Di certo dell'XP
    >
    > XP e' un sistema morto e sepolto.
    > Appartiene alla paleoinformatica.
    >

    E che vuoi da me? Mi hai chiesto tu che versione hanno nelle scuole. Principalmente XP ti ho detto.

    >
    > Se non cogli il merito della mia risposta, e'
    > inutile
    > proseguire.

    Il merito della tua risposta è che hai casa da pulire, ma non vedo il nesso con l'argomento.


    > Quello non e' un test di conoscenza generale.
    > Quello e' un test di conoscenza SPECIFICA neppure
    > necessaria.
    >

    Se facevano le domande che volevi tu ne passava il 1,5%, non il 33.

    >
    > I ricorsi ci saranno comunque e finira' come al
    > solito a tarallucci e
    > vino.
    > ;

    Ed allora come vedi ho ragione io: polemica inutile.


    > > Si, perchè risponde mettendosi nei panni
    > > dell'"utonto", poi la fa polemica
    > rivestendosi
    > da
    > > professore e paladino dell'open. Sono due
    > cose
    > > diverse.
    >
    > Ha sollevato una questione condivisibile.
    > Non c'entra ne' l'utonto, ne' l'open.

    Si invece: erano domande da "utonto", non da informatici o scienziati.

    Rimane fermo il fatto che se ce ne sono di sbagliate non va bene.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nunzio
    > >
    > > Esistono cose dette "prerequisiti".
    > >
    >
    > Bravo
    >
    >
    > >
    > > Io conosco i sistemi e le applicazioni.
    > > La risposta a quella domanda posta in quel
    > modo
    > > non la conosco, in quanto non estiste alcuna
    > > risposta.
    >
    > Ed allora, se non sai la risposta giusta, non
    > puoi fare
    > polemica.

    Proprio perche' so la risposta, posso dire che la domanda e' posta in modo fuorviante e tendenzioso.

    Che cosa succede in auto se premi il pulsante al centro del volante?
    a) Suona il clacson
    b) Quale pulsante?

    > > > > Di quale versione stai parlando?
    > > > > Del piastrellato?
    > > >
    > > > Di certo dell'XP
    > >
    > > XP e' un sistema morto e sepolto.
    > > Appartiene alla paleoinformatica.
    > >
    >
    > E che vuoi da me? Mi hai chiesto tu che versione
    > hanno nelle scuole. Principalmente XP ti ho
    > detto.

    Quindi la scuola utilizza un sistema vecchio e pretende di insegnare il funzionamento di un sistema vecchio, invece che dei principi universali, cosi' poi quando lo studente entrera' nel mondo del lavoro si trovera' una cosa che non conosce e che non sapra' come usare, visto che invece di F5 ci sara' uno schermo touch.

    > > Quello non e' un test di conoscenza generale.
    > > Quello e' un test di conoscenza SPECIFICA
    > neppure
    > > necessaria.
    > >
    >
    > Se facevano le domande che volevi tu ne passava
    > il 1,5%, non il
    > 33.

    E' a questo che servono i test: a filtrare.
    Se devono passare tutti, e' inutile perdere tempo coi test.

    > > I ricorsi ci saranno comunque e finira' come
    > al
    > > solito a tarallucci e
    > > vino.
    > > ;
    >
    > Ed allora come vedi ho ragione io: polemica
    > inutile.

    Le polemiche non sono mai inutili sul forum di PI.
    Puoi dire che sono fini a se stesse, ma sicuramente non inutili.


    > > > Si, perchè risponde mettendosi nei panni
    > > > dell'"utonto", poi la fa polemica
    > > rivestendosi
    > > da
    > > > professore e paladino dell'open. Sono
    > due
    > > cose
    > > > diverse.
    > >
    > > Ha sollevato una questione condivisibile.
    > > Non c'entra ne' l'utonto, ne' l'open.
    >
    > Si invece: erano domande da "utonto", non da
    > informatici o
    > scienziati.

    No. Erano domande per insegnanti.
    L'utonto manco sa che cos'e' il refresh, altro che F5.

    > Rimane fermo il fatto che se ce ne sono di
    > sbagliate non va bene.

    Quindi non va bene.
  • > Proprio perche' so la risposta, posso dire che la
    > domanda e' posta in modo fuorviante e
    > tendenzioso.
    >

    Se sai la risposta "più giusta" allora la dovenao sapere anche loro. Ti ripeto: qua conta solo se ci sono errori, il fatto di che il test sia windows centrico non è un problema.


