Cristina Sciannamblo

Irlanda, editori per la licenza di link

L'associazione della stampa irlandese sostiene che pubblicare link per ragioni commerciali rappresenta una violazione del copyright. Ma va distinto tra link a uso personale e commerciale

Roma - La pubblicazione e la trasmissione di link che veicolano contenuti presenti in Rete costituisce una violazione del copyright: è quanto obiettato dal National Newspapers of Ireland (NNI), organizzazione che rappresenta le 16 maggiori testate di quotidiani e settimanali nazionali e 25 giornali locali. L'obiezione è stata ufficialmente sottoposta alla Copyright Review Committee irlandese.

L'associazione della stampa locale ha espresso una posizione chiara, che non manca di sottolineare più volte la distinzione tra l'invio e la ricezione di link per uso personale e le stesse operazioni compiute per fini commerciali. "Non c'è differenza - spiegano invece i rappresentanti di NNI - con gli editori musicali che richiedono l'acquisto di una licenza a persone e aziende che intendono sfruttare la musica per esigenze di business. Il copyright della stampa e da intendersi come il copyright musicale".

La controversia è scoppiata quando una concessionaria di NNI ha richiesto il pagamento di 300 euro a un'organizzazione di beneficenza che si batte contro la violenza domestica, per la pubblicazione di 5 link relativi ad altrettanti articoli presenti sui siti di alcuni quotidiani nazionali. L'associazione Women's Aid avrebbe infatti ricevuto lettere, email e telefonate che contenevano la richiesta di acquistare una licenza per aver pubblicato sul proprio sito Web alcuni link che rimandavano ad articoli relativi ai risultati positivi prodotti dalle attività di fundraising.
Da parte sua, NNI mantiene la propria posizione sostenendo che la legislazione irlandese supporti simili indicazioni, chiarendo, dunque, la non necessità di emendare la legge sul copyright esistente.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
32 Commenti alla Notizia Irlanda, editori per la licenza di link
Ordina
  • anche la national rifle association chiede che vengano vendute le armi ai criceti, cosi possono difendersi dai predatori piu' grossi.
    Ma NON PER QUESTO bisogna dargli retta! Al max una pacca sulla spalla e una risata dopo una grossa pinta di Grog...
    non+autenticato
  • Irlanda, editori per la licenza di link drink....
    fixed!
    E ci mancherebbe altro!... gli irlandesi hanno una reputazione al riguardo!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: tucumcari
    > Irlanda, editori per la licenza di link
    > drink ....
    > fixed!
    > E ci mancherebbe altro!... gli irlandesi hanno
    > una reputazione al
    > riguardo!
    > A bocca aperta

    Mi hai dato una GRANDE idea! Sorpresa
    Suggeriamo agli editori di proporre l'istituzione di una tassa sul drink, stile equo compenso, per ripagarli dei soldi che perdono a causa di Google (lo so, non ha alcun senso logico, ma basta che vedano la parola "compenso" e il resto non lo leggono nemmeno). Tempo tre giorni al max e l'IRA li fa saltare tutti per aria!A bocca aperta
    Izio01
    4027
  • - Scritto da: Izio01

    > leggono nemmeno). Tempo tre giorni al max e l'IRA
    > li fa saltare tutti per aria!
    >A bocca aperta
    Il problema è che mi pare che questi editore siano perennemente ubriachi basta aspettare poco rischiano di avere il fegato spappolato molto prima di 3 giorni!
    non+autenticato
  • si finisce così.
    Un "link", "rimando" in Italiano sensato, una "URL" tecnicamente parlando, è un INDIRIZZO di una risorsa in Internet.
    Da decenni Pagine Gialle e Guida Monaci SI FANNO PAGARE per pubblicare l'indirizzo delle società. In alcuni casi, vedi Pagine Gialle, per completezza li mettevano acnhe gratuitamente, ma in posizione defilata.

    Da che esiste la scrittura, per mettere un cartello con scritto "National Newspapers of Ireland, Clyde Lodge, 15 Clyde Road, Ballsbridge, Dublin 4. Per di la!" non è mai stato necessario chiedere il permesso della NNI.
    Al massimo al Comune, visto che potrebbe considerla una pubblicità su cui pagare la tassa sulle insegne/affisioni". Non certo alla NNI.

