Mauro Vecchio

Microsoft, privacy sotto la lente europea

Dopo le indagini sulle policy di Google, l'Unione Europea annuncia un'inchiesta sulle nuove regole introdotte da Microsoft per il trattamento dei contenuti caricati dai suoi utenti

Roma - Una lettera d'avvertimento al CEO di Microsoft Steve Ballmer, ad annunciare l'apertura di un'inchiesta europea sulle recenti modifiche apportate da BigM alle sue policy in materia di privacy e trattamento dei dati personali. I vertici dell'Unione Europea - con la collaborazione del gruppo di controllo Article 29 Working Party - indagheranno sulla possibile violazione delle leggi comunitarie nelle nuove condizioni dettate dal gigante di Redmond.

Entrato in vigore nello scorso 19 ottobre, il nuovo pacchetto di regole ha coinvolto i principali servizi digitali offerti dall'azienda statunitense, dalla posta elettronica Hotmail al motore di ricerca Bing. Il caricamento di contenuti da parte degli utenti autorizzerebbe le attività di archiviazione, modifica e distribuzione verso soggetti terzi, per "proteggere e migliorare i prodotti e i servizi di Microsoft".

Il dettaglio non è passato inosservato, con le autorità europee pronte a rivedere le nuove policy per la tutela degli utenti nel Vecchio Continente. Nella missiva inviata da Jacob Kohnstamm - attualmente a capo del gruppo Article 29 Working Party - la grande popolarità dei servizi offerti da Microsoft rischierebbe di coinvolgere milioni di netizen nell'Unione Europea, intaccando diritti fondamentali come quello alla riservatezza.
Molto simile a quella avviata sulle policy ristrette di Google, l'indagine europea non sembra troppo preoccupare la Grande M. In un breve comunicato di risposta, il portavoce di Microsoft a Bruxelles Robin Koch ha sottolineato come le policy interne non siano cambiate di una virgola con il nuovo service agreement. "Siamo fiduciosi del fatto che troveranno immutato il nostro impegno nella tutela della privacy", ha concluso Koch.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
7 Commenti alla Notizia Microsoft, privacy sotto la lente europea
Ordina
  • "la grande popolarità dei servizi offerti da Microsoft rischierebbe di coinvolgere milioni di netizen nell'Unione Europea"

    E chi non usa Bing, in Europa? Ha dato perfino luogo a un neologismo: "Non so cosa sia 'sta cosa", "Be', facile, bingala".

    Per Hotmail, ancora ancora la definizione può andare.
    non+autenticato
  • tutti usano google
    non+autenticato
  • - Scritto da: mavala
    > tutti usano google

    Ma che è sto bingo che a volie mi capita tra i piedi?

    Meglio farebbe la UE ad evitare di cercare il pelo nell'uovo, specie per servizi che nessuno se li fila, e ad attaccare le macroscopiche grandisime situazioni vessatorie perpetrate da M$ in primis.

    Perchè la UE non obbliga le varie catene di distribuzione a fornire PC senza OS o con OS e altro SW scelto e pagato a parte?
    All'utente non frega nulla di Bingo e poco o nulla di quale Browser al momento sia preinstallato purchè gratuito, mentre gliene frega molto avere la librtà di decidere se il PC (o computer in generale) lo vuole col tradizionale preinstallato non imposto forzosamente, ovvero lo vuole privo di SO, o col sistema che preferisce ed eventulamente l'applicativo che preferisce, ovviamente pagando il giusto e l'onesto ove non sia gratuito!
  • Ovviamente è superfluo ricordare che gli esperimenti fatti da parte dei produttori di PC di distribuire linee di computer con preinstallati OS linux based ha avuto così tanto successo che non se ne sente più parlare...
    Ma il sospetto che agli utenti non freghi nulla di tutte le masturbazioni mentali tipiche degli anti-microsoft per professione non viene mai a nessuno?
    non+autenticato
  • - Scritto da: CRWN
    > Ovviamente è superfluo ricordare che gli
    > esperimenti fatti da parte dei produttori di PC
    > di distribuire linee di computer con
    > preinstallati OS linux based ha avuto così tanto
    > successo che non se ne sente più
    > parlare...

    Ma no, per parlare se ne parla, una catena di distribuzione non proprio sconosciuta come Fnac li offre:

    http://www.fnac.it/COMPUTER-LINUX-UBUNTU/lm25362

    La questione è caso mai il gradimento del pubblico, ma non conosco i dati, non posso dire nulla.Deluso
    > Ma il sospetto che agli utenti non freghi nulla
    > di tutte le masturbazioni mentali tipiche degli
    > anti-microsoft per professione non viene mai a
    > nessuno?
    non+autenticato
  • - Scritto da: CRWN
    > Ovviamente è superfluo ricordare che gli
    > esperimenti fatti da parte dei produttori di PC
    > di distribuire linee di computer con
    > preinstallati OS linux based ha avuto così tanto
    > successo che non se ne sente più
    > parlare...

    Gia'.
    La gente chiede a gran voce sistemi M$.
    Basta guardare gli smartphone e i tablet per rendersene conto!

    Tutti vogliono le piastrelle.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: CRWN
    > > Ovviamente è superfluo ricordare che gli
    > > esperimenti fatti da parte dei produttori di
    > PC
    > > di distribuire linee di computer con
    > > preinstallati OS linux based ha avuto così
    > tanto
    > > successo che non se ne sente più
    > > parlare...
    >
    > Gia'.
    > La gente chiede a gran voce sistemi M$.
    > Basta guardare gli smartphone e i tablet per
    > rendersene
    > conto!
    >
    > Tutti vogliono le piastrelle.

    Gia'.
    La gente chiede a gran voce sistemi Linux.
    Basta guardare desktop e notebook per rendersene conto!

    Tutti a formattare per mettere Linux e richieste che fioccano ai produttori per averlo preinstallato
    non+autenticato