    > Che cosa succede in auto se premi il pulsante al
    > centro del
    > volante?
    > a) Suona il clacson
    > b) Quale pulsante?
    >

    a)


    >
    > Quindi la scuola utilizza un sistema vecchio e
    > pretende di insegnare il funzionamento di un
    > sistema vecchio, invece che dei principi
    > universali, cosi' poi quando lo studente entrera'
    > nel mondo del lavoro si trovera' una cosa che non
    > conosce e che non sapra' come usare, visto che
    > invece di F5 ci sara' uno schermo
    > touch.
    >

    E arridaglie! Non era un test per vededere se sapevano cosa insegnare agli alunni, era un test per vedere se LORO avevano conoscenze generali della materia.



    >
    > E' a questo che servono i test: a filtrare.
    > Se devono passare tutti, e' inutile perdere tempo
    > coi
    > test.
    >

    Ed hanno filtrato infatti



    > Le polemiche non sono mai inutili sul forum di PI.
    > Puoi dire che sono fini a se stesse, ma
    > sicuramente non
    > inutili.
    >

    Si, per fare access in effetti non sono inutili


    >
    >
    > No. Erano domande per insegnanti.
    > L'utonto manco sa che cos'e' il refresh, altro
    > che
    > F5.
    >

    Insegnati generici, non insegnanti di informatica. E' un test di preselezione. Cosa non è chiaro di questo concetto?


    > > Rimane fermo il fatto che se ce ne sono di
    > > sbagliate non va bene.
    >
    > Quindi non va bene.

    Lo vedremo, vediamo se qualcuno fa ricorso. A mio avviso, ti ripeto, è difficile che questo accada per il seguente motivo: è vero che c'erano domande "errate" diciamo, ma quante erano? 4-5 su 200? metti che facciano un ricorso dicendo "ma anche la risposta b) era giusta", secondo te, se gli cambiano il risultato quella persona passa?
    Mi spiego meglio: prendi la domanda sul bios

    Quale delle seguenti affermazioni è corretta. Il BIOS.....

        Serve per connettersi a Internet.
        Risiede su un floppy-disk.
        E' indispensabile per l'avviamento del computer.
        Permette di stampare a colori.

    Ma secondo te, uno cosa doveva rispondere? Doveva scrivere c) o dire "no, non è vero alcuni non lo hanno", ma ragiona un attimo.

    Chi ha sbagliato questo genere di domande e gli vanno a correggere il punteggio su ricorso, comunque avranno preso un punteggio bassissimo su tutto il resto.

    Comunque, lo ripeto, vedremo come finirà.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nunzio
    > > Proprio perche' so la risposta, posso dire
    > che
    > la
    > > domanda e' posta in modo fuorviante e
    > > tendenzioso.
    > >
    >
    > Se sai la risposta "più giusta" allora la dovenao
    > sapere anche loro. Ti ripeto: qua conta solo se
    > ci sono errori, il fatto di che il test sia
    > windows centrico non è un
    > problema.
    >
    >
    > > Che cosa succede in auto se premi il
    > pulsante
    > al
    > > centro del
    > > volante?
    > > a) Suona il clacson
    > > b) Quale pulsante?
    > >
    >
    > a)

    Sbagliato.
    Ci sono modelli di auto dove il clacson e' collocato altrove e premendo al centro del volante non succede propri nulla.
    A meno che tu non dia un bel pestone col pugno, nel qual caso ti scoppia l'airbag in faccia.

    > > Quindi la scuola utilizza un sistema vecchio
    > e
    > > pretende di insegnare il funzionamento di un
    > > sistema vecchio, invece che dei principi
    > > universali, cosi' poi quando lo studente
    > entrera'
    > > nel mondo del lavoro si trovera' una cosa
    > che
    > non
    > > conosce e che non sapra' come usare, visto
    > che
    > > invece di F5 ci sara' uno schermo
    > > touch.
    > >
    >
    > E arridaglie! Non era un test per vededere se
    > sapevano cosa insegnare agli alunni, era un test
    > per vedere se LORO avevano conoscenze generali
    > della materia.

    Non sono conoscenze generali quelle.
    F5 e' una funzione particolare di un sistema particolare di un software particolare.
    Non c'e' nessuno standard che specifichi che F5 sia univocamente associato al refresh.

    > > L'utonto manco sa che cos'e' il refresh,
    > altro
    > > che
    > > F5.
    > >
    >
    > Insegnati generici, non insegnanti di
    > informatica. E' un test di preselezione. Cosa non
    > è chiaro di questo
    > concetto?