    Ma ormai a troppi è stato concesso di guadagnare da rendite di posizione, e si sono ingolositi in molti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker

    > Ma ormai a troppi è stato concesso di guadagnare
    > da rendite di posizione, e si sono ingolositi in
    > molti...

    La chiusa del tuo commento è ambigua, si presta a una doppia interpretazione. Intendi forse dire che i negozi in una certa posizione:

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    fanno venire l'acquolina in bocca, ingolosiscono, visto ciò che vendono?

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Allora, partiamo da un concetto:
    il copyright è un diritto fondamentale e inalienabile dell'uomo, e sta come primo nella Dichiarazione universale dei diritti umani.

    Per cui se tu al bar dici "Ho letto un articolo che parlava di..." è ok.
    Se invece, sempre al bar (posto pubblico) dici: "Ho letto quell'articolo su CippaLippaNews che parlava di..." devi pagare!

    Ora, considerato che è difficile stare attenti sempre (magari dopo 2 birre) a ciò che si dice, ci dovrebbero essere una tassa preventiva tipo equo compenso che viene devoluta alle testate giornalistiche.

    Cosa hai detto? Ah, i giornali sono finanziati dai partiti che sono finanziati dalle nostre tasse, quindi già paghiamo profumatamente il giornalismo, anche quello che proprio ci sta antipatico?
    OK, potresti avere ragione, ma come per il terrorismo, la lotta ai pirati del copyright deve continuare a tutti i costi.
    non+autenticato
  • Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Paragonare la pirateria al terrorismo.... OK FAIL.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: poiuy
    > Allora, partiamo da un concetto:
    > il copyright è un diritto fondamentale e
    > inalienabile dell'uomo, e sta come primo nella
    > Dichiarazione universale dei diritti
    > umani.
    è meglio che te la rileggi!
    non+autenticato
  • > > Allora, partiamo da un concetto:
    > > il copyright è un diritto fondamentale e
    > > inalienabile dell'uomo, e sta come primo nella
    > > Dichiarazione universale dei diritti
    > > umani.

    > è meglio che te la rileggi!

    Tutto il commento, dalla prima all'ultima riga, è un paradosso. Perché prenderlo sul serio?Deluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > > > Allora, partiamo da un concetto:
    > > > il copyright è un diritto fondamentale e
    > > > inalienabile dell'uomo, e sta come
    > primo
    > nella
    > > > Dichiarazione universale dei diritti
    > > > umani.
    >
    > > è meglio che te la rileggi!
    >
    > Tutto il commento, dalla prima all'ultima riga, è
    > un paradosso. Perché prenderlo sul serio?
    >Deluso

    Perche' questo e' il forum di PI!
  • - Scritto da: tucumcari
    > - Scritto da: poiuy
    > > Allora, partiamo da un concetto:
    > > il copyright è un diritto fondamentale e
    > > inalienabile dell'uomo, e sta come primo nella
    > > Dichiarazione universale dei diritti
    > > umani.
    > è meglio che te la rileggi!

    Fosse solo quellaTriste
  • - Scritto da: poiuy
    > Allora, partiamo da un concetto:
    > il copyright è un diritto fondamentale e
    > inalienabile dell'uomo, e sta come primo nella
    > Dichiarazione universale dei diritti umani.
    > Per cui se tu al bar dici "Ho letto un articolo
    > che parlava di..." è
    > ok.
    > Se invece, sempre al bar (posto pubblico) dici:
    > "Ho letto quell'articolo su CippaLippaNews che
    > parlava di..." devi
    > pagare!
    >
    > Ora, considerato che è difficile stare attenti
    > sempre (magari dopo 2 birre) a ciò che si dice,
    > ci dovrebbero essere una tassa preventiva tipo
    > equo compenso che viene devoluta alle testate
    > giornalistiche.
    >
    > Cosa hai detto? Ah, i giornali sono finanziati
    > dai partiti che sono finanziati dalle nostre
    > tasse, quindi già paghiamo profumatamente il
    > giornalismo, anche quello che proprio ci sta
    > antipatico?
    > OK, potresti avere ragione, ma come per il
    > terrorismo, la lotta ai pirati del copyright deve
    > continuare a tutti i costi.

