Cristina Sciannamblo

USA, body scanner ai raggi X

L'agenzia per la sicurezza sui trasporti statunitense commissiona uno studio scientifico per appurarne la presunta dannosità per la salute. Ancora poco chiare le procedure adottate per la valutazione

Roma - Ancora indagini e valutazioni volte ad appurare l'ammissibilità negli aeroporti dei famigerati body scanner. È ora l'agenzia statunitense per la sicurezza sui trasporti (TSA) a volere vedere chiaro una volta per tutte sull'opportunità di sottoporre i passeggeri a un eccessivo livello di radiazioni.

L'organo che fa capo al Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti ha richiesto alla National Academy of Sciences uno studio approfondito: il compito di scienziati e ingegneri accademici sarà quello di visionare le ricerche condotte sugli scanner contestati dalla comunità scientifica e stimare l'entità dell'esposizione ai raggi X.

Il report che TSA richiede di produrre dovrà contenere risultati e valutazioni circa il rispetto degli standard su salute e sicurezza presentati dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti e chiarire se i sistemi e le procedure adottate sono efficienti e appropriati a prevenire un eccessivo livello di radiazioni. Lo studio prodotto, inoltre, non dovrà veicolare alcun tipo di considerazione legale, culturale o legata alla privacy.
Gli scanner sotto osservazione, noti come come backscatter, sono stati installati nelle stazioni aeroportuali statunitensi in seguito a un attentato terroristico fallito nel giorno di Natale del 2009, con lo scopo di identificare esplosivi e armi non metalliche. Molteplici le polemiche generate sia in merito all'invasione nella privacy del cittadino sia in relazione alla presunta pericolosità per la salute umana rappresentata dell'esposizione ai raggi X, sia riguardo alla effettiva efficienza nel rilevare le minacce.

Non è ancora chiaro, al momento, quale sarà il valore aggiunto determinato dallo studio commissionato da TSA, anche perché non si sa ancora se i tecnici della National Academy of Sciences effettueranno nuovi test o si limiteranno a valutare gli studi già prodotti.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • TecnologiaBody scanner, ammissione con riservaUna Corte d'Appello federale sostiene che gli scanner full-body non violino la legge. Ma TSA avrebbe sbagliato a introdurli senza istituire le dovute consultazioni pubbliche. Che ora diventano obbligatorie
  • AttualitàBody scanner, TSA pensiona i raggi-XL'agenzia USA sta sostituendo i tanto discussi scanner ai raggi-X con quelli millimetrali. Che sono più sicuri ma soprattutto più veloci. Ancora irrisolta la questione privacy
  • AttualitàBody scanner, l'ora delle veritàUna corte di appello ha stabilito l'obbligatorietà di una consultazione pubblica per l'impiego dei discussi scanner full-body. L'agenzia dei trasporti statunitense deve rispettare la legge come chiunque altro
4 Commenti alla Notizia USA, body scanner ai raggi X
Ordina
  • Guardate che i Body Scanner installati negli Stati Uniti funzionano con onde millimetriche e non con i raggi X ...siamo distanti parecchi ordini di grandezza (questo non toglie che potrebbero essere dannosi, come potrebberlo essere i cellurari, ecc. ecc.)
    non+autenticato
  • si...non mi riferivo esplicitamente a questi scanner quando facevo riferimento ai raggi x ...era un modo per concettualizzare la questione che tutto fa brodo..ma a meno che non mi si dica di impugnare una barra di plutonio non credo che farsi "scannerizzare un istante porti alla morte"!
  • Che non sia raccomandabile questo tipo di scanner ..come del resto qualsiasi tipo di esame ai raggi x e quant'altro...si sa....ma come altrettanto sappiamo..basta non vivere in una camera a raggix che poi male non fanno..come che so il sunbathe d'estate se fatto a piccole dosi non in orari a rischio con le dovute precauzioni non succede nulla....oppure come fare sesso libero con chiunque purchè fatto con le dovute protezioni comporta rischi bassissimi...ecc....il senso è cercare di stanare i terroristi che vorrebbero farci saltare il c--o su di un aereo mentre stiamo andando in vacanza con l'unico scopo di rilassarci...oppure volando per lavoro (quindi per il progresso della nostra società)...se questa tecnologia non sarà benefica per il nostro organismo bisognerà stabilirlo secondo criteri precisi, ma credo che passare attraverso uno scan per 1 secondo non sia poi così deleterio...riguardo alla sua funzionalità, beh se non funzionasse come ci si auspica allora meglio cercare altre tecnologie perchè se manco funziona allora si tratta solo di un pacco e quello è un altro discorso...........i soldi vanno spesi bene quando si parla di sicurezza.
    (altrimenti la crisi non ci avrà insegnato nulla sul modo di gestire tecnologie ed economia).Pirata
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 dicembre 2012 12.04
    -----------------------------------------------------------
  • > questa tecnologia non sarà benefica per il nostro
    > organismo bisognerà stabilirlo secondo criteri
    > precisi, ma credo che passare attraverso uno scan
    > per 1 secondo non sia poi così
    > deleterio...

    Ma sì! Un secondo è poco per morire, la morte puo' attendere...
    non+autenticato