    La specificita' della domanda in questione non e' un buon sistema per valutare una conoscenza generica.

    > Lo vedremo, vediamo se qualcuno fa ricorso. A mio
    > avviso, ti ripeto, è difficile che questo accada
    > per il seguente motivo: è vero che c'erano
    > domande "errate" diciamo, ma quante erano? 4-5 su
    > 200? metti che facciano un ricorso dicendo "ma
    > anche la risposta b) era giusta", secondo te, se
    > gli cambiano il risultato quella persona
    > passa?

    Sono talmente tanti i partecipanti al concorso che e' facile indovinare che cambiando la risposta di quella domanda qualcuno enterebbe in graduatoria.

    > Mi spiego meglio: prendi la domanda sul bios
    >
    > Quale delle seguenti affermazioni è corretta. Il
    > BIOS.....
    >
    >     Serve per connettersi a Internet.
    >     Risiede su un floppy-disk.
    >     E' indispensabile per l'avviamento del
    > computer.
    >     Permette di stampare a colori.
    >
    > Ma secondo te, uno cosa doveva rispondere? Doveva
    > scrivere c) o dire "no, non è vero alcuni non lo
    > hanno", ma ragiona un
    > attimo.

    Su questa domanda non ho nulla da eccepire.

    > Chi ha sbagliato questo genere di domande e gli
    > vanno a correggere il punteggio su ricorso,
    > comunque avranno preso un punteggio bassissimo su
    > tutto il resto.

    Invidio la tua sfera di cristallo.

    > Comunque, lo ripeto, vedremo come finirà.
  • >
    > Sbagliato.
    > Ci sono modelli di auto dove il clacson e'
    > collocato altrove e premendo al centro del
    > volante non succede propri
    > nulla.
    > A meno che tu non dia un bel pestone col pugno,
    > nel qual caso ti scoppia l'airbag in
    > faccia.
    >

    E avanti che non ci capiamo: sono eccezioni, infatti una persona normale risponde a), non risponde "si ma ci sono auto che...."
    Abitualmente in mezzo c'è il clacson, fine del discorso.



    >
    > Non sono conoscenze generali quelle.
    > F5 e' una funzione particolare di un sistema
    > particolare di un software
    > particolare.
    > Non c'e' nessuno standard che specifichi che F5
    > sia univocamente associato al
    > refresh.
    >

    Ho capito, ma fanno riferimento ad un software che è utilizzato nel 95% dei sistemi desktop. Sistemi in uso anche nella PA e nelle scuole. Cose dovevano domandare? come si fa il refresh su ubuntu?


    >
    > La specificita' della domanda in questione non e'
    > un buon sistema per valutare una conoscenza
    > generica.


    E questo lo deciderai tu quando farai il commissario d'esame. A mio avviso fare domande generali ed su windows è in generale un test, è ovvio che dipende chi e che cosa devo selezionare.



    > Sono talmente tanti i partecipanti al concorso
    > che e' facile indovinare che cambiando la
    > risposta di quella domanda qualcuno enterebbe in
    > graduatoria.

    Passerebbe alla prova successiva più che altro. Si, per la legge dei grandi numeri è possibile.


    > Invidio la tua sfera di cristallo.


    E' semplice statistica, non serve la sfera di cristallo.
    Il ricorso lo faranno perchè figurati se su 300.000 persone non ci sarà chi non accetterà il risultato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nunzio
    > >
    > > Sbagliato.
    > > Ci sono modelli di auto dove il clacson e'
    > > collocato altrove e premendo al centro del
    > > volante non succede propri
    > > nulla.
    > > A meno che tu non dia un bel pestone col
    > pugno,
    > > nel qual caso ti scoppia l'airbag in
    > > faccia.
    > >
    >
    > E avanti che non ci capiamo: sono eccezioni,
    > infatti una persona normale risponde a), non
    > risponde "si ma ci sono auto
    > che...."
    > Abitualmente in mezzo c'è il clacson, fine del
    > discorso.


    Abitualmente no.
    Da qualche anno non c'e' piu' il clacson.
    Una domanda del genere penalizzerebbe solo i piu' giovani.
    Esattamente come quella dell'F5 che penalizza quelli che in vita loro hanno usato solo tablet e smartphone.

    > >
    > > Non sono conoscenze generali quelle.
    > > F5 e' una funzione particolare di un sistema
    > > particolare di un software
    > > particolare.
    > > Non c'e' nessuno standard che specifichi che
    > F5
    > > sia univocamente associato al
    > > refresh.
    > >
    >
    > Ho capito, ma fanno riferimento ad un software
    > che è utilizzato nel 95% dei sistemi desktop.