    Nonostante la spesa sia calcolata come compresa tra il triplo e cinque volte il valore degli eventuali danni collaterali della legalizzazione, esattamente come per le droghe leggere.
    krane
    22544
  • - Scritto da: poiuy
    > Allora, partiamo da un concetto:
    > il copyright è un diritto fondamentale e
    > inalienabile dell'uomo, e sta come primo nella
    > Dichiarazione universale dei diritti
    > umani.

    Falso, dice esattamente il contrario: il copyright è un sistema per impedire la duplicazione contro la volontà dell'autore (e quindi per limitare l'accesso a chi non paga), mentre la Dichiarazione universale dei diritti umani dice che ognuno ha diritto all'accesso alla cultura.

    Tu confondi copyright con diritto d'autore (il diritto all'attribuzione, ad esempio)
    non+autenticato
  • - Scritto da: poiuy
    > Allora, partiamo da un concetto:
    > il copyright è un diritto fondamentale e
    > inalienabile dell'uomo, e sta come primo nella
    > Dichiarazione universale dei diritti
    > umani.
    >
    > Per cui se tu al bar dici "Ho letto un articolo
    > che parlava di..." è
    > ok.
    > Se invece, sempre al bar (posto pubblico) dici:
    > "Ho letto quell'articolo su CippaLippaNews che
    > parlava di..." devi
    > pagare!
    >
    > Ora, considerato che è difficile stare attenti
    > sempre (magari dopo 2 birre) a ciò che si dice,
    > ci dovrebbero essere una tassa preventiva tipo
    > equo compenso che viene devoluta alle testate
    > giornalistiche.
    >
    > Cosa hai detto? Ah, i giornali sono finanziati
    > dai partiti che sono finanziati dalle nostre
    > tasse, quindi già paghiamo profumatamente il
    > giornalismo, anche quello che proprio ci sta
    > antipatico?
    > OK, potresti avere ragione, ma come per il
    > terrorismo, la lotta ai pirati del copyright deve
    > continuare a tutti i
    > costi.

    Si sente che sei un troll professionista! Entri direttamente nell'olimpo dei troll, insieme a ruppolo e maxsix, senza passare dal viaA bocca aperta
  • un link è un puntatore ad un contenuto e non un contenuto, come si fa a violare le leggi sul diritto d'autore con un link?
    non+autenticato
  • - Scritto da: vcbcvbdffg
    > un link è un puntatore ad un contenuto e non un
    > contenuto, come si fa a violare le leggi sul
    > diritto d'autore con un
    > link?
    No lo so ma nel caso una bustarella.... aiuta!
    non+autenticato
  • - Scritto da: vcbcvbdffg

    > un link è un puntatore ad un contenuto e non un
    > contenuto, come si fa a violare le leggi sul
    > diritto d'autore con un
    > link?

    La domanda è mal posta, perlomeno in questo articolo: la legge in Eire ancora non c'è, altrimenti l'NNI non avrebbe avuto alcun bisogno di proporla al Copyright review committee di Dublino:

    http://www.djei.ie/science/ipr/crc.htm

    E il Copyright review committee potrebbe benissimo rispondere con un pernacchio. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: vcbcvbdffg
    >
    > > un link è un puntatore ad un contenuto e non un
    > > contenuto, come si fa a violare le leggi sul

    (..)
    > E il Copyright review committee potrebbe
    > benissimo rispondere con un pernacchio.
    > Sorride
    eh.... piu o meno quel che scrissi pure io (tranne che "deve" non "potrebbe" )Sorride

    < anche la national rifle association chiede che vengano vendute le armi ai criceti, cosi possono difendersi dai predatori piu' grossi.
    Ma NON PER QUESTO bisogna dargli retta! Al max una pacca sulla spalla e una risata dopo una grossa pinta di Grog...
    >
    non+autenticato
  • Dopo i Patent Troll adesso anche i *Link Troll*? Deluso
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)