    Fa niente.
    Non e' uno standard.

    > Sistemi in uso anche nella PA e nelle scuole.
    > Cose dovevano domandare? come si fa il refresh su
    > ubuntu?

    Potevano domandare qualcosa di meno scemo che chiedere come si fa il refresh.
    Che tra l'altro, ora che mi ci fai pensare, e' una funzione riservata ai normodotati.
    Le categorie protette se ne fregano altamente del refresh, e con questa domanda le penalizzi.
    Un cieco non sa neanche che cosa sia il refresh, e magari sa usare un computer meglio di tanti utonti.

    > > La specificita' della domanda in questione
    > non
    > e'
    > > un buon sistema per valutare una conoscenza
    > > generica.
    >
    >
    > E questo lo deciderai tu quando farai il
    > commissario d'esame. A mio avviso fare domande
    > generali ed su windows è in generale un test, è
    > ovvio che dipende chi e che cosa devo
    > selezionare.

    Se devi selezionare pecore, la domanda era pertinente.


    > > Sono talmente tanti i partecipanti al
    > concorso
    > > che e' facile indovinare che cambiando la
    > > risposta di quella domanda qualcuno
    > enterebbe
    > in
    > > graduatoria.
    >
    > Passerebbe alla prova successiva più che altro.
    > Si, per la legge dei grandi numeri è
    > possibile.
    >
    >
    > > Invidio la tua sfera di cristallo.
    >
    >
    > E' semplice statistica, non serve la sfera di
    > cristallo.
    >
    > Il ricorso lo faranno perchè figurati se su
    > 300.000 persone non ci sarà chi non accetterà il
    > risultato.

    Tutti quelli non ammessi alla fase successiva, come sempre succede.
  • - Scritto da: nunzio
    > >
    > > Sbagliato.
    > > Ci sono modelli di auto dove il clacson e'
    > > collocato altrove e premendo al centro del
    > > volante non succede propri
    > > nulla.
    > > A meno che tu non dia un bel pestone col
    > pugno,
    > > nel qual caso ti scoppia l'airbag in
    > > faccia.
    > >
    >
    > E avanti che non ci capiamo: sono eccezioni,
    > infatti una persona normale risponde a), non
    > risponde "si ma ci sono auto
    > che...."
    > Abitualmente in mezzo c'è il clacson, fine del
    > discorso.
    >
    >

    Falso, è dalle fiat degli anni '70 che il clacson non è in mezzo al volante.

    >
    > >
    > > Non sono conoscenze generali quelle.
    > > F5 e' una funzione particolare di un sistema
    > > particolare di un software
    > > particolare.
    > > Non c'e' nessuno standard che specifichi che
    > F5
    > > sia univocamente associato al
    > > refresh.
    > >
    >
    > Ho capito, ma fanno riferimento ad un software
    > che è utilizzato nel 95% dei sistemi desktop.
    > Sistemi in uso anche nella PA e nelle scuole.
    > Cose dovevano domandare? come si fa il refresh su
    > ubuntu?
    >
    Dovevano domandare che cosa fa il refresh (a livello logico) è perchè è necessario farlo.
    Questo dimostrerebbe un minimo di conoscenza informatica.

    >
    > >
    > > La specificita' della domanda in questione
    > non
    > e'
    > > un buon sistema per valutare una conoscenza
    > > generica.
    >
    >
    > E questo lo deciderai tu quando farai il
    > commissario d'esame.

    Beh se preferisci che i commissari d'esame lo facciano degli incompetenti fa pure.
    Hai il Paese che ti meriti.
    Noi, invece, no.

    >
    >
    > > Sono talmente tanti i partecipanti al
    > concorso
    > > che e' facile indovinare che cambiando la
    > > risposta di quella domanda qualcuno
    > enterebbe
    > in
    > > graduatoria.
    >
    > Passerebbe alla prova successiva più che altro.
    > Si, per la legge dei grandi numeri è
    > possibile.
    >

    Quindi la tua obiezione vale zero.
    Perfetto.

    >
    > > Invidio la tua sfera di cristallo.
    >
    >
    > E' semplice statistica, non serve la sfera di
    > cristallo.
    >
    > Il ricorso lo faranno perchè figurati se su
    > 300.000 persone non ci sarà chi non accetterà il
    > risultato.

    D'altronde considerando come è scritto male è sacrosanto che facciano ricorso.
    Sarebbe assurdo il contrario